Home » Serie A » Torino, Juric “Con i miei calciatori Abbiamo parlato solo di calcio. Dubbi Linetty e Rodriguez”
Serie A

Torino, Juric “Con i miei calciatori Abbiamo parlato solo di calcio. Dubbi Linetty e Rodriguez”

Dopo aver vissuto giornate intense Ivan Juric torna a parlare solo di calcio.Dalla sala conferenze dello stadio Olimpico Grande Torino, il tecnico granata presenterà l’anticipo di domani sera al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro il Sassuolo.

juric

Fonte: pagina Facebook del Torino

Di seguito le sue parole:

E’ contento dei risultati della fase difensiva?
“Va bene, tutta la squadra lavora bene e tutto parte dagli attaccanti. Dobbiamo continuare così. Ora lavoriamo tanto sull’attacco, possiamo fare meglio”

Che avvio si aspetta domani?
“A volte il calcio è strano: Dionisi è bravo e ha tanti giocatori di qualità, a volte le cose vanno male. Ma sono pericolosi e hanno talenti, sarà difficile”

Avete parlato delle sue parole in spogliatoio?
“Abbiamo lavorato come al solito, abbiamo sprecato un’occasione e si poteva fare meglio. In queste partite, con dieci calci d’angolo, bisogna anche segnare in modo sporco. Abbiamo parlato solo di calcio, su come migliorare”

Che Sassuolo si aspetta domani?
“Hanno avuto un buono spirito, hanno tanti giocatori ottimi in tutti i ruoli e possono segnare in qualsiasi momento. Contro di loro è sempre una battaglia, dovremo difendere bene”

LEGGI ANCHE:  Roma, Abraham esalta i tifosi giallorossi: "Sognate, è gratis"

E’ gia arrivata la svolta del Toro?
“Noi abbiamo già svoltato come carattere e come stare in campo. A volte andiamo oltre e altre un po’ meno come con la Salernitana, ma tante cose stanno andando bene. Dobbiamo continuare così ed essere positivi, trasformiamo l’energia positivi in risultati per creare una mentalità vincente. Quando vinciamo, la meritiamo alla grande; altre gare, giocando meno bene, dovresti portarle a casa. E’ questo che ci manca per completare un percorso positivo”

Può esserci una difesa tutta nuova?
“Le perdite di Schuurs e Buongiorno sono pesanti, sono pezzi da novanta e ce li siamo costruiti. Mancano entrambi, Rodriguez ha fatto quasi tutta la settimana a parte e vediamo se riusciamo a utilizzarlo. Lovato ha fatto tante presenze a Verona e a Salerno, a volte bene e a volte male, ma è un ragazzo che può crescere: è un’opzione”

Sugli infortunati?
“Linetty ha avuto l’influenza tutta la settimana con febbre alta a 39,5, vediamo come sta. Anche Pellegri è stato influenzato”

LEGGI ANCHE:  Milan Inter: le probabili formazioni e dove vederla

Che Sassuolo sarà?
“Quando sei nella loro situazione, a livello di carattere dai qualcosa in più e meno tranquillità. Mi aspetto il solito Sassuolo: si chiudono, ma sanno ciò che fanno e lavorano bene in entrambe le fasi”

Sta pensando qualcosa di nuovo per l’attacco?
“A volte riusciamo a creare tanto e altre in cui con la stessa disposizione in campo creiamo meno. Non solo in questa settimana, ma negli ultimi mesi lavoriamo molto di più sull’attacco e su come fare gol. Speriamo di migliorare, anche sui calci piazzati che sono fondamentali: le grandi squadre sbloccano le gare sui calci d’angolo, dobbiamo crescere”

Laurienté è la chiave della partita?
“E’ un giocatore forte e veloce, riesce a determinare. All’andata ha fatto bene anche Tameze su di lui, ma ne hanno anche altri come Volpato e Pinamonti. Hanno diverse soluzioni, Laurienté è quello che dà qualcosa in più e spacca la partita. Ora vediamo se sarà Djidji o Tameze a prenderlo”

Cosa ci dice di Kabic? Può finire in Primavera?
“Lo vogliamo conoscere. Ha una posizione alla Miranchuk e alla Seck, ha fatto un paio di allenamento e vediamo nelle prossime settimane e a che livelli siamo”

LEGGI ANCHE:  Parma-Juventus: probabili formazioni e dove vederla

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address
Francesco Tripodi
Fondatore e Direttore Editoriale della testata giornalistica Calciostyle.it. Nato a Roma, classe 1981.

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Serie A