Home » Esteri » VAR, ci risiamo. Lo sfogo di Espirito Santo: “Le regole vanno cambiate”
Esteri

VAR, ci risiamo. Lo sfogo di Espirito Santo: “Le regole vanno cambiate”

Quello relativo al VAR è un argomento che continua a tenere banco in Inghilterra, dopo le parole rilasciate da Nuno Espirito Santo.

Le parole di Espirito Santo

Nuno Espirito Santo, allenatore del Nottingham Forest, ha parlato ai microfoni dei colleghi inglesi subito dopo la sconfitta maturata sul campo del Brentford sabato scorso. Di seguito, un estratto delle sue parole:

Le regole affermano che il VAR non possa intervenire se il pallone viene spostato dal punto prestabilito prima di un calcio piazzato, ma io credo che invece dovrebbe. Penso che in tal senso dovrebbero esserci dei cambiamenti.

Allo stesso tempo, ovviamente noi abbiamo delle responsabilità. Avremmo dovuto far presente all’arbitro la cosa prima dell’esecuzione

Siamo amareggiati dal fatto che né l’arbitro né i suoi assistenti si siano accorti di nulla. Avrebbero dovuto vederlo. Hanno disegnato una linea e la palla è stata chiaramente spostata dal punto di battuta. 

Meritiamo una risposta. Ci è stato solo detto che al momento il VAR non può fare niente. Non ci hanno detto se in futuro il protocollo verrà rivisto oppure no. Comunque sia, VAR o non VAR, l’arbitro avrebbe dovuto vederlo.❞

VAR

VAR, qual è l’episodio incriminato?

L’allenatore portoghese fa riferimento al calcio di punizione del momentaneo uno a uno (la partita è poi finita 3-2) realizzato da Ivan Toney. Il centravanti inglese rientrava da una squalifica lunga quasi un anno (arrivata in seguito a un caso di scommesse sul calcio) e ha bagnato il suo ritorno con un gol d’autore.

LEGGI ANCHE:  Premier League, Toney: "Futuro in una big? Sono concentrato sulla salvezza del Brentford"

Tuttavia, il 27enne di Northampton ha spostato il pallone dal punto di battuta prestabilito prima di procedere all’esecuzione del calcio di punizione. I dubbi sul perché il VAR non possa intervenire in situazioni come queste sono più che legittimi, dato che interviene in molte situazioni (come per esempio fuorigioco millimetrici, impercettibili per l’occhio umano e che non costituiscono un vantaggio per l’attaccante) superflue ma non in queste.

Il neo-tecnico del Nottingham Forest, in carica dallo scorso Dicembre, non è l’unico in questi mesi ad aver palesato insofferenza nei confronti del VAR. Le polemiche si estendono in maniera endemica, dai commentatori televisivi (Lineker in primis) ad altri allenatori come Moyes, Maresca, Klopp e via discorrendo, fino a chi arriva addirittura a chiederne l’abolizione.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Esteri