Sampdoria rinata

L’allenatore romano ha deciso di dire addio della Sampdoria dopo una proposta di rinnovo basata su un taglio di stipendio e sul ridimensionamento del progetto tecnico.

 

Claudio Ranieri non sarà l’allenatore della Sampdoria nella prossima stagione. Massimo Ferrero ha optato per non rinnovare il contratto al mister di Testaccio dopo un confronto che ha sancito il divorzio. Ranieri, arrivato in corsa lo scorso anno al posto di Eusebio Di Francesco, ha condotto i blucerchiati due salvezze consecutive, e dando alla squadra una idea di gioco ben definita nella testa dei giocatori.

I motivi che hanno portato l’allenatore romano a dire addio sono sostanzialmente due. Il primo riguarda l’ingaggio, con un nuovo accordo che avrebbe previsto emolumenti per un milione di euro annuali, 800mila in meno rispetto al contratto appena scaduto. Il secondo, invece, è di natura tecnico. Il presidente Ferrero avrebbe prospettato alcune cessioni importanti su cui Ranieri contava di proseguire il progetto. Di qui la decisione di comune accordo di separarsi, con la panchina doriana che, per ora, resta senza padrone.