Home » Serie A » Inter, Criscitiello: “Per perdere lo scudetto dovrebbe suicidarsi, ma occhio alla Juve”
Serie A

Inter, Criscitiello: “Per perdere lo scudetto dovrebbe suicidarsi, ma occhio alla Juve”

Criscitiello ha parlato del testa a testa tra Inter e Juventus, che oggi è una corsa a due, con un Milan troppo distanziato che non convince. Le sue parole

Per Criscitiello solo un suicidio fermerebbe l’Inter

Tutti parlano della strana coppia: Inter e Juventus. Due squadre così diverse eppure così vicine in classifica, separate da soli due punti e con uno scontro diretto alle spalle che ha lasciato i puntini di sospensione su una sfida che potrebbe durare per tutta la stagione. Per Michele Criscitiello è l’Inter la squadra da battere. Ma il fiato sul collo della Juventus non aiuterebbe nessuno, neanche una corazzata così collaudata e vincente come quella nerazzurra.

Juventus-Inter - Depositphotos

Massimiliano Allegri e Simoni Inzaghi sorridenti prima di un match tra bianconeri e narazzurri

Le parole del giornalista

Su Sportitalia.com Criscitiello ha detto la sua sulla lotta scudetto. Ecco il suo intervento: “Se non vince l’Inter lo farà la Juventus ma deve suicidarsi la squadra di Inzaghi perché è la più forte. Anche se il testa a testa con la Juventus non lo auguro a nessuno. Sarà una bella sfida tra dirigenti top. Marotta contro Giuntoli. Per dire la verità Marotta ha Ausilio e Baccin che sicuramente sono un braccio destro e sinistro che oggi Giuntoli a Torino non ha. Per ora. La Juventus non molla e non mollerà. Certamente due filosofie diverse e due modi di fare calcio diverso. E’ anche vero che sono due rose costruite in maniera opposta e Allegri oggi non ha neanche la metà della qualità che si ritrova Simone Inzaghi. Però vedete la Juve. Sempre la stessa. Brutta, ti aspetta e ti punisce. Per gli amanti del calcio una sofferenza, per gli amanti della praticità una goduria. Io appartengo al secondo gruppo e Allegri fa bene a pensare solo ed esclusivamente alla classifica. Al netto di tutte le difficoltà che ha in rosa, con uomini contati e qualità poca. Oggi sembra segnato, a favore dell’Inter, un testa a testa con i bianconeri ma se arrivi ad aprile e maggio a giocartela con la Juve devi avere paura. E’ una società abituata a vincere e se non la stacchi potrà crearti grandi difficoltà”.

LEGGI ANCHE:  La Serie A riparte: il programma dei ritiri e delle amichevoli.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Serie A