I nostri Social

Notizie

Inter, Stramaccioni: “Attenzione a un paio di aspetti preoccupanti”

Pubblicato

il

andrea stramaccioni inter

L’allenatore e opinionista sportivo Stramaccioni ha voluto porre l’accento su alcuni dati poco rassicuranti sull’Inter dell’ultimo periodo, da non sottovalutare

Indice

L’Inter vola, ma meno di prima

Che l’Inter sia la protagonista indiscussa di questo campionato è fuori da ogni discussione. Il gioco espresso dalla squadra di Inzaghi fa divertire e ha convinto anche i più scettici. Partite dominate, controllate con sicurezza e portate quasi sempre a casa. Un bottino così ricco che i 14 punti di vantaggio sui cugini del Milan non sono certo un caso.

L’allarme di Stramaccioni

Dopo la sfortunata eliminazione ai rigori in Champions League, sotto i colpi dell’Atletico Madrid, però, la squadra pare aver evidenziato una debolezza che, forse, prima non c’era. O almeno, questo è quello che pensa Andrea Stramaccioni. Ai microfoni di DAZN ha raccontato il suo punto di vista. Le sue parole: “L’Inter con il suo approccio contro il Napoli ha dato subito risposte convincenti, dopo l’eliminazione in Coppa contro l’Atletico. Ma bisogna cominciare a parlare di un altro preoccupante finale di gara. Era successo col Bologna che l’Inter non era riuscita più a uscir fuori. I dieci minuti finali con l’Atletico Madrid alla fine sono stati decisivi e anche oggi è arrivato alla fine il pari del Napoli. Nelle gare precedenti a questo periodo la squadra di Inzaghi era sempre riuscita a congelare il risultato proprio negli ultimi minuti della gara“.

Inter, Simone Inzaghi

L’errore dell’Inter per Strama

L’ex tecnico nerazzurro ha voluto fare qualche passo indietro per descrivere alcuni errori, anche gestionali, del club. Ha parlato, infatti, anche del calciomercato estivo. Ha dichiarato: “Questa squadra in estate ha subito una trasformazione importante. Sembrava avere in pugno Lukaku ma alla fine sono stati presi, bene, Thuram, ma altre due riserve. E quindi è giusto sicuramente dire che la profondità della rosa è eccellente per il campionato italiano. Ma non fino in fondo per l’Europa e ora, prendendo ad esempio anche Taremi, si sta ragionando in quella direzione“.

Notizie

Sassuolo – Milan, le formazioni ufficiali

Pubblicato

il

Sassuolo-Milan, laddove due anni fa i rossoneri conquistarono lo scudetto, c’è la grande chance di ipotecare il secondo posto. Le scelte ufficiali dei due allenatori.

Sassuolo

Ballardini vuole fermare i rossoneri e si affida alla sapienza tattica di Thorstvedt, schierato sulla trequarti assieme a Lauriente e Volpato. In avanti Pinamonti, per sfondare la difesa rossonera.

Milan

Nella giornata di ieri si e’ fermato Maignan, alle prese con un affaticamento muscolare, e che non verrà rischiato da Pioli. Adli sarà l’unico mediano di un 4-1-4-1 o che vedra Musah sulla trequarti assieme a Loftus-Cheek e Leao. Jovic torna dal 1′, così come Chukwueze.

Continua a leggere

Notizie

Piermario Morosini: 12 anni dal tragico fatto

Pubblicato

il

Piermario Morosini

Dodici anni fa, il 14 aprile 2012, ci lasciava Piermario Morosini, stroncato da un attacco cardiaco che lo colpì durante un PescaraLivorno.

Morosini Pescara-Livorno

Piermario Morosini: l’immagine del tragico fatto

Il 14 aprile 2012 è una data che ogni appassionato di calcio (e non solo) non può dimenticare così facilmente. Una data riconducibile ad una delle pagine più tristi del calcio italiano: 12 anni fa moriva, tra lo stupore generale, Piermario Morosini.

Una morte improvvisa e sconvolgente.

La morte di un ragazzo che di lì a poco avrebbe spento le 26 candeline e che la vita gli aveva già messo davanti situazioni bruttissime: dalla scomparsa di entrambi i genitori al suicidio del fratello, eventi che pregiudicherebbero l’esistenza di chiunque.

Tanta sfortuna affossata con la realizzazione del sogno di diventare un calciatore professionista.

Ad iniziare con l’esordio in Serie A a soli 19 anni con la maglia dell’Udinese: primo grande passo verso una carriera più che dignitosa, accomunata alle 18 presenze raccolte con l’Under 21 che gli regalano l’opportunità di calcare palcoscenici prestigiosi in ambito Europeo (2009).

Il suo nome inizia ad essere conosciuto, tanto che gli incubi del passato sembrano essere dimenticati: merito di una vita privata che va benissimo e di una squadra, il Livorno, dove l’unione fraterna tra i giocatori è una delle componenti principali.

Ma, facendo un passo indietro, torniamo a quel tragico 14 aprile, a quella gara maledetta di Serie B all’Adriatico di Pescara in cui il tempo si ferma al 31′: sul risultato di 0-2 in favore dei labronici, Morosini si accascia alle spalle dell’arbitro durante un’azione di gioco, tentando un paio di volte di rialzarsi per riprendere la sua regolare posizione sul terreno di gioco.

Una ripresa che non ci sarà mai, negata da un arresto cardiocircolatorio.

Lo sconforto dei calciatori in campo è totale: Schiattarella piange come un bambino, Verratti si mette le mani in testa senza capire cosa stia realmente accadendo.

Le lacrime si trasportano anche sul volto dei dirigenti a bordocampo, consapevoli della gravità della situazione.

La gara viene sospesa: impossibile giocare in un clima del genereLa terribile notizia, però, giunge poco prima delle ore 17:00: Piermario Morosini non ce l’ha fatta e ha messo le ali senza far rumore.

Un sentimento che si trasforma in rabbia, con la difficoltà nel capire perché il destino si sia accanito così duramente nei confronti di un ragazzo che aveva ancora tanto da dare (non solo al mondo del calcio) alla sua vita.

Da quel giorno Morosini ha un posto speciale nella storia del Livorno che gli ha intitolato una gradinata dello stadio ‘Armando Picchi’, dove il suo nome appare anche nella Curva Sud del ‘Gewiss Stadium’ di Bergamo e nel settore ospiti dell’Adriatico.

Piermario continua a vivere e lo fa ogni giorno, nel ricordo di chi lo amava.

“Ovunque tu sia, sei sempre con Noi!! Ciao Moro!!”

Continua a leggere

Notizie

Juventus, senti Zazzaroni: “Allegri toglierà il disturbo”

Pubblicato

il

Inter, Zazzaroni

Ivan Zazzaroni giornalista e opinionista tv, notoriamente vicino al mondo Juventus, ha sganciato una bomba sul futuro della panchina bianconera.

Juventus, Allegri

Zazzaroni tramite le colonne del Corriere dello Sport di cui è direttore: “Allegri aveva già capito di essere a fine corsa con la Juventus”

Il direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni, attraverso le colonne della propria testata, ha fatto trapelare importanti novità sulla panchina della Juventus.

Andiamo a leggere le sue parole:

“Ad Allegri restano ancora 9 partite, contando eventualmente la finale di Coppa Italia e poi toglierà il disturbo per la felicità di molti tifosi e opinionisti che adesso dovranno impegnarsi per trovare un altro bersaglio. Allegri aveva già capito di essere a fine corsa, ma ha comunque raggiunto il Mondiale per club e un posto in Champions.”

“Lui è grato al gruppo perché ha sempre dato il massimo ma credo che la sua idea di puntare sui giovani non sia condivisa da Giuntoli, che vuole tornare a vincere puntando uno o due acquisti di livello, tipo Koopmeiners.”

Sul dna Juve:

“Io non sono juventino ma seguo l’ambiente da 40 anni e mi stupisco tutt’oggi di come il tifoso non abbia chiaro quale sia il dna bianconero che è formato esclusivamente da nucletoidi della vittoria piuttosto che da bel gioco senza risultati. Maifredi, Zaccheroni, Sarri, Pirlo, talmente distanti dalla natura juventina che sono durati come un gatto in tangenziale.”

Continua a leggere

Ultime Notizie

Milan Milan
Serie A3 minuti fa

Milan, Pioli: “La Roma? Non dobbiamo…”

Visualizzazioni: 3 Prima della gara contro il Sassuolo il tecnico del Milan ha parlato della sfida contro gli emiliani e...

Napoli - Frosinone Napoli - Frosinone
Serie A13 minuti fa

Napoli – Frosinone 2-2: pranzo indigesto per Calzona, un super Cheddira ferma gli azzurri!

Visualizzazioni: 95 Napoli – Frosinone: lunch match indigesto per gli azzurri di Calzona che si vedono costretti a dividere la...

milito milito
Serie A24 minuti fa

Inter, Milito: “Per l’Inter ho dato tutto e ho vissuto momenti indimenticabili. Grande affetto per Lautaro”

Visualizzazioni: 11 Parole al miele quelle di Diego Milito, l’attaccante argentino ha parlato della stagione dell’Inter e della sua esperienza...

Fiorentina, belotti Fiorentina, belotti
Serie A43 minuti fa

Fiorentina, Belotti generoso ma con un triste record

Visualizzazioni: 191 Fiorentina, Belotti arrivato a fine gennaio dalla Roma non è riuscito ad invertire la tendenza della poca prolificità...

Genoa, Gilardino Genoa, Gilardino
Serie A1 ora fa

Genoa, Gilardino: “Penso a una gara alla volta, abbiamo fame e rabbia. Mi aspetto la Fiorentina di sempre. Su Retegui…”

Visualizzazioni: 15 Alberto Gilardino ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Fiorentina-Genoa. L’allenatore ha fatto il punto sugli infortunati...

Hellas Verona Hellas Verona
Serie A1 ora fa

Hellas Verona, da Bergamo a Bergamo: salvezza come scudetto

Visualizzazioni: 24 L’Hellas Verona torna a Bergamo nel ricordo di quella giornata storica del maggio 1985. Questa volta la salvezza...

Notizie2 ore fa

Sassuolo – Milan, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 370 Sassuolo-Milan, laddove due anni fa i rossoneri conquistarono lo scudetto, c’è la grande chance di ipotecare il secondo...

Roma, Huijsen Roma, Huijsen
Serie A2 ore fa

Roma: oggi il compleanno di Huijsen. I tifosi gli chiedono di…

Visualizzazioni: 344 Tramite i social la società giallorossa augura un buon compleanno al difensore, ed i tifosi della Roma gli...

Juventus Juventus
Serie A2 ore fa

Juventus, Szczesny si opera al naso: quando rientra

Visualizzazioni: 32 Il portiere della Juventus ha subito un brutto colpo durante il derby col Torino e si è dovuto...

Serie B2 ore fa

Sampdoria, si ferma la rincorsa blucerchiata: Marassi cade di nuovo

Visualizzazioni: 204 Sampdoria, a Marassi i blucerchiati tornano a conoscere il significato della parola sconfitta. Uno stop che, tuttavia, tiene...

Le Squadre

le più cliccate