Home » Calciomercato » Calciomercato Verona, è fatta per Depaoli: i dettagli
Calciomercato

Calciomercato Verona, è fatta per Depaoli: i dettagli

Il Verona ha iniziato preventivamente la propria, personalissima, sessione di mercato. Ufficialmente lo start è fissato il 3 gennaio, prima data utile per ufficializzare le prime operazioni in entrata ed in uscita, ma gli scaligeri hanno già messo a referto il primo colpo con tre giorni d’anticipo.

L’acquisto porta il nome di Fabio Depaoli, terzino destro all’evenienza quinto di centrocampo di proprietà della Sampdoria, reputato all’altezza della causa gialloblu da parte di mister Tudor e del ds D’Amico, rivelatosi ancora una volta un maestro in quanto a caparbietà ed abilità di persuasione.

L’Hellas, dunque, avrà a disposizione il classe ’97 già a partire dalla prima partita del 2022 contro lo Spezia al Picco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>>> Hellas Verona, si valuta il riscatto immediato di Simeone

Nel dettaglio

Verona

L’operazione che ha portato Fabio Depaoli al Verona è stata eseguita sottotraccia, senza lasciare indizi e, soprattutto, in maniera molto rapida. L’ormai ex Sampdoria arriva in prestito con diritto di riscatto e, quantomeno all’inizio, ricoprirà il ruolo di vice-Faraoni, costretto per troppo tempo a fare gli straordinari.

Dotato di grande duttilità, senso della posizione ed abnegazione sembra rispecchiare le caratteristiche del prototipo di calciatore ideale per l’idea di gioco di mister Tudor che potrebbe decidere, all’evenienza, di schierarlo anche sulla sinistra in alternativa a Darko Lazovic.

LEGGI ANCHE:  Sampdoria-Milan: le probabili formazioni e dove vederla

Per Depaoli, nato a Riva del Garda, si tratta di un ritorno nella città di Verona, considerati gli 8 anni trascorsi nelle giovanili del Chievo più altri tre in prima squadra. Con la maglia gialloblu clivense ha esordito in Serie A il 12 marzo 2017 in una partita vinta 4-0 contro l’Empoli ed ha accumulato 61 presenze nel massimo campionato tra il 2016 ed il 2019, anno della retrocessione.

In seguito alla discesa in Serie B è arrivata la cessione, che ha portato in dote tre esperienze poco fortunate: quella di Genova con la maglia della Sampdoria, costellata da molte panchine, ed i due prestiti dello scorso anno prima a Bergamo sponda Atalanta e successivamente a Benevento, avventura culminata con la mancata salvezza da parte delle streghe.

Mister Tudor dovrà, dunque, lavorare molto sulla testa del calciatore, sceso in campo solamente 6 volte in questa prima parte di stagione.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Calciomercato