I nostri Social

Serie A

Allegri: “Dobbiamo tornare a vincere. Alcaraz possibile. Sulla difesa a 4 e sul futuro…”

Pubblicato

il

Juventus, Allegri

Allegri, alla vigilia di JuventusFrosinone in programma domani alle ore 12:30 all’Allianz Stadium, presenta il match nella consueta conferenza stampa

Allegri

Allegri presenta la sfida contro il Frosinone nella consueta conferenza stampa di vigilia

Dopo i soli 2 punti raccolti nelle ultime quattro giornate, la Juventus ha l’obbligo di centrare la vittoria per consolidare il secondo posto: ‘avendo in suo favore’ lo scontro diretto tra Milan e Atalanta.

Davanti a sé, però, la Vecchia Signora si troverà un Frosinone in cerca di punti salvezza.

Inoltre, la squadra ciociara é consapevole di come poter far male alla Juventus, grazie anche ai tre giocatori dal cartellino bianconero: Soulé, Kaio Jorge e Barrenechea.

Come da prassi, Massimiliano Allegri presenta il match tra Juventus e Frosinone nella conferenza stampa di vigilia.

Ecco le parole del tecnico livornese:

Che settimana é stata e su cosa vi siete focalizzati maggiormente?

“Settimana buona come le altre precedenti, come quando i risultati erano buoni. Nel calcio succedono periodi cosi. Domani dobbiamo tornare a vincere”.

Le prove su di una difesa a quattro sono confermate? 

No, noi difendiamo sempre a 4 non cambiamo assolutamente niente“.

Reset post Verona e Alcaraz titolare domani: cosa ci dice?

Domani possibile che giochi Alcaraz, ma valuto domani mattina. Abbiamo fatto 3 partite simili, partite spaccate in due, due pareggiate e una persa. Dobbiamo tornare ordinati e compatti, con serenità“.

Dopo tutti questi anni l’entusiasmo di allenare la Juventus esiste sempre?

C’è sempre quello, allenare è passione e amore, soprattutto alla Juve. Lo è sempre stato fin dall’Aglianese. Abbiamo iniziato un progetto con la Società, con presidente Cherubini, Nedved e Arrivabene e ora con Giuntoli. Abbiamo tutti l’ambizione di vincere, ma ci sono anche le avversarie. La cosa straodinaria è stato il alvoro fatto negli ultimi anni, abbiamo l’ambizione di tornare a vincere. Abbiamo la coppa italia e la Champions che ci è stato chiesto dalla società. La squadra si è allenata bene, per arrivare in Champions servono minimo 70 punti e c’è tanto da fare” .

Sulla parola costruzione, dopo queste quattro partite cosa si é distrutto? E da cosa si deve ripartire?

La costruzione si fa fatica e lavoro, sacrificio. Se non hai equilibrio però rischi di farti male, ma noi non siamo in questa situazione. Dobbiamo concentrarci in questi 3 mesi tornando in Champions. Tutti dobbiamo essere allineati su domani, poi Napoli ma è ancora lunga. Dobbiamo farne un tot per tornare in Champions“.

Per domani pensi a qualcosa di diverso in attacco? Vista anche la diffida di Vlahovic…

Domani andrà in campo la formazione migliore e in panchina sarà utile a calcio si gioca in 16 ormai. Di questi momenti ne ho passati. Servirà tecnica, ordine e pazienza, una vittoria ci farà vedere le cose in un altro modo. Non eravamo dei fenomeni un mese e mezzo fa, non siamo brocchi ora. I momenti di difficoltà vanno affrontati perché fanno crescere. Dobbiamo fare punti per garantirci un posto in Champions“.

Giuntoli ha detto che a fine stagione vi troverete per parlare. Lei firmerebbe ‘in bianco’ per restare alla Juventus?

In questo momento non firmerei niente, ho ancora un contratto fino al 2025. Il futuro è domani, tornare in Champions. Lo ripeto, quando si parla di costruzione la Juve è dal 2011 che partecipa in Champions. Alla fine mantenere la posizione in classifica e con tanti ragazzi giovani la società ha fatto un buon lavoro. In questo momento non ci sono certezze, ci vuole calma, pazienza ed equilibrio soprattutto all’interno. Accettiamo le critiche e noi continuiamo a lavorare “.

E’ d’accordo quando si parla di crollo emotivo della squadra?

Non sono d’accordo, dopo l’Empoli siamo rimasti in 10, poi Milano e Udine, sono state buone partite. Verona è stata la peggiore, perché abbiamo avuto questa voglia e frenesia di vincere la partita“.

Rabiot dopo l’infortunio é parso sotto i suoi livelli: come lo ha trovato questa settimana e quale squadra teme di più per la lotta Champions?

Per la Champions sono molte in corsa, ci sono ancora tanti punti in ballo. Rabiot ha fatto gol, un assist, è il motore di questa squadra. Da lui ci si aspetta sempre di più, farà in questi 3 mesi delle buone prestazione“.

Quale é la strada per vedere una Juventus più offensiva?

Avremo la possibilità di lavorare per arrivare con giocatori più offensivi come Chiesa, Yildiz e Vlahovic… Anche con altre soluzione come Cambiaso in veste offensiva siamo alti. 5 gol nelle ultme 4 partite non va assolutamente bene “.

Che squadra pensa di mettere in campo per raggiungere l’obiettivo vittoria domani?

Spero di indovinare la formazione, senno in panchina ci saranno giocatori pronti ad entrare. Il Frosinone non si ferma mai, con un ottimo allenatori e giocatori bravi tecnicamente“.

La pensa come Pioli quando parla del non sentire le critiche?

Alla Juve è bellissimo se ti piace la pressione, perché c’è sempre da dire tutto. Per starci bisogna allenarsi alle critiche, dobbiamo rimanere competitivi e stiamo lavorando“.

Raggiungendo il traguardo Champions League, il tuo futuro é vincolato a questo? Ci spieghi qualcosa in più su Alcaraz?

La società mi ha chiesto l’obiettivo è tornare in Champions. Futuro legato ai risultati? La società programmerà il meglio per la Juve, io e tutti dobbiamo lavorare in vista dell’obiettivo, dobbiamo passare questo momento. Alcaraz? Buon giocatore che ha tecnica e un buon tiro, è una mezz’ala offensiva, sotto la punta li può fare meglio“.

Serie A

Hellas Verona-Udinese, le formazioni ufficiali

Pubblicato

il

Udinese

Hellas Verona-Udinese è il Saturday Night della 33esima giornata di Serie A e uno spareggio importantissimo in ottica salvezza.

A cinque giornate dal termine ogni punto pesa e tutte le partite sono importanti. Gli scontri diretti, che arrivano a ridosso dell’epilogo della stagione, ancor di più. Hellas Verona-Udinese mette di fronte due squadre con gli stessi punti (28) ma che occupano due posizioni di classifica differenti per via della differenza reti.

Gli scaligeri hanno un punto in più del Frosinone terzultimo e sono quindi 17esimi, mentre i friulani hanno un più rassicurante spot al 15esimo posto. Una differenza minima in termini di goal difference (-17 per l’Udinese e -14 per il Verona) che rende questa partita un crocevia fondamentale anche dal punto di vista degli equilibri.

Due squadre che, spesso e volentieri, vengono deprivate del loro talento in fase di mercato e questo le costringe ad affannose rincorse che assumono i connotati del miracolo sportivo. E’ successo questa estate all’Udinese, che ha perso Beto e Becao oltre a Deulofeu per infortunio, ma è andata addirittura peggio al Verona, che fra la fase invernale di mercato e quella estiva ha perso ben dieci giocatori.

Due squadre molto simili, quindi, anche sotto il punto di vista della proposta calcistica. Due squadre pratiche, che puntano tutto (o quasi) sulla solidità difensiva e sulle verticalizzazioni immediate. E non potrebbe essere altrimenti, vista la penuria di scelte di cui dispongono i due allenatori. Non è tuttavia scontato che un tecnico, specialmente se votato a un certo tipo di filosofia, abbia l’intelligenza e l’umiltà di capire quando è (o non è) il caso di predicare un certo tipo di calcio in contesti come quelli di provincia.

Basti pensare negli anni a squadre come il Lecce di Liverani, il Benevento di De Zerbi o, gli esempi più recenti di tutti, il Frosinone di Di Francesco o il Sassuolo di Dionisi. Sottil, seppur bravo e preparato, questo non lo ha capito ed è stato sostituito da un allenatore (Cioffi) altrettanto bravo ma con la giusta conoscenza dell’ambiente in cui lavora. Da canto suo, Baroni l’anno scorso ha salvato il Lecce con il possesso palla medio più basso della Serie A e ora vuole ripetere quell’impresa con un Hellas depauperato dalle cessioni.

Hellas Verona-Udinese, ecco le scelte ufficiali dei due tecnici

VERONA (4-2-3-1): Montipò; Centonze, Magnani, Coppola, Cabal; Serdar, Dani Silva; Mitrovic, Folorunsho, Lazovic; Noslin. Allenatore: Baroni.

UDINESE (3-5-1-1): Okoye; Perez, Bijol, Kristensen; Ehizibue, Samardzic, Walace, Payero, Kamara; Pereyra; Lucca. Allenatore: Cioffi.

Hellas Verona-Udinese

Continua a leggere

Serie A

Lazio, intreccio Guendouzi-Kamada: cosa sta succedendo

Pubblicato

il

Lazio, Guendouzi

Sarà un’estate di porte girevoli in casa Lazio. Non solo gli addi annunciati di Felipe Anderson e Luis Alberto: tutti gli scenari.

La Lazio ha riscattato Guendouzi: i dettagli

Quest’oggi è arrivata l’ufficialità del riscatto di Mateo Guendouzi dal Marsiglia. Una pura formalità, come vi avevo raccontato negli scorsi giorni, ma non una garanzia della permanenza del francese a Formello.

Il transalpino è costato alla Lazio complessivamente circa 18 milioni di euro. 1 milione era stato già pagato in estate per il prestito oneroso, a questi vanno aggiunti circa 15 milioni per l’obbligo di riscatto più un altro paio di milioni legati a bonus concernenti le prestazioni individuali del calciatore e della squadra.

Nonostante ciò, il rapporto fra Guendouzi e Tudor ai minimi storici. Nell’ambiente laziale continua a serpeggiare una certa consapevolezza circa il presunto infortunio che lo avrebbe costretto a saltare le sfide alla Salernitana e al Genoa. Dietro la sua esclusione, in realtà, non si celerebbe una reale indigenza fisica ma bensì una scelta tecnica dell’allenatore che contiene in sé i prodromi di un addio in estate.

Lazio

Photo Source: Sito Ufficiale della S.S. Lazio.

Kamada o Guendouzi? Tudor ha già scelto

La richiesta di Tudor alla società è stata chiara. Il tecnico croato vuole la permanenza di Kamada, di cui si è calcisticamente innamorato, e avrebbe anche indicato nell’ex-Marsiglia il sacrificato ideale sul mercato. Una volontà confermata dalle parole che l’ex-allenatore del Verona ha rilasciato dopo la vittoria sul campo del Genoa, in cui si augurava una permanenza del giapponese oltre l’estate.

Lo stesso Kamada, fino a un mese fa praticamente certo di voler abbandonare la Capitale per non farci mai più ritorno, ora starebbe pensando seriamente di attivare la clausola unilaterale presente nel suo contratto. Il giapponese è divenuto elemento centrale nel progetto calcistico di Tudor, che lo ha rimesso nel suo ruolo naturale (interno a due davanti alla difesa) e nel sistema di gioco (il 34-2-1) con cui giocava all’Eintracht.

Come tutti sanno, la Lazio ha bisogno di (almeno) una cessione illustre per poter finanziare la tanto agognata rivoluzione estiva. Non sarà Zaccagni, che di recente ha rinnovato il proprio contratto, e con ogni probabilità neppure Romagnoli. I principali indiziati rimangono Provedel e Guendouzi, ma Tudor ha già le idee chiare su chi terrebbe volentieri e su chi invece manderebbe via a cuor leggero.

Continua a leggere

Serie A

Roma-Bologna: le ultime su Lukaku

Pubblicato

il

Roma, Lukaku

Stamattina la Roma si è allenata per preparare la gara contro il Bologna. De Rossi dovrà valutare le condizioni di alcuni giocatori chiave.

Dopo la vittoria in Europa League contro il Milan, oggi la Roma si è ritrovata in campo a Trigoria. I ragazzi di mister De Rossi sono pronti a rituffarsi con la testa sulla Serie A, per preparare al meglio lo scontro diretto contro il Bologna di lunedì. Una gara cruciale per entrambe le squadre, in vista di un piazzamento Champions che, dall’anno prossimo, conterà una quinto club italiano.

Stamane l’allenatore giallorosso ha dovuto fare a meno di Romelu Lukaku. L’attaccante belga, che contro i rossoneri era stato costretto ad abbandonare la gara per un fastidio muscolare alla coscia, non si è allenato e, salvo clamorosi colpi di scena, contro i felsinei non ci sarà. Le sue condizioni fisiche non destano troppa preoccupazione, ma De Rossi vuole essere prudente in vista del fitto calendario di impegni che attende la Roma.

Roma

Out anche N’Dicka che, dopo lo spavento di Udine, non è ancora pronto al rientro. Buone notizie arrivano invece da Azmoun, che oggi si è allenato regolarmente con i compagni. L’iraniano punta ad avere una chance contro il Bologna, ma per ora Abraham resta il favorito.

A centrocampo si rivedrà Cristante che, dopo aver saltato la gara di giovedì contro il Milan per squalifica, è pronto a riprendersi il suo posto a centrocampo.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Psg Psg
Ligue 126 minuti fa

Skriniar, flop milionario al PSG: può dire addio già in estate

Visualizzazioni: 179 Ambientamento non facile a Parigi per Milan Skriniar, che dopo una stagione d’esordio molto deludente potrebbe già andare...

Notizie48 minuti fa

Salernitana: i convocati per il match contro la Fiorentina

Visualizzazioni: 7 Salernitana: di seguito i convocati da Stefano Colantuono per il match tra i granata e i viola in...

Iervolino Iervolino
Calciomercato56 minuti fa

Salernitana, vendere per ripartire

Visualizzazioni: 191 La Salernitana oramai ad un passo dalla Serie B s’interroga sul proprio futuro. Come riporta la Gazzetta dello...

Calciomercato1 ora fa

Calciomercato Milan: l’obiettivo per la mediana gioca in Premier

Visualizzazioni: 510 Al netto delle parole che Furlani ha rilasciato solo qualche giorno fa, il Milan nel prossimo mercato punterà...

Udinese Udinese
Serie A2 ore fa

Hellas Verona-Udinese, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 194 Hellas Verona-Udinese è il Saturday Night della 33esima giornata di Serie A e uno spareggio importantissimo in ottica...

Serie B2 ore fa

Serie B, il Venezia rimonta e tiene il passo del Como | Pari nel derby ligure

Visualizzazioni: 206 Serie B, alle 16.15 si sono giocate le restanti partite del 34esimo turno. Paura Venezia, la vittoria che...

Champions League2 ore fa

Guardiola: “La Champions l’abbiamo vinta grazie a Lukaku”

Visualizzazioni: 300 Tornato a parlare di Champions League dopo l’eliminazione contro il Real Madrid di Ancelotti, nonostante un’ottima prestazione, leggiamo...

Calcio Femminile3 ore fa

Roma Femminile, Betty Bavagnoli rinnova

Visualizzazioni: 277 Betty Bavagnoli rinnova il contratto con la Roma femminile fino al 30 giugno 2027. A partire dal 2021-22...

Lazio, Guendouzi Lazio, Guendouzi
Serie A3 ore fa

Lazio, intreccio Guendouzi-Kamada: cosa sta succedendo

Visualizzazioni: 225 Sarà un’estate di porte girevoli in casa Lazio. Non solo gli addi annunciati di Felipe Anderson e Luis...

Roma Femminile Roma Femminile
Calcio Femminile3 ore fa

Serie A Femminile: Fiorentina-Roma termina in pareggio

Visualizzazioni: 337 Finisce a reti inviolate la sfida tra le viola e le giallorosse. La Roma rimanda così la festa...

Le Squadre

le più cliccate