I nostri Social

Notizie

Serie A, Camoranesi: “Mi sento pronto, non mi spaventa nulla”

Pubblicato

il

Serie A, Camoranesi

In un’esclusiva di Tuttomercatoweb, l’ex Campione del Mondo Mauro Camoranesi ha parlato della possibilità di tornare in Serie A. Stavolta come allenatore.

Da giocatore, Mauro Camoranesi la Serie A l’ha conosciuta molto bene. E anche l’Italia, con la quale è stato Campione del Mondo nel 2006.

Dopo la carriera di giocatore, l’ex centrocampista di origini argentine ha deciso di diventare allenatore. Dopo aver girato le panchine di mezzo mondo, oggi è il tecnico del club maltese più titolato, il Floriana. E si riavvicinato alla sua Italia.

L’obiettivo: tornare alla Serie A che gli ha dato tanto, soprattutto alla Juventus. Camoranesi ha vestito la maglia bianconera per ben 8 anni, dal 2002 fino al 2010, conquistando 27 gol in 224 partite.

Queste le sue parole in esclusiva ai colleghi di Tuttomercatoweb:

Mauro German Camoranesi, come procede questa avventura maltese?
“Devo dire molto bene, perché tutte quelle che erano le mie aspettative sono state ripagate. Stiamo facendo un bel torneo e siamo nella volata finale per cercare di vincere un titolo che manca da tre anni”.

Cosa ti ha portato nell’isola?
“Prima di tutto l’importanza della squadra, che nella sua storia ha vinto tanti campionati. Ho fatto l’analisi del campionato, ho avuto la conferma che si poteva fare un buon lavoro. Inoltre il fatto di essere vicino all’Italia è un fattore importante, sono contento e si sta da Dio”.

Che calcio hai trovato a Malta?
“La cosa che mi ha sorpreso è quante squadre ci sono per un paese così piccolo. Ci sono 3 divisioni e persino un campionato a parte a Gozo. L’influenza inglese e italiana la si vede da questi aspetti”.

Abbiamo conosciuto Camoranesi giocatore, un’ala estrosa. Che allenatore è, invece?
“Sono un allenatore semplice, che cerca la quadra giusta per trovare le posizioni migliori dei suoi giocatori. Credo molto nella parte atletica e fondamentalmente poi gioco molto di strategia a seconda dell’avversario.

Ho la convinzione, contrariamente alla tendenza della mia carriera di calciatore, che si debba andare alla ricerca del risultato, che sia con la palla o senza. Non amo le squadre che aspettano, il giocatore stesso non ha voglia di aspettare cosa decide l’avversario”.

Modulo preferito?
“Negli ultimi anni ho giocato col 3-4-3“.

Quindi stile Malesani, rifacendoci ai vecchi maestri della tua carriera?
Malesani mi ha lasciato sensazioni molto positive quando giocavo. E quel che ho imparato con lui, magari non con quelle caratteristiche, mi è servito molto. E poi ho trovato anche i giocatori adatti per giocare in questo modo”.

In carriera hai inoltre avuto grandi maestri, come Lippi e Capello, ma anche Deschamps e Ranieri.
“Tutti gli allenatori ti lasciano qualcosa. Ma alla fine la differenza la fanno i giocatori, non l’allenatore. Il calcio è troppo semplice per complicarlo con moduli e schemi”.

Un giocatore con le tue caratteristiche, che salta l’uomo, nel calcio di oggi è difficile trovarlo. Che spiegazione ti sei dato?
“Il calcio è cambiato, gli allenatori sono diventati troppo protagonisti. Ma in un certo senso posso capire: ogni settimana si devono guadagnare la conferma e a quel punto il coraggio di rischiare manca”.

Immaginiamo però che tu sia per la salvaguardia dell’estro.
“Assolutamente. Ancora oggi comunque ci sono allenatori che lasciano libertà ai loro giocatori, io sono uno di quelli. Chiaro che mi piaccia l’ordine, l’organizzazione ma anche il giocatore può insegnarci qualcosa. Devi permettergli di creare e rischiare. E anche sbagliare. Soprattutto sbagliare”.

Calcio cambiato in meglio o in peggio?
A me piace di più il calcio di oggi, è più dinamico“.

In un’intervista hai dichiarato che da calciatore prendevi spesso delle multe per i ritardi. Ora sei dall’altra parte della barricata…
“Quando sei giocatore è un discorso, ora devi ragionare in un modo diverso. Ed essendo la testa del gruppo sono esigente. Poi chiaro che non è che se uno ritarda lo rincorro col bastone, una multa può bastare (ride, ndr)”.

Messico, Argentina, Slovenia, Malta: praticamente culture e calcio agli antipodi. Che esperienze sono state?
“Sono tutte diverse. In Sudamerica si ragiona in un modo, in Europa un altro. Personalmente mi sento davvero a mio agio in Europa, per il modo di lavorare e ragionare anche del giocatore. In Sudamerica ci sono altre componenti con cui convivere, non sempre uno più uno fa due. Poi parlano i risultati: in Europa sono stati ottimi, mi accorgo che il messaggio arriva”.

Prossima tappa?
“Ora penso a questa stagione e a cercare di vincere il campionato. Al Floriana c’è la possibilità di estendere il contratto ma ovviamente se arrivasse qualche proposta la valuterei”.

Magari dall’Italia?
“Dipende qual è la proposta. Ad ogni modo mi sentirei pronto, faccio calcio da 40 anni e non mi spaventa nulla. Mi piacerebbe tornare in Italia ma i tempi sono cambiati e il mercato si è globalizzato. C’è una realtà mondiale che non possiamo certamente ignorare”.

Se potessi scegliere dove ti vedresti?
“Domanda difficile, ma dico la Serie A”.

Non il River Plate?
“Amo questa squadra, certamente mi piacerebbe”.

Intanto in Serie A la corsa al titolo è già chiusa.
“E questo mi dispiace perché con questo divario non c’è più pathos. Però mi fa piacere che il calcio italiano si stia facendo valere all’estero, l’anno scorso con tre finaliste in Europa è stato un anno magico”.

C’è un allenatore di questa Serie A che ti piace particolarmente?
“In giro che ne sono tanti che stanno facendo molto bene. A mio avviso il migliore degli ultimi quattro anni è stato Vincenzo Italiano. Andrebbe sottolineato il lavoro che ha fatto, vincendo a Trapani e a La Spezia. A volte però si guarda solo alle prime tre”.

La Nazionale invece manca di grandissimi talenti. Certamente rispetto alla tua generazione.
“Non è giusto fare paragoni perché ogni periodo è diverso. Chiaro che sei l’Italia e le esigenze sono sempre alte. Credo che la Nazionale abbia dei buoni giocatori, magari c’è una leggera differenza rispetto ad altre come Inghilterra, Francia, Spagna, Brasile e Argentina. E anche il calcio africano sta crescendo. Diciamo che l’Italia deve trovare la propria strada, ha una squadra competitiva anche se difficilmente in grado di vincere il grande trofeo”.

Spalletti è l’uomo giusto?
“In questo momento sì. Ha grande esperienza alle spalle ed era il meglio che potesse offrire il mercato. Ed è reduce da un campionato vinto alla grande”.

Media

Foggia-Audace Cerignola, Derby per i PlayOff

Pubblicato

il

Fogia Audace Cerignola

Foggia e Audace Cerignola si sfidano per guadagnarsi un posto ai playoff, le due squadre sono separate da 1 solo punto in classifica.

Indice

Il Derby di Capitanata valevole per i PlayOff

Il campo dello Stadio Pino Zaccheria di Foggia si prepara ad accogliere uno scontro entusiasmante per la diciottesima giornata di ritorno del campionato di Serie C Girone C. Questa sera alle ore 20:00, il Foggia ospiterà l’Audace Cerignola in un match che promette scintille.

Il Foggia si posiziona al decimo posto in classifica, accumulando finora 48 punti. Con 13 vittorie, 9 pareggi e 14 sconfitte nelle trentasei partite disputate, i rossoneri hanno segnato 39 gol e subito 41 reti. Dall’altra parte, l’Audace Cerignola si trova all’undicesimo posto con 47 punti. Con 10 vittorie, 17 pareggi e 9 sconfitte, hanno realizzato 49 gol e subito 45 reti.

Nella loro ultima apparizione allo Stadio Alfredo Viviani, il Foggia ha conquistato una convincente vittoria per 3-0 contro il Potenza, mentre l’Audace Cerignola ha ottenuto un successo altrettanto impressionante battendo la Virtus Francavilla con lo stesso punteggio di 3-0 al Monterisi.

Aggiornamenti sulle squadre

Il Foggia dovrà fare a meno degli infortunati Tenkorang, Millico, Carillo e Marzupio. Tuttavia, possono contare sul ritorno in squadra di Odjer e Tascone, dopo aver scontato il turno di squalifica. Santaniello e Silvestro tornano anch’essi tra i convocati dopo una settimana di regolare allenamento. La formazione probabile include Perina tra i pali, con Ercolani, Riccardi e Rizzo a comporre la difesa a tre. Salines, Odjer, Tascone e Vezzoni saranno nel centrocampo, mentre Rolando, Gagliano e Schenetti si occuperanno dell’attacco.

Per quanto riguarda l’Audace Cerignola, non potranno contare sul giocatore squalificato Martinelli e sugli infortunati Trezza, Ruggiero e Bezzon. Tuttavia, possono contare sul ritorno di Capomaggio. La formazione probabile vede Krapikas tra i pali, con Allegrini, Ligi e Gonnelli a formare la difesa a tre. Il centrocampo sarà composto da Coccia, Tascone, Capomaggio, Sainz-Maza e Russo, mentre in attacco giocheranno D’Andrea e Vuthaj.

Le aspettative

Con entrambe le squadre che cercano di consolidare la loro posizione in classifica, ci si può aspettare una partita avvincente e combattuta. Il pubblico può aspettarsi un calcio di alto livello, con entrambe le squadre determinate a portare a casa i tre punti. La tensione sarà palpabile sul terreno di gioco mentre il Foggia e l’Audace Cerignola si sfideranno per la vittoria.

Continua a leggere

Notizie

Milan, Cardinale in Italia: derby e allenatore in agenda

Pubblicato

il

Milan, l’agenda di Gerry Cardinale segna due importanti appuntamenti. Andiamoli a vedere insieme nel dettaglio qui di seguito.

Prima il derby, poi la questione allenatore. Sono questi i prossimi due appuntamenti segnati nella fitta agenda di Gerry Cardinale.

Il patron di Redbird sarà infatti presente al San Siro per incitare la squadra durante una gara tanto difficile, quanto sentita, come il derby.

Nelle ore successive, ovviamente martedì mattina, ci sarà probabilmente un breafing con il resto della dirigenza per capire le prossime mosse in merito all’allenatore. Si dovrà arrivare in tempi stretti a un nome. Sarà una scelta collegiale, ma sappiamo quanto Ibrahimovic voglia un grande nome e stia convincendo l’ambiente su Antonio Conte.

Non ci resta che aspettare, le riserve potrebbero essere sciolte nel giro di pochi giorni. Il tempo stringe, soprattutto per il fatto che con il nuovo allenatore si dovrà imbastire il discorso del mercato. E già si è in ritardo.

Continua a leggere

Notizie

Milan, é scontro totale: Ibrahimovic ha chiesto Conte e Maldini

Pubblicato

il

Milan, non serve fare troppi giri di parole, ma è scontro totale nella dirigenza. Vedremo qui di seguito i dettagli.

Ora lo possiamo dire, è scontro totale tra Zlatan Ibrahimovic ed il resto della dirigenza. Probabilmente c’è da capire chi fa che cosa. Troppi galli in un pollaio non fanno altro che creare confusione e spetterà a Gerry Cardinale stabilire le giuste gerarchie ed i giusti ruoli.

Si era detto che Ibrahimovic avrebbe avuto carta bianca, sempre rispettando paletti di sostenibilità, sull’aspetto tecnico. E così lo svedese ha fatto. Stringendo un accordo con Antonio Conte a gennaio. Perché la stagione futura di programma in quei periodi, non ad aprile.

Oltre a Conte, Ibrahimovic (notizia di queste ore), ha chiesto il ritorno di Paolo Maldini in dirigenza. La sua convinzione è che lui, Maldini e Conte sarebbero un giusto mix per riportare il Milan laddove merita. Questo ha proposto a Cardinale.

Una proposta indecente sotto certi aspetti, ma se di gode di carta bianca, si deve avere la possibilità di agire. Cosa accadrà da qui a giugno? Nessuno lo sa. La certezza è che Ibrahimovic non è una marionetta e difficilmente accetterà imposizioni dall’alto. C’è già chi ipotizza ad un suo addio. Preferiamo pensare che il suo progetto verrà attuato. Il ritorno di Paolo Maldini sarebbe certamente gradito da ogni tifoso rossonero.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Del Piero Del Piero
Serie A5 ore fa

Juventus, Del Piero: “Allegri? Mi pare tutto abbastanza evidente”

Visualizzazioni: 527 Alessandro Del Piero ha parlato ai Laureus Awards a Madrid a proposito di Allegri e del rendimento che...

Esteri5 ore fa

Il Coventry a un passo dalla storia, ma alla fine sarà City-United

Visualizzazioni: 390 Al Coventry non riesce l’impresa. Dopo il 3-3 nei 120 minuti, lo United passa ai rigori e troverà...

Serie A6 ore fa

Monza – Atalanta, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 527 Monza-Atalanta, allo U-Power Stadium va in scena un interessante derby lombardo. Le scelte ufficiali dei due allenatori. Monza...

Nottingham Forest Nottingham Forest
Premier League6 ore fa

Nottingham Forest, scoppia la polemica: “L’arbitro VAR è tifoso del Luton Town”

Visualizzazioni: 462 Il Nottingham Forest ha perso la sua partita per 2-0 contro l’Everton scatenando polemiche. La squadra si è...

Cannavaro Cannavaro
Serie A6 ore fa

Udinese, Fabio Cannavaro sarà il nuovo allenatore

Visualizzazioni: 588 L’Udinese ha già trovato il sostituto di Gabriele Cioffi. Fabio Cannavaro sarà il nuovo allenatore dei friulani, domani...

Calciomercato6 ore fa

Roma, Karsdorp verso la cessione: c’è la destinazione

Visualizzazioni: 842 La Roma è ancora alla ricerca di un nuovo DS ma intanto urge la gestione di alcune situazioni...

udinese udinese
Premier League7 ore fa

Everton, paura per Beto: esce in barella con l’ossigeno

Visualizzazioni: 562 L’attaccante brasiliano ex Udinese Beto è uscito in barella dopo un violento scontro di gioco durante il match...

Juventus, Federico Chiesa, Roma Juventus, Federico Chiesa, Roma
Calciomercato7 ore fa

Roma, per l’estate si scalda la pista Chiesa

Visualizzazioni: 770 La Roma, confermato De Rossi anche per il prossimo anno, incomincia a sondare il terreno per i colpi...

Chelsea Chelsea
Premier League7 ore fa

Chelsea, Thiago Silva sul futuro: “Ho preso la mia decisione”

Visualizzazioni: 615 Il difensore del Chelsea Thiago Silva ha parlato in seguito alla semifinale di FA Cup persa contro il...

Sarri Sarri
Serie A8 ore fa

Atalanta, i convocati per il Monza. La decisione su Scalvini

Visualizzazioni: 508 Gianpiero Gasperini ha diramato la lista dei convocati per la trasferta di Monza. Gara importante in chiave europea...

Le Squadre

le più cliccate