I nostri Social

MLS

Born in the MLS – Viaggio nel campionato d’oltreoceano #12

Pubblicato

il

Born in the MLS

12° appuntamento con Born in the MLS – viaggio nel campionato d’oltreoceano, la rubrica settimanale di Calciostyle sulla MLS. Ecco il punto sul 12° weekend. 

In un paese dove il calcio non la fa da padrone, c’è una competizione che unisce tutti gli stati da Est a Ovest. La Major League Soccer non è, come molti credono, la pensione del calcio europeo; bensì è una festa, un momento di aggregazione, il modo di vivere lo sport in maniera genuina gustandosi allo stesso tempo un grande spettacolo.

Il gioco importato dall’Europa sta spopolando e oggi più che mai sta toccando il suo picco di popolarità. Tante star e talenti emergenti sono pronti a scendere in campo. This is MLS.

Indice

INTER MIAMI DOMINA E RIMONTA IL DOPPIO SVANTAGGIO. BOUANGA STRARIPANTE FA TRIPLETTA DI ASSIST, SI SBLOCCA MURIEL CHE NE FA 2 A PHILADELPHIA. SUPER BENTEKE ESPUGNA ATLANTA E ARANGO FA DOPPIETTA MA NON BASTA.

Atlanta United – D.C. United 2-3 (16′ Almada, 19′, 44′, 55′, Benteke, 48′ A.G. Peltola)

DC United

Il dodicesimo turno di MLS si apre con uno scontro diretto ai margini della zona playoffAtlanta vuole interrompere la striscia senza vittorie e si troverà di fronte un DC in ripresa.

Match subito scoppiettante con Atlanta che passa in vantaggio poco dopo il quarto d’ora grazie al calcio di rigore conquistato da Giakoumakis e trasformato da Almada. La risposta degli ospiti non tarda ad arrivare e appena 4 minuti dopo ci pensa Benteke a rimettere le cose a posto svettando di testa al centro dell’area su cross di Stroud dalla destra, al termine di una grande azione manovrata.

Il DC conquista il pari e continua a spingere, al tramonto del primo tempo ci pensa ancora Benteke a finalizzare un’azione dei suoi. Ancora di testa su cross di Stroud dopo l’ottima triangolazione tra l’8, Klich ed Herrera.

Nella ripresa arriva subito il gol del nuovo pari di Atlanta, questa a causa della deviazione sfortunata di Peltola sul cross di Lobjanidze che spiazza completamente il portiere.

L’equilibrio dura ancora una volta molto poco. Al 56′ Klich batte un corner che termina sulla desta del solito Benteke, il belga appostato sul secondo palo indirizza verso il primo e colpendolo riesce a mettere fuorigioco Guzan. Prima tripletta in questa MLS per l’ex Crystal Palace.

Vittoria importantissima del DC che rientra prepotentemente nel gruppo playoff e aggancia il sesto posto della Eastern MLS.

CF Montreal – Inter Miami 2-3 (22′ Duke, 32′ Vilsaint, 44′ Rojas, 45’+3 Suárez, 59′ Cremaschi)

Inter Miami

Messi e compagni volano in Canada per continuare a dominare la Eastern MLS. La goleada inflitta ai Red Bulls ha dimostrato ancora una volta lo strapotere offensivo dei rosanero. Padroni di casa che invece non vincono da 3 partite e sono scivolati fuori dalla zona playoff.

Avvio schok dei padroni di casa che nel giro di mezzora ne fanno due. Prima una fuga in contropiede di Vilsaint si conclude con l’assist per Duke che infila Callender sotto le gambe. Poi ancora Vilsaint, questa volta in veste di rifinitore, sigla il raddoppio al termine di un’azione partita dal basso che ha portato l’esterno Lassiter a servire il n°28 dalla sinistra.

Il Miami però non molla mai e poco prima dell’intervallo la riapre grazie a un magistrale calcio di punizione di Rojas che dai quasi 30 metri, in posizione centrale, calcia “alla Messi“, disegnando una parabola che scavalca il portiere e si insacca sul primo palo.

Il gol riaccende gli animi e spinge gli ospiti a continuare le offensive. Finché, negli ultimi secondi di tempo, Gressel batte un corner a rientrare col pallone che viene prolungato e finisce nel cuore dell’area piccola dove Suàrez ci mette la zampata, pareggiando i conti.

Nella ripresa passano appena 10 minuti quando Messi lavora un gran pallone a centrocampo, serve Rojas che vede Cremaschi solo dalla parte opposta e lo serve con un lancio filtrante, il 30 si presenta davanti a Sirois e in caduta riesce a sfiorare quel tanto che basta per completare la rimonta.

A nulla serve l’assalto finale dei padroni di casa. Sesta vittoria consecutiva per l’Inter Miami che vola a 27 punti consolidando il primo posto nella Eastern MLS. I canadesi scivolano al 12° posto.

Charlotte – Nashville SC 1-0 (52′ Agyemang)

Charlotte

I padroni di casa hanno ripreso la marcia contro Portland e si trovano nella top 6 della Eastern MLSNashville ha dato importanti segnali di ripresa dopo il poker rifilato a Montreal.

La partita si rivela subito avvincente con diverse occasioni da una parte e dall’altra. Mukhtar ci prova per gli ospiti mentre Vargas per i padroni di casa. Le squadre vanno a riposo sullo 0-0.

Il secondo tempo si apre con la prima e unica emozione del match. Un appoggio all’indietro sbagliato della difesa di Nashville innesca il contropiede con Vargas che serve Agyemang, il 33 fa a sportellate con un difensore e si sfonda in area di rigore dove col sinistro incrociato fulmina Wills per il vantaggio di Charlotte.

Le occasioni continuano ad arrivare per i padroni di casa che riescono a conservare il vantaggio e conquistano 3 punti che li proiettano al sesto posto in classifica. Nuovo stop per Nashville.

New York Red Bulls – New England Revolution 4-2 (6′ Morgan, 24′ Carles Gil, 43′ Forsberg, 84′ Elias Manoel, 90′ Vrioni, 90’+3 Harper)

New York Red Bulls

I Red Bulls devono necessariamente rialzare la testa dopo i 6 gol subiti a Miami e ricevono un New England rigenerato dopo la vittoria di Chicago.

Padroni di casa che partono fortissimo e vanno in vantaggio dopo appena 6 minuti con Morgan che approfitta di una dormita difensiva e sfrutta direttamente il rinvio dal fondo per involarsi in solitaria e battere Ivacic.

New York continua a spingere e sfiora il raddoppio con Forsberg ma a metà tempo arriva la doccia gelata. Chancalay raccoglie palla sulla trequarti sinistra e crossa al centro dove trova Gil che in tuffo sorprende Coronel per l’1-1.

I Red Bulls non si sciolgono e riprendono ad attaccare. In chiusura di tempo Carmona conquista un calcio di rigore per fallo di mano; dal dischetto va Forsberg che infila all’angolino il nuovo vantaggio.

Il risultato rimane sul 2-1 fino all’84 quando un lancio dalle retrovie libera Carmona vicino al lato corto dell’area di rigore sinistro, il 17 scambia con Elie arrivando così sul fondo, palla in mezzo per Manoel che dal limite dell’area piccola controlla e col destro cala il tris.

New England non ci sta e al 90′ rientra in partita grazie a Vrioni che da centro area mette dentro l’assist dalla sinistra di Boateng lanciato sulla fascia.

Tuttavia, nel recupero sull’ultima azione disponibile Morgan riceve sulla trequarti e col tacco manda in porta Harper che solo davanti a Ivacic apre il piattone e fa 4-2.

Ottima reazione dei Red Bulls che restano in scia a Cincinnati conservando il terzo posto nella Eastern MLS.

Philadelphia Union – Orlando City 2-3 (12′ Uhre, 21′ McGuire, 42′, 46′ Muriel, 66′ Gazdag)

Orlando City

In Pennsylvania si presentauna delle squadre più in difficoltà di questa prima parte di stagione. Tuttavia, anche i padroni di casa non se la passano bene. Gli Union infatti non vincono da 5 partite.

Subito grandi emozioni a Philadelphia coi padroni di casa che passano subito in vantaggio grazie a un lavoro nello stretto al limite dell’area di Mcglynn, che serve Uhre posizionato nel cuore della difesa avversaria e pronto per battere a rete per fare 1-0.

Il pari di Orlando arriva quasi immediatamente. Rimessa laterale nei pressi della bandierina con Lodeiro che scambia con Muriel e va sul fondo, cross perfetto per la testa di McGuire che non sbaglia da pochi passi.

Sul tramonto del primo tempo c’è spazio per il gol del sorpasso Orlando. Un’azione di contropiede libera Muriel sullo spigolo dell’area di rigore destro, il colombiano si accentra e spostatosi la palla sul sinistro calcia forte verso il secondo palo trovando un gol straordinario all’incrocio dei pali. Si tratta del primo gol in MLS per l’ex Atalanta.

Il colombiano ci prende gusto e appena scoccato l’inizio della ripresa attacca la profondità con Lodeiro che lo serve alla perfezione, Muriel si presenta davanti a Semmle e con la sua solita freddezza glaciale incrocia calando il tris.

Gli Union reagiscono subito e trovano il gol del 2-3 ma l’arbitro annulla per offside. A metà ripresa Gazdag riapre, questa volta veramente, la partita trasformando un calcio di rigore.

Il resto del match di trasforma in un assalto di Philadelphia alla ricerca del pareggio. A 2′ dalla fine Gazdag si ripresenta sul dischetto ma questa volta Gallese intuisce e neutralizza il penalty regalando 3 punti ai suoi.

Orlando raggiunge così quota 12 punti grazie alla terza vittoria in questa MLS.

Toronto FC – New York City 2-3 (23′ Santiago Rodríguez, 44′ Jones, 55′ Bernardeschi, 78′ Perea, 91′ Petretta)

New York City

Toronto il morale è alle stelle dopo le 3 vittorie consecutive e il terzo posto in Eastern MLS. L’avversario di turno è il City di New York che vuole a tutti i costi consolidare un piazzamento in piena zona playoff.

Gli ospiti passano in vantaggio poco dopo il 20′ grazie al calcio di rigore di Santiago Rodríguez assegnato dall’arbitro per un fallo di mano. Sul tramonto del primo tempo New York raddoppia grazie all’azione personale Wolf che parte dalla difesa e sfonda fino al limite dell’area, scarica dalla parte opposta per l’arrivo di Jones che apre il piattone e con l’aiuto del palo fa 0-2.

La reazione di Toronto arriva a inizio ripresa col solito Bernardeschi che ribatte in rete da due passi dopo il miracolo strepitoso di Freese sulla conclusione ravvicinata di Longstaff.

I canadesi attaccano ma Insigne non riesce a pareggiare i conti. Allo scoccare dell’ultimo quarto d’ora un recupero alto del City da il via ad un’azione rapida che vede coinvolti PereaOiedaWolf con quest’ultimo che arriva sul fondo all’altezza dell’area piccola e mette in mezzo per il primo che a porta vuota cala il tris.

A 2 dalla fine Toronto accorcia le distanze con Petretta che colpisce al volo un cross di Longstaff ingannando anche Freese per il 2-3.

Importante vittoria per New York City che accorcia proprio su Toronto portandosi a 2 lunghezze dai canadesi. Interrotta a 3 la serie di vittorie consecutive di Bernardeschi e compagni.

Columbus Crew – Cincinnati 1-2 (74′ Kelsy, 76′ Acosta, 89′ Arfsten)

Cincinnati

I campioni in carica tornano in campo dopo il turno di riposo della scorsa settimane e si trovano ad affrontare una delle squadre più in forma del momento, Cincinnati. Gli ospiti infatti si trovano a 21 punti con sole 3 lunghezze di differenza rispetto all’Inter Miami. Si preannuncia un match scoppiettante.

Succede tutto nell’ultimo quarto d’ora della ripresa dopo un primo tempo povero di emozioni. AL 74′ Kubo riceve palla in area dalla destra e tocca per Acosta che salta 3 difensori e si porta sul fondo, crossa sul secondo palo e trova la testa di Kelsy che praticamente dalla linea di porta sigla il vantaggio per Cincinnati.

Neanche 2 giri di lancette più tardi è ancora il n° 10 argentino a rendersi protagonista. L’azione parte dalla trequarti sinistra con Bucha che tocca centralmente per Orellano, il 20 appoggia filtrante di prima per Acosta che rientra sul destro e insacca da 1 metro lo 0-2.

Sul tramonto del match arriva il gol che accorcia le distanze di Columbus con Arfsten che raccoglie una respinta della difesa, rientra sul sinistro e piazza all’angolino lontano.

Gol che però non serve ad altro. Cincinnati continua a stupire e infila la quarta vittoria consecutiva restando in scia all’Inter Miami. Brutta sconfitta per Columbus Crew che si allontana pericolosamente dai primi 6 posti.

FC Dallas – Austin FC 2-1 (4′ Musa, 56′ Ferreira, 84′ Driussi)

Dallas

Dallas si presenta un Austin in piena rimonta verso la top 3 dopo aver battuto i Galaxy e pareggiato con gli Whitecaps. I padroni di casa però non intendono fare sconti e lotteranno su ogni pallone.

Partono fortissimo i padroni di casa che trovano subito il gol grazie a bomber Musa. Il numero 9 approfitta di un retropassaggio calibrato male da parte di Driussi e a tu per tu con Stuver non sbaglia.

Gli ospiti crescono parecchio durante il primo tempo ma non riescono a pareggiare la partita, complice la prestazione di Paes. A inizio ripresa Musa riceve palla a centrocampo durante un’azione di contropiede e verticalizza per Ferreira che solo davanti a Stuver raddoppia per Dallas. 50° gol in MLS per il colombiano.

All’84′ Austin accorcia le distanze con Driussi che trasforma un calcio di rigore conquistato da Gallagher. L’assalto finale non basta per evitare la sconfitta per i texani che scivolano all’ottavo posto della Western MLSDallas invece risorge e avvicina la zona playoff ora distante 5 punti.

Sporting Kansas City – Houston Dynamo 1-2 (31′ Herrera, 61′ Sallói, 78′ Aliyu)

Houston Dynamo

In Kansas lo Sporting cerca il riscatto visto che la vittoria manca oramai da 6 partite e la zona playoff comincia ad allontanarsi. Houston ha cominciato a dare segnali di ripresa col pareggio contro St. Louis.

Le occasioni arrivano per entrambe le squadre durante la prima mezz’ora senza però particolari emozioni. Il primo guizzo è made in Texas con Herrera che batte corto un corner e scambia con Bassi, riceve il pallone all’altezza dello spigolo dell’area e calcia a giro sul secondo palo trovano il gol del vantaggio.

Nella ripresa c’è la reazione dello Sporting che superata la metà del tempo trova il gol del pari grazie a Sallòi che raccoglie una palla vagante al limite dell’area, se la sistema e calcia forte sul primo palo da posizione centrale battendo Clark.

L’equilibrio resiste fino al 78′ quando una progressione di Dorsey, che si fa tutto il campo palla al piede, culmina col passaggio filtrante a tagliare in due la difesa per Aliyu che apre il piattone e fa 1-2 per la Dynamo.

Un miracolo di Clark evita il secondo pareggio consecutivo e proietta i suoi al settimo posto nella Western MLS a quota 17 punti.

St. Louis City – Chicago Fire 3-1 (2′ Alm, 46′ Cuypers, 56′, 67′ João Klauss)

St. Louis City

In Missouri Fire devono dare una scossa alla stagione finora deludente ma per farlo dovranno battere un City imbattuto da 4 partite e in netta crescita.

La partita si stappa immediatamente a causa di un errore difensivo di Chicago che mette in moto Alm, l’esterno prende la mira dai 25 metri e calcia benissimo scavalcando il portiere col pallone che si insacca sotto la traversa.

Il primo tempo si conclude senza particolari emozioni. La ripresa si apre nello stesso modo rispetto alla prima frazione ma questa volta col gol dei FireDurkin si lancia sulla fascia destra e arriva sul fondo, il cross arriva sulla testa di Pompeu appostato sul secondo palo che fa da torre e rimette al centro per Cuypers. L’attaccante gira col sinistro in spaccata e trova il pareggio.

Dura poco il pareggio di Chicago che pochi minuti dopo va di nuovo sotto per effetto del gol di Klauss che colpisce di esterno da centro area il cross di Ostrak.

Il tris lo cala ancora João Klauss che incorna alla perfezione da pochi passi il cross dalla destra di Durkin. Dominio totale di St. Louis City che mantiene Dallas a distanza e consolida il posto ai playoff.

Colorado Rapids – San Jose Earthquakes 2-3 (33′ Rafael Navarro, 42′ Fernández, 44′ Pellegrino, 45’+6 López, 66′ Espinoza)

San Jose Earthquakes

I Rapids puntano dritti alla vetta con i loro 18 punti e un quinto posto nella Western MLS consolidato. Dall’altra parte gli Earthquakes hanno stupito tutti con la vittoria su LA e puntano a ripetersi per smuovere la classifica.

La prima parte di gara è tutta per Colorado che crea occasioni e va in gol poco dopo la mezz’ora grazie a un corner di Mihailovic che premia l’inserimento di Navarro per colpire al volo col destro e fare 1-0.

Pochissimo minuti più tardi arriva anche il raddoppio dei Rapids con Fernàndez che conclude il tikitaka calciando col destro dal limite dell’area e, complice una deviazione, riuscendo a battere ancora Yarbrough.

Sembra fatta per Colorado ma gli Earthquakes colpiscono poco prima dell’intervallo alla prima vera occasione, con Pellegrino che conclude un flipper in area ribattendo in rete la respinta corta di un difensore.

Il maxi recupero del primo tempo sorride a San José che trova il pari grazie alla conclusione volante di Lòpez, il centrocampista sfrutta la torre di Vitor Costa sugli sviluppi di corner e sigla il 2-2.

Nella ripresa continua l’assedio degli ospiti che cercano il vantaggio. A metà tempo ci pensa Espinoza a completare la rimonta. Vitor Costa riceve palla tra le linee sulla fascia, converge verso il centro e arrivato al limite dell’area tocca dalla parte opposta per il n°10 che incrocia col destro davanti a Steffen per il 2-3.

Con questi 3 punti San Josè lascia per la prima volta il fondo della classifica e aggancia Portland al penultimo posto a quota 10 punti. Seconda vittoria consecutiva e terza partita di fila senza sconfitte per gli Earthquakes. Brutto stop invece per Colorado che si vede scavalcato da LAFC.

Los Angeles Galaxy – Real Salt Lake 2-2 (20′, 40′ Arango, 54′ Gabriel Pec, 90’+4 Berry)

Real Salt Lake

Doppia partita a Los Angeles con i Galaxy impegnati nel Big Match di giornata contro il Real di Salt Lake City. Gli ospiti arrivano in California da primi in classifica e puntano ad allungare nello scontro diretto. Los Angeles vuole approfittare del turno di riposo per Minnesota per agguantare il secondo posto.

Dopo un avvio incoraggiante i Galaxy subiscono il gol dello svantaggio col solito Arango che svetta tra due difensori e insacca il cross di Katranis dalla sinistra. Al 40′ Gòmez parte in velocità sulla fascia e con l’uno due si presenta in area, vede al centro il movimento di Arango e lo serve, il 9 colpisce di prima con l’interno del destro e batte ancora McCarthy.

Chicho trova il suo 11° gol in questa MLS e aggancia Suàrez al primo posto della classifica marcatori.

Nella ripresa c’è la reazione dei padroni di casa che dopo 10′ trovano il gol che accorcia le distanze con Pec che arriva come un treno dalla sinistra e colpisce forte di prima su assist di Puig.

Il Real non di disunisce e cerca di incrementare il vantaggio ma non riesce a colpire efficacemente. I Galaxy creano di più e sfiorano diverse volte il gol del pari. Gol che arriva in pieno recupero grazie a Berry che anticipa l’uscita scellerata di MacMath e in scivolata mette dentro su cross di Puig dalla destra.

Pari in extremis per Los Angeles che ferma la corsa del Real Salt Lake mantenendo a 2 le lunghezze tra le due franchigie.

Los Angeles FC – Vancouver Whitecaps 3-0 (18′, 36′ Olivera, 57′ Bogusz)

Los Angeles FC

L’altro match che caraterizza la giornata a LA vede protagonisti i padroni di casa dell’LAFC contro gli Whitecaps di Vancouver. Si tratta di un altro match delicato che potrebbe smuovere parecchio la classifica viste le sole 3 lunghezze che dividono le due squadre.

Il primo quarto d’ora è totale dominio dei padroni di casa che creano 4/5 occasioni nitide ma Takaoka è attento e inchioda il risultato. Da registrare anche un paio di occasioni per gli ospiti ma Lloris risponde presente.

LAFC sembra più in palla e affidando la maggior parte delle azioni a Bouanga i pericoli aumentano il coefficiente. Infatti, è proprio dal francese che parte il cross decisivo per Olivera al 18′. L’esterno si inserisce in area e anticipa anche Takaoka per il vantaggio LA.

10′ dall’intervallo è ancora il 99 a seminare il panico sulla fascia sinistra. L’incursione del francese culmina con l’assist dal fondo ancora per Olivera che appoggia a porta vuota il 2-0.

Nella ripresa Bouanga continua la sua splendida serata e con l’ennesima incursione dalla sinsitra mette un cross che supera ancora Takaoka diventando buono per Bogusz che in spaccata volante cala il tris. Reazione timida di Vancouver che deve arrendersi alla terza sconfitta in questa MLS, la seconda nelle ultime 5 partite.

I californiani agganciano proprio i canadesi in classifica.

Portland Timbers – Seattle Sounders 1-2 (15′ Mora, 19′ Cristian Roldan, 50′ Ruidíaz)

Seattle Sounders

La giornata si chiude a Portland dove i Timbers accolgono Seattle. Le due squadre sono appaiate in classifica e 3 punti permetterebbero a una delle due di rientrare nel treno playoff.

La gara inizia subito a ritmi alti con Seattle che prova a portare i primi pericoli dalle parti di Crèpeau. Al quarto d’ora però sono i Timbers a sbloccare il risultato. Lancio dalla difesa di Zuparic che pesca in area Rodrìguez, il 14 usa il petto per appoggiare in favore di Mora che fulmina Frei per l’1-0.

Dura poco il vantaggio di Portland che si fa raggiungere al 19′ dalla conclusione di Roldan dal limite dell’area deviata da un difensore che beffa così Crèpeau.

L’equilibrio resiste complice anche l’alternanza nella creazione delle occasioni delle due squadre che però non riescono a centrare il bersaglio grosso.

La svolta arriva nella ripresa quando intorno al 5′ minuto un’azione tutta di prima dei Sounders sviluppata al limite dell’area porta Vargas al limite dell’area, il 18 tocca a rimorchio per Ruidíaz che calcia di prima col sinistro e trova una traiettoria imprendibile per Crèpeau.

Rimonta completata per Seattle che riesce a respingere tutti gli attacchi dei Timbers alla ricerca del pareggio. La vittoria permette ai Sounders di rimanere in scia a St. Louis che occupa l’ultimo slot utile per rientrare nei playoff. Sconfitta che invece spedisce Portland sul fondo della classifica.

Classifica e prossimo turno MLS

EASTERN MLS

Squadra P V P P G+ G- Punti
1 Inter Miami 13 8 3 2 35 20 27
2 Cincinnati 12 7 3 2 15 10 24
3 New York RB 12 5 5 2 20 18 20
4 Toronto 12 6 1 5 16 17 19
5 New York City 12 5 2 5 14 14 17
6 Charlotte FC 12 5 2 5 13 13 17
7 DC United 12 4 5 3 19 19 17
8 Columbus Crew 11 3 6 2 13 11 15
9 Philadelphia Union 11 3 5 3 21 19 14
10 Atlanta United 11 3 3 5 16 14 12
11 Orlando City 11 3 3 5 14 20 12
12 Montreal Impact 11 3 3 5 15 23 12
13 Nashville 11 2 5 4 14 19 11
14 Chicago Fire 12 2 4 6 12 22 10
15 New England Revolution 11 2 1 8 9 22 7

WESTERN MLS

Squadra P V P P G+ G- Punti
1 Real Salt Lake 12 6 4 2 20 11 22
2 Minnesota United 10 6 2 2 17 11 20
3 Los Angeles Galaxy 12 5 5 2 23 19 20
4 Vancouver Whitecaps 11 5 3 3 18 13 18
5 Los Angeles FC 12 5 3 4 22 19 18
6 Colorado Rapids 12 5 3 4 20 18 18
7 Houston Dynamo 11 5 2 4 11 11 17
8 Austin FC 12 4 4 4 15 15 16
9 St. Louis City 11 3 7 1 18 15 16
10 Seattle Sounders 12 3 4 5 15 14 13
11 Dallas 11 3 2 6 12 16 11
12 Sporting Kansas City 12 2 5 5 19 21 11
13 San Jose Earthquakes 12 3 1 8 20 28 10
14 Portland Timbers 12 2 4 6 21 25 10

PROSSIMO TURNO

Giovedi, 16 Maggio 2024
Cincinnati 01:30 Atlanta United
DC United 01:30 New York RB
Montreal Impact 01:30 Columbus Crew
Orlando City 01:30 Inter Miami
Philadelphia Union 01:30 New York City
Austin FC 02:30 Houston Dynamo
Chicago Fire 02:30 Charlotte FC
Minnesota United 02:30 Los Angeles Galaxy
Nashville 02:30 Toronto
St. Louis City 02:30 Los Angeles FC
Colorado Rapids 03:30 Vancouver Whitecaps
Real Salt Lake 03:30 Seattle Sounders
Portland Timbers 04:30 San Jose Earthquakes

MLS

Born in the MLS – Viaggio nel campionato d’oltreoceano #13

Pubblicato

il

Born in the MLS

13° appuntamento con Born in the MLS – viaggio nel campionato d’oltreoceano, la rubrica settimanale di Calciostyle sulla MLS. Ecco il punto sul 13° turno. 

In un paese dove il calcio non la fa da padrone, c’è una competizione che unisce tutti gli stati da Est a Ovest. La Major League Soccer non è, come molti credono, la pensione del calcio europeo; bensì è una festa, un momento di aggregazione, il modo di vivere lo sport in maniera genuina gustandosi allo stesso tempo un grande spettacolo.

Il gioco importato dall’Europa sta spopolando e oggi più che mai sta toccando il suo picco di popolarità. Tante star e talenti emergenti sono pronti a scendere in campo. This is MLS.

Indice

ORLANDO FERMA L’INTER MIAMI E CINCINNATI NE APPROFITTA. BATTAGLIA SERRATA ALLE SPALLE DEL REAL SALT LAKE CHE COMPIE LA PRIMA MINI FUGA, BOUANGA CONTINUA A TRASCINARE LAFC. CADONO TORONTO E VANCOUVER.

CF Montreal – Columbus Crew 1-3 (19′ Arfsten, 45’+2 Choinière, 59′ Rossi, 89′ Hinestroza)

Columbus Crew mls

I campioni in carica fanno visita ai canadesi di Montreal per tornare alla vittoria dopo una lunga astinenza. I padroni di casa hanno messo nel mirino i playoff ma non vincono da 4 partite.

La sbloccano subito gli ospiti con Arfsten che ribatte in rete la respinta di Sirois sulla conclusione di esterno da centro area di MatanMontreal trova la forza di reagire e crea diversi pericoli per la porta di Schulte arrivando a conquistare un calcio di rigore nel recupero del primo tempo.

Dal dischetto va Choinière che spiazza il portiere di Columbus e fa 1-1. Nella ripresa tornano in cattedra gli ospiti che al quarto d’ora colpiscono in contropiede con la progressione di Moreira che arriva al limite e premia la sovrapposizione di Ramìrez, il 17 mette al centro per Rossi che a porta vuota appoggia l’1-2.

1′ dalla fine la chiude Hinestroza che un piattone all’angolino al termine di un’azione tutta di prima sulla fascia destra, orchestrata da Moreira.

Tornano alla vittoria i campioni della scorsa MLS che si portano a quota 18 puntiTerza sconfitta di fila per i canadesi.

Cincinnati – Atlanta United 1-0 (7′ Kelsy)

Cincinnati

Il sogno in Ohio continua e tocca ad Atlanta mettere il bastone tra le ruote di CincinnatiAcosta e compagni vogliono continuare la striscia positiva aspettando il passo falso dell’Inter Miami.

Il gol che decide i match arriva in apertura di primo tempo. Percussione centrale di Robinson con la sua conclusione che finisce rimpallata, Acosta si avventa sul pallone e dalla fascia destra crossa in area per Kelsy che di testa da due passi fa 1-0.

La reazione di Atlanta c’è ma si rivela troppo sterile per impensierire la difesa di Cincinnati. Dal canto loro anche i padroni di casa faticano a trovare altri spazi per raddoppiare.

Nella ripresa il copione rimane pressoché lo stesso con nessuna delle due squadre che prevale sull’altra. I 3 punti vanno ai padroni di casa che si portano -1 dall’Inter Miami. Con la sconfitta di oggi Atlanta viene sbattuta fuori dai playoff rimanendo a quota 12 punti.

DC United – New York Red Bulls 1-4 (45’+2 Elias Manoel, 52′ Harper, 57′ Morgan, 65′ Bartlett, 90’+3 Burke)

New York Red Bulls

Washington arrivano i Red Bulls, reduci dalla vittoria su New England, che puntano a rimanere in scia al secondo posto. Lo United vuole agganciare il quarto posto della Eastern MLS.

Primo tempo equilibrato con gli ospiti che registrano più possesso palla e dominio nella metà campo avversaria ma non trovano il gol fino al recupero. Rilancio di Amaya che cade nella zona di Manoel, l’attaccante lascia rimbalzare, vede il portiere fuori dai pali e dai 30 metri cerca il pallonetto trovando un gol fuori dal comune.

In apertura ripresa gli New York trova il raddoppio grazie a un contropiede di Forsberg che si porta sulla sinistra e premia l’inserimento dalla parte opposta di Harper, il 17 torna sul sinistro per evitare una scivolata e fredda ancora Bono.

Passano pochi minuti e Morgan cala il tris appoggiando a porta vuota il tentativo fallito di aggirare il portiere da parte di Harper lanciato nell’1 vs 1. Al 65′ arriva il gol della bandiera del D.C. United col colpo di testa di Bartlett da corner.

Nel finale ci pensa Burke a chiudere la partita siglando il poker con un inserimento perfetto tra difensore e terzino, freddano nuovamente Bono.

Vittoria importantissima per i Red Bulls che sfruttano il passo falso di Toronto e resistono alle spalle di Cincinnati.

Orlando City – Inter Miami 0-0

Inter Miami

La squadra più in forma del momento vola a Orlando per giocare il derby della Florida. L’Inter Miami deve confermare lo stato di schiacciasassi e affronta una squadra in piena rinascita.

Orlando appare più in forma e infatti le occasioni del primo tempo sono tutte per i padroni di casa che sbattono contro Callender, autore di una straordinaria prestazione.

Gli ospiti, orfani di Messi, cercano di sbloccare il risultato sfruttando le capacità realizzative e di inserimento di Luis Sùarez ma la strategia non va a buon fine.

Il gol non arriva col passare dei minuti nemmeno per i padroni di casa che con Muriel creano le occasioni più pericolose. Il match non offre particolari emozioni e si conclude sullo 0-0.

Si interrompe così la striscia di 5 vittorie consecutive dell’Inter Miami che a causa di questo pareggio si fanno avvicinare di una sola lunghezza da CincinnatiOrlando conquista un punto importante vista la sconfitte di alcune concorrenti.

Philadelphia Union – New York City 1-2 (2′ Martínez, 45’+2 Wolf, 47′ Carranza)

New York City

Gli Union di Philadelphia ospitano al Subaru Park il City di New York. Partita interessante fra due squadre che distano 3 lunghezze. Gli ospiti vengono da una striscia più positiva.

Il match si stappa immediatamente dopo 2 minuti grazie al filtrante di Perea che lancia sulla fascia Santiago Rodriguez, in area accompagna Martìnez che viene servito alla perfezione con un altro filtrante e di prima non sbaglia da pochi passi. Ospiti in vantaggio e doccia fredda per gli Union.

La prima parte di partita è tutta per New York City che continua a creare pericoli per la porta di Semmle, tuttavia ogni tanto c’è anche la timida reazione di Philadelphia ma le parate di Freese mantengono inchiodato il risultato.

In chiusura di primo tempo inoltre, un calcio di punizione all’altezza della bandierina battuto da Wolf si trasforma in un tiro che colpisce il palo e si insacca in rete per lo 0-2 in favore degli ospiti.

La ripresa si apre con lo splendido calcio di punizione di Carranza che fa girare il destro e inganna Freese riaccendendo così la partita. Gli Union si gettano alla disperata ricerca del pareggio. Imprecisione e scarsa lucidità però spengono tutti i tentativi. Negli ultimi secondi arriverebbe anche il gol del pari ma l’assistente annulla tutto per offside.

New York City sembra tutta un’altra squadra rispetto alle prime giornate e vincendo conquista il quarto posto della Eastern MLSPhiladelphia invece finisce ai margini della zona playoff a quota 14 punti.

Austin FC – Houston Dynamo 1-0 (87′ Driussi)

Austin Fc

In Texas si gioca un altro derby. Questa volta andrà in scena ad Austin con padroni di casa e Houston appaiate in classifica. In palio tre punti che valgono la top 5.

La partita si rivela subito molto divertente con Austin che colpisce anche un palo nei primi minuti e continua a creare occasioni. Houston risponde sbattendo addosso a uno Stuver in stato di grazia.

Nella ripresa sono gli ospiti a salire in cattedra con Carrasquilla e Aryu tra i più attivi ancora una volta il gol non arriva. Austin torna a spingere grazie anche al sold out registrato per questo match.

Gli ultimi minuti si rivelano nuovamente decisivi per i padroni di casa. Infatti, all’87′ un corner di Rigoni non viene allontanato efficacemente col pallone che resta vagante in area piccola e su cui Driussi si avventa, segnando un gol pesantissimo.

3 punti fondamentali per i padroni di casa che vengono proiettati così a 19 punti con due sole lunghezze di distanza rispetto al secondo posto della Western MLS, condiviso da ben 4 squadreHouston subisce il sorpasso proprio da Austin e scivola all’ottavo posto.

Chicago Fire – Charlotte 0-1 (60′ Westwood)

Charlotte

Chicago si gioca un match importante soprattutto per Charlotte che vuole centrare la terza vittoria consecutiva per consolidare i playoff. I Fire devono necessariamente cambiare rotta.

Il primo tempo è tutto di marca Charlotte, a eccezione di un’occasione di Cuypers, che domina il campo e crea occasioni continue. La poca precisione però fissano il risultato sullo 0-0 nella prima frazione.

La ripresa riprende lo stesso copione dei primi 45′ con la differenza che allo scoccare del quarto d’ora gli ospiti passano in vantaggio. Westwood si incarica di battere un calcio di punizione dalla lunetta dell’area di rigore. Il n°8 colpisce alla perfezione col destro e porta in vantaggio Charlotte.

Fire cercano una reazione e riescono a costruire diverse occasioni nel corso del secondo tempo, senza però trovare il punto del pari. Lma squadra ospite si chiude a riccio e respinge tutti gli assalti di Chicago.

I padroni di casa vanno così in contro alla terza sconfitta consecutiva, la quarta nelle ultime 5, e restano al penultimo posto in classifica. Per Charlotte invece si tratta della terza vittoria di fila che vale il quarto posto a pari merito con New York City.

Minnesota – Los Angeles Galaxy 2-2 (30′ Hlongwane, 61′ Joveljic, 68′ Fagúndez, 80′ Arriaga)

Minnesota

Scontro diretto in Minnesota per tentare l’assalto al primo posto. Entrambe sperano nel passo falso del Real di Salt Lake. I Galaxy sono ambiziosi e puntano ai 3 punti ma non sarà affatto facile.

Dopo una mezzora di dominio da parte di Minnesota arriva anche il tanto meritato gol del vantaggio. Da un corner il pallone viene messo fuori area a campanile, Hlongwane lo aggancia e dopo un rimbalzo calcia di collo pieno dando vita a una traiettoria che si schianta sulla traversa e tocca dietro la linea di porta. Dopo un check del VAR il gol viene assegnato.

Per vedere la reazione dei Galaxy bisogna attendere la ripresa, quando una grande azione di Pec sulla destra permette al n°11 di presentarsi in area e appoggiare al centro per Joveljic, l’attaccante da due passi pareggia i conti.

La rimonta si concretizza qualche minuto più tardi grazie a Puig che parte in progressione dalla sua metà campo, arriva fino al limite dell’area a con l’esterno tocca per Fagúndez che incrociando batte ancora St. Claire.

Minnesota reagisce e si affida alle qualità balistiche di Lod per trovare il pari ma il 17 spreca due occasioni nitide. A 10′ dalla fine ci pensa Arriaga a rimettere tutto in equilibrio battendo McCarthy con un colpo di testa su corner di Rosales.

Il pareggio è un risultato negativo per entrambe che subiscono l’aggancio di LA Colorado Rapids a quota 21 punti.

Nashville SC – Toronto FC 2-0 (81′ Moore, 90’+1 Bunbury)

Nashville

Il Toronto cerca riscatto dopo la sconfitta interna contro il New York City per ritornare a inseguire il primo posto nella Eastern MLS. Deve però vincere a Nashville dove troverà una squadra in grande difficoltà.

Primo tempo nervoso senza particolari emozioni si chiude a reti bianche. Nessuna delle due prevale sull’altra e il match risulta abbastanza noioso.

La ripresa comincia a prendere le sembianze di una partita di calcio con Nashville che crea pericoli soprattutto con Mukhtar SurridgeToronto risponde con Kerr Spicer ma i due non riescono comunque a centrare la porta.

Il match si decide negli ultimi 10 minuti. All’80′ Godoy sventaglia da metà campo in area per Zimmermann che fa da torre indirizzando sul secondo palo dove arriva Moore per l’1-0 Nashville.

Nel primo minuti di recupero Bovd entrato da poco si invola sulla fascia destra e una volta in area serve Bunbury sul secondo palo che spacca la porta da pochi passi.

Vittoria che dà molto morale ai padroni di casa che tornano alla vittoria dopo lo stop contro Charlotte e agganciano Philadelphia ai margini della zona playoff. Brutta sconfitta per Toronto che va in contro alla seconda di fila e perde posizioni.

St. Louis City – Los Angeles FC 0-2 (59′, 90’+5 Bouanga)

Los Angeles FC

Il nuovo club di Olivier Giroud fa visita al St. Louis City per continuare la rimonta verso le prime posizioni della Western MLS. Il City in caso di vittoria scavalcherebbe proprio i californiani.

La partita subisce subito una svolta. All’11 l’arbitro assegna un calcio di rigore ai padroni di casa e dal dischetto va Klauss che però si fa ipnotizzare da Lloris.

Da quel momento LA domina il gioco creando occasioni su occasioni ma senza trovare il gol del vantaggio. Nel recupero del primo tempo St, Louis trova passa in vantaggio ma il VAR annulla per un tocco col braccio del marcatore.

Nella ripresa arriva la svolta per gli ospiti. Allo scoccare del quarto d’ora Bogusz lancia Bouanga in solitaria dalla propria metà campo, il 99 non si fa pregare e davanti a Burki non sbaglia.

La reazione di St. Louis non arriva e allora nell’ultima azione disponibile, durante il disperato assalto dei padroni di casa, Bouanga ruba palla all’ultimo uomo e si invola da solo verso la porta avversaria siglando con lo scavetto il gol che chiude i conti.

Grande vittoria di LA nel segno di Bouanga nuovamente decisivo. I californiani agganciano i cugini dei Galaxy ma anche il secondo posto nelle Western MLS.

Colorado Rapids – Vancouver Whitecaps 1-0 (45’+5 Rafael Navarro)

Colorado Rapids

Big match in Colorado fra due squadre appaiate in classifica e in un buon momento di forma. Entrambe però, vengono da una sconfitta e sono in cerca di riscatto. I Rapids vogliono la vittoria davanti al proprio pubblico.

Ottimo l’atteggiamento degli Whitecaps in apertura di partita. Tante occasioni per i canadesi ma grande prestazione di Steffen che abbassa la saracinesca e blocca le offensive avversarie.

La svolta del match arriva nel recupero del primo tempo quando un fallo di mano nell’area degli ospiti concede un calcio di rigore ai padroni di casa. Rafael Navarro si presenta dal dischetto e spiazza Takaoka per l’1-0 Colorado Rapids. Il VAR decide anche per l’espulsione di Utvik che complica ulteriormente le cose.

Nella ripresa continua dunque il dominio dei Rapids alla ricerca del gol per chiudere definitivamente la partita. Fernandez Bassett sono tra i più pericolosi e sfiorano in un paio di occasioni il raddoppio. I padroni di casa attaccano fino all’ultimo secondo ma devono accontentarsi dell’1-0.

Vittoria che permette a Colorado di agganciare il secondo posto della Western MLS assieme ad altre 3 squadre. Per Vancouver invece si tratta della seconda sconfitta consecutiva. I playoff ora sono a rischio.

Real Salt Lake – Seattle Sounders 2-0 (27′ Gómez, 58′ Luna)

Real Salt Lake

La capolista della Western MLS ospita Seattle e punta alla vittoria per continuare la volata verso la vittoria finale. Gli ospiti dal canto loro cercheranno di mettergli i bastoni tra le ruote anche per alimentare il sogno playoff.

La partita volge subito in favore dei padroni di casa con Luna tra i più attivi. Seattle non pervenuto in campo fatica a creare occasioni. Il Real la sblocca poco prima della mezz’ora grazie al contropiede guidato da Luna che spacca in due il centrocampo dei Sounders, appoggia per Crooks che tocca in profondità per Gòmez; l’11 arriva in area, rientra sul sinistro e piazza sul secondo palo trovando il gol del vantaggio.

Salt Lake continua a spingere per trovare subito il raddoppio ma Seattle alza il muro difensivo e non lascia altri spazi agli attaccanti avversari. Nella ripresa si ripete il copione della prima frazione.

Poco prima del quarto d’ora di gioco Vera parte in progressione e spezza nuovamente il centrocampo avversario, tocca in profondità per Luna che rientra sul destro e infila ancora Frei.

Il match si trasforma in un vero e proprio bombardamento verso la porta dei Sounders che però non porta ad ulteriori marcature. Il Real Salt Lake approfitta del passo falso delle inseguitrici e compie la prima mini fuga della stagione.

Portland Timbers – San Jose Earthquakes 4-2 (31′ Pellegrino, 34′ López, 74′ Evander, 80′, 90’+10 Rodríguez, 90′ Mora)

Portland Timbers

Chiude il tredicesimo turno di MLS la sfida di bassa classifica tra i Timbers e gli Earthquakes. Ospiti che sembrano rinati dopo i 7 punti nelle ultime 3 partite, al contrario per Portland si tratta del peggior momento della stagione.

Il primo tempo si accende solo nel finale quando da corner di EspinozaPellegrino ribatte in rete la risposta di Crèpeau in seguito al colpo di testa di Ebobisse e porta in vantaggio San Jose.

Qualche minuto più tardi Lòpez ruba palla a un difensore in fase di impostazione, vede Crèpeau fuori dai pali e lo supera con un pallonetto da fuori area. 0-2 per gli Earthquakes.

Dopo un primo tempo scioccante i Timbers reagiscono negli ultimi 20 minuti di partita. Il gol che riapre le danze arriva su calcio di rigore concesso per fallo di mano di Wilson che ha praticamente salvato un gol a porta vuota. Evander dal dischetto non sbaglia.

All’80′ Miller verticalizza per Evander che riceve palla tra le linee, il 10 si gira e serve la corrente Rodríguez che chiude sul primo palo trovando il 2-2. Negli ultimi minuti Portland conquista un calcio di rigore grazie a Rodríguez che sbatte addosso a Yarbrough. Dal dischetto va Mora che completa la rimonta.

Nel finale Rodríguez chiude i conti in contropiede. Portland torna così a vincere dopo un lungo digiuno e recupera un po’ di terrerno sulle altre.

Classifica e prossimo turno MLS

EASTERN MLS

Squadra P V P P G+ G- Punti
1 Inter Miami 14 8 4 2 35 20 28
2 Cincinnati 13 8 3 2 16 10 27
3 New York RB 13 6 5 2 24 19 23
4 New York City 13 6 2 5 16 15 20
5 Charlotte FC 13 6 2 5 14 13 20
6 Toronto 13 6 1 6 16 19 19
7 Columbus Crew 12 4 6 2 16 12 18
8 DC United 13 4 5 4 20 23 17
9 Philadelphia Union 12 3 5 4 22 21 14
10 Nashville 12 3 5 4 16 19 14
11 Orlando City 12 3 4 5 14 20 13
12 Atlanta United 12 3 3 6 16 15 12
13 Montreal Impact 12 3 3 6 16 26 12
14 Chicago Fire 13 2 4 7 12 23 10
15 New England Revolution 11 2 1 8 9 22 7

WESTERN MLS

Squadra P V P P G+ G- Punti
1 Real Salt Lake 13 7 4 2 22 11 25
2 Minnesota United 11 6 3 2 19 13 21
3 Los Angeles FC 13 6 3 4 24 19 21
4 Colorado Rapids 13 6 3 4 21 18 21
5 Los Angeles Galaxy 13 5 6 2 25 21 21
6 Austin FC 13 5 4 4 16 15 19
7 Vancouver Whitecaps 12 5 3 4 18 14 18
8 Houston Dynamo 12 5 2 5 11 12 17
9 St. Louis City 12 3 7 2 18 17 16
10 Seattle Sounders 13 3 4 6 15 16 13
11 Portland Timbers 13 3 4 6 25 27 13
12 Dallas 11 3 2 6 12 16 11
13 Sporting Kansas City 12 2 5 5 19 21 11
14 San Jose Earthquakes 13 3 1 9 22 32 10

PROSSIMO TURNO

Sabato, 18 Maggio 2024
Nashville 19:45 Atlanta United
Domenica, 19 Maggio 2024
Charlotte FC 01:30 Los Angeles Galaxy
Cincinnati 01:30 St. Louis City
Inter Miami 01:30 DC United
New England Revolution 01:30 Philadelphia Union
New York City 01:30 New York RB
Toronto 01:30 Montreal Impact
Austin FC 02:30 Sporting Kansas City
Chicago Fire 02:30 Columbus Crew
Houston Dynamo 02:30 Dallas
Minnesota United 02:30 Portland Timbers
Real Salt Lake 03:30 Colorado Rapids
San Jose Earthquakes 04:30 Orlando City
Seattle Sounders 04:30 Vancouver Whitecaps
Continua a leggere

MLS

Born in the MLS – Viaggio nel campionato d’oltreoceano #11

Pubblicato

il

Born in the MLS

11° appuntamento con Born in the MLS – viaggio nel campionato d’oltreoceano, la rubrica settimanale di Calciostyle sulla MLS. Ecco il punto sull’11° weekend. 

In un paese dove il calcio non la fa da padrone, c’è una competizione che unisce tutti gli stati da Est a Ovest. La Major League Soccer non è, come molti credono, la pensione del calcio europeo; bensì è una festa, un momento di aggregazione, il modo di vivere lo sport in maniera genuina gustandosi allo stesso tempo un grande spettacolo.

Il gioco importato dall’Europa sta spopolando e oggi più che mai sta toccando il suo picco di popolarità. Tante star e talenti emergenti sono pronti a scendere in campo. This is MLS.

Indice

MESSI E SUAREZ DANNO SPETTACOLO, SONO 6 I GOL PER L’INTER MIAMI. ARANGO DECIDE ANCORA E SPEDISCE IN ALTO SALT LAKE CITY. MINNESOTA SI PRENDE LA VETTA, STOP PER GALAXY E LAFC.

Atlanta United – Minnesota 1-2 (54′ Arriaga, 60′ Oluwaseyi, 82′ Lobjanidze)

Minnesota MLS

I padroni di casa non riescono più a vincere mentre Minnesota vuole vincere per agganciare la vetta della Western MLS. Primo tempo divertente con entrambe le squadre che vanno vicine al gol del vantaggio, nessuna delle due però prevale sull’altra.

Nella ripresa gli ospiti sbloccano il match da corner con Rosales che batte una traiettoria a uscire per la testa di Arriaga, niente da fare per Guzan. Passano pochi minuti e Minnesota raddoppia.

Errore in impostazione del terzino sinistro Wiley che regala palla ad Harvey, il 67 tocca per Oluwaseyi che si porta al limite dell’area e calcia rasoterra da posizione centrale infilando il pallone nell’angolino.

La reazione di Atlanta c’è ma si rivela troppo inconsistente per riaprire il match nonostante il gol che accorcia le distanze segnato da Lobjanidze. Il 9 conclude un’azione scaturita da un rinvio dal fondo del portiere avversario intercettato con Giakoumakis che spizzando manda in profondità Rìos e il georgiano che non sbagliano.

Altra vittoria fondamentale per Minnesota che si porta a 20 punti, alle spalle del Real Salt Lake.

Charlotte – Portland Timbers 2-0 (54′ Petkovic, 90’+3 Copetti)

Charlotte

Charlotte si gioca una partita tra due squadra in grossa difficoltà. I Timbers non vincono da 7 partite e cercano riscatto mentre i padroni di casa arrivano da due sconfitte consecutive.

Partita scoppiettante fin da subito con i padroni di casa che dominano il campo e creano occasioni. Portland attende per ripartire in contropiede. Il risultato però resta inchiodato sullo 0-0 per tutta la durata del primo tempo.

In apertura di ripresa Charlotte la sblocca grazie a Petkovic che riceve palla tra le linee al limite dell’area, dribbla agilmente McGraw e in diagonale infila Crepeau.

Il match continua a seguire il copione del primo tempo, tante occasioni per i padroni di casa ma niente gol che chiude i conti. Per il raddoppio bisogna attendere il recupero quando Mosquera batte all’indietro una rimessa laterale all’altezza della metà campo, Copetti si avventa sul pallone lento e lo intercetta, si invola verso la porta e col piattone fa 2-0 Charlotte.

Grande vittoria che permette ai padroni di casa di rientrare nel gruppo playoff e rialzare la testa. Ottava partita senza vittoria per i Timbers.

DC United – Philadelphia Union 2-2 (9′ Dájome, 33′ Murrell, 42′ Bedoya, 79′ McGlynn)

DC United

Lo United ha rialzato la testa grazie alla vittoria su Seattle e affronta un Philadelphia a secco da due partite, che arriva dalla sconfitta nel recupero giocato proprio contro i Sounders.

Partono forte i padroni di casa che dopo neanche 10 minuti si portano in vantaggio grazie alla grande azione tutta di prima che parte dalla linea laterale destra con la scucchiaiata di Herrera per Klich, tocco per Stroud che trova al centro Dájome per l’1-0.

Reazione veemente di Philadelphia che attraverso calci di punizione e ripartenze cerca il gol del pari. Tuttavia, nel momento migliore degli ospiti è il D.C. a riemergere all’improvviso.

Benteke spizza un lancio dalla difesa, Stroud di testa indirizza per Murrell che al limite dell’area lascia rimbalzare e calcia col sinistro trovando l’angolino lontano.

Poco prima dell’intervallo arriva anche il gol che riapre la partita. Da un calcio di punizione nella zona della metà campo Wagner batte a sorpresa in verticale e pesca Bedoya che col tocco sotto fa 1-2.

Nella ripresa tante occasioni per lo United con gli Union che ereggono un muro per difendersi dalle offensive. In chiusura di partita però gli sforzi degli ospiti sono premiati. Al termine di un’azione manovrata sulla destra, McGlynn riceve palla sulla trequarti e rientra col sinistro, calciando direttamente in porta dai 25 metri. Pallone all’incrocio alla destra di Bono 2-2.

Punto importante per Philadelphia che rimane appaiato proprio al D.C. a quota 14 punti.

Inter Miami – New York Red Bulls 6-2 (30′ Vanzeir, 48′, 62′ Rojas, 50′ Messi, 69′, 75′, 81′ Suárez)

Inter Miami

Messi e compagni vogliono continuare a volare ma deve battere i Red Bulls che hanno rifilato 4 gol al Miami giusto una quarantina di giorni fa. Entrambe non perdono da diverso tempo e potrebbero dare vita a un bello spettacolo.

La prima emozione arriva alla mezzora con Forsberg che in contropiede tocca d’esterno per la corrente Carmona, il 19 calcia a incrociare ma colpisce il palo e Vanzeir sulla ribattuta fa 0-1.

La reazione dell’Inter Miami arriva nella ripresa con Rojas che dialoga con Messi, riceve palla da destra, la lascia sfilare sul sinistro e tira dai 20 metri trovando il sette opposto. 1-1.

Neanche 2 giri di lancette più tardi e i padroni di casa la ribaltano. Errore in disimpegno di Carmona che si incarta sul pallone, permette a Rojas di recuperare e servire Suàrez, il 9 tocca a sua volta per Messi che davanti a Coronel non può sbagliare.

Il Tris arriva ancora per mano dell’argentino che dialoga con Rojas e conclude l’azione con un filtrante perfetto a tagliare in due la difesa avversaria, il 7 si trova così solo davanti a Coronel e lo supera con lo scavetto.

Ma non finisce certo qui. Infatti, poco dopo ancora Messi porta palla fino allo spigolo dell’area di rigore, affronta Tolkin e al momento giusto disegna il cross per Suàrez che in mezza girata volante fa 4-1.

Il gol che cala la manita è puro stile Barcellona prime momentsMessi parte dal cerchio di centrocampo e supera 3 avversari, arriva a limite e scarica per Suàrez che chiede lo scambio, lo ottiene e sigla la sua doppietta personale da pochi passi.

L’attacco della squadra rosa è straripante e qualche minuto dopo arriva anche il sesto gol. Sempre Messi parte sulla fascia destra e arriva sulla trequarti, vede il taglio ancora dell’uruguaiano, lo serve con l’esterno col numero 9 che controlla col sinistro aggirando il portiere e insaccando col destro a porta vuota la prima tripletta personale in MLS.

Nel finale c’è anche spazio per i Red Bulls che trovano il gol del 2-6 su calcio di rigore con Forsberg.

Continua la cavalcata dell’Inter Miami che vincendo allunga sulle inseguitrici, riducendo ai soli Cincinnati e Toronto le possibili concorrenti al primo posto.

Orlando City – Cincinnati 0-1 (1′ Acosta)

Cincinnati

I padroni di casa sono scivolati nel corso delle giornate a 9 punti che corrispondono al terzultimo posto e vogliono rialzarsi. Cincinnati deve continuare la rincorsa all’Inter Miami.

Il gol che decide il match arriva nel primo minuto di gioco. Battuto il calcio d’inizio Yedlin riceve palla sull’esterno, lancia in profondità per Acosta che sfugge subito alla difesa di Orlando e ha tutto il tempo per mandare fuori giri i difensori e appoggiare in porta il gol del vantaggio.

Col passare dei minuti arriva la reazione di Orlando City che colpisce un legno da corner e crea altre occasioni pericolose. Tuttavia a complicare ulteriormente le cose ci pensa Schlegel che abbatte Kubo lanciato in campo aperto proprio su errore dello stesso difensore e si fa cacciare.

Nella ripresa i padroni di casa vanno vicinissimi al pareggio con Angulo che aggira anche il portiere ma sulla linea trova Murphy.

Terza vittoria consecutiva per Cincinnati che resta in scia all’Inter Miami a quota 21 punti. Penultima posizione confermata per Orlando.

San Josè Earthquakes – Los Angeles FC 3-1 (5′ Rodrigues, 55′ Pellegrino, 59′ A.G. Bouanga, 69′ Olivera)

San Jose

Gli Earthquakes hanno interrotto una lunga serie di sconfitte grazie al pareggio di Nashville, ma rimangono comunque all’ultimo posto. LA sta rimontando posizioni soprattutto alle prestazioni di Bouanga.

La partita si stappa immediatamente col corner di Espinoza che pesca Rodrigues sul primo palo. Colpo di testa preciso e Lloris battuto. Le occasioni continuano da una parte e dall’altra ma il risultato rimane inchiodato sull’1-0 fino all’intervallo.

Nella ripresa partono meglio di padroni di casa che dopo 10 minuti trovano il gol del raddoppio. Espinoza riceve palla sulla fascia destra all’altezza del cerchio di centrocampo e lancia lunghissimo per Pellegrino dalla parte opposta, il 9 sfrutta gli errori dei difensori, aggira Lloris e sigla il 2-0 San José.

Passano nemmeno 5 minuti e da un corner, battuto sul primo palo da solito EspinozaBouanga sfiora di punta il pallone mettendo fuorigioco il portiere francese per il tris degli Earthquakes.

Nonostante questo però LA riesce a reagire con Olivera che sfrutta l’errore in costruzione di Costa e ruba palla sulla trequarti, si presenta in area e batte Yarbrough con un diagonale preciso all’angolino opposto.

Questo gol non basta per completare la rimonta. San José trova la sua seconda vittoria in MLS e data la sconfitta di Dallas si porta a -1 proprio dalla squadra texana. Brutta sconfitta per LA che resta comunque in zona playoff.

Toronto Fc – FC Dallas 3-1 (45′ +3, 52′ Bernardeschi, 82′ Longstaff, 87′ Junqua)

Toronto

I canadesi vogliono dare continuità alle due vittorie consecutive contro New England Orlando per rimanere in scia alla top 3. Per Dallas è un occasione di conferma dopo la vittoria rigenerante contro Houston.

Il primo tempo è un monologo di Toronto che attacca ma non trova il gol del vantaggio finché nel recupero Osorio non viene atterrato in area. Per l’arbitro è calcio di rigore. Dal dischetto va Bernardeschi che si fa parare la conclusione da Paes ma sulla ribattuta è il più veloce di tutti a insaccare il vantaggio.

Nella ripresa altro acuto dell’ex Juventus che fa la sua solita azione sulla fascia, si accentra, rientra sul sinistro e calcia alla perfezione sotto l’incrocio opposto per il 2-0 Toronto.

Non succede altro fino agli ultimi 10 minuti. Un’azione di contropiede si conclude con Bernardeschi che raccoglie in area sul secondo palo, punta il difensore e appoggia con un filtrante per l’arrivo di Longstaff che controlla e da dentro l’area piccola appoggia sul primo palo il tris per i canadesi.

Nel finale c’è spazio anche per il gol della bandiera di Dallas con Junqua che riceve in area da Ferreira e batte Johnson con un destro forte ravvicinato.

Vittoria importante per Toronto che aggancia il terzo posto della Eastern MLS e mette in fila la terza vittoria consecutiva.

Chicago Fire – New England Revolution 0-1 (62′ Chancalay)

New England

Fire non vedono la vittoria da un po’ di tempo e quale migliore occasione per ritrovarla se non davanti al proprio pubblico, contro la squadra che occupa l’ultimo posto della Eastern MLS, ovvero New England.

Le due squadre si affrontano a viso aperto creando occasioni da una parte e dall’altra senza però impensierire i rispettivi estremi difensori. Nel secondo tempo però sono gli ospiti a salire in cattedra e guidare il gioco. Charles Gil si carica la squadra sulle spalle e prova a sbloccare il risultato.

Gol del vantaggio di New England che arriva a mezzora dal termine. Chancalay sfrutta l’errore di valutazione di Gutman che si fa rimbalzare il pallone addosso invece di controllarlo, il 5 entra in possesso del pallone e si porta al limite dell’area dove scarica un sinistro potente all’incrocio.

Fire reagiscono ma le parate di Ivacic e la sfortuna gli impediscono di arrivare al pareggio. Cuypers è troppo sprecone così il match si conclude con la sorprendente vittoria dei Revolution. 3 punti che permettono agli ospiti di avvicinare Orlando City al penultimo posto e di collezionare la seconda vittoria in questa MLS.

Houston Dynamo – St. Louis City 0-0

Houston Dynamo

Houston si affrontano due squadre appaiate in classifica con la stessa voglia di raggiungere i playoff. Gli ospiti sono in un momento di forma migliore grazie alla sola sconfitta nelle ultime 5 partite contro le 3 della Dynamo.

Primo tempo molto equilibrato con occasioni da entrambe le parti, quelle più pericolose arrivano sul fronte Dynamo in particolare con la traversa colpita sugli sviluppi di corner.

Dall’altra parte Klauss lavora molto di sponda e fa salire la squadra ma tutte le occasioni create non sortiscono alcun effetto.

Nella ripresa le due squadre si dividono i momenti di dominio e difesa con St. Louis che va più vicina al vantaggio ma senza riuscirci. Pareggio che permette ad entrambe di allungare su Kansas City restando così in zona playoff.

Nashville SC – CF Montreal 4-1 (12′, 47′, 82′ Surridge, 21′ Zimmerman, 65′ A.G. Zimmerman)

Nashville

In Tennessee arriva Montreal che si trova appena fuori dalla zona playoff della Eastern MLS e vuole dare continuità alle ultime prestazioni. Per i padroni di casa le cose non sembrano migliorare, complice anche l’unica vittoria raccolta in 9 match disputati.

La partita si sblocca nel primo quarto d’ora con un’azione tutta in verticale che parte da Davis, passa per Yearwood e arriva a Surridge che ha tutto il tempo di controllare e aprire il piattone per l’1-0 Nashville.

Passano pochi minuti Zimmermann raddoppia incornando alla perfezione un calcio d’angolo di Godoy. Timida reazione nel finale di tempo da parte di Montreal che non sortisce effetti.

Appena iniziata la ripresa Mukthar viene lanciato in profondità, il 10 lavora alla perfezione il pallone e si porta sul fondo per poi appoggiare verso Surridge che da centro area sigla la sua doppietta personale e cala il tris.

A metà secondo tempo i canadesi accorciano le distanze grazie all’autorete di Zimmermann che devia nella sua porta il cross rasoterra di Choiniere dalla destra.

Il gol da coraggio a Montreal che però non riesce a mettere ulteriormente in difficoltà Nashville e a 10 dal termine incassa il poker con Surridge che ribatte in porta la traversa colpita da Mukhtar sugli sviluppi di corner.

Seconda vittoria in questa MLS per Nashville che scavalca così Chicago Orlando raggiungendo quota 11 punti. I canadesi rimangono fermi a 12 fuori dalla zona playoff.

Real Salt Lake – Sporting Kansas City 1-0 (81′ Arango)

Real Salt Lake

A Salt Lake City c’è clima di festa, complice il primo posto conquistato dal Real nell’ultimo turno. L’obiettivo è consolidarlo ma di fronte c’è uno Sporting avvelenato per la mancanza di vittorie nelle ultime 4 partite.

Il primo tempo volge a favore del Real che porta la maggior parte dei pericoli per la porta di Pulskamp. Lo Sporting gioca e crea ma non trova il guizzo giusto.

La ripresa percorre gli stessi binari della prima frazione con Salt Lake in controllo del gioco e portatore dei maggiori pericoli. Gli attaccanti della squadra di casa colpiscono ben 3 pali grazie anche alla prestazione del portiere avversario.

Quando la partita sembra indirizzata verso il pari ecco che sbuca il bomber. Calcio di punizione dalla trequarti di Vera che batte a rientrare e trova sul secondo palo Arango, l’attaccante schiaccia di testa e scavalca il portiere senza che i difensori possano evitare il gol. Nono gol in questa MLS per Chico che avvicina Messi Suàrez.

Il Real Salt Lake conquista una vittoria fondamentale che li proietta al primo posto della Western MLS a quota 21 punti.

Vancouver Whitecaps – Austin FC 0-0

Vancouver Whitecaps

In Canada gli Whitecaps devono necessariamente tornare alla vittoria per restare in scia alla vetta ma per farlo, dovranno battere Austin che arriva da 4 vittorie nelle ultime 5.

I padroni di casa dominano la prima frazione e trovano anche il gol del vantaggio ma dopo l’intervento del VAR la rete viene annullata per offside.

Nella ripresa continua il monologo degli Whitecaps per sbloccare il risultato ma l’imprecisione degli attaccanti, unita alla prestazione positiva di Stuver impediscono di raggiungere questo obiettivo.

Gli ospiti non creano quasi mai pericoli dalle parti di Takaoka e conquistano un punto importante che li mantiene saldi al sesto posto della Western MLS. Per Vancouver invece il punto fa perdere contatto con la vetta, sempre più lontana.

New York City – Colorado Rapids 0-2 (16′ Navarro, 86′ Bassett)

Colorado Rapids

A New York si presentano i Rapids del Colorado in cerca di punti per mantenere il quinto posto. Dal canto suo il City dopo aver finalmente trovato un equilibrio, vuole confermare l’ottimo stato di forma.

Gli ospiti sbloccano il match appena dopo il quarto d’ora al termine di un’azione avvolgente che porta Bassett al cross, dalla parte opposta c’è Navarro che si sposta il pallone sul destro e disegna una parabola perfetta che scavalca Freese e si inscacca per il vantaggio dei Rapids.

Nonostante lo svantaggio New York reagisce ma non trova il gol del pareggio, complice una buona prestazione di Steffen. Le squadre vanno all’intervallo sullo 0-1.

Nella ripresa il City continua l’assalto alla ricerca del pareggio ma sono troppo imprecisi i tentativi degli attaccanti. Colorado ne approfitta e a pochi minuti dal termine chiude la partita. Bassett parte in contropiede, chiede lo scambio a Harris e si lancia in sovrapposizione, ricevuto il pallone di ritorno colpisce di prima in diagonale battendo Freese.

3 punti d’oro per Colorado che aggancia così il quarto posto della Western e interrompe la striscia positiva di New York.

Seattle Sounders – Los Angeles Galaxy 0-0

Seattle Sounders

La giornata di MLS si conclude a Seattle dove i Sounders ospitano il Los Angeles Galaxy. Gli ospiti devono tenere il passo del Real Salt Lake ma di fronte si trovano una squadra rivitalizzata dalla vittoria ottenuta in settimana a Philadelphia.

Primo tempo a Seattle che tende a favore dei padroni di casa grazie alle numerose occasioni create da Ruidìaz e compagni ma la difesa dei Galaxy regge bene l’impatto.

Nella ripresa continua l’assalto dei Sounders ma l’ottima giornata di McCarthy nega la gioia del gol agli attaccanti della squadra di casa. Nel finale crescono gli ospiti con Puig tra i più attivi ma tutti i tentativi risultano vani.

Punto positivo per Seattle che da continuità alla vittoria contro Philadelphia ottenuta in settimana. Battuta d’arresto per Los Angels che si vede scavalcato da Minnesota e perde leggermente contatto con la vetta.

Classifica e prossimo turno MLS

EASTERN CONFERENCE MLS

 ▾ Squadra P V P P G+ G- Punti
1 Inter Miami 12 7 3 2 32 18 24
2 Cincinnati 11 6 3 2 13 9 21
3 Toronto 11 6 1 4 14 14 19
4 New York RB 11 4 5 2 16 16 17
5 Columbus Crew 10 3 6 1 12 9 15
6 Charlotte FC 11 4 2 5 12 13 14
7 New York City 11 4 2 5 11 12 14
8 Philadelphia Union 10 3 5 2 19 16 14
9 DC United 11 3 5 3 16 17 14
10 Atlanta United 10 3 3 4 14 11 12
11 Montreal Impact 10 3 3 4 13 20 12
12 Nashville 10 2 5 3 14 18 11
13 Chicago Fire 11 2 4 5 11 19 10
14 Orlando City 10 2 3 5 11 18 9
15 New England Revolution 10 2 1 7 7 18 7

WESTERN CONFERENCE MLS

Squadra P V P P G+ G- Punti
1 Real Salt Lake 11 6 3 2 18 9 21
2 Minnesota United 10 6 2 2 17 11 20
3 Los Angeles Galaxy 11 5 4 2 21 17 19
4 Vancouver Whitecaps 10 5 3 2 18 10 18
5 Colorado Rapids 11 5 3 3 18 15 18
6 Austin FC 11 4 4 3 14 13 16
7 Los Angeles FC 11 4 3 4 19 19 15
8 Houston Dynamo 10 4 2 4 9 10 14
9 St. Louis City 10 2 7 1 15 14 13
10 Sporting Kansas City 11 2 5 4 18 19 11
11 Seattle Sounders 11 2 4 5 13 13 10
12 Portland Timbers 11 2 4 5 20 23 10
13 Dallas 10 2 2 6 10 15 8
14 San Jose Earthquakes 11 2 1 8 17 26 7

PROSSIMO TURNO

Domenica, 12 Maggio 2024
Atlanta United 01:30 DC United
Charlotte FC 01:30 Nashville
Montreal Impact 01:30 Inter Miami
New York RB 01:30 New England Revolution
Philadelphia Union 01:30 Orlando City
Toronto 01:30 New York City
Columbus Crew 01:45 Cincinnati
Dallas 02:30 Austin FC
Sporting Kansas City 02:30 Houston Dynamo
St. Louis City 02:30 Chicago Fire
Colorado Rapids 03:30 San Jose Earthquakes
Los Angeles FC 04:30 Vancouver Whitecaps
Los Angeles Galaxy 04:30 Real Salt Lake
Portland Timbers 22:45 Seattle Sounders
Continua a leggere

MLS

Inter Miami: Messi punta a fare la storia!

Pubblicato

il

Inter Miami, Messi

Lionel Messi, con l’Inter Miami, è destinato a superare diversi primati già alla sua prima stagione completa negli Stati Uniti.

Inter Miami, Messi

Inter Miami – Messi

Quando Lionel Messi saluterà il calcio giocato, lo farà dopo aver scritto pagine indelebili all’interno dei record del calcio mondiale.

L’argentino ha già stracciato tutto ciò che lo ha preceduto durante la sua permanenza al Barcellona, tanto che ora in molti parlano di due epoche differenti: quella del pre-Messi e quella del post-Messi.

I record della MLS e dell’Inter Miami sono molto più recenti: infatti il campionato americano è ancora agli albori rispetto a quelli europei e la storia USA non può essere paragonata, di certo, a quella del blaugrana.

A meno di un anno dalla sua avventura a Miami, Messi ha già iniziato a fare collezione di primati e non ha alcuna intenzione di fermarsi: tantè che il fuoriclasse argentino riscriverà diversi record.

Indice

Inizio con il botto

Inter Miami, Lionel Messi

August 6, 2023, Frisco, Texas, United States: Miami’s captain Lionel Messi in action during the Leagues Cup match between FC Dallas and Inter Miami played at Toyota Stadium on Sunday August 6, 2023 in Frisco, Texas, United States (Photo by Javier Vicencio / Eyepix Group)

Messi ha saltato circa 30 giorni di partite in questa stagione (causa infortunio), ma se si vanno a guardare le statistiche della MLS è quasi impossibile rendersene conto.

Da quanto é rientrato, in 7 partite (delle quali 6 da titolare) ha contribuito a mettere a referto qualcosa come 16 goal. Tutto questo in appena 585’ in campo, con una media di un goal o un assist ogni 36,5’.

Nove sono stati quelli segnati da lui direttamente e in sole quattro occasioni non è entrato direttamente in un’azione da rete. A questo va aggiunto che con Messi in campo l’Inter Miami ha perso solo 4 punti in 7 partite.

Tutto questo anche se ha saltato ben quattro gare.

Costanza da urlo

Dream Team

Lionel Messi, con la maglia dell’Argentina

Oltre al numero di goal segnati incredibile, è la costanza con la quale incide: infatti, quando Messi è in campo, l’Inter Miami parte già da una situazione di vantaggio.

Nelle sue 7 presenze stagionali in MLS, Messi ha sempre contribuito a segnare più di un goal a partita.

I riconoscimenti da parte della MLS

Born in the MLS

Lunedì è arrivata, anche, l’ufficialità che tutti si aspettavano: Messi è stato nominato miglior giocatore di giornata e la cosa gli è riuscita per la seconda volta negli ultimi 21 giorni.

Messi raggiunge quindi Luis Suarez che ha fatto per 2 volte sue il riconoscimento in questo inizio di stagione.

Sotto questo aspetto, per trovare una similitudine nelle prime 11 giornate di MLS, bisogna tornare ai tempi di Landon Donovan e David Beckham quando vestivano la maglia dei LA Galaxy.

L’Inter Miami è diventata la prima squadra, dal 2021, a vedere i suoi giocatori premiati 4 volte nei primi dieci turni del torneo con il Play of the Matchday.

I record dell’Inter Miami

Messi

Inter Miami

L’Inter Miami è una delle squadre più giovani della MLS e, ad oggi, tutto fa pensare che molte delle pagine del libro saranno dedicate proprio a Messi.

Fin qui, è Gonzalo Higuain il miglior marcatore della storia del club con 29 goal segnati in 70 partite.

Alle spalle dell’ex Napoli e Juventus c’è Leonardo Campana con 25 reti, seguito proprio da Messi a 22. Questo dato certifica che è a 7 goal dal record assoluto del suo ex compagno di Nazionale: con quasi 50 partite in meno giocate rispetto al ‘Pipita’.

Una cosa é certa: Messi diventerà inevitabilmente il miglior marcatore di sempre dell’Inter Miami.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Italiano Italiano
Serie A2 ore fa

Fiorentina – Napoli 2-2: la Viola non sfrutta l’occasione per chiudere il discorso Europa | Le pagelle viola

Visualizzazioni: 124 Fiorentina – Napoli termina in parità: il discorso Conference League rimane ancora aperto, le ultime gare saranno decisive....

Hellas Verona Hellas Verona
Serie A3 ore fa

Hellas Verona, la maledizione dell’Arechi: 19 anni senza vittoria

Visualizzazioni: 69 Lunedì 20 maggio l’Hellas Verona di Baroni si giocherà la salvezza all’Arechi di Salerno. Impianto storicamente ostico per...

Okereke Okereke
Serie A3 ore fa

Torino, Okereke e il futuro: la decisione di Vagnati

Visualizzazioni: 58 David Okereke è tornato in Serie A nel mercato di gennaio, Juric l’ha voluto per avere alternative in...

Klopp Klopp
Premier League3 ore fa

Liverpool, Klopp: “Dire addio non è mai piacevole. La miglior partita…”

Visualizzazioni: 76 Il tecnico del Liverpool Jurgen Klopp ha preso parte alla conferenza stampa pre-gara in vista dell’ultimo impegno di...

Serie A4 ore fa

Sassuolo-Cagliari: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 136 Sassuolo–Cagliari, match valido per la 37ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà al Mapei Stadium di Reggio...

Serie A4 ore fa

Torino-Milan: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 194 Torino–Milan, match valido per la 37ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Olimpico Grande Torino...

Lecce - Atalanta Lecce - Atalanta
Serie A4 ore fa

Lecce-Atalanta: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 132 Lecce–Atalanta, match valido per la 37ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Via del Mare...

Fiorentina, Astori Fiorentina, Astori
Conference League4 ore fa

Fiorentina, esodo viola ad Atene: i biglietti venduti

Visualizzazioni: 227 La Fiorentina sarà protagonista ad Atene il prossimo 29 maggio per la Finale di Conference League contro l’Olympiacos:...

Genoa Genoa
Serie A5 ore fa

Strootman: “Il rinnovo di Gilardino con il Genoa è strameritato”

Visualizzazioni: 165 Il calciatore del Genoa Kevin Strootman ha parlato ai microfoni di Radio Serie A sul mister del club...

Fiorentina - Napoli Fiorentina - Napoli
Serie A5 ore fa

Fiorentina-Napoli, le formazioni ufficiali: c’è Simeone

Visualizzazioni: 213 Al Franchi si apre la 37esima giornata di Serie A con la sfida Fiorentina-Napoli. Match fondamentale per i...

Le Squadre

le più cliccate