Home » Serie A » Mourinho: “La Roma non può permettersi calciatori di prima fascia”
Serie A

Mourinho: “La Roma non può permettersi calciatori di prima fascia”

José Mourinho ha parlato in conferenza stampa, rispondendo alle domande dei media giapponesi. Di seguito le sue parole.

Nel dettaglio

Mourinho

Avete comprato molti calciatori dalla Premier League, quali sono le sue intenzioni come allenatore su cosa vuole raggiungere alla Roma?
Le intenzioni… è una questione di opportunità. Sicuramente non abbiamo il potere di andare in Premier League e prendere quei giocatori che sono nella fascia top, perché non ne abbiamo le potenzialità, ma nella caso di Abraham che era un giocatore giovane che avesse bisogno di giocare, migliorarsi e la Roma era una grande opportunità per lui. Nella situazione di Matic, totalmente diversa, perché è un giocatore di 34 anni che ha giocato nelle squadre migliori in Premier League, vincendo titoli e coppe ed era nel momento della sua carriera di giocare con me ancora. Il club ha cercato di darmi un giocatore d’esperienza in un club composto da una squadra molto giovane.”

Hai conquistato molti trofei, cos’è importante dal punto di vista della gestione e del team building?
Devi essere fortunato. Devi avere i giocatori con la giusta mentalità e qualità, ovvio. Noi allenatori possiamo migliorare i giocatori, non facciamo fare miracoli. Devi essere fortunato ad avere giocatori di talento e dal giusto atteggiamento. Se hai i ragazzi giusti è tutto nelle tue mani quello che puoi portare al successo.”

Sulle amichevoli che affronterà la Roma.
I Marinos sono campioni e nel poco tempo che ho speso nell’analizzarle, individualmente sono una buona squadra, hanno qualità e fantasia e hanno una miglior organizzazione in attacco; il Nagoya è una squadra solida, molto organizzata in difesa, mi aspetto due partite difficili. Mi mancano giocatori ed il jet-lag non aiuta, perché nel devo allenare giocatori che avranno problemi dal punto di vista fisiologico, ma al di là di questo siamo concentrati sul fare una buona partita e lasciare una buona esperienza alle squadre a alla gente che verrà a vedere le partite allo stadio.”

Qual è il suo principale obiettivo di questa sosta per i Mondiali per lei, al di là degli aspetti commerciali come quelli di questa tournée?
Abbiamo giocatori importanti infortunati e per una squadra come la nostra è importante recuperarli. Ci sono squadre che hanno tanti giocatori e di talento e che se gli si infortuna qualcuno non diventa un dramma. Nel nostro caso se andiamo a perdere un giocatore per un lungo periodo influisce sul potenziale della squadra. Quindi l’obiettivo è cercare di recuperare questo giocatore per la seconda parte della stagione (Wijnaldum ndr). Questo è un obiettivo. Il secondo, ora, è quello di dare un po’ di riposo agli altri che hanno giocato 3 partite alla settimana negli scorsi 4 mesi senza sosta, giocando 90′ ogni partita. Dopo il tour giapponese andremo 10 giorni in vacanza che è importante ed è il secondo obiettivo di questa sosta.”

LEGGI ANCHE:  Lazio, parla Cataldi dal ritiro di Auronzo: le sue parole

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Serie A