I nostri Social

Notizie

Roma-Brighton, i giallorossi scoppiano di salute

Pubblicato

il

Udinese-Roma, Daniele De Rossi

A Roma-Brighton De Rossi sarebbe potuto cadere di fronte alla squadra inesperta ma entusiasta del suo ex maestro De Zerbi. E invece…

Il pre-partita della sfida Roma-Brighton, partita di andata degli ottavi di finale di Europa League, è stato tutto un mettere avanti le mani.

Così Daniele De Rossi in conferenza stampa a Trigoria su Roberto De Zerbi e la squadra inglese: “Ha delle idee brillanti ed è un allenatore diverso. Hanno anche ottimi calciatori e ne hanno acquistati tanti bravi mi aspetto una patita complicata e difficile”.

La partita di ieri sera all’Olimpico, in effetti, è stata una partita complessa, molto animata, di grande spettacolo per i tifosi. Malgrado la superiorità di livello e la maggiore esperienza dei giallorossi in Europa (per il Brighton quello di ieri è stato il debutto assoluto nella fase avanzata di una competizione europea).

Da una parte la Roma rinsavita, ringalluzzita e sorridente di De Rossi, che dal suo arrivo in panchina quasi due mesi fa di partite ne ha persa solo una e giocando bene.

Dall’altra il Brighton emergente, al nono posto del campionato di calcio più forte del mondo, la Premier League, traghettato dall’allenatore italiano più desiderato del momento.

Due compagini che promettevano battaglia e l’hanno data, ciascuna secondo le proprie possibilità.

La Roma di De Rossi di ieri è apparsa in stato di grazia, con un ammonito in campo – Paredes – che è partito titolare a centrocampo ed è stato protagonista del tiro che ha servito a Dybala il formidabile pallone del primo gol giallorosso.

Che dire, poi, di Zeki Celik? Ieri sera era irriconoscibile rispetto al giocatore prodigo di errori della gestione Mourinho, ieri anche attaccante e possibile realizzatore di un gol.

Onnipresente ed estremamente lucido Svilar, che ormai si è guadagnato di diritto la titolarità in porta: ieri sera non ha sbagliato una parata, nemmeno quelle difficili sui tiri di Welbeck.

Il Faraone El Shaarawy, che finalmente si è riconquistato un posto tra i titolari giallorossi, si è speso come sempre anima e corpo in campo, fornendo anche l’assist per la rete di Mancini.

Mancini che, assieme a Dybala, Lukaku e Cristante, ha realizzato reti degne della Roma dei tempi d’oro. A dimostrazione che tutti i reparti – difesa, centrocampo e attacco – sono e possono essere, oggi, realizzativi.

La partita di ieri è il fulgido esempio di come la Roma di oggi sia una squadra che fa, per l’appunto, gioco di squadra. In grado di orchestrare la partita e di costruire passaggi continui da una parte all’altra del campo quando necessaria, come accaduto nel primo tempo di ieri.

Una Roma che può commettere pochi falli e che tuttavia è in grado di subirne conquistando punizioni. Una Roma che corre veloce perché non c’è più tempo da perdere.

E’ una Roma, questa, che può andare lontano.

Click to comment

Notizie

Cannavaro: “La mia Juve era fortissima. Al Real non è permesso sbagliare nulla”

Pubblicato

il

Fabio Cannavaro

Fabio Cannavaro ha parlato ai microfoni di Radio Serie A soffermandosi in particolare sulle avventure con le maglie di Juventus e Real Madrid.

Fabio Cannavaro, leggenda del calcio italiano, è intervenuto ai microfoni di Radio Serie A ricordando i tempi dell’esperienze con le maglie di Juventus e Real Madrid.

Cannavaro

Le parole di Cannavaro

“Dopo l’Inter trascorsi due anni a Torino dove i tifosi mi ritennero da subito ai livelli di Buffon e Del Piero, anche perché sul campo ho sempre garantito prestazioni importanti. Lì sono stato bene, ci hanno annullato due campionati ma la realtà è che quella era una Juve fortissima. Poi nel 2006 la società mi fece capire che c’era la necessità di cedere qualcuno e mi avvertirono della trattativa con il Real Madrid. Quando arrivi lì e visiti la sala trofei del club ti rendi conto che con quella maglia addosso non è permesso sbagliare nulla”

Continua a leggere

Notizie

Pippo Inzaghi: “Mio fratello dopo la finale di Champions ha fatto il salto definitivo”

Pubblicato

il

Pippo Inzaghi

Filippo Inzaghi, intervenuto ai microfoni di Dazn, ha parlato del cammino degli ultimi anni di suo fratello Simone sulla panchina dell’Inter.

Intervenuto a Dazn come protagonista del format “Un’altra storia”, Pippo Inzaghi si è soffermato sul percorso fatto negli ultimi anni di suo fratello Simone sulla panchina dell’Inter e della possibilità di conquistare la seconda stella nel derby della Madonnina.

Inzaghi

Le parole di Pippo Inzaghi su suo fratello

Le qualità di Simone:

“Simone è un ottimo gestore di risorse umane, è molto bravo. Quello che ha subito l’anno scorso non lo avrebbe sopportato nessuno e lui invece si è fatto scivolare tutto. È stato bravissimo, è andato avanti per la sua squadra. Dopo la finale di Champions, in cui ha incartato Guardiola, ha fatto il salto definitivo e a me non sorprende. Ha pochi amici e quindi si è dovuto fare il mazzo per dimostrare che adesso è uno dei migliori d’Europa. Sono contento per lui perché oltre a essere un grande allenatore, è una persona perbene”.

Scudetto Inter nel derby?

“Uno lo sventai io con un mio gol. Però sono felice per mio fratello perché coronerebbe un sogno. Spero che il Milan vinca la coppa, così per me sarebbe il top. Sarà una bella partita con lo stadio pieno. Io feci gol al mio primo derby con Terim. Non feci tanti gol nel derby, ma quello che ho fatto sono stati importanti. Nei due di Champions per esempio io non feci un tiro in porta in due gare dalla tensione”.

San Siro:

“Non si tocca. Venni al Milan per San Siro. Quando facevo il Trofeo Berlusconi per me giocare a San Siro ero il mio stadio. Ho ottenuto in quello stadio tutto quello che dovevo ottenere. Nelle notti di Champions mi stimolava molto vedere i tifosi che stavano ore e ore in coda in pullman”.

Le differenze tra di voi come giocatore:

“Io e mio fratello ci facevamo portare alla Galleana al Piacenza per farci fare le foto coi giocatori. Simone ha il record che non ho nemmeno io: mai fatto quattro gol, lui li ha fatti al Marsiglia. Abbiamo giocato insieme in nazionale, anche per i miei genitori vederci esordire in nazionale a Torino…

Lui tecnicamente era più forte, ha convissuto con un problema importante alla schiena. Non andò al Milan prima di andare alla Lazio perché fu bocciato per la schiena e questo lo ha ostacolato. Avrebbe fatto di più. Quel che non ha avuto da giocatore lo ha avuto da allenatore”.

Lo studio degli avversari:

“Io e Simone studiavamo tanto gli avversari. Io li conoscevo alla perfezione. Non erano i difensori che marcavano me e io che marcavo loro perché se dovevo scegliere andavo da quello che magari sull’attenzione o sullo scatto potevo fregarlo. Queste cose si cercano di insegnare anche se non sono semplici da capire”.

Continua a leggere

Notizie

Milan, impazza il toto allenatori: tra nomi di fantasia e realtà | Facciamo chiarezza

Pubblicato

il

Milan, questo articolo si prefigge l’obiettivo di mettere un bel po’ di acqua sul fuoco andando a smentire le quotidiane voci più disparate in merito ad un allenatore piuttosto che a un altro, accostati alla panchina rossonera.

Diversi nomi sono stati accostati alla panchina rossonera. Questa sera, ne siamo consapevoli, c’è la gara di ritorno contro la Roma in Europa League, ma ribadiamo con fermezza quanto scritto da tempo. Indipendentemente da cosa accadrà da questa sera a maggio, il futuro di Stefano Pioli sarà lontano da Milano.

Facciamo adesso chiarezza, o meglio, proviamo a farla, in merito ai molti nomi venuti fuori in queste ultimissime settimane su diverse testate giornalistiche. La premessa è che rispettiamo ogni opinione, tuttavia cerchiamo di spiegare la situazione sulla base delle informazioni che abbiamo.

Ad oggi vogliamo escludere categoricamente due nomi, quelli di Thiago Motta e di Marcelo Gallardo. Entrambi sono stati ascoltati dalla dirigenza rossonera nella persona di Giorgio Furlani, il primo perché a gennaio sembrava essere un reale obiettivo, il secondo perché è stato proposto dal suo entourage. Sappiamo tuttavia che Motta ha trovato un accordo con la Juventus e Gallardo non interessa al club di Via Aldo Rossi.

Entriamo ora nella zona calda, probabilmente la più difficile da interpretare, facendo altri tre nomi: Julen Lopetegui,Maurizio Sarri e Marco Rose. E qui la stampa estera si divide, in Spagna danno per certo l’ex tecnico del Wolverhampton, in Russia invece riferiscono che il Milan abbia invece già trovato un accordo con l’ex Lazio. Ragione o torto, raccogliamo queste informazioni precisando che a noi non risultano troppi interessamenti su Lopetegui, mentre qualche contatto in più c’è stato con lo stesso Sarri il quale fin dai tempi di Adriano Galliani è allenatore che piace alla dirigenza rossonera. Su Rose possiamo dire che ci sono stati contatti e il tecnico piace molto. Ma non disponiamo di altre informazioni più precise.

E veniamo all’ultimo nome, quello che divide, ma che soprattutto entusiasma buona parte della tifoseria. Chi se non Antonio Conte. Su di lui possiamo spendere certezze, non solo parole. Sappiamo infatti che è il principale obiettivo di Zlatan Ibrahimovic il quale sta provando a convincere il resto della dirigenza che appare piuttosto restìa, soprattutto Furlani, ad assoldare il tecnico leccese. Ad oggi non ci risulta che Conte possa realmente andare al Napoli, anche perché in almeno tre occasioni ha preferito prendere tempo aspettando una chiamata del Milan. Che ad oggi non sappiamo se mai arriverà, ma riteniamo sia il primo nome sulla lista.

Gerry Cardinale un mese fa ha parlato di evoluzione, di compiere uno step successivo. Ad oggi, degli allenatori liberi, solo Conte probabilmente permetterebbe al Milan di provare a svoltare in tal senso.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Serie A, Fiorentina Serie A, Fiorentina
Conference League54 secondi fa

Fiorentina – V. Plzen 2-0 d.t.s: Nico e Biraghi spazzano via la paura, è semifinale! Le pagelle viola

Visualizzazioni: 2 La Fiorentina abbatte il muro del Viktoria Plzen dopo i tempi supplementari: è ancora semifinale di Conference League!...

Serie A10 minuti fa

Sassuolo-Lecce: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 135 Sassuolo–Lecce, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà al Mapei Stadium di Reggio...

Serie A31 minuti fa

Monza-Atalanta: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 131 Monza–Atalanta, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà all’U-Power Stadium di Monza domenica...

Serie A50 minuti fa

Salernitana-Fiorentina: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 163 Salernitana–Fiorentina, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Arechi di Salerno...

Serie A1 ora fa

Torino-Frosinone: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 190 Torino–Frosinone, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Olimpico Grande Torino...

Serie B2 ore fa

Serie B: il monte ingaggi non rispecchia la classifica

Visualizzazioni: 192 Serie B, la Lega calcio della serie cadetta ha comunicato il monte ingaggi delle varie squadre: non sempre...

Eintracht Frankfurt Eintracht Frankfurt
Conference League2 ore fa

Le formazioni ufficiali delle “altre” di Europa e Conference League

Visualizzazioni: 226 I quarti di finale di Europa League e Conference League si chiudono stasera. Di seguito, le formazioni ufficiali...

Atalanta - Liverpool Atalanta - Liverpool
Europa League2 ore fa

Atalanta-Liverpool, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 236 Atalanta-Liverpool è la partita che potrebbe permettere alla Dea di scrivere la storia, ma i Reds sono una...

Europa League2 ore fa

Roma-Milan, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 480 Roma-Milan decreterà quale fra queste due squadre italiane accederà alla semifinale di Europa League per poi sognare Dublino....

Serie A2 ore fa

Hellas Verona-Udinese: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 227 Hellas Verona–Udinese, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Bentegodi di...

Le Squadre

le più cliccate