I nostri Social

Le interviste

ESCLUSIVA CS, Sgaramella: “DDR? Umile ma consapevole. Con il Milan va preparata benissimo. E su Mou…”

Pubblicato

il

Sgaramella

Veronica Sgaramella, coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, ha parlato in esclusiva ai nostri microfoni riguardo l’ultimo periodo della Roma.

Veronica Sgaramella, coordinatrice, redattrice e inviata di Yepper Magazine, ha rilasciato in esclusiva ai nostri microfoni una breve intervista soffermandosi in particolare sull’ultimo periodo della Roma, dall’esonero di Mourinho ai quarti di finale di Europa League contro il Milan.

Sgaramella

Le parole di Veronica Sgaramella

(Intervista a cura di Francesco Tripodi)

La Roma ha appena pescato il Milan per i quarti di finale di Europa League, cosa ne pensa?

“Chiaramente arrivati a questo punto della competizione qualunque avversaria è ostica. Ed è normale poiché avanzando nelle fasi passano le più forti. Certamente evitare il Liverpool era auspicabile ma allo stesso modo non sottovaluterei né sono entusiasta di un derby europeo. Specie considerando che la Roma dovrà affrontare il 7 aprile quello casalingo, di campionato, contro la Lazio per poi fronteggiare l’11 aprile a San Siro il Milan e risfidarlo nel match di ritorno, decisivo, fortunatamente all’Olimpico, il 18 aprile.

La Roma può giocarsela e si spera che Mister De Rossi possa contare su tutta la rosa al completo e in buona condizione fisica per fare fronte al meglio a tali match decisamente importanti, in programma appunto ad aprile. Pioli e De Rossi conoscono bene il calcio italiano e si studieranno approfonditamente a vicenda. Da un lato gareggiare con un club straniero può essere un’arma a doppio taglio come un vantaggio, è una questione multifattoriale (come avrebbe detto Mourinho), mentre con un’italiana la situazione è diversa. Potenzialmente più gestibile ma, non per questo, più semplice o abbordabile. Va preparata benissimo”.

 

Cosa ha portato alla Roma Daniele De Rossi?

“Daniele De Rossi in quanto ex capitano della Roma, tra i più importanti della storia del club giallorosso, sta dimostrando di essere un leader sulla panchina anche in qualità di allenatore. Proprio come lo era in campo, sostenendo e spronando i compagni di squadra, sta trovando il giusto equilibrio tra ex calciatore e neo tecnico di una squadra di notevole livello (dopo l’esperienza iniziale con la SPAL).

Si tratta di una persona umile ma consapevole, capace di saper osservare e trarre il meglio dall’esperienza di suo padre Alberto come da quella di Luciano Spalletti, uno degli allenatori che a mio avviso ha maggiormente plasmato l’idea di gioco di De Rossi. Riesce come al solito a non essere mai banale, dimostrandosi così un abile comunicatore: senza giri di parole o tattiche riesce a meravigliare di conferenza in conferenza, confermando invero di avere una mentalità vincente da futuro grande allenatore. Al quale auguro di esserlo, a lungo, soprattutto sperando di vederlo per molto tempo sulla panchina giallorossa. Infine penso che alla Roma abbia portato quel senso di Romanismo che la città e i tifosi avevano ritrovato grazie all’operato dei Friedkin e soprattutto a Mourinho. E che rischiava di vacillare vista la complicata situazione post esonero di quest’ultimo, con la città e la tifoseria “spaccata”.

Ovviamente Daniele De Rossi ha sempre incarnato e rappresentato, in particolar modo, il concetto di Romanismo e credo che – proprio per questo e per il grande professionista che si sta dimostrando oltre alla grande persona – solo lui sia stato in grado di raccogliere l’eredità del tecnico portoghese, rilanciando nuovamente (dopo l’esonero di una figura tanto importante) la voglia e il bisogno di sostenere la Roma sempre e comunque.

I continui soldout dell’Olimpico lo dimostrano (e non è un dato scontato), si va oltre il 50° ormai, tuttavia non è solo una questione di numeri (nemmeno di quelli vincenti dal suo esordio da allenatore giallorosso). De Rossi sta riuscendo a ricostruire una nuova Roma e lo sta facendo grazie alla capacità di portare nuova linfa vitale. Sia ai tifosi che ai giocatori, i quali sembrano rinatidal punto di vista fisico (grazie ad allenamenti molto sostenuti) così come da quello motivazionale/mentale. Senza dubbio le loro prestazione precedenti, soprattutto quelle finali prima dell’esonero di Mourinho, erano frutto di una lampante frizione tra squadra e tecnico. Proprio per questo De Rossi è stato notevolmente forte a risollevare la situazione, arrivando in un periodo tutt’altro che facile da gestire. Ma lo sta facendo e fino a questo momento, egregiamente”.

 

Giusto secondo lei l’esonero di Mourinho? Doveva continuare fino a fine stagione?

“Difficile asserire che un esonero sia giusto ma in questo caso è ancora una ferita aperta. Sogno da anni di avere un allenatore della Roma che possa rimanerci per almeno un lustro. Ci speravo e credevo che Mourinho fosse l’uomo giusto. Se le cose fossero andare diversamente a Budapest probabilmente lo sarebbe stato per un po’ più di tempo. Purtroppo è impossibile e deleterio ragionare con i sé e con i ma. Credo tuttavia che la finale con il Siviglia abbia condizionato drasticamente la carriera dell’allenatore portoghese. Tra i più vincenti al mondo. Mou è uno stratega, una persona in grado di usare la comunicazione per spostare l’attenzione quando e dove vuole, capace di vincere trofei su trofei.

Dal suo arrivo a Roma ero sicura (come ho ripetuto per tutta la sua prima stagione) che insieme a lui avremmo vinto la Conference. Al primo anno di una nuova competizione europea ho infatti pensato: questo è materiale per lui. Perfino dopo il Bodo ci credevo ancora e non ho mai smesso di farlo. Se avesse bissato l’impresa di Tirana contro il Feyenoord anche a Budapest, con il Siviglia, ci sarebbero stati risvolti completamenti diversi. Invece anche lui, come molti di noi, è rimasto fermo a quella finale. Difficile superarla quando non la perdi per demeriti ma per un arbitraggio allucinante come quello attuato da Taylor, capace di condizionare/indirizzare la partita e il suo esito in modo netto. Se avesse vinto la Roma i risvolti sarebbero stati decisamente diversi e migliori, sia in termini di conquiste (accesso in Champions), introiti, mercato e ovviamente a livello storico. Sia per la storia del club giallorosso che per la carriera di Mourinho. Certo ha vinto di tutto, premi più prestigiosi, triplete e via dicendo. Però sarebbe stata epica l’impresa di portare un club come la Roma a vincere dopo così tanti anni prima la Conference League e, il seguente anno, l’Europa League. Purtroppo rimane un sogno (realizzabile) che ci è stato però negato e da lì in poi le problematiche si sono sommate fino all’epilogo dell’esonero.

Quando è arrivata la notizia non ero assolutamente favorevole, ero affranta per Mourinho e preoccupata per De Rossi, all’idea che potesse essere una sfida troppo grande e impegnativa quella di arrivare in momento del genere, a far fronte a una situazione simile. Naturalmente ora è più semplice dire che sia stata una mossa giusta/necessaria e stimando infinitamente De Rossi (uno dei calciatori giallorossi che ho sempre ammirato tantissimo) sono più che lieta che stia andando così, per lui e per la Roma. Quella di Mourinho, però, ribadisco: rimane una ferita aperta e avrei voluto finisse diversamente. Ma dal momento in cui credo nel fatto che “Nulla accade per caso”, continuerò a sostenere la Roma e ogni suo tecnico, ben felice di come stia andando la gestione De Rossi e augurandomi che possa proseguire per molto tempo”.

 

Può la Roma arrivare in Champions League, contando anche la possibilità di un 5° posto grazie al Ranking?

“Secondo me la Roma può arrivare in Champions League sì. Come detto inoltre da De Rossi ritengo che un club come quello giallorosso, che da tempo sta ridicendo la sua in Europa, debba assolutamente tornare a giocarsi la competizione europea più prestigiosa a livello calcistico. Chiaramente ora spero che ci si focalizzi il più possibile sull’Europa League ma non credo minimamente che De Rossi trascuri il campionato. Il mio sogno (come credo di moltissimi altri) sarebbe quello di accedere alla qualificazione diretta alla fase a gironi della Champions 2024/2025, vincendo la finale di Dublino ma la strada per arrivarci è ancora lunga.

Ad ogni modo rimane rilevante anche il fatto che in seguito al “poker” delle italiane che si sono qualificate in Europa League, ora, la Roma, sia nona in classifica. Diciamo che se si considerano tutti i fattori si può ben sperare ma non si deve assolutamente sottovalutare il percorso in campionato, specie se ci si ricorda quanto non sia proprio agevolissimo il calendario della Roma sino al termine dell’attuale stagione calcistica”.

 

Hai in mente un qualcosa per il tuo futuro?

“Grazie per questa domanda. In realtà per il mio futuro ho in mente quello di continuare ad occuparmi di calcio e cinema, la mia doppia C del cuore. Il percorso di studi che ho intrapreso fin dall’Università prima, la lunga (e dura) gavetta dopo e l’esperienza maturata pian piano in questi settori mi hanno confermato che riuscire a far coincidere passioni e professione è un grandissimo regalo che ci si fa. Nonostante le tantissime difficoltà che si incontrano in questo percorso.

Dopo più di 10 anni in tale ambito però posso affermare che sono felice di poterlo fare, sempre conscia del fatto che si possa e debba migliorare, rimanendo umili e pronti a crescere sotto tutti i punti di vista: non sentirsi mai “arrivati” ritengo sia la chiave di tutto. Sia perché così ci si impegna a trovare nuovi stimoli per migliorare sia perché è il modo migliore per non perdere né motivazione né passione. Rimangono i progetti e le varie collaborazioni tra redazioni, radio e tv anche se per me personalmente non c’è niente che possa eguagliare l’emozione che mi dà la scrittura. Scaramanticamente per questo non aggiungo altro ma sono contenta di poter continuare questo percorso del quale sto amando ogni passo (pur essendo inciampata più e più volte)”.

 

Ringraziamo Veronica per la gentilezza e disponibilità.

Le interviste

Alexandra Colasanti: “Il successo crea invidia”

Pubblicato

il

Intervista all’ex arbitro Alexandra Colasanti, ora presentatrice ed opinionista televisiva, in esclusiva per Calciostyle.it con la nostra redazione.

Di seguito le parole di Alexandra Colasanti

Alexandra Colasanti

Ciao Alexandra, partiamo da una cosa fondamentale, tu sei stata un arbitro…

“Sono stata un arbitro perché all’età di 18 anni, quindi un po’ in tarda età perché oggi gli arbitri diciamo che si avvicinano a questo ambiente intorno ai 16 o 17 anni, che credo che sia l’età giusta per fare poi un giusto iter che ti permette poi se hai i numeri e soprattutto la preparazione atletica di arrivare poi nelle divisioni alte del campionato.

Ho iniziato un po’ per ribellione e un po’ per dimostrare al capo famiglia che fossi più brava di lui ed ovviamente ho fallito (ride) come tante cose che ho provato a fare come mio padre. Sono cresciuta nel calcio perché è stato un arbitro di Serie A, soprattutto di quei tempi, secondo me, in cui la Serie A era ancora calcio-poesia, io questo ci tengo a sottolinearlo”.

Alexandra tu sei opinionista nella trasmissione “Calcissimo” di Fulvio Collovati che va in onda su TopCalcio24 ma sei anche conduttrice di una trasmissione in onda su Città Celeste TV in Roma…

“Si, in realtà Città Celeste è un ritorno a quello che era il mio passato, arbitrai una partita e da lì mi coinvolsero in una radio che era in partnership con Città Celeste che era Centro Suono Sport che era quella della Roma. Da lì passai poi a Città Celeste e tutti i Lunedì, da Settembre, ho scritto questo programma ritagliandomi questo spazio che si chiama “Il salotto di Sasha” in cui parlo di calcio. Ovviamente parlo molto di Lazio ma anche molto del campionato a 360° perché da 7 mesi ho cercato di far comprendere agli spettatori Laziali storici e veterani, che in realtà è importante vedere cosa stanno facendo le altre squadre perché il “nemico” bisogna vederlo anche da vicino per capire cosa sta facendo. Quindi il Lunedì è anche importante esaminare qual è l’andamento delle competitor”.

Tifosa della Juventus, Allegriana o no cosa pensi a fine della stagione per il discorso della panchina bianconera?

“Io sono sempre stata per 2 anni consecutivi pro-Allegri perché credo che questo allenatore sia il miglior condottiero che la Juventus possa avere in questo momento. Come consuntivo della stagione io direi che Allegri inizia questo campionato senza un mercato. Pogba si infortuna, si è puntato il dito su Allegri che lo ha voluto, però Pogba si infortuna e sceglie una terapia alternativa quindi va contro quello che gli viene consigliato dalla società Juventus e questo non lo poteva gestire Allegri. Arriva Alcaraz e si infortuna e Allegri non poteva prevedere che si infortunasse.

Allegri gestisce una squadra dove non c’è una struttura societaria, quale altra squadra in Italia senza una struttura societaria… parlo proprio della struttura che manca! C’è stato un periodo in cui le vicende della dirigenza della Juventus sono state veramente pesanti ed hanno veramente colpito in modo importante questa società ed Allegri è stato sempre lì da scudo! E poi mettiamoci anche la vicenda delle scommesse in cui si vede portar via uno dei giocatori importanti, forse uno dei più importanti del centrocampo ovvero Fagioli, che poi porta Locatelli a giocare in un altro ruolo.

Guarda caso si inizia un processo che sappiamo tutti coinvolge una serie di giocatori, però come mai ci si ferma a Fagioli, Tonali e Zaniolo e non si va più a fondo? Era per buttare il polverone sui bianconeri, perché purtroppo in questo paese, e lo continuo a sostenere, il successo crea invidia!

Di seguito il link della video-intervista integrale di Alexandra Colasanti dove parla ampiamente di Allegri, di Juventus e di tanto altro…

 

 

 

Continua a leggere

Le interviste

Esclusiva CS, Graziano Campi: “Conte darebbe stabilità, a Motta servirebbe tempo. La situazione economica dell’Inter è un mistero. Su Milan-Roma…”

Pubblicato

il

Campi

Graziano Campi, giornalista, commentatore e opinionista sportivo nonché consulente per la comunicazione, ha concesso un’intervista a noi di CalcioStyle.

Indice

Le parole di Campi a CalcioStyle

campi

Di seguito, l’intervista rilasciata da Graziano Campi a CalcioStyle.

Ciao Graziano, cosa ne penseresti della possibilità di avere il prossimo anno come allenatore Conte o Thiago Motta?

Antonio Conte darebbe subito stabilità al gruppo. E’ molto esigente, ma più che accontentarlo sul mercato è necessario dargli la possibilità di gestire lo spogliatoio: cosa di cui Juventus e Napoli hanno assoluto bisogno. Thiago Motta deve portare una nuova filosofia e sistemare una difesa che Allegri non cosidera adatta per giocare a quattro dietro. Ci vuole più tempo e pazienza con lui: non so se i tifosi della Juventus ne avranno.”

Cosa pensi del futuro scudetto dell’Inter?

Non hanno avuto rivali per tutto l’anno, quindi avrebbero potuto fare di più in Coppa Italia e in Champions League. Rosico un po’, ma Juventus e Milan hanno iniziato un processo di riequilibrio finanziario di cui beneficieranno nei prossimi anni. E’ stato uno scudetto normale, caratterizzato da un dominio indiscusso dentro e fuori dal campo.”

Un giudizio sulla situazione economica dell’Inter.

E’ un grande mistero. I regolamenti attuali vanno migliorati per rispettare quella che è la filosofia del Fair Play Finanziario. Non si può dire che l’Inter bara, ma sicuramente è lecito invocare regole più stringenti per evitare una disparità competitiva. Oggi i grandi club godono di benefici che falsano la sfida rispetto ai club minori.”

Cosa deve fare il Milan per tornare competitivo?

Il Milan è già competitivo, il problema è legato agli infortuni e al bisogno di riorganizzarsi dopo un’estate con troppi cambi. Ora arriverà un nuovo centravanti, probabilmente un centrocampista e un terzino per completare la rosa che già ha recuperato Bennacer rispetto a inizio anno. Zirkzee è secondo me il giocatore giusto per portare il Milan a inseguire la seconda stella.”

Cosa pensi di De Rossi? Merita la conferma?

De Rossi merita una rosa all’altezza. La prossima stagione alcuni giocatori non ci saranno più e andranno sostituiti, ma l’ossatura della squadra è molto buona: lo dimostra questo finale di stagione. E’ poi è l’anno del Giubileo: non si sa mai che possa arrivare una sorpresa…”

Su Tudor?

Deve raddrizzare la squadra. Essere arrivato a fine stagione lo aiuta a capire quali giocatori vanno bene per il suo progetto e quali no. Sta a Lotito accontentarlo, trovando un centravanti che sostituisca degnamente Ciro Immobile. Il resto dipenderà dalle valutazioni che darà il tecnico su Pellegrini e Lazzari sugli esterni e sui trequartisti in rosa. Tenere Felipe Anderson e Zaccagni è fondamentale. Con Luis Alberto e Immobile ormai è il momento di salutarsi: la speranza è che i tifosi li salutino degnamente.”

Come vedi Manna al Napoli?

E’ alla sua prima esperienza da direttore sportivo. Avere De Laurentiis è sia un vantaggio che uno svantaggio. C’è da capire chi sarà l’allenatore, tra Conte e Italiano vedo una straordinaria differenza per il mercato. La difesa va rifatta ma centrocampo e attacco sono già a posto così, in attesa di individuare il centravanti che potrebbe sostituire Osimhen. Sempre che parta: mai dire mai nella vita.”

La Fiorentina deve ricostruire…

❞In questo finale di stagione ha perso Joe Barone e l’allenatore ha già detto che andrà via: è stata una brutta botta. Ora Conference e Coppa Italia servono per chiudere in bellezza, ma poi c’è una squadra da rifare. Vanno scelti allenatore, direttore generale e direttore sportivo: dal mio punto di vista il mercato dei viola negli ultimi tre anni è stato disastroso.”

Atalanta e Bologna invece vanno a gonfie vele…

All’Atalanta vanno fatti i complimenti per la vittoria contro il Liverpool, ma il quinto posto va ancora raggiunto e la Coppa Italia va ribaltata. Credo non ci sia nulla da toccare. Il Bologna invece dovrà fare i salti mortali per trattenere i protagonisti di questo miracolo sportivo. L’infortunio brutto di Ferguson è una tegola oggi, ma potrebbe far restare in Emilia lo scozzese anche per la prossima stagione. Zirkzee e Calafiori, come Motta, invece, andranno sostituiti degnamente. Sono sicuro che ci faranno divertire anche l’anno prossimo.”

E il Torino…

Mi auguro che il presidente faccia qualcosa di più per completare questa rosa. Alcuni giocatori sono a fine corsa e altri non hanno mai performato: il cambio di allenatore sarà fondamentale per individuare quei calciatori in grado di far fare il salto di qualità al club e riportarlo a lottare per un posto in Europa.”

Continua a leggere

Le interviste

Cartoline dal futuro. Stefano Trillocco: “Il mio idolo? Vidal”

Pubblicato

il

Cartoline dal futuro: Stefano Trillocco del Grosseto

Oggi inauguriamo un ciclo di interviste fatte a talenti giovani, ragazzi che potrebbero fare tanta strada nel mondo del calcio. Il primo è Stefano Trillocco.

Per il ciclo di interviste Cartoline dal futuro oggi conosciamo meglio Stefano Trillocco, 18 anni, un metro e ottantotto di potenza, difensore centrale del Grosseto. Al momento è fermo per un infortunio al ginocchio ma presto tornerà a giocare nel club toscano.

Originario di Civitavecchia, frequenta l’ultimo anno delle superiori e parallelamente alla scuola porta avanti la sua carriera da giocatore di calcio professionista. Dopo aver militato nella maggior parte dei club del Lazio, Trillocco ha intrapreso una nuova avventura in Toscana.

Ha un procuratore che è tutto un programma: Franco Zavaglia, noto per essere stato il primo procuratore di Francesco Totti e l’agente di Giuseppe Giannini.

Simpatizzante juventino, è un ragazzo sicuro dei propri mezzi e con le idee chiare sul proprio futuro. Ecco che cosa ci ha raccontato.

Stefano Trillocco (Grosseto Calcio)


Descriviti.

“Sono un difensore centrale molto dotato tecnicamente e fisicamente”.

Quali sono le tue specialità, come difensore centrale?
“La marcatura a uomo: sono cattivo il giusto, senza troppi falli. Infatti raramente prendo cartellini, intervengo sempre pulito sul pallone. La dote migliore che ho sono i lanci, da 50-60 metri”.

Sei destro o sinistro?
“Sono tendenzialmente destro, ma crescendo ho imparato anche a giocare sinistro”.

Hai iniziato la tua carriera da difensore centrale?
“Io ho iniziato da difensore centrale e ho quasi sempre giocato in questo ruolo, tranne alcuni anni che ho giocato con ragazzi più grandi di due anni: a 16 anni giocavo con la Juniores del Rieti e lì giocavo anche come terzino”.

Quando hai scoperto la tua propensione per il calcio?
“Ho iniziato da piccolo, a 5-6 anni, qui a Civitavecchia. Mi aveva segnato papà, mi piaceva il calcio e fin da subito, anche perché ero un po’ più alto degli altri, mi hanno messo dietro fin da subito. Da piccolo non mi piaceva più di tanto fare il difensore, segni raramente… Poi, crescendo, ho capito che è uno dei ruoli più importanti del calcio. Mi piace prendermi questa responsabilità”.

Quindi il merito della tua passione è anche della tua famiglia.
“Ho un ricordo, da piccolino, della finale degli Europei 2012 Spagna-Italia: lì mi sono innamorato di Torres. Poi ho iniziato a giocare a pallone, vedevo tutte le partite con papà. Pure mamma è molto appassionata di calcio, e ci accompagna avanti e indietro tutti i giorni per Grosseto. E’ un sacrificio più per loro che per me, perché vado lì, gioco, mi diverto. Loro guidano, stanno in macchina tutto il pomeriggio, tutti i pomeriggi.

Mi sento di doverli ringraziare perché mi stanno appresso tutti i giorni 24 ore su 24 ore e perché qualsiasi cosa mi serva me lo fanno trovare subito. A partire dalle cure mediche quando mi faccio male a portarmi avanti e indietro tutti i giorni”.

Hai fratelli o sorelle?
“Ho una sorella più grande di 8 anni che non si occupa di calcio: fa la commercialista e il revisore legale a Roma”.

Quand’è che hai pensato che il calcio potesse essere un’opportunità lavorativa, per te?
“Da piccolo. Quando giocavo qui al DLF Civitavecchia mi è arrivata una chiamata dal Ladispoli. Avevo 14 anni. Quell’anno, forse perché ero troppo piccolo, non ci sono voluto andare. Ma è stato meglio così, visto che dopo è arrivata la chiamata della Viterbese e sono andato lì per un anno. Poi purtroppo si è bloccato tutto con il COVID”.

Come hai gestito la situazione, nel periodo del COVID?
“Andavo da solo, ogni tanto mi videochiamavo con la squadra. Quando è finito il COVID abbiamo fatto alcuni tornei e li abbiamo vinti, sempre nel Viterbese, con squadre di zona. All’epoca, alla Viterbese giocavano anche Baschirotto, Adopo… Li ho visti, loro erano grandi, io ero piccolo. Quindici, sedici anni”.

Dopo la Viterbese, com’è continuato il tuo percorso?
“Dopo è arrivata la chiamata del Rieti, e mi hanno detto di giocare nella Juniones. Io sono 2005 e giocavo con ragazzi 2003-2004. Ero un po’ scettico di andare tutti i giorni fino laggiù, ma poi quell’anno mi sono divertito molto. Ho imparato tanto sul piano caratteriale. Loro erano più grandi, io non mollavo mai e sono arrivato al passo loro, a volte superandoli. Loro mi hanno insegnato a non mollare mai“.

Quanto è importante per un giocatore molto giovane potersi confrontare con compagni più grandi ed esperti?
“Per me è stato fondamentale”.

E poi?
“Il Rieti è fallito. Così lo scorso anno sono andato a Grosseto, ci sono stato fino a dicembre-gennaio nella sezione Juniores, poi ho avuto un infortunio al ginocchio e sono tornato a Civitavecchia. Sono stato fermo 3 mesi e poi all’inizio di questa stagione sono tornato al Grosseto”.

Lo stemma del Grosseto Calcio, il club di Stefano Trillocco

Insomma: ti sei girato un po’ tutto il Lazio.
“Sì, lo scorso anno mi sono fatto anche un po’ di esperienza al Civitavecchia in Prima Squadra”.

A noi puoi dirlo: quali sono i tuoi obiettivi?
“Magari, l’anno prossimo, esordire in Prima Squadra in Serie C o Serie D. Mio padre è stato già contattato da alcune squadre. Spero di trovare una squadra di buon livello e iniziare a giochicchiare. Andare avanti con il calcio fino a… sognare”.

Posso chiederti quali squadre ti hanno cercato?
“Non lo dico per scaramanzia (ride, ndr)”.

Saresti disposto a trasferirti altrove?
“Lo sono sempre stato, anche ai tempi della Viterbese. Tranne quest’ultimo anno, perché sono in quinto e ho deciso di concludere le scuole qui”.

Andresti anche all’estero?
“Volentieri. Sognando in grande, a me piacerebbe giocare in Inghilterra. Per il clima e perché mi piacciono i campionati tecnici molto più di quelli fisici”.

In quale squadra inglese ti piacerebbe giocare, se potessi sognare in grande?
“Mi piacerebbe molto giocare all’Old Trafford con il Manchester United“.

Quali sono i tuoi giocatori preferiti?
“Da piccolino, nel mio ruolo mi è sempre piaciuto Sergio Ramos. Però il mio idolo è sempre stato Arturo Vidal“.

Dei difensori centrali della Serie A ce n’è qualcuno che ti piace?
“Quest’anno, secondo me, Bremer è molto forte fisicamente. Uno dei più forti del mondo”.

A proposito di Juventus: che chances ha quest’anno?
“Secondo me non può puntare troppo in alto, deve aspirare al terzo o quarto posto e arrivare in Champions per andare bene l’anno prossimo. Secondo me ci arriva”.

Tornando a te: cosa vedi nel tuo immediato futuro?
“Non trascuro la scuola per il calcio, ho sempre fatto tutte e due insieme senza problemi. Mi vorrei anche iscrivere all’università qui a Civitavecchia, alla Tuscia di Economia. Alle medie ho frequentato l’Istituto Tecnico Economico. Vorrei prendere una laurea in Economia Circolare come mia sorella, di cui vorrei seguire le orme”.

Come si concilia la vita di un giovane calciatore con la vita privata?
“Ormai ci sono abituato, sono 4-5 anni che faccio questa vita. Ho sempre messo in primo piano il calcio, poi c’è sempre stata la scuola. Vado abbastanza bene. La sera studio e faccio i compiti che ci danno. La famiglia la vedo sempre e quando posso esco, ho tanti amici. Conduco una vita normale”.

Quante volte a settimana ti alleni?
“Dal lunedì al giovedì. Esco da scuola, parto e torno a cena”.

Se andassi a giocare in Serie A, dove andresti a giocare?
“Adesso come adesso l’Inter è il top in Italia. Poi Juventus e Milan, indifferentemente”.

Con quale allenatore ti piacerebbe lavorare?
“In Serie A forse Thiago Motta, per il suo stile di gioco”.

Per la Juve: meglio Motta o Conte?
“Lo stile di gioco di Allegri non mi fa impazzire. Fra Conte e Thiago Motta sceglierei Conte, perché ha la carica giusta come con lo scudetto dell’Inter di qualche anno fa. Però anche Thiago Motta è un nuovo allenatore che ha le sue idee ben chiare”.

A proposito di allenatori: cosa pensi di Palladino del Monza?
“E’ un bravo allenatore. Forse un gradino sotto Thiago Motta”.

Come giudichi l’operato di De Rossi a Roma?
“Ha cambiato la squadra: perché con Mourinho non giocava. Con l’arrivo di De Rossi, soprattutto per la sua romanità e per la sua grinta, ha risvegliato tutti quanti, compreso Pellegrini. C’è un’alta probabilità che il suo contratto venga rinnovato a fine stagione”.

Roma-Milan chi la vince?
“Roma-Milan in casa della Roma dipende da come starà Leao: se sta bene non ce n’è per nessuno”.

Dimentichi il fattore Abraham.
“Anche Abraham è forte, ma prima che ritrovi la condizione si arriva all’inizio della prossima stagione. Recuperare dopo una lesione al crociato non è mai semplice”.

Chiudiamo con un quiz: l’attaccante più forte della Serie A.
Lautaro Martinez“.

Il centrocampista più forte?
Barella, che per me è molto simile a Vidal”.

Il difensore più forte?
“Bremer”.

E il portiere?
“Ce ne sono tanti in Serie A. Provedel della Lazio è fortissimo, Szczęsny è un gatto, Sommer prende raramente gol. Ma secondo me il più forte è Maignan del Milan“.

Ringraziamo Stefano per il tempo che ci ha dedicato e gli auguriamo tanta fortuna per la sua carriera.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Europei 2024, Euro2024 Europei 2024, Euro2024
Europei4 minuti fa

Euro2024, designata la classe arbitrale: ci sono anche due italiani e Taylor…

Visualizzazioni: 98 Il Comitato Arbitrale UEFA ha diramato la lista dei 18 arbitri che prenderanno parte ad Euro2024. Ci sono...

Serie A Serie A
Serie A9 minuti fa

Serie A, comunicati anticipi e positicipi della 35° giornata

Visualizzazioni: 25 La Lega Serie A ha appena comunicato date e orari della 35esima giornata di Serie A. In attesa...

Calciomercato13 minuti fa

Milan, accordo totale con i Los Angeles FC: Giroud ai saluti

Visualizzazioni: 80 Milan, come scritto da noi di Calcio Style diverse settimane fa, ora arrivano conferme in merito al trasferimento dell’attaccante francese....

Lorenzo Casini, Udinese -Roma Lorenzo Casini, Udinese -Roma
Serie A24 minuti fa

Casini dopo il rinvio di Udinese – Roma: “Sorpreso che i giallorossi non si sentano tutelati”

Visualizzazioni: 199 Il presidente della Lega di Serie A, Lorenzo Casini, ha parlato del rinvio di Udinese – Roma, con...

Serie A Serie A
Serie A44 minuti fa

Serie A, gli squalificati per la 34°giornata

Visualizzazioni: 335 Conclusa la 33esima giornata ecco la lista degli squalificati che non prenderanno parte alla 34esima di Serie A....

Inter Inter
Calciomercato1 ora fa

Inter, nome nuovo per la difesa: lascerà il Real Madrid

Visualizzazioni: 253 L’Inter, conquistata la seconda stella, continua a lavorare per rinforzare la rosa in vista della prossima stagione. L’ultima...

Notizie1 ora fa

Milan, Fabio Ravezzani:” Due allenatori in grado di garantire fiducia risultati ed entusiasmo” | I nomi

Visualizzazioni: 642 Milan, il noto giornalista Fabio Ravezzani si è espresso in merito all’avvicendamento in panchina dei rossoneri. Andiamo a...

Milan, opzione Lopetegui Milan, opzione Lopetegui
Serie A1 ora fa

Milan: Lopetegui ad un passo… dalla Premier

Visualizzazioni: 448 Il The Telegraph lancia un’indiscrezione clamorosa dopo le voci che abbiamo ascoltato in questi giorni. Il Milan vede...

Inter Inter
Serie A2 ore fa

Inter, si va verso lo spostamento della gara con il Torino

Visualizzazioni: 247 L’Inter, freschissima vincitrice del tricolore, sta ultimando gli ultimi preparativi per la parata scudetto. Si va verso il...

Inter Inter
Serie A2 ore fa

Inter, Ausilio: “Inzaghi chef dello Scudetto. Abbiamo già preso due giocatori forti!”

Visualizzazioni: 289 Il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio, ha parlato ai microfoni di Sport Mediaset dopo il successo dei nerazzurri...

Le Squadre

le più cliccate