I nostri Social

Serie A

Torino, Juric: ” Dispiaciuto per l’episodio del pullman a Superga. Rinnovo? non ero pienamente convinto”

Pubblicato

il

Torino

Il mister del Torino Ivan Juric ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro l’Hellas Verona in programma domani alle 15:00.

Torino, le parole di Juric

Torino

Di seguito le parole rilasciate dall’allenatore del Torino Ivan Juric rilasciate in conferenza stampa in vista del match contro l’Hellas Verona in programma domani alle 15:0o al Bentegodi.

Tre gare alla fine, come vi state preparando?

“Nell’ultima gara abbiamo fatto benissimo, una grande prestazione. Il Verona non è salvo, ha grande entusiasmo e si è visto contro la Fiorentina. Sarà difficile come sempre”

Che Verona si aspetta?
“Giocano con grande entusiasmo e si vede, è la base delle loro prestazioni a prescindere dal modulo. Giocano in verticale e con ritmo”

Chi può sostituire Vlasic?

“E’ Ricci, è quello che si trova meglio”

Contro il Verona è meglio una o due punte?

“Sono entrambe delle buone soluzioni”

Cos’ha detto ai ragazzi dopo l’episodio di Superga?

“Sono amareggiato, è l’unica parola che ho. Ci tenevo che fosse una cosa importante per trasmettere. E’ stato organizzato molto meglio rispetto al passato, ma sono amareggiato”

Cosa ci dice delle italiane in Europa? E il nono posto potrebbe diventare utile per la vostra qualificazione…

“A livello di allenatori, siamo superiori ad altri. Nel nostro campionato fanno più fatica che quando affrontano le squadre estere: Gasperini ha più facilità a giocare in Europa, così come Italiano che aveva perso a Verona.

Il nostro livello tattico è superiori ad altri: in Champions c’è tanta differenza di giocatori. E’ una grande occasione il nono posto, stiamo là e dispiace per le gare fatte bene ma ci manca sempre un pezzo su cui dobbiamo riflettere.

Siamo in pochi, ma cercheremo di fare il meglio. La squadra non deve mollare proprio niente, dobbiamo avere la mentalità di questi tre anni”

Si sente un po’ tradito dalla sua squadra a livello personale per i fatti di Superga?

“Nei miei confronti non è stata una mancanza di rispetto, ma potremmo parlarne e analizzare…La parola giusta è amareggiato, ci tenevo che fosse una cosa spettacolare e che facessimo un passo in avanti. E’ andata male. Ma non è nei miei confronti”

Tornando indietro, ricomincerebbe una stagione in scadenza di contratto?

“Quando firmi i contratti, ti impegni e devi essere convinto al 100%. Avrei sensi di colpa se avessi visto gente che molla, in quel caso avrei detto che ho sbagliato.

Ma fino ad oggi, non ho notato questo e perciò non ho sensi di colpa. Quando firmi, devi rispettarlo e lavorare fino alla fine essendo convinto al 100%. Non so se lo rifarò in futuro, non so cosa capiterà”

La svolta tattica con le due punte l’ha digerita o è stata quasi dettata dalla rosa a disposizione?

“Non l’ho subita, ero curioso di fare altre cose. A Milano mi è piaciuto il nostro 4-2-3-1, il primo tempo è stato più ottimo per interpretazione tattica.

Sono tutte cose che si possono fare in futuro, se hai grandi attaccanti non è un problemi o se non hai i braccetti giochi a quattro. Mi sento arricchito perché posso usare tutti i moduli senza problemi”

Come mai non era convinto di firmare un rinnovo?

“Lo devi sentire. Valutando, non ho avuto questa convinzione totale. Sono scelte importanti quando prendi una decisione del genere”

Il video a Superga ha dato la sensazione che i giocatori non sapessero cos’è successo al Grande Torino: non trova?

“Ciò che dici tu, parlando anche con altre persone, è un fallimento per me e di tutti. Mi è dispiaciuto per Lovato, non ha detto nulla e ha subito attacchi social pesantissimi. E’ un fallimento generale, ma hai un po’ riassunto bene la situazione”

Infortunati?

“E’ situazione grave. Zapata ha un dolore al fianco, la vedo difficile che ci sia. E anche Buongiorno ha un fastidio all’adduttore: l’ecografia non ha dato nulla, dobbiamo valutarlo”

Come giudica il calendario del Toro e delle avversarie in queste ultime tre gare in chiave Europa?

“Mi preoccupo solo del fatto che ho pochi giocatori a disposizione. Abbiamo sempre combattuto e abbiamo sempre avuto l’occasione di vincere.

Proveremo a fare il massimo in queste ultime tre gare. Già stare vicino a Napoli e Fiorentina dà soddisfazione, non è male. Vediamo oggi cosa faranno loro e poi penseremo di fare il massimo noi”

Sazonov come sta?

“Ieri ha fatto il primo allenamento dopo quattro settimane, vedremo se durante la gara può darci una mano”

Senza Zapata, passerete a una sola punta?

“Non abbiamo tante soluzioni. Le gare durano 95 minuti, Sanabria ha avuto l’influenza e bisogna fare valutazioni anche a partita in corso”

Cosa ne pensa dei paragoni che si fanno tra le rose di Toro e Bologna?

“Ormai no…Penso che bisogna essere onesti e dire ciò che pensi, senza essere condizionati con persone che fanno cose per i loro piccoli interessi.

Posso affrontare il discorso sul Toro, ho preso una squadra che lottava per la retrocessione con giocatori in scadenza e ora siamo nella parte sinistra della classifica, oltre ad avere tanti giocatori che sono un grande valore. Dipenderà dal presidente cosa fare.

Questa è la mia eredità, poi non ho problemi a riconoscere gli errori che qualcuno usa per i propri fini. Ho fatto tante cose belle e ho commesso errori, altri parlano per interessi loro.

Non bisogna perdere l’integrità, ma essere sincere dicendo anche cose contro se stessi perché così si migliora”

Il giorno in cui si guarderà indietro, pensando a questo triennio non le rimarranno rimpianti per la modalità di vivere il Toro fuori dal campo?

“E’ un processo…Sicuramente sono una persona diversa rispetto all’inizio, ho visto cose positive e negative. Dovevo viverli e subirli, capito cosa voglio dire? Dovevo passare certe cose per vedere le cose come oggi. E volevo viverle con pienezza e purezza”

Secondo lei, la piazza è riuscita a capirla?

“Non lo so, sinceramente. Le società esistono perché ci sono i tifosi, qui la struttura mentale è che bisogna lottare per l’Europa: chi lavora qui deve avere chiaro cosa deve fare.

E’ ciò che porta alla felicità, tutto il resto è il secondo piano. Se i tifosi mi hanno capito? Non lo so, non so cosa rispondere”

Serie A

Inter, Marotta annuncia: “Fatta per il rinnovo di Lautaro e su Inzaghi…”

Pubblicato

il

Marotta

Il nuovo presidente dell’Inter, Giuseppe Marotta, ha parlato da Casa Azzurri soffermandosi sulla prestazione di Barella e sugli sviluppi del rinnovo di Lautaro.

Giuseppe Marotta, neo presidente dell’Inter, ha fatto visita a Casa Azzurri all’indomani della vittoria all’esordio ad Euro2024 contro l’Albania per 2-1 grazie alle reti di due giocatori nerazzurri, Bastoni e Barella.

Proprio su questo si è soffermato l’ex Juventus, analizzando le prestazioni dei calciatori di proprietà dell’Inter con la maglia della Nazionale. Oltre a ciò, Marotta si è anche soffermato sulla situazione rinnovi in casa nerazzurra, in particolare quello di Lautaro Martinez e mister Inzaghi.

Inter, Lautaro Martinez, Marotta

Inter, le parole di Marotta

Barella?

È un giocatore che ha l’umiltà del gregario ma ha anche del talento. Come giocatore è moderno e completo. Può giocare nel ruolo di Calhanoglu? Sì, ha tutte le qualità visione appoggio e lancio, oggi è un giocatore dal punto di vista agonistico molto valido, tecnico di base forte, è un giocatore eclettico”.

Il blocco Inter?

“L’Italia è il patrimonio che deve unire tutti i club, il fatto che ci sia questo zoccolo duro di interisti diventa un’Inter-Nazionale, ci riempie d’orgoglio per tutto il lavoro fatto e per la crescita che hanno avuto i ragazzi. I complimenti? Li ho fatti a tutti, siamo molto orgogliosi che l’Inter possa dare il suo contributo”.

Ci sono altri rinnovi in programma?

“Siamo attenti a tutto, l’importante è che ogni giocatore abbia forte senso di appartenenza, che voglia continuare l’esperienza con noi, abbiamo una situazione tranquilla, non abbiamo giocatori che si svincolano nell’immediato. Il rinnovo di Lautaro è virtualmente fatto, si tratta di raccogliere la firma, non è semplice perché è in Argentina, ma è già fatto”.

Anche per Inzaghi?

“Sì sì”.

Continua a leggere

Serie A

Fiorentina, Ribery: “Sempre bello tornare a Firenze”

Pubblicato

il

L’ex campione francese della Fiorentina è tornato nella città che lo ha visto protagonista dal 2019 al 2021, ed ha parlato del suo passato con la maglia viola.

Franck Ribéry torna a Firenze. Dopo aver vissuto gli ultimi due anni da calciatore con la maglia della Salernitana l’ex calciatore francese è tornato nella città che nel 2019 lo ha accolto in Serie A.

Ribéry ha preso parte alle celebrazioni del calcio storico come Magnifico Messere, ed ha parlato del suo passato con la Fiorentina e del rapporto con i suoi tifosi.

Ribèry

Una bella esperienza

“Nei due anni in cui sono stato alla Fiorentina avrei sempre voluto prendere parte ad un evento come quello del calcio storico, ma l’arrivo del Covid ha bloccato ogni progetto. Sono contento di essere qui: amo Firenze. Ho sempre avuto un bel rapporto con le persone e i tifosi in particolare.”

Poi Ribery ha aggiunto: “L’invito al Tour de France? Sono contento, ed è bellissimo che parta proprio da Firenze. L’esperienza a Coverciano è stata molto formativa per me.

Continua a leggere

Serie A

Copa America, Argentina: i convocati di Scaloni

Pubblicato

il

Il CT dell’Albiceleste ha ufficializzato la lista dei 29 giocatori che prenderanno parte alla Copa America che si disputerà dal 20 giugno al 14 luglio. Sono cinque gli “italiani”.

Sarà un’estate di grande calcio. Oltre agli Europei, il prossimo 20 giugno partirà anche la Coppa America, competizione affascinante e che da sempre richiama le attenzioni di tutto il mondo.

Competizione che, ovviamente, vedrà protagonista la Nazionale campione del mondo in carica: l’Argentina. Proprio nelle ultime ore il CT dell’Albiceleste Scaloni ha diramato la lista ufficiale dei 29 giocatori che ne prenderanno parte.

Argentina

Il grande assente

C’è un esclusione eccellente, ovvero quella di Paulo Dybala. La Joya, dopo essere stato tagliato nelle due amichevoli precedenti, non è stato convocato dall’allenatore argentino. Il fantasista della Roma è quindi ufficialmente in vacanza.

Sono cinque invece i giocatori della nostra Serie A chiamati da Scaloni: Lautaro Martinez, Carboni, Nico Gonzalez, Paredes e Martinez Quarta.

La lista ufficiale dei convocati dell’Argentina per la Coppa America

Portieri: E. Martinez, Armani, Rulli.

Difensori: Montiel, Molina, Romero, Pezzella, M. Quarta, Otamendi, Li. Martinez, Acuna, Tagliafico.

Centrocampisti: Rodriguez, Paredes, Mac Allister, De Paul, Palacios, Fernandez, Lo Celso.

Attaccanti: Di Maria, Carboni, Messi, Garnacho, Gonzalez, Lautaro Martinez, Alvarez.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Cagliari, Pavoletti Cagliari, Pavoletti
Calciomercato10 minuti fa

Calciomercato Cagliari, Pavoletti: “Sappiamo cosa fare”

Visualizzazioni: 34 Il Calciomercato del Cagliari può aprirsi con una grande notizia. Leonardo Pavoletti  prosegue con il Cagliari e resterà...

Scommesse, Depositphotos Scommesse, Depositphotos
Calciomercato16 minuti fa

Zaniolo: per Labaro Viola preferirebbe la Fiorentina all’Atalanta

Zaniolo e la Fiorentina: una storia di qualche anno fa e che potrebbe ricominciare già da questa estate. Le ultime...

Europei40 minuti fa

Francia, Deschamps carica i suoi “Pronti a vincere domani”

Visualizzazioni: 101 La giornata di domani vedrà l’esordio della Francia del CT Didier Deschamps. La conferenza stampa ha visto il...

lazio lazio
Calciomercato1 ora fa

Lazio, un calciatore potrebbe finire in Premier League

Visualizzazioni: 144 Secondo quanto emerso nelle ultime ore, un calciatore della Lazio potrebbe finire in Premier League visti i diversi...

Juventus, Alvaro Morata quando indossava la maglia bianconera - Depositphotos Juventus, Alvaro Morata quando indossava la maglia bianconera - Depositphotos
Europei2 ore fa

Spagna, De La Fuente “Morata e Rodri? Vogliamo risparmiarli”

Visualizzazioni: 151 A margine della partita vinta dalla Spagna sulla Croazia, il Ct della nazionale iberica Luis De La Fuente...

Calciomercato2 ore fa

Barcelona, nel mirino due calciatori per rinforzare il reparto offensivo

Visualizzazioni: 167 Secondo quanto emerso nelle ultime ore, il Barcelona avrebbe messo nel mirino due calciatori per rinforzare il reparto...

Buffon Buffon
Nazionale3 ore fa

Italia, Buffon: “La nostra forza è il gioco e su Spalletti…”

Visualizzazioni: 203 Il capo della delegazione italiana Gianluigi Buffon ha parlato da Casa Azzurri, dopo il match vinto dalla nazionale...

Europei3 ore fa

Slovenia-Danimarca: le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 188 Ecco le scelte degli commissari tecnici Kek e Hjulmand per la sfida tra Slovenia e Danimarca, prima gara...

Arrigo Sacchi Arrigo Sacchi
Nazionale3 ore fa

Italia, Sacchi: “Siamo un squadra con carattere. Sulla Spagna…”

Visualizzazioni: 184 La leggenda del calcio italiano Arrigo Sacchi ha parlato ai microfoni de La Gazzetta Dello Sport, analizzando il...

Conte Conte
Calciomercato3 ore fa

Napoli, si allontana il pupillo di Conte? La situazione

Visualizzazioni: 230 Il futuro di Romelu Lukaku molto probabilmente non sarà al Napoli. Il nazionale belga ha chiesto informazioni a...

Le Squadre

le più cliccate