Home » Le interviste » Esclusiva CS, Graziano Campi:” La priorità per il Milan è il centravanti, darei una chance a Schick”
Le interviste

Esclusiva CS, Graziano Campi:” La priorità per il Milan è il centravanti, darei una chance a Schick”

Esclusiva Cs, il giornalista e commentatore sportivo, consulente per la comunicazione e opinionista radiotelevisivo Graziano Campi ha rilasciato un’intervista per Calciostyle nella quale parla del mercato del Milan e dei principali obiettivi rossoneri. Qui di seguito l’intervista.

In questi giorni si è parlato di Milinkovic Savic in chiave rossonera, con il probabile arrivo di Renato Sanches il discorso è chiuso per il serbo? Può quindi andare alla Juventus?

Non sono due giocatori alternativi. Se il Milan cambia proprietà i rossoneri possono anche decide di acquistare entrambi. Ma sinceramente credo che la priorità debba essere un centravanti. Lì i rossoneri devono fare un investimento importante. Lotito chiede troppi soldi: in assenza di contropartite tecniche, difficilmente il serbo lascerà la Lazio. Tutti i club italiani hanno bisogno di tre o quattro innesti, non si può pensare di spendere 70 milioni per un solo giocatore.

Verrà effettuato un colpo sulla trequarti siccome Brahim Diaz ha deluso, oppure ci si riterrà soddisfatti con l’arrivo di Adli?

Adli non può bastare al Milan. Il Bordeaux sta retrocedendo con Yacine che ha realizzato un solo gol e otto assist: sono numeri che nel campionato italiano non sono sufficienti per essere considerati titolari. Adli potrebbe dovere fare una transizione importante a livello tattico, spostandosi a fare la mezzala a tempo pieno e diventando l’alternativa a Bennacer. Le caratteristiche di Brahim Diaz sono diametralmente opposte: il francese è 1 e 86 ed ha una fisicità diversa dal brevilineo spagnolo. Certo può essere ottimo per mettere pressione al playmaker basso avversario, ma lo spunto rapido e il senso del gol sono fondamentali per il ruolo che ha in mente Pioli per il suo trequartista. Il giocatore che mi piacerebbe vedere in rossonero è Dybala. Ha nei piedi i gol e la qualità per essere il rifinitore ideale e su calcio piazzato andrebbe a colmare la lacuna sorta con l’addio di Calhanoglu.

Siccome dopo Origi sappiamo arriverà ancora un attaccante, quale potrebbe essere il nome?

Molto difficile da capire. Al momento diamo per scontato l’ingresso di Investcorp al posto di Elliott e a quel punto il mercato potrebbe aprirsi anche a nomi a sorpresa, come potrebbero essere quelli di Icardi o Depay. Non escludo neanche un’operazione che possa portare in Italia Alvaro Morata: mi sembra molto lontano dalla Juventus e l’Atletico Madrid potrebbe prestarlo ai milanisti per accontentare la voglia di Italia dello spagnolo. Certo il sogno sarebbe arrivare ad un giocatore affermato e maturo. Io darei una chance a Patrick Schick.

Questione esterno destro, chi pensi che arriverà e chi vorresti che arrivasse?

Non so quanto serva un esterno destro al Milan. Florenzi e Saelemaekers possono giocare in quel ruolo. Anche se non garantiscono tanti gol, danno solidità ad un reparto che opererà attaccando principalmente dal lato di Leao. Dovesse poi arrivare un mancino come Dybala per l’attacco, la soluzione ideale sarebbe a maggior ragione quella di un giocatore in grado di inserirsi ma non necessariamente obbligato a portare palla. Dybala sarebbe il fulcro della manovra sulla trequarti destra, con l’esterno pronto al cross per la prima e la seconda punta. Non so quanto un giocatore più offensivo possa dare a una formazione che deve fare della solidità il suo punto di forza. La perdita di Kessie già è un problema per la fase difensiva, problema che neanche Renato Sanches non risolve. Manterrei una logica equilibrata; la priorità il centravanti.

 

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Le interviste