I nostri Social

Notizie

Italia, ormai non sai più vincere

Pubblicato

il

La nazionale italiana non sa piu’ vincere.
L’ultima affermazione azzurra risale ormai al 28 Maggio scorso contro l’Arabia Saudita e lo score delle ultime 10 gare degli azzurri è impietoso 1Vittoria 5 pari e 4 sconfitte.

È un momentaccio per il nostro calcio e la situazione che si vive in Federcalcio ne è la piena testimonianza dei risultati modesti che stiamo ottenendo.

Indice

Il ranking per nazioni

Il ranking ci vede indietro rispetto al passato in modo indecoroso dietro a nazionali meno blasonate di noi e la situazione a quanto pare non è di semplice risoluzione.

Eppure ieri sera a Marassi qualcosa di buono si e’ intravisto soprattutto nei primi 45 minuti,  allorquando gli avversari sono sembrati in balia degli azzurri e storditi da un Italia arrembante e che riusciva con una corsa costante e senza sosta dei centrocampisti  a coprire ogni centimetro del terreno di gioco,  dimostrando voglia di fare,  autorevolezza e superiorita’ tecnica individuale e collettiva.

Il primo tempo

E’ mancato solo l’acuto in fase realizzativa nei primi 45 minuti, la squadra ha interpretato ripeto al meglio la gara mettendo sotto pressione gli avversari, ma in avanti complice anche qualche individualismo di troppo in particolar modo di Chiesa e Bernardeschi finiva per delapidare azioni su azioni infrangendosi nel muro della difesa Ucraina.

Le occasioni migliori del match sono concentrate nella prima mezzora di gioco ma vuoi per casualità scelte sbagliate individuali o per la bravura dell’estremo difensore la porta Ucraina e’ rimasta inviolata.

Il secondo tempo

Nella ripresa gli Ucraini per nulla soddisfatti e ripresi da Shevchenko mettono  in campo un agonismo maggiore e grazie ad un’altro atteggiamento, mettono in evidenza quelli che sono i nostri limiti attuali e cioè inesperienza e poca coesione e vuoi un po’ per  la fatica e un po’ perche’ tra i tanti cambi e conseguenti variazioni tattiche si è fatta più confusione di quella accettabile mostrando il fianco agli avversari apparsi più squadra.

Le noti dolenti maggiori vengono dalla linea di difesa che ha iniziato a traballare senza un adeguato filtro nella mediana , non si e’ riusciti piu’ ad uscire in modo semplice col pallone e spesso ci si affidava a lanci dalle retrovie.

L’Italia ‘è ancora un cantiere aperto

Insomma un atteggiamento e un approccio differente, un’Italia a due facce, che non sarà  piaciuta al Mancio e che lo indurra’ a ulteriore riflessioni nella scelta degli uomini che dovrebbero rappresentare il pilastro di questo nuovo corso.

Quel che resta di questa serata e’ l’ esordio nella nazionale maggiore di Piccini, qualche ombra (la linea difensiva e la sterilita’ in avanti) e qualche nota lieta (Barella e Jorginho) , e nella globalita’ che il lavoro del Mancio si è appena intravisto e che quindi la nostra nazionale e’ ancora un cantiere aperto.

Resta il dubbio ad esempio se la mancanza di alternative valide in difesa e in attacco e’ un fattore migliorabile, se la poca esperienza internazionale dei nostri pesa e non poco nella gestione delle gare, se ci sono inoltre margini di miglioramento nell’espressione di gioco e nella scelta per la composizione della rosa tali da poterci condurre ai fasti del passato,
Le domande sono varie e cosi in relazione tra loro che trovare delle risposte convincenti non è semplice.

La strada ‘è in salita

Di certo c’e che la strada da percorrere è tanta e che un confronto tra questa attuale nazionale e quelle del passato oggi è improponibile per via che la scelta è notevolmente ridotta dalla massiccia quantità di giocatori stranieri nelle nostre squadre di prima fascia, quindi manca di certo l’esperienza e il carisma con il quale affrontare i rivali.

In secondo luogo noto delle carenze strutturali nella composizione della rosa, ad esempio a  centrocampo manca un uomo di esperienza che supporti le giovani leve, in attacco a parte Belotti in Italia non abbiamo piu’ giocatori che facciano la punta centrale, in difesa tolto il duo bianconero quali sono le alternative in termini di valore assoluto?

Cose per le quali al momento intravedere un futuro radioso sembra utopistico.

Domenica c’è la Nations League

Domenica sera ci sara’ una riprova importante, vedremo se gli azzurri stavolta sapranno esprimere con piu’ continuita per tutti i 90 minuti un  gioco efficace e le belle giocate e l’atteggiamento avuto nel primo tempo di stasera.

Sara’ un test impegnativo quello contro i Polacchi anch’essi in difficolta’ ultimamente,  ma più avanti di certo nel progetto tecnico globale e che potrà fornire  delle risposte importanti sul futuro del nostro calcio, un banco di prova che il selezionatore azzurro e i nostri ragazzi non potranno sbagliare.

Click to comment

Notizie

Ciro Immobile, le parole dell’agente Marco Sommella

Pubblicato

il

Ciro Immobile, Lazio

Dopo un’annata non troppo brillante da parte del calciatore Ciro Immobile, l’attaccante ha deciso di lasciare la Lazio per trasferirsi in turchia al Besiktas.

In mattina è andata in scena un’intervista all’agente del calciatore Ciro Immobile. Di seguito le parole di Marco Sommella, procuratore dell’ex Lazio:

“Già da un pò c’era l’idea di provare qualcosa di diverso, 8 anni con la Lazio sono tanti, gli ultimi 2 sono stati un pò particolari. Sono cambiate un pò di cose, non si sentiva al centro del progetto Lazio. Per troppo amore, non potendo dare più di quello che ha dato in questi anni, sopratutto dal punto di vista mentale, perché fisicamente sta bene, ha scelto di cambiare. Con la Lazio è stata una bellissima storia d’amore.”

Immobile

“Il Besiktas ha dimostrato di volerlo fortemente. Ciro aveva bisogno di sentirsi ancora vivo, ha fatto cose che quasi nessuno ha fatto, è un giocatore che ha scritto la storia. Un contratto come quello di Ciro per altri due anni, sarebbe stato molto pesante per la Lazio. Si è reso conto che non poteva più dare quello che ha dato, per questo ha fatto un passo indietro. Sicuramente andava ringraziato anche per questo, la Lazio grazie alla sua cessione ha risparmiato quasi 20 milioni di euro.”

Continua a leggere

Notizie

Yamal avrà lo stesso numero di maglia di Messi

Pubblicato

il

Spagna

Lo spagnolo prosegue sulle orme del suo predecessore. Il video che lo immortalava insieme a Messi è un “battessimo”? Yamal avrà la stesso numero di Messi.

Oramai il calcio vive di paragoni. Il bambino prodigio spagnolo è spesso accostato a Lionel Messi. La tenera età e la classe nelle giocate, ricordano l’argentino. Se poi andiamo ad aggiungere ai paragoni i parallelismi, presto fatto. Yamal avrà lo stesso numero di maglia appartenuto alla “pulce”.

Il video che lo ritrae insieme all’ex blaugrana mostra uno Yamal, in tenera età, coccolato da Messi (ai primi anni di Barcellona) mentre gli fa il bagnetto  Se ne è parlato come di una investitura: ora quella ufficiale?

Yamal prende lo stesso numero di Messi

Yamal x Messi

Sul sito ufficiale del Barcellona, una nota del club indica il prossimo numero di maglia del calciatore fresco vincitore di Euro24. Lo spagnolo, infatti, dal prossimo anno avrà sulle spalle il numero 19: lo stesso appartenuto a Messi per le stagioni tra il 2005 e il 2008. Un’investitura quasi ufficiale. 

Continua a leggere

Notizie

Zielinski: programmate le visite mediche

Pubblicato

il

Inter, Zielinski

Zielinski è un nuovo giocatore dell’Inter. Ufficiale dal 6 Luglio, il giocatore polacco inizierà la sua avventura con l’Inter. Pronte le visite mediche.

L’Inter continua ad essere la regina dei colpi a zero. Il passaggio dal Napoli del centrocampista è ormai ufficiale: sono state programmate le visite mediche per Zielinski.

Zielinski a Milano

zielinski

L’ex Napoli è sbarcato quest’oggi a Linate ed è pronto ad aggregarsi agli ordini di Simone Inzaghi. Svolgerà domani, 18 Luglio, le visite mediche per poi aggregarsi subito alla squadra nerazzurra.

Con i partenopei ha collezionato 281 presenze in 8 stagioni, condite da 37 reti. Risultati che lo hanno incoronato uno dei migliori centrocampisti in Serie A e protagonista dello scudetto 2023.

Napoli, Zielinski

Centrocampista duttile e dotato di ottima fisicità, è stato impiegato sia da trequartista che come ala. Perfetto per il gioco del “condottiero” Inzaghi.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Juventus Juventus
Calciomercato12 minuti fa

Juventus, con Cabal i bianconeri completano la difesa. Ma la pista Todibo rimane ancora viva

Visualizzazioni: 84 Secondo quanto emerso nelle ultime ore, la Juventus, nonostante l’acquisto di Cabal che completa la difesa, non avrebbe...

guirassy borussia dortmund guirassy borussia dortmund
Calciomercato21 minuti fa

UFFICIALE Borussia Dortmund, ecco Serhou Guirassy

Visualizzazioni: 216 Nonostante le problematiche riscontrate nei giorni scorsi, il Borussia Dortmund ha ufficializzato l’ingaggio dell’attaccante dallo Stoccarda, pagata la...

Bayern Monaco Bayern Monaco
Esteri31 minuti fa

Bayern Monaco, Lineker tuona: “Kompany un rischio”

Visualizzazioni: 224 Gary Linker è scettico su Vincent Kompany come nuovo allenatore del Bayern Monaco. Ne parla su Sport BILD,...

Calciomercato51 minuti fa

UFFICIALE, Sampdoria: Venuti è blucerchiato

Visualizzazioni: 331 Sampdoria: lo scambio con il Lecce che vede coinvolti Lorenzo Venuti è il giovane Delle Monache è ora...

Rakitic Rakitic
Calciomercato51 minuti fa

In fuga dall’Arabia: Rakitic verso il ritorno in patria

Visualizzazioni: 254 Anche Ivan Rakitic sembra essere vicino all’addio, dopo pochi mesi, dall’Arabia Saudita. Il centrocampista ex Barca verso il...

Lazio Lazio
Calciomercato1 ora fa

Lazio, tutti i nomi nel mirino per rinforzare l’attacco

Visualizzazioni: 271 Secondo quanto emerso nelle ultime ore, la Lazio avrebbe messo nel mirino diversi giocatori per rinforzare l’attacco in...

Calciomercato1 ora fa

Bari, colpo dall’Hellas Verona: fatta per l’attaccante

Visualizzazioni: 192 Il Bari continua la sua straordinaria campagna acquisti e mette a segno un altro colpo. Il nuovo attaccante...

Milan Milan
Calciomercato2 ore fa

Calciomercato Milan, Jovic richiesto in Turchia

Visualizzazioni: 530 Il calciomercato del Milan potrebbe proseguire con l’addio di Luka Jovic, richiesto in Turchia. Stando al Corriere della...

Juventus, Thiago Motta Juventus, Thiago Motta
Serie A2 ore fa

Motta: “Sono tranquillo ma sento la grande responsabilità, voglio dare il massimo e con le nostre idee, competere contro chiunque”

Visualizzazioni: 301  Thiago Motta in conferenza stampa presenta la sua Juventus. Nella stagione più lunga di sempre, la preparazione è...

Serie A2 ore fa

Juventus, il club saluta Rabiot: “Grazie di tutto, Adrien!”

Visualizzazioni: 331 Durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore Thiago Motta, la Juventus ha pubblicato un comunicato di...

Le Squadre

le più cliccate