I nostri Social

Premier League

All Eyes On Me – il focus sul 38° turno di Premier League

Pubblicato

il

All Eyes On Me

Nuovo appuntamento con All Eyes On Me, la rubrica di Calcio Style dedicata alla Premier League. Di seguito il resoconto dettagliato della trentottesima ed ultima giornata del campionato più seguito al mondo.

Il fascino unico emanato, unito alla perenne scia d’entusiasmo che pervade ogni stadio, confluisce in una commistione di spettacolo, ardore e qualità che conferisce a questo torneo l’aurea di lega paradisiaca in cui solamente i migliori interpreti del gioco possono essere o diventare i protagonisti.

Trentottesimo turno: Manchester City ancora campione, Arsenal e Liverpool chiudono con una vittoria. Il Luton raggiunge Burnley e Sheffield United in Championship.

All Eyes On Me

MANCHESTER CITY 3-1 WEST HAM (2′, 18′ Foden, 42′ Kudus, 59′ Rodri)

Cambiano gli interpreti, passano le stagioni, ma il copione resta lo stesso: il trofeo della Premier League viene sollevato sotto gli occhi di un Etihad Stadium in festa.

Capitan Walker, che ha raccolto in questa stagione la pesante eredità di Gundogan, alza al cielo il quarto titolo consecutivo del Manchester City, mai nessuno ci era riuscito in 135 anni, alla sua presenza numero 300 con la maglia degli Sky Blues, dopo aver sconfitto per 3-1 il West Ham nel segno del neo eletto “Player Of The Season” Phil Foden.

Il numero 47, che si appresta a vivere anche un Europeo da protagonista con l’Inghilterra, firma una pregevole doppietta nei primi diciotto minuti mettendo la gara in discesa, arrivando a toccare quota 27 centri stagionali frantumando il suo precedente record personale di 16 risalente alla stagione 2020-21.

La fantastica rovesciata di Kudus nel finale del primo tempo fa aumentare l’apprensione, ma la stoccata di Rodri (50esima gara di campionato senza sconfitta per lui) con il solito piattone destro dal limite mette la definitiva ipoteca sul decimo titolo nazionale complessivo dei Citizens che scavalcano l’Everton nell’albo d’oro portandosi in solitaria in quarta posizione alle spalle di Arsenal (13), Liverpool (19) e Manchester United (20).

Guardiola solleva, così, la sua sesta Premier League in otto stagioni raggiungendo un’icona come Bob Paisley al secondo posto nella classifica degli allenatori più vincenti nella storia del campionato inglese dietro il solo ed inarrivabile Ferguson fermo a quota tredici.

Il tecnico catalano mette in bacheca il trofeo numero 17 alla guida del Manchester City (con annessi record tra cui i 100 punti della stagione 17-18, il treble domestico della stagione 18-19 a cui va aggiunto il Community Shield, le quattro Coppe di Lega consecutive tra il 2018 ed il 2021, il treble dello scorso anno ed i 90 e più punti raccolti in quattro degli otto campionati disputati), ed il numero 38 in appena quindici anni di carriera da manager (secondo nella graduatoria dei più vincenti di sempre anche qui alle spalle di Ferguson con 49), cifra che potrebbe essere ritoccata sabato nella finale di FA Cup contro il Manchester United nel remake della scorsa stagione.

Festeggia anche la proprietà emiratina al suo successo numero 23 dall’ormai lontano 2008, anno in cui hanno rilevato la società.

ARSENAL 2-1 EVERTON (40′ Gueye, 43′ Tomiyasu, 89′ Havertz)

Non basta, invece, all’Arsenal la vittoria negli ultimi minuti contro l’Everton in un Emirates ricolmo di gratitudine nei confronti di una squadra che ha conteso il titolo fino allo strenuo delle forze ad una corazzata incantando le platee con il suo calcio verticale e sfiorando il record di punti della propria storia fissato a quota 90 dagli invincibili del 2004.

I Gunners vanno sotto al 40′ con la punizione di Gueye deviata da Rice, ma la raddrizzano dopo appena tre giri di lancetta con il secondo centro in campionato di Tomiyasu, potenziale perno per le stagioni a venire. Il solito dominio post pareggio viene concretizzato dalla stoccata di Havertz, nuovamente schierato come riferimento offensivo centrale, che arriva a toccare quota 14 realizzazioni stagionali (miglior stagione da quando è in Inghilterra al pari del 2021-22 con la maglia del Chelsea).

La squadra di Arteta chiude con la miglior difesa del torneo (appena 29 reti incassate), il secondo miglior attacco (91 gol contro i 96 del City), la vittoria numero 28 nelle 38 giornate disputate (questo si, record domestico) e la forte consapevolezza di aver messo delle solide basi per dare nuovamente battaglia ai campioni il prossimo anno.

L’Everton, da par sua, festeggia una larga salvezza con un’altra buona prova che certifica l’ottimo lavoro tattico e psicologico di Dyche nonostante gli 8 punti di penalizzazione.

LIVERPOOL 2-0 WOLVERHAMPTON (34′ Mac Allister, 40′ Quansah)

Il Liverpool saluta Klopp (insieme a Thiago Alcantara e Matip) con una vittoria, la numero 299 in 491 uscite, prima di sciogliersi nel più caloroso degli addii.

Le ultime due reti della quasi decennale gestione del tecnico tedesco portano la firma di due nuovi arrivati: Mac Allister, quinto centro in campionato, e Quansah, classe 2003 cresciuto nel settore giovanile dei Reds e lanciato proprio dal mister tedesco nel corso di questa stagione. Nella ripresa Luis Diaz e Salah sfiorano il 3-0 con il Wolverhampton ridotto in dieci uomini dal 28′ per il rosso diretto sventolato in faccia a Semedo post revisione al Var per un brutto intervento proprio sul 10 argentino.

Jurgen Klopp, dunque, lascia dopo ben nove stagioni, lasso di tempo in cui è riuscito a rialzare e rilanciare le sorti del Liverpool sia in campo nazionale, vincendo il titolo dopo ben 30 anni d’astinenza, che internazionale, portando in dote la Champions League e la Coppa del Mondo per Club dopo 14 stagioni d’attesa.

L’avventura dell’ex Mainz e Borussia Dortmund si conclude con un totale di otto trofei tra cui, oltre quelli già citati, due Coppe di Lega (l’ultima conquistata lo scorso febbraio contro il Chelsea) una FA Cup, un Community Shield ed una Supercoppa Europea, senza contare le tre finali complessive di Champions League ottenute e le stupende battaglie punto a punto con il Manchester City per il titolo. Lascerà spazio ad Arne Slot.

CRYSTAL PALACE 5-0 ASTON VILLA (9′, 39′, 63′ Mateta, 54′, 69′ Eze)

Si chiude con un sonoro 5-0 incassato una stagione che comunque ha garantito all’Aston Villa l’accesso alla prossima Champions League dopo 41 lunghissimi anni.

A Selhurst Park c’è solo una squadra in campo ed è il Crystal Palace che certifica lo straripante stato di forma con una prestazione monstre di tutto il reparto offensivo che vale il decimo posto finale, nonché il sesto successo nelle ultime sette gare di campionato.

L’infermabile Mateta mette a referto la sua prima tripletta in carriera in Premier League facendo registrare un dato impressionante: 14 marcature nelle ultime 16 partite giocate, a fronte delle sole 2 siglate nella prima parte della stagione, che portano il suo bottino stagionale a quota 19 (miglior rendimento realizzativo eccezion fatta per la stagione in Ligue 2 con il Le Havre nel 2017-18).

Ad irrobustire ulteriormente il risultato ci pensa Eze con una doppietta grazie a cui riesce a tagliare il traguardo della doppia cifra in termini di marcature per la seconda stagione consecutiva. La sensazione, però, è che le Eagles potrebbero perdere a fronte di una cospicua offerta sia lui che Olise, destinati a tracciare un importante solco anche in palcoscenici ancor più prestigiosi, nel prossimo mercato.

I Villans chiudono, invece, al quarto posto stabilendo il record di punti interno (68), con il miglior assist-man del torneo (Watkins con 13), ma con solamente una vittoria nelle ultime otto uscite complessive tra campionato e coppa. Ad Emery resta, certamente, il rammarico legato all’eliminazione in Conference League, ma con qualche ulteriore buon innesto potrà togliersi delle soddisfazioni anche il prossimo anno.

SHEFFIELD UNITED 0-3 TOTTENHAM (14′, 65′ Kulusevski, 59′ Pedro Porro)

Il Tottenham chiude con il sorriso la propria stagione blindando il quinto posto e tornando conseguentemente in Europa dopo un anno di purgatorio.

Gli Spurs sbrigano agevolmente la pratica Sheffield United grazie alla seconda doppietta in carriera in Premier League di Kulusevski (l’altra è datata 22 maggio 2022 contro il Norwich, sempre all’ultima giornata) che rompe un digiuno da gol che durava dallo scorso 17 febbraio, e al terzo centro in campionato, il primo fuori casa, di Pedro Porro che pareggia il conto realizzativo con la passata stagione in cui comunque era arrivato nel mercato di gennaio.

Con la ventesima vittoria nel torneo i bianchi di Londra concludono a quota 66 punti e andranno a disputare l’Europa League che potrebbe vederli protagonisti, specie se Postecoglou ed il suo staff riusciranno a limitare gli infortuni muscolari (vera spada di Damocle stagionale) con una preparazione adeguata e se i nuovi acquisti riusciranno ad essere ben integrati.

Le Blades, invece, stabiliscono un nuovo record negativo: nessuno prima d’ora aveva mai incassato 104 reti in un campionato. Superato lo Swindon stagione 1993-94 che si fermò a quota 100. Sventato, quantomeno, il record negativo di punti appartenente al Derby County stagione 2007-08 pari a 11 punti.

CHELSEA 2-1 BOURNEMOUTH (17′ Caicedo, 48′ Sterling, 49′ (aut.) Badiashile)

Quinta vittoria consecutiva del Chelsea che ottiene il sesto posto al termine di un’encomiabile rincorsa e, proprio come il Tottenham, tornerà in Europa dopo un anno senza coppe, considerato il dodicesimo posto della scorsa stagione.

Al contrario degli Spurs, però, i Blues dovranno attendere la finale di FA Cup tra Man City e Man United per capire a cosa equivarrà questa sesta posizione: in caso di successo dei Citizens sarà Europa League, mentre in caso di vittoria dei Red Devils sarà Conference League.

Il 2-1 sul Bournemouth è la ciliegina sulla torta di un ottimo finale di stagione che lascia ben sperare in vista della prossima, considerata la sola, per quanto sonora, sconfitta con l’Arsenal per 5-0 nelle ultime quindici di campionato. L’ultima uscita a Stamford Bridge porta in dote una clamorosa rete di Caicedo (la prima con la sua nuova maglia) che da centrocampo si inventa uno splendido arcobaleno atto a punire la sventurata uscita fuori area di Neto, ed il ritorno al gol in casa di Sterling, a secco davanti ai propri tifosi in campionato addirittura dal 12 novembre.

Utile solo per le statistiche l’autogol di Badiashile sul tentativo di Enes Unal che rimette in partita un Bournemouth comunque coriaceo e certamente appagato dalla miglior stagione mai disputata in Premier League in termini di punti.

Al termine della sfida tifosi, calciatori, allenatore e staff hanno dedicato il loro saluto a Thiago Silva, vincitore di una Champions League nel 2021 con i Blues, che farà ritorno al Fluminense. Inevitabile nota di merito per Cole Palmer che, oltre ad esser stato premiato come miglior giovane della stagione, chiude con numeri irreali, specie se si pensa che questa è stata la prima annata da titolare in Premier League: 22 gol (2° posto dietro Haaland con 27), e 11 assist (2° posto dietro Watkins).

BRENTFORD 2-4 NEWCASTLE (21′ Barnes, 36′ Murphy, 38′ Isak, 48′ Janelt, 70′ Wissa, 77′ B. Guimaraes)

Termina con una vittoria anche il Newcastle che protegge il settimo posto dall’attacco dello United e, così come il Chelsea, dovrà attendere l’esito della finale di FA Cup per capire se il prossimo anno giocherà la Conference League o meno.

I Magpies ne rifilano quattro a domicilio al Brentford, di cui tre nel primo tempo con Barnes, Murphy (entrambe a secco da marzo) e Isak che si porta a quota 21 centri in campionato completando il podio della classifica marcatori. A chiudere i giochi, dopo le reti di Janelt e Wissa che rimettono in discussione il risultato, ci pensa Bruno Guimaraes, alla sua miglior stagione in carriera con 7 reti ed 8 assist all’attivo ed unico, vero perno (37 presenze da titolare su 38) di un centrocampo che è andato sfaldandosi tra gli infortuni di Joelinton e Longstaff e la lunga squalifica inferta a Tonali.

Come per il Tottenham le tantissime e prolungate defezioni hanno condizionato la stagione del grande ritorno in Champions League, ma il lavoro di Howe ha comunque dimostrato di saper pagare bene, considerati anche gli 85 gol messi a referto che fanno dei bianconeri il quarto miglior attacco del torneo alle spalle di Liverpool (86), Arsenal e Manchester City, certamente tre squadre di una caratura superiore.

Se il giovane tecnico inglese resterà siamo certi che il Newcastle continuerà a far bene. Discorso analogo per Frank, mister delle Bees, in grado di ottenere tre salvezze tranquille consecutive, che, però, dovrà probabilmente prepararsi a perdere Ivan Toney.

BRIGHTON 0-2 MANCHESTER UNITED (73′ Dalot, 88′ Hojlund)

Vince il Manchester United sul campo del Brighton, ma non basta per superare il Newcastle: ora i Red Devils dovranno fare all-in sulla FA Cup per riscattare una stagione deludente (mai prima d’ora erano arrivate 14 sconfitte in un singolo campionato, di cui 6 in casa), ed entrare in Europa.

All’American Express Stadium gli uomini di Ten Hag rischiano di andar sotto in più di un’occasione ma un po’ per i riflessi di Onana e un po’ per la scarsa precisione di Adingra e Joao Pedro la fanno franca, per poi mettere la freccia al 73′ con il secondo centro, il primo nel 2024 in Premier League, di Diogo Dalot che prima di questa sfida aveva segnato sul campo dello Sheffield United e su quello del Wigan in FA Cup.

Ipoteca la vittoria il decimo acuto in campionato di Hojlund, il terzo nell’ultimo mese, forse eccessivamente criticato nel corso della stagione. Si concluderà, probabilmente, sabato l’avventura di Ten Hag a Manchester: il tecnico olandese non è riuscito a dare continuità alla prima, buona stagione conclusa con un terzo posto, una Coppa di Lega ed una finale di FA Cup persa 2-1.

Discorso analogo per De Zerbi che termina all’undicesimo posto, anche a causa della scarsa abitudine da parte della squadra ad affrontare il doppio impegno settimanale, e lascia il Brighton dopo un anno e mezzo con l’ovazione di tutto lo stadio.

LUTON 2-4 FULHAM (43′ A. Traoré, 46’pt (rig.) Morris, 48’pt, 49′ R. Jimenez, 55′ Doughty, 68′ Wilson)

Si conclude con una sconfitta interna l’avventura della favola Luton in Premier League, la sesta nelle ultime nove, la ventiquattresima complessiva, davvero troppe per sperare in una salvezza che sembrava complicata già ai blocchi di partenza.

A Kenilworth Road non bastano l’undicesimo centro di Morris ed il secondo di Doughty (che potrebbe avere un buon mercato in estate) contro un Fulham a cui la vittoria mancava dallo scorso 14 aprile e le quattro reti in trasferta dall’8 marzo 2022 data dell’1-5 inferto allo Swansea in Championship.

Marco Silva può sorridere per il ritorno al gol di Raul Jimenez, a secco dal 31 dicembre, oltre che per il pregevole acuto di Adama Traoré ed il conseguente tredicesimo posto con ben 47 punti all’attivo.

Per gli Hatters ci auguriamo che sia un arrivederci alla Premier League, con la consapevolezza che mister Edwards difficilmente avrebbe potuto fare di più con l’organico a disposizione.

BURNLEY 1-2 NOTTINGHAM FOREST (2′, 14′ Wood, 72′ Cullen)

Il Nottingham festeggia la seconda salvezza consecutiva, ottenuta meritatamente nonostante la penalizzazione di quattro punti ed il cambio di guida tecnica in corsa, espugnando Turf Moor centrando il quarto successo esterno del campionato.

Il Forest chiude i giochi già nel primo quarto d’ora con la seconda doppietta stagionale di Chris Wood, assoluto protagonista della permanenza in Premier League con i suoi 14 gol in campionato. I due centri ravvicinati del neozelandese permettono ad Espirito Santo di toccare quota 22 punti ottenuti sotto la sua gestione in 21 gare a confronto dei 14 nelle prime 17 uscite.

I Clarets di Kompany, invece, fanno ritorno in Championship dopo appena un anno così come Sheffield United e Luton con soli 10 punti ottenuti tra le mura amiche (peggior rendimento interno al pari delle Blades). Sicuramente in virtù del dominio dello scorso anno nella seconda lega inglese ci si aspettava qualcosa in più.

Classifica finale

1

Manchester City

91 38 28 7 3 96:34 +62
2 Arsenal 89 38 28 5 5 91:29 +62
3

Liverpool

82 38 24 10 4 86:41 +45
4

Aston Villa

68 38 20 8 10 76:61 +15
5

Tottenham

66 38 20 6 12 74:61 +13
6

Chelsea

63 38 18 9 11 77:63 +14
7 Newcastle 60 38 18 6 14 85:62 +23
8

Manchester United

60 38 18 6 14 57:58  -1
9 West Ham 52 38 14 10 14 60:74 -14
10 Crystal Palace 49 38 13 10 15 57:58 -1
11 Brighton 48 38 12 12 14 55:62 -7
12

Bournemouth

48 38 13 9 16 54:67 -13
13

Fulham

47 38 13 8 17 55:61 -6
14

Wolverhampton

46 38 13 7 18 50:65 -15
15

Everton

40 38 13 9 16 40:51 -11
16

Brentford

39 38 10 9 19 56:65 -9
17

Nottingham Forest

32 38 9 9 20 49:67 -18
18

Luton Town

26 38 6 8 24 52:85 -33
19

Burnley

24 38 5 9 24 41:78 -37
20

Sheffield United

16 38 3 7 28 35:104 -69

– Everton 8 punti di penalizzazione

– Nottingham Forest 4 punti di penalizzazione

 

Ringrazio tutti i lettori a nome mio e dell’intera redazione di Calcio Style. L’appuntamento con “All Eyes On Me” e la Premier League è per sabato 17 agosto. A presto!

Premier League

Leicester, la verità su Potter: l’incontro e la deadline per la risposta, tutti i dettagli

Pubblicato

il

Leicester

Il Leicester vuole sciogliere il nodo allenatore il prima possibile. Fra l’incontro con Potter e Corberan sullo sfondo: la situazione.

Indice

Dietrofront Potter: possibile “yes” in vista?

In questo momento al Seagrave l’unica certezza è la volontà del Leicester di nominare il nuovo allenatore “rather than later“. La deadline è fissata per la fine di Giugno, ma è chiara la voglia delle foxes di dirimere la matassa il prima possibile. Il novero dei candidati si è ristretto a una short-list di due, massimo tre nomi.

Il preferito del board thailandese è da sempre Graham Potter. L’ex-tecnico del Brighton era stato contattato già un anno e mezzo fa, quando il Leicester aveva appena esonerato Brendan Rodgers. Allora la volontà del tecnico inglese era quella di prendersi una pausa, ma soprattutto di non prendere una squadra in corsa.

Le due parti sembravano essersi lasciate con la promessa di risentirsi in estate, tanto che il Leicester aveva puntato su un caretaker come Dean Smith per il finale di stagione, ma la retrocessione della Blue Army (impossibile da pronosticare a inizio stagione, ma anche a metà) ha fatto saltare il banco.

Leicester

Leicester fra Corberan e Potter: la situazione

Una squadra di Championship non aveva l’appeal necessario per attrarre un tecnico come Potter e quindi la scelta delle foxes è ricaduta su Enzo Maresca. Altrettanto sorprendentemente, il Chelsea ha interrotto anzitempo il progetto pluriennale del tecnico italiano nell’East Midlands con un’offerta irrinunciabile.

Ritrovatesi nella stessa situazione (ovvero senza un allenatore) a distanza di un anno e mezzo, il Leicester è tornato dal suo sogno proibito. Inizialmente sembrava che il tecnico inglese avesse rifiutato, ma poi le due parti hanno avuto un nuovo incontro negli ultimi giorni. Le foxes avevano virato su Carlos Corberan, profilo che piace ma la cui clausola rescissoria (4 milioni di sterline) desta preoccupazione data la situazione economica.

Dovendo virare (per esigenze di bilancio) su un allenatore libero da oneri contrattuali, il Leicester è tornato alla carica per sondare la disponibilità di Potter. Il Manchester United (che ha confermato ten Hag) era una delle destinazioni preferite di Potter. Lo stesso Brighton (altra squadra che lo ha cercato, ma che Potter ha rifiutato) è vicinissimo a ufficializzare Fabian Hürzeler. Il novero delle possibilità, quindi, si restringe per Potter.

Leicester

Photo Source: WBA.co.uk

Quando Potter definì le volpi “Un club fantastico

L’allenatore sembra aver aperto alla possibilità di allenare nel Leicestershire, sebbene le limitazioni sul mercato e la possibile penalizzazione inizialmente sembrassero un deterrente. Nonostante tutto, il Leicester rimane un club estremamente attrattivo. Un modello da seguire, invidiato e copiato in Inghilterra ma non solo.

Potter disse questo quando era ancora l’allenatore dei Seagulls: “Abbiamo enorme rispetto per il Leicester. Per il club che sono, per i risultati che hanno raggiunto. Tutti quanti parlano benissimo di loro e noi non siamo poi così diversi da allenatore nel modo che abbiamo di fare le cose. Però il modo in cui loro lavorano, i risultati che hanno ottenuto e come li hanno ottenuti, li hanno resi un club fantastico“.

Potter sarebbe perfettamente in linea con la progettualità del Leicester. E’ un allenatore giovane, moderno e con una filosofia di gioco particolarmente adatta alle esigenze del club. Con lui si potrebbe (ri)costruire un progetto a lungo termine. E soprattutto sarebbe la conferma che il Leicester, nonostante tutto, rimane un club stimato e apprezzato. Al di là della prossima stagione, che si preannuncia complicata, il Leicester vuole iniziare già da adesso a lavorare per tornare ai fasti della sua storia recente. Tutto passa dalla permanenza in Premier League.

Continua a leggere

Premier League

UFFICIALE: Ndombelè non rinnoverà con il Tottenham

Pubblicato

il

Nelle ultime ore è arrivata l’ufficialità: il centrocampista Tanguy Ndombele non ha rinnovato il contratto con il Tottenham.

Tottenham-Ndombele, la situazione

Ndombele, Tottenham

Nelle ultime ore è arrivata l’ufficialità: le strade di Ndombele e del Tottenham si separano.

Il calciatore ex Napoli, dopo l’esperienza fallimentare con i turchi del Galatasary, ha fatto ritorno nel club londinese.

Dove il classe 1996 avrebbe deciso di non rinnovare il proprio contratto con il club londinese, diventando così svicolato e acquistabile da qualsiasi club a parametro zero in questa finestra di mercato estiva.

Finisce così la storia di uno degli acquisti più onerosi della storia del club inglese. Infatti, il calciatore transalpino era arrivato per un cifra intorno ai 62 milioni di euro nel 2019 dal Lione.

Non è però mai riuscito a imporsi in Premier, diventato uno dei più grossi flop della storia degli Spurs.

Continua a leggere

Premier League

Manchester United, deciso il futuro di Ten Hag

Pubblicato

il

Manchester United, Ten Hag

Dopo mesi di riflessione da parte di INEOS arriva la decisione a proposito del futuro di Ten Hag sulla panchina del Manchester United. Ora testa al mercato.

Manchester United, squadra che (non) vince non si cambia: avanti con Ten Haag

Il board dei Red Devils ha deciso: Ten Hag sarà l’allenatore anche nella prossima stagione. Il verdetto è arrivato nella giornata di ieri al termine della riunione di INEOS. La scelta di continuare con l’ex Ajax nasce da vari fattori.

Il primo riguarda sicuramente il lavoro fatto con i giovani. L’esplosione di Mainoo e lo strapotere di Garnacho su tutti hanno inciso particolarmente e portano entrambi il marchio di Ten Hag. Accantonare un giocatore come Casemiro ha rappresentato una sorta di scommessa, brillantemente vinta grazie alla crescita impressionante del n°37.

Mainoo Manchester United Inghilterra

Kobbie Mainoo of England during the International Friendly match England vs Brazil at Wembley Stadium, London, United Kingdom, 23rd March 2024
(Photo by Gareth Evans/News Images)

In secondo luogo c’è il trionfo in Fa Cup. Un trofeo conquistato contro i rivali cittadini del Manchester City. Una vittoria a Wembley che mancava dal 2016 che ha riportato entusiasmo intorno all’ambiente e la qualificazione in Europa League. Tuttavia l’ottava posizione in Premier League ha rischiato di non portare l’atmosfera europea a Old Trafford.

La conferma di Ten Hag sa di fiducia nel progetto e di volontà di dare continuità al lavoro portato avanti negli anni. Se poi si condisce il tutto con un buon calciomercato allora l’insieme promette decisamente bene in vista della prossima stagione.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Buffon Buffon
Nazionale26 minuti fa

Italia, Buffon: “La nostra forza è il gioco e su Spalletti…”

Visualizzazioni: 104 Il capo della delegazione italiana Gianluigi Buffon ha parlato da Casa Azzurri, dopo il match vinto dalla nazionale...

Europei50 minuti fa

Slovenia-Danimarca: le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 96 Ecco le scelte degli commissari tecnici Kek e Hjulmand per la sfida tra Slovenia e Danimarca, prima gara...

Arrigo Sacchi Arrigo Sacchi
Nazionale56 minuti fa

Italia, Sacchi: “Siamo un squadra con carattere. Sulla Spagna…”

Visualizzazioni: 94 La leggenda del calcio italiano Arrigo Sacchi ha parlato ai microfoni de La Gazzetta Dello Sport, analizzando il...

Conte Conte
Calciomercato1 ora fa

Napoli, si allontana il pupillo di Conte? La situazione

Visualizzazioni: 134 Il futuro di Romelu Lukaku molto probabilmente non sarà al Napoli. Il nazionale belga ha chiesto informazioni a...

Roma Roma
Europei1 ora fa

Roma, Totti: “De Rossi? Spero sia il nostro Ferguson. Chiesa e Barella…”

Visualizzazioni: 137 L’ex bandiera della Roma ha parlato dell’allenatore giallorosso ed ha commentato l’esordio della Nazionale azzurra contro l’Albania agli...

Marotta Marotta
Serie A2 ore fa

Inter, Marotta annuncia: “Fatta per il rinnovo di Lautaro e su Inzaghi…”

Visualizzazioni: 162 Il nuovo presidente dell’Inter, Giuseppe Marotta, ha parlato da Casa Azzurri soffermandosi sulla prestazione di Barella e sugli...

Serie A, Bellanova Serie A, Bellanova
Calciomercato2 ore fa

Calciomercato Roma: per Bellanova si valutano due contropartite

Visualizzazioni: 215 Per arrivare all’esterno granata la Roma starebbe valutando d’inserire uno dei suoi elementi così da abbassare il prezzo...

Serie B2 ore fa

Cosenza, la slavina Tutino rischia di investire l’estate dei Lupi

Visualizzazioni: 153 Cosenza, il riscatto di Gennaro Tutino stupito tutto, ed e’ una bomba che rischia di esplodere nell’estate del...

Sassuolo, Dionisi Sassuolo, Dionisi
Calciomercato2 ore fa

Calciomercato Palermo, sprint sulla sinistra: obiettivo in casa Cremonese

Visualizzazioni: 183 Calciomercato Palermo, i rosanero vogliono portare a casa un terzino sinistro tenace per dare un’alternativa a Dionisi. Occhi...

Juventus, Cristiano Giuntoli Juventus, Cristiano Giuntoli
Calciomercato3 ore fa

Attenta Juventus, sul difensore piomba un club inglese

Visualizzazioni: 283 La Juventus continua a lavorare al colpo in difesa. Il primo nome nella lista rimane Calafiori, ma adesso...

Le Squadre

le più cliccate