I nostri Social

Focus

Rabiot ha scoperchiato il vaso di Pandora. Max, come fai a lavorare così?

Pubblicato

il

Rabiot

Hanno destato scalpore le parole pronunciate da Adrien Rabiot al termine della partita pareggiata 1-1 in casa con la Salernitana.

Indice

Juventus, girone di ritorno da retrocessione

Al netto di due partite da campionato ancora da giocare, che potrebbero permettere ad Allegri e alla Juventus di incrementare il (magro) bottino di punti accumulati nel girone di ritorno, 21 punti in 17 partite sono a dir poco inaccettabili. La Juventus non faceva così male nel girone di ritorno dalla stagione 1992-1993.

In quel caso i punti accumulati nel girone di ritorno furono appena 20. Come si spiega un tale tracollo, che ha portato la Juventus ad avere una media punti da retrocessione (15 punti nelle ultime 15 partite, peggio hanno fatto solo Frosinone, Sassuolo e Salernitana) nella seconda parte di campionato?

E’ colpa dell’allenatore” urlerebbero tracotanti i neoplatonici del pallone. Se non fosse che parliamo dello stesso allenatore che nel girone d’andata di punti ne aveva fatti 46. La squadra è quella. L’allenatore pure e il modo di metterla in campo (se non in determinati frangenti) anche. E allora che cosa è cambiato per Madama? 

Rabiot

Photo Nderim Kaceli – Credit: Nderim Kaceli/LiveMedia

Juventus, la società (e non Allegri) è responsabile del crollo

Semplice, è cambiato il focus della squadra. E’ un discorso che è stato fatto tante volte, ma con la Juventus virtualmente in lotta per lo scudetto nessuno a Vinovo si sognava di far trapelare informazioni concernenti nuovi allenatori. Tuttavia, nessuno nella nuova dirigenza ha mai avuto la minima intenzione di confermare Allegri.

La loro è sempre stata una fiducia a tempo, che è venuta meno non appena i risultati hanno smesso di essere eccezionali e sono diventati semplicemente ottimi. Allegri è stato scaricato alla prima occasione utile e questa scelta societaria (checché ne strillino i giochisti) qualifica la dirigenza e non l’allenatore.

Immaginate di essere un giocatore della Juventus. Immaginate di rendervi conto a metà campionato che l’Inter fa un altro sport. Immaginate di rendervi conto (con sei mesi d’anticipo) che l’allenatore attuale non verrà poi confermato per la prossima stagione, in quanto tutti sanno degli incontri con Thiago Motta.

Rabiot

Rabiot disilluso, Marotta prova lo sgarbo?

In questo clima di totale incertezza, dove la Juventus attuale si è dimostrata ancora una volta lontana parente di quella capace di creare un modello imitato e stimato da tutti, sembra assolutamente comprensibile il senso di totale scollamento che i tesserati della Juventus stanno provando oramai da mesi. 

Un imprinting societario che Beppe Marotta (probabilmente il principale artefice di quella Juventus) da un paio d’anni sta provando a replicare anche ad Appiano Gentile. Un passaggio di consegne che il dirigente torinese verrebbe corroborare con una dimostrazione di forza in piena, ovvero strappando Rabiot agli odiati rivali.

E’ risaputo che Rabiot sia venuto alla Juventus soltanto per Allegri e che questa estate sia rimasto a Torino soltanto per Allegri. Alla luce anche delle sue recenti dichiarazioni, che hanno aperto il vaso di Pandora nello spogliatoio bianconero, immaginarsi una permanenza del francese appare complesso.

L’Inter, che con una politica aziendale diametralmente opposta a quella che la Juventus ha inaugurato con l’arrivo di Cristiano Giuntoli, non si farebbe problemi (visto il suo status da parametro zero) ad offrirgli un ricco quadriennale. Un esborso che probabilmente la nuova Juventus non riconoscerebbe a un quasi 30enne.

Mentre il transalpino a Milano ritroverebbe tutto ciò che non ha trovato a Torino. Una progettualità chiara, ambizioni e soprattutto una società credibile. Tutte caratteristiche che appartenevano alla Juventus del passato, quella che Rabiot ha visto dall’esterno e che l’ha spinto a preferire il bianconero ai top club europei nell’estate del 2019. Un anno dopo l’addio di Marotta, che ora potrebbe coronare le ambizioni del francese.

Focus

La Georgia si aggrappa a Mikautadze: è lui il vero “fenomeno”, non Kvara

Pubblicato

il

Napoli, Kvaratskhelia

Se la Georgia coltiva ancora qualche flebile chance di accedere alla fase a eliminazione diretta di Euro2024, lo deve a Georges Mikautadze.

Kvara parla, Mikautadze segna

Per sperare di accedere alla fase a eliminazione diretta di Euro2024, alla Georgia servirebbe un miracolo. Un punto dopo due partite (stante che, alla stesura di questo articolo, non si conosce ancora l’esito dell’altra gara del girone: ovvero Turchia-Portogallo) pone i caucasici con un piede e mezzo fuori dalla rassegna europea.

Un punto frutto, peraltro, dell’estro di Georges Mikautadze. Unico calciatore georgiano (sin qui) ad aver segnato in questa competizione, dato che ha timbrato il cartellino sia alla prima che alla seconda giornata. Poco per sperare di poter rientrare fra le sedici migliori selezioni del calcio europeo.

La Georgia, sin qui, si è poggiata quasi esclusivamente sul suo centravanti e sulle parate dell’altro grande nome dei caucasici: ovvero Giorgi Mamardashvili, portiere del Valencia. Assente ingiustificato sin qui Khvicha Kvaratskhelia: troppo impegnato a dare fiato alla bocca (tramiate il suo agente) e troppo poco a giocare.

Georges Mikautadze

Flop all’Ajax, ma con Farioli…

Mikautadze era stato vicino ad approdare in Serie A la scorsa estate, quando la Lazio fece un tentativo per portarlo via dalla Mosella. Sfortunatamente per i biancocelesti, l’Ajax si presentò in Lorena con 20 milioni e si assicurò il classe 2000. Il cui talento, però, non è mai riuscito a brillare nella terra di Van Gogh.

Tanto che, dopo appena sei mesi ad Amsterdam, ha deciso di tornare nella “sua” Metz. In Francia è come rinato, segnando 14 gol (più 4 assist) in 24 partite. Reti che però non sono bastate ai granata per evitare il ritorno in Ligue 2. Poco male, poiché (dopo l’Europeo) Mikautadze farà ritorno in Olanda: ma per restarci.

Il prossimo allenatore dei Lancieri sarà Francesco Farioli, che ha avuto la possibilità di ammirare da vicino il suo talento nella stagione di Ligue 1 appena conclusasi, che promette di “modernizzare” la scuola Ajax. Nella scorsa stagione non c’era stato posto per il georgiano, ma il nuovo corso targato Farioli potrebbe cambiare tutto.

Continua a leggere

Focus

Euro2024, la TOP 11 degli esclusi eccellenti

Pubblicato

il

Europei 2024

Euro2024 accoglierà tanti campioni, ma non tutti. Ecco come potrebbe scendere in campo un ipotetico undici degli esclusi eccellenti.

Euro2024, gli esclusi eccellenti fra portieri e difensori

Nonostante il recupero in extremis dal doppio infortunio al legamento del ginocchio, che gli ha permesso di vincere da protagonista la finale di Champions League a Wembley contro il Borussia Dortmund, il commissario tecnico del Belgio (Domenico Tedesco) ha deciso di lasciare a casa Thibaut Courtois.

Lucas Hernandez non ha potuto raggiungere suo fratello Theo a causa della rottura del crociato: infortunio arrivato nella parte conclusiva della stagione. Problema analogo a quello occorso ad Alaba, che era in panchina per la finale di Champions ma che non ha recuperato uno stato fisico sufficiente per poter essere convocato.

Hummels è uno degli esclusi eccellenti della Germania, le cui caratteristiche fisiche non si sposano con il modo in cui Nagelsmann vuole impostare la linea difensiva. Reece James ha saltato (a causa dei soliti problemi fisici) gran parte della stagione del Chelsea e ha privato l’Inghilterra di un altro potenziale titolare in difesa.

Euro2024

Europei, gli esclusi eccellenti fra centrocampisti e attaccanti

Frenkie De Jong ha lasciato il ritiro dell’Olanda a causa di un infortunio: un problema che lo terrà fuori dalla rassegna. Per Leon Goretzka il discorso è simile a quello fatto in precedenza per Hummels. A Jadon Sancho non è bastato un finale di stagione da protagonista assoluto per meritarsi il “perdono” di Gareth Southgate.

Nkunku si è infortunato gravemente poco prima dei Mondiali in Qatar. Il francese ha quindi passato ai box i suoi ultimi mesi con la maglia dell’RB Leipzig: una situazione che ha inciso anche sull’inizio della sua avventura a Stanford Bridge. Prima il rientro e poi una ricaduta, che lo ha estromesso anche dai convocati della Francia.

Pablo Gavira non ha recuperato in tempo dall’infortunio al crociato occorso (proprio con la Spagna) lo scorso Novembre. Karim Benzema ha vissuto una stagione estremamente complicata all’Al-Ittihad. Prima un ambientamento difficile e poi la rottura con Gallardo, che lo hanno portato a finire addirittura fuori rosa.

TOP 11 Esclusi Eccellenti Euro2024 (4-3-2-1): Courtois; Lucas Hernandez, Alaba, Hummels, Reece James; Frenkie De Jong, Leon Goretzka, Gavi; Sancho, Nkunku; Benzema.

Continua a leggere

Focus

Lazio, la scelta di Baroni rappresenta la vera dimensione

Pubblicato

il

Lazio, Baroni

È ufficiale: Lotito sceglie Baroni come nuovo allenatore della S.S.Lazio. È la scelta giusta in un momento di contestazione come questo?

1 ANNO FA

Era poco più di un anno fa quando i tifosi della Lazio riempivano lo Stadio Olimpico. Era quel Lazio-Cremonese. La Lazio era qualificata in Champions League, era seconda in classifica. In panchina sedeva un maestro di calcio, un allenatore vincente come Sarri. C’era l’entusiasmo e la speranza di poter migliorare ancora di più attraverso il mercato, per alzare finalmente l’asticella.

Lazio, Lotito

OGGI

Oggi, 12 Giugno 2024, è cambiato tutto. La Lazio ha chiuso il suo campionato al settimo posto ed è tornata in Europa League. Sarri prima e Tudor poi si sono dimessi a distanza di pochi mesi. I giocatori più dotati tecnicamente hanno scelto di andare via: Felipe Anderson in Brasile, Kamada in Inghilterra e Luis Alberto in Qatar. Lotito e il ds Fabiani si sono quindi seduti al tavolo e hanno deciso che Marco Baroni fosse l’uomo giusto per iniziare un nuovo progetto. Nessuno mette in dubbio che Baroni abbia dimostrato negli ultimi anni di essere un buonissimo allenatore, ma è la scelta vincente in un momento come questo?

LA SCELTA DI BARONI

La Lazio ha scelto in pochi mesi di passare da Sarri a Baroni. Da un allenatore internazionale ad un allenatore che, in vent’anni di carriera, non ha mai neanche assaggiato una competizione internazionale. La scelta di Baroni non ricorda la scelta di Inzaghi, allenatore giovane e molto legato all’ambiente Lazio. Non ricorda la scelta di Pioli e neanche quelle di Petkovic e Reja. La scelta di Baroni ricorda quando, nel 2009, Lotito e Tare affidarono a Davide Ballardini una squadra che avrebbe giocato Supercoppa Italiana ed Europa League. Un salto indietro di 15 anni, un ritorno a quella dimensione che aveva fatto molto comodo.

RIDIMENSIONAMENTO

La sensazione è che la scelta di Baroni abbia scoperchiato il vaso di Pandora e abbia urlato ad alta voce “ridimensionamento”. Viene ridimensionata la squadra che vedrà Luis Alberto e Felipe Anderson essere sostituiti da Tchaouna e Noslin. Viene ridimensionata la società che passerà da allenatori esigenti e spigolosi come Sarri e Tudor ad un allenatore con poche pretese, economiche e tecniche, come Baroni. Vengono ridimensionate le ambizioni. Vengono ridimensionate le aspettative della tifoseria, insieme al suo entusiasmo.  A oggi non è utopico pensare che si passerà dai trenta mila abbonati della passata stagione ad averne molto meno della metà. La via che ha scelto la S.S.Lazio rappresenta, quindi, un vero e proprio ridimensionamento…ma verso il basso.

FUTURO

Marco Baroni non è un allenatore giovane, con idee innovative. Non è un allenatore che conosce l’ambiente o lo spogliatoio. Questo aumenta il rischio che possa essere “respinto” dallo stesso spogliatoio che ha rigettato figure come Sarri e Tudor. Non è un allenatore abituato ad allenare squadre che giocano ogni tre giorni.  L’unico aspetto coerente, e che giustifica la scelta della società, è la sua capacità di lavorare con i giovani calciatori. Il futuro della Lazio è quindi più incerto che mai. Non ci sono ambizioni né obbiettivi dichiarati. La contestazione programmata per venerdì sera, alle 18:30, dimostra il malcontento generale. Sotto sotto però rimane viva la speranza che Baroni possa essere la rivelazione del prossimo campionato, perché merita di essere valutato sul campo.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Calciomercato5 minuti fa

Calciomercato Spezia, due candidati per la fascia mancina: i dettagli

Visualizzazioni: 3 Calciomercato Spezia, urgono rinforzi sulla fascia sinistra, considerati i molti addii in vista. Si lavora su due profili...

Calciomercato35 minuti fa

Calciomercato Palermo, Pigliacelli con le valigie in mano: per il sostituto si guarda in casa Catanzaro

Visualizzazioni: 84 Calciomercato Palermo, i siciliani vogliono arrivare a un portiere, vista la non sicura permanenza di Mirko Pigliacelli. Spunta...

Calciomercato50 minuti fa

Milan, Terracciano potrebbe lasciare: piace a un club di Serie A

Visualizzazioni: 231 Milan, è arrivato durante la scorsa sessione di mercato, ma potrebbe già lasciare gli ambienti rossoneri. Vediamo qui...

Serie A, Gravina Serie A, Gravina
Notizie12 ore fa

Gravina: “Spalletti il migliore ‘sul mercato’. Ecco cosa manca all’Italia…”

Visualizzazioni: 189 Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha recentemente parlato di alcune tematiche legate alla Nazionale e al suo...

Calciomercato12 ore fa

Lazio, anche il Fenerbahce su Samardzic. E Greenwood…

Visualizzazioni: 276 Si allunga la lista delle pretendenti per Lazar Samardzic dell’Udinese. Dopo Juventus e Lazio, si è aggiunto anche...

Trubin, Ucraina Trubin, Ucraina
Europei12 ore fa

Ucraina, Lunin: “Dispiaciuto, ma conta il gruppo”

Visualizzazioni: 143 Il portiere dell’Ucraina, nonostante la panchina, ha voluto lanciare un messaggio positivo sui social. Leggi con noi le...

serie b serie b
Calciomercato13 ore fa

Un ex Palermo all’Al-Mesaimeer

Visualizzazioni: 150 E’ stato ufficializzato il nuovo allenatore dell’Al-Mesaimeer e si tratta di un ex centrocampista della Serie A. Scopri...

Notizie13 ore fa

Belgio-Romania, un jolly offensivo dal 1′

Visualizzazioni: 163 Sono state ufficializzate le formazione di Belgio-Romania. Lukaku e compagni devono vincere per ripartire dopo la sconfitta nel...

Europei13 ore fa

Italia, Pellegrini: “Dobbiamo tirare fuori il meglio”

Visualizzazioni: 153 Il numero dieci dell’Italia ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la brutta prestazione contro la Spagna. Leggi con noi...

Hellas Verona Hellas Verona
Calciomercato13 ore fa

Calciomercato Hellas Verona, si guarda in casa Genoa per l’attacco

Visualizzazioni: 150 Calciomercato Hellas Verona, Kelvin Yeboah, attaccante classe 00′, nella scorsa stagione con la maglia del Standard Liegi ha...

Le Squadre

le più cliccate