Home » Serie A » Sky-DAZN, accordo ad un passo: cosa cambierà per gli utenti
Serie A

Sky-DAZN, accordo ad un passo: cosa cambierà per gli utenti

Raggiunta l’intesa tra TIM e DAZN, ora il primo passo successivo sarà quello dell’accordo tra Sky-DAZN per portare l’OTT sulla piattaforma di Comcast.

Come conferma Calcio e Finanza l’ufficialità è attesa a breve, intanto però si stanno delineando i dettagli di quella che sarà la nuova partnership.

“DAZN è una società aperta a valutare tutte le ipotesi strategiche che ci consentano di diventare la principale destinazione sportiva per i tifosi e di incrementare il business.

È in quest’ottica che si inserisce la diversificazione delle partnership a cui stiamo lavorando e che va dai produttori di dispositivi connessi alle piattaforme che distribuiscono contenuti. Le partnership rappresentano una delle strategie di consolidamento per la crescita del nostro business

Ha spiegato ieri Stefano Azzi, Ceo per l’Italia di DAZN.

Cosa cambierà per gli utenti dopo l’accordo tra DAZN e Sky?

Non si tratterà di un ritorno al passato. L’opzione principale sul tavolo è quella di portare l’app di DAZN sul decoder Sky Q: in sostanza, una maggiore comodità per gli abbonati a Sky, che potranno avere di fatto tutto il calcio in un unico posto.

LEGGI ANCHE:  Roma-Inter: le probabili formazioni e dove vederla

La seconda opzione è quella del canale lineare di DAZN sul satellite, ipotesi sul tavolo i cui contorni però devono essere ancora definiti.

Tuttavia, dicevamo, non sarà un ritorno al passato: rispetto all’accordo visto nel triennio 2018/21, infatti, non ci sarà nessuna offerta commerciale prevista.

SKY-DAZN

Per vedere la Serie A e i contenuti di DAZN anche su Sky serviranno due abbonamenti, senza sconti per ora previsti sui prezzi. Non sarà quindi un accordo simile a quello fatto dalle due emittenti in Germania, ma una partnership “classica” per Sky, come quelle per Netflix o Disney+ ad esempio, portate solo su Sky Q, senza quindi poter offrire DAZN all’interno delle sue offerte commerciali.

Un modo per fornire un punto di accesso in più legato all’OTT, aumentare la platea di chi ha a disposizione l’app di DAZN e per certe categorie di utenti anche semplificare la visione, soprattutto se dovesse andare in porto la trattativa anche per il canale lineare.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Atalanta, la Dea non si ferma: occhi in Russia

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Serie A