Home » Coppa Italia » Juventus-Inter 2-4, super Perisic regala la Coppa ai nerazzurri: le pagelle
Coppa Italia

Juventus-Inter 2-4, super Perisic regala la Coppa ai nerazzurri: le pagelle

L’Inter conquista l’ottava Coppa Italia della sua carriera, imponendosi ai supplementari contro la Juventus. Sugli scudi di Perisic, autore di una doppietta sontuosa.

E’ una serata trionfale quella dell’Inter, che piega la Juventus e si aggiudica la Coppa Italia.

Il 4-2 finale premia gli uomini di Inzaghi, che reagiscono all’uno due che a inizio secondo tempo ribalta il momentaneo vantaggio.

La rete del vantaggio giunge al minuto numero 7 del primo tempo, grazie a un gran tiro da fuori area di Barella che batte Perin.

Nell ripresa, nell’arco di tre minuti, tra il 50′ e il 53′, la Juventus ribalta il risultato grazie ad Alex Sandro, che approfitta di una papera di Handanovic, e a Vlahovic.

Un calcio di rigore trasformato da Calhanoglu, concesso per un fallo in area su Lautaro, porta la sfida ai supplementari.

Nell’extratime, l’Inter pone la firma sulla Coppa Italia, grazie a alla doppietta di Perisic (con il primo gol su calcio di rigore) al 99′ e al 102′.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Ultim’ora Milan, Marotta tenta il Diavolo: uno sgambetto che fa male

Inter

Le pagelle

Handanovic 6: commette un errore grossolano sul gol di Alex Sandro, che pareggia il prodigioso intervento su Vlahovic. Nel complesso una sufficienza meritata.

D’Ambrosio 5,5: la sua partita non decolla fin dal principio, nel secondo tempo va in difficoltà sull’inizio boom della Juventus (dal 18’st Dimarco 7: l’impatto sul match è devastante, prova la conclusione da fuori e gli va male, ma trova Perisic per il 4-2 definitivo).

Bastoni sv (dal 115’st sv).

De Vrij 7: ha studiato da Bremer, e infatti chiude Vlahovic in ogni modo e lo limita in marcatura. Su di lui un intervento di De Ligt sancisce il rigore firmato Perisic.

Skriniar 7: sul lato sinistro è meno a suo agio, ma se la cava bene aiutando sulla marcatura a Vlahovic. Con l’ingresso di Dimarco torna nella sua zona di competenza.

Darmian 6: ci prova con un destro da fuori, ma Perin ci arriva. Partita più di contenimento che di spinta (dal 18’st Dumfries 7: dà il via all’azione che porta al rigore concesso per il fallo su Lautaro. Si prende la licenza di spingere).

Barella 7: il gol è una perla che sblocca il match e dà per un tempo la sensazione che sarà una partita tranquilla. Perin avrebbe potuto fare di più, ma non toglie nulla alla prodezza.

Brozovic 6: rischia parecchio quando, già ammonito, calcia lontano un pallone con l’arbitro a due passi. Poco lucido a tratti, si riprende alla distanza. Non il miglior Brozovic.

Calhanoglu 6,5: il voto è condizionato dal gol dal dischetto, perché nel complesso non fa una grandissima partita, andando spesso in sofferenza (dal 46’st Vidal 6: si posiziona e gestisce al meglio i minuti che gli vengono concessi).

Perisic 8,5: Marotta lo chiami in sede e lo faccia firmare in bianco al più presto. Sovrasta Cuadrado e realizza il rigore del sorpasso. Chiude la sua serata con una perla da fuori area che stampa il definitivo 4-2.

Dzeko 5,5: non si vede quasi mai, gioca soffrendo con De Ligt e Chiellini francobollati (dal 18’st Correa 6: sembra avere una cera migliore rispetto alle ultime uscite, si dà da fare).

Lautaro Martinez 6: si guadagna il rigore che pareggia i conti, fa molto movimento in avanti e risulta più utile ed efficace di Dzeko (dal 46’st Sanchez 6,5: il suo ingresso è molto utile, prova anche la conclusione, ma senza fortuna).

 

Inzaghi 7: l’inizio del secondo tempo è da incubo, con la Juventus che sembra prendere in mano la qualificazione. La reazione della squadra è da grande, con tre gol che portano in Via della Liberazione il secondo trofeo stagionale.

 

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Coppa Italia