Home » Serie A » Biasin: “Per lo scudetto bisogna vincerle tutte. Occhio alla Salernitana per la salvezza”
Serie A

Biasin: “Per lo scudetto bisogna vincerle tutte. Occhio alla Salernitana per la salvezza”

Fabrizio Biasin, giornalista e tifoso nerazzurro è intervenuto per parlare della lotta scudetto tra Inter e Milan ma non solo.

Milan

Fabrizio Biasin, autore, opinionista e giornalista sportivo ha parlato nel corso della trasmissione “Il Diabolico e il Divino in onda sui 90 FM di New Sound Level trasmissione condotta da Giuseppe Falcao, Gabriele Ziantoni e Simone Elleppi. 

Il noto giornalista ha parlato della vittoria dell’Inter sulla Roma ma anche della corsa scudetto e della lotta salvezza, che sta diventando sempre di più avvincente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO>Maldini pronto a rinnovare la corazzata

Biasin: “La Roma ha chance per la Conference. Il Napoli deve tenere Spalletti”

Inter o Milan calendario più facile?
“Io non ho certezze su chi vincerà, forse quel potenziale punto in più potrà fare la differenza. È vero che il Milan fa fatica a trovare la via del gol ma l’abbiamo vista anche ieri, è una squadra che non molla nulla. Dopo i risultati del weekend comunque Sampdoria e Cagliari diventano squadre pericolose e l’Inter le affronterà alle ultime due giornate e non sarà facile. La certezza è che per vincere lo Scudetto una o l’altra devono vincerle tutte”.

La testa è l’unica nemica dell’Inter?
“Io spero che questi ragionamenti vengano un po’ messi da parte, è vero che l’Inter è stata sempre un po’ umorale ma l’Inter arriva da uno scudetto vinto senza discussioni e deve saper stare in questa mentalità. Adesso abbiamo un dirigente solido come Marotta, un allenatore che sta dimostrando di avere i nervi saldi e quindi dobbiamo vedere una squadra convinta che non sbanda e non si spaventa”.

Che impressione ti ha fatto la Roma?
“A prescindere da quello che succederà in Conference è importante sottolineare la bellezza dei tifosi della Roma in casa e fuori casa. Al 50% o al 100% ho visto sempre lo stadio pieno, sicuramente il merito è in gran parte di Mourinho e l’entusiasmo è sempre un ottimo punto di partenza. Il Leicester è una squadra che probabilmente da noi combatterebbe per un posto in Champions, la Roma avrà sicuramente le sue chance ma non deve essere timida come si è presentata a San Siro”.

Spalletti?
“Non sono solo sue le responsabilità di questo finale del Napoli, gli era stato chiesto di arrivare in Champions League e possiamo dire che il piazzamento champions è stato raggiunto. Più che a Spalletti io però guarderei alla proprietà, i problemi derivano sempre dalla gestione De Laurentiis che spesso rovina i rapporti con lo staff tecnico e non comprende che i momenti di difficoltà sono normali e bisognerebbe supportare più che abbattere. Avrà sbagliato qualcosa Spalletti, ma sta costruendo qualcosa. Se De Laurentiis vorrà ricominciare da zero l’anno prossimo commetterà un errore grave come spesso gli è capitato perché il Napoli quest’anno si sta imponendo come terza forza del campionato e può solo crescere”.

Lotta salvezza?
“Io non mi aspettavo per nulla il ritorno della Salernitana e del Genoa, complice l’andamento lento di alcune squadre come la Sampdoria e il Cagliari. Io direi che togliendo l’Empoli che ieri si è salvato e lo Spezia che ha un piede e mezzo in Serie A, le altre sotto sono tutte a rischio. Quello che sta succedendo a Salerno mi rende felice, la Salernitana ha subito un trattamento indecoroso dalla presidenza ma anche dal palazzo e Sabatini e Nicola stanno facendo un lavoro strepitoso”.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Serie A