Home » Serie A » Sassuolo-Atalanta 2-0, Traore trafigge la Dea: le pagelle
Serie A

Sassuolo-Atalanta 2-0, Traore trafigge la Dea: le pagelle

Brutta prestazione dell’Atalanta, che al Mapei Stadium crolla sotto i colpi dell’attaccante ivoriano e la trafigge con una doppietta.

Una delle più brutte Atalanta della stagione. I nerazzurri perdono malamente in casa del Sassuolo e vedono la zona Europa League sempre più lontana. Tra i nerazzurri si salvano in pochi, ma il migliore è Sportiello, che evita un passivo peggiore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> La Lazio cala il poker, Immobile “Per l’Europa ci siamo”

 

Le pagelle

Sportello 6,5: se il Sassuolo non dilaga, il merito è dell’ex Fiorentina, schierato al posto di Musso da Gasperini. Non è facile respingere tutto e sui due gol di Traore non può farci nulla.

Toloi 6: schierato a sorpresa da titolare, l’italo-brasiliano rimedia come può agli affondi del Sassuolo con carattere ed esperienza. Contenere gli avanti neroverdi è compito arduo, e il suo muro viene varcato più volte (dal 57′ Palomino 6: se la cava spesso di mestiere, di fisico e con la testa).

Demiral 5,5: un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Un peccato di presunzione lo fa cadere nella trappola di Traore, che lo dribbla prima di mettere in rete la sua personale doppietta.

Scalvini 6: tutto sommato se la cava, ma come tutta la difesa va in difficoltà sulle folate di spinta neroverdi.

Hateboer 5: il suo aiuto sulla fascia potrebbe essere una opzione per rendere la Dea pericolosa in fascia, ma l’olandese non spinge. In fase di contenimento non ci mette cattiveria per limitare gli avversari (dal 46′ Zappacosta 5,5: meglio di Hateboer, ma il suo contributo è comunque flebile).

Pessina 5: prestazione incolore da parte del ragazzo di Monza. L’ennesima, di una stagione iniziata in difficoltà e che volge al termine con l’anonimato.

Pasalic 6: timido e restio a inserirsi tra le linee difensive del Sassuolo. L’unica volta che lo fa, però, rischia di metterla dentro (dal 77′ Malinovskyi sv).

Pezzella 6: a differenza di Hateboer, lui si propone e offre soluzioni dalle sua parti. Alla lunga però cala e soffre.

Miranchuk 5,5: è innamorato del pallone e lo porta a spasso a livelli deleteri. Qualche tocco in meno e qualche passaggio anticipato in più avrebbe creato sicuramente qualche occasione in più (dal 46′ Koopmeiners 6: più solido di Pessina e Miranchuk, prova a metterci il fisico e ad agire di prepotenza ma è tutto vano).

Boga 6: ci mette volontà ed idee, distribuisce palloni che non sempre i compagni di reparto sfruttano. Qualche palla non perfetta, ma è il migliore dei giocatori di movimento (dal 57′ Muriel 6: segna il gol del 2-1, ma arriva troppo tardi).

Zapata 6: il voto è proporzionato alla sua autonomia in partita, dato che è alla ricerca della forma migliore dopo un lungo infortunio. Ci mette buona volontà e qualche spunto di altruismo.

 

Gasperini 5: un passo falso che fa male, perché le gambe sembrano non girare più e le idee sono offuscate. L’Europa League è solo una parziale spiegazione a una partita buona solo nelle fasi iniziali del primo tempo. Alcuni elementi della rosa girano a vuoto quando vengono schierati titolari, Pessina su tutti. Le coppe europee si allontanano.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Serie A