La Fiorentina vince ma non convince. Una frase che torna spesso ad indicare come una vittoria, sudata, faticata e voluta abbia portato i tre punti, ma non ha dato quei segnali rassicuranti. Al termine di una settimana complicata e con l’assenza di Ribery forse era difficile aspettarsi di più, ma i problemi evidenziati dalla squadra di Iachini sono stati ancora una volta evidenti. Una Fiorentina che non si può tacciare d’inesperienza vista l’età media (26.4 anni) che ora si è alzata dopo l’ultimo mercato. Le parole di Iachini in sala stampa: “I ragazzi erano tesissimi dopo il 2-1…” non sono certo rassicuranti. I giocatori dopo le rimonte subìte con Inter e Spezia hanno rimcominciato a sentir le gambe tremare. La gara era iniziata bene, benissimo per i viola, 2-0 dopo venti minuti, ma poi il pallino del gioco è stato lasciato in mano all’Udinese che ha mostrato gioco per l’arco della partita. La Viola ha risposto con giocate individuali, palesando troppe difficoltà di costruzione della manovra, non mettendo mai i propri attaccanti in posizione utile per segnare.

Cosa non va

Tanta fatica per la Fiorentina a creare occasioni ma non solo: Vlahovic, Cutrone e Kouamé non hanno mai avuto la forza, la capacità di tenere il pallone, di far allungare la squadra, sempre sovrastati dalla difesa friulana. Callejon all’esordio in viola dal primo minuto è stato proposto da seconda punta, ruolo praticamente inedito per lo spagnolo, una sorta di vice Ribery. Il risultato è stato pessimo. Una scusante può essere una condizione fisica non ottimale, ma è evidente che da esterno destro alto può rendere in maniera maggiormente positiva. Lo stesso Ambarat autore di una prova positiva, si nota che ha maggior propensione ad attaccare l’avversario, a proporsi che a dirigere il gioco, dove pecca nel trattenere il pallone e causare a volte il contropiede avversario. Per ultimo, ieri sono usciti malconci sia Pezzella che Lirola che vanno a sommarsi a FR7: mercoledì arriverà il Padova in Coppa Italia, competizione da provare ad arrivare fino in fondo, magari proponendo qualche giocatore al momento non troppo impiegato.

 

foto da acffiorentina.com