I nostri Social

Notizie

Quando una partita di calcio diventa tutto tranne che una partita di calcio.

Pubblicato

il

Ieri si è disputata allo stadio San Siro di Milano la fondamentale partita Inter-Napoli,terminata 1 a 0 con il gol allo scadere dell’interista Lautaro Martinez. L’analisi della partita termina qui perchè questa partita passerà alla storia non per quanto fatto vedere in campo,bensì fuori dallo stadio e sugli spalti. A rendere ancora più triste il quadro,nel caso servisse, è la data del match: 26 dicembre. E 26 dicembre significa Boxing Day, festività in tutti i paesi che fanno parte del Commonwealth delle nazioni. La tradizione, specie nel Regno Unito, è quella di giocare un’intera giornata di campionato proprio il 26 dicembre.

Da quest’anno si è deciso di introdurre questa novità anche nella “nostra” Serie A. E quello che è successo ieri non fa altro che rimarcare la differenza che abbiamo con le altre nazioni, Regno Unito in primis.

Indice

Fuori dallo stadio

Il tutto inizia prima del match,verso le 19.30.Un gruppo di circa 100 individui si sono organizzati per tendere un’imboscata ai tifosi del Napoli.Tra questi individui, che eviterò di chiamare persone e, tantomeno, “tifosi” ci sono ultrà dell’Inter ,ultrà del Varese, gemellata con l’Inter e ultrà del Nizza, scontratisi recentemente con gli ultrà partenopei in occasione di un’amichevole in terra francese. L’attacco era premeditato:a circa 2 km dallo stadio erano state nascoste ore prima mazze da baseball,coltelli,bastoni e asce. All’arrivo dei pulmini e delle macchine napoletane ( il convoglio sarebbe stato preso in custodia dalle forze dell’ordine qualche centinaio di metri più avanti) è iniziata una vera e propria guerriglia.

Questi individui,coperti da passamontagna e armati di tutto ciò che avevano preparato prima, si sono scagliati contro i tifosi napoletani. Ne è nato uno scontro violento, sedato per fortuna dalle forze dell’ordine, presenti in massa vista la pericolosità del match ( e il fatto che ogni partita di alto livello, ma non solo, nel calcio necessiti di un ingente presenza di Forze dell’Ordine è già tutto un dire). Negli scontri vengono feriti quattro ultrà napoletani, il più grave trasportato in codice giallo in ospedale. Ad avere la peggio però è un altro individuo,che invece faceva parte del gruppo d’assalto,che cade a terra e viene travolto da un Suv (al momento non si ha ancora l’identità dell’autista).Tale individuo verrà poi trasportato e abbandonato (sic) all’Ospedale San Carlo,dove morirà nel corso della notte per le ferite riportate. Il nome di tale individuo era Daniele Belardinelli, 35enne ultrà del Varese. Già sanzionato con due Daspo (” Il Daspo è una misura prevista dalla legge italiana al fine di impedire aggressioni violente nei luoghi degli avvenimenti sportivi”,ndA ), era fra i capi del gruppo “Blood Honour”, frangia più estrema del tifo biancorosso.Lascia moglie e due figli.Sottolineo,due figli.

Sugli Spalti

Anche la situazione sugli spalti è raccapricciante. Siamo nel 2018 e ancora dobbiamo assistere a episodi di razzismo, questa volta rivolti contro il difensore senegalese Kalidou Koulibaly. Ovviamente, per fortuna, gli ululati non sono partiti da tutti tifosi, ma soltanto da una ristretta cerchia di “individui”. Fatto sta che il difensore senegalese è stato più volte fischiato per il colore della pelle durante il match fino al minuto ’80 quando proprio Koulibaly ha applaudito l’arbitro in segno di protesta in seguito ad una sua ammonizione ed è stato così espulso. Probabilmente innervosito dagli ululati razzisti,il difensore ha esagerato nei confronti dell’arbitro, ma il regolamento parla chiaro e Mazzoleni ha estratto giustamente il rosso. L’operato di Mazzoleni verrà comunque indagato dalla FIGC nei prossimi giorni per vedere se fosse necessario sospendere il match, come reclamato dagli azzurri in campo e come ribadito da mister Ancelotti nel post gara.

Purtroppo ieri sera,in un big match tra seconda e terza forza della prima lega dello sport più seguito d’Italia ci siamo dovuti trovare,di nuovo,di fronte a pessimi fenomeni di puro e gratuito razzismo.E non è assolutamente la prima volta,anzi. Senza andar troppo indietro nel passato,son state numerose le situazioni analoghe avvenute anche in altri stadi d’Italia da parte di altri individui che si professavano “tifosi” di altre squadre:basti pensare a Boateng contro la Pro Patria a Burso Arsizio,allo stesso Koulibaly in Lazio-Napoli del campionato scorso o anche ad Eto’o in Cagliari-Inter di qualche anno fa. Segno che il razzsimo non è un fenomeno interista,ma purtroppo un fenomeno che si replica da tempo in vari stadi.

Provvedimenti

Per quanto riguarda le questioni totalmente extracalcistche, la Digos ha iniziato già da stanotte perquisizioni in case di ultrà di Inter e Varese ed ha operato già tre arresti di tre individui ritenuti responsabili dell’organizzazione dell’attacco.Il questore,visti entrambi tutti gli avvenimenti,aveva proposto il blocco delle trasferte degli ultrà interisti fino al 31 marzo e la chiusura della curva del Meazza. Si era anche vociferato di uno stop dell’intero campionato per dare un segnale forte. Per ora i provvedimenti sono i seguenti:

– Chiusura del settore ospiti per il match Empoli-Inter in programma sabato 29 su decisione della prefettura di Firenze

Obbligo di disputare due gare prive di spettatori e ulteriore gara con il settore “secondo anello verde” privo di spettatori: per decisione del giudice sportivo.

L’Inter, ovviamente, ha preso le distanze da ogni offesa di tipo razzista con un comunicato stampa dove afferma “Milano è inclusione. Chi non lo accetta non è uno di noi”

Speriamo che questi individui recepiscano il messaggio e speriamo che nessun episodio di razzismo si verifichi più in uno stadio, che sia San Siro, il Sant’Elia, l’Olimpico o qualsiasi altro.

Nel mentre, questa è l’immagine di “cultura”calcistica che diamo noi all’estero, proprio nella giornata del ‘Boxing Day’, festività basata sul regalare doni ai membri meno fortunati della società.

 

 

Click to comment

Notizie

Rinvio a giudizio per Agnelli e gli altri ex manager Juventus

Pubblicato

il

Agnelli - Depositphotos

La procura di Roma ha richiesto il rinvio a giudizio per gli ex vertici della Juventus, nell’ambito dell’inchiesta sui conti della società.

Il fascicolo è stato affidato ai pm Lorenzo Del Giudice e Giorgio Orano, specializzati in reati economici, sotto la supervisione del procuratore aggiunto Giuseppe Cascini.

La situazione dell’ex-presidente della Juventus

La procura di Roma ha chiesto rinvio a giudizio per gli ex vertici della Juventus, nell’ambito dell’Inchiesta Prisma. Avviata inizialmente dai pm torinesi e poi trasferita a piazzale Clodio per competenza.

Tra gli indagati ci sono una decina di persone. Appaiono infatti l’ex presidente Andrea Agnelli, l’ex vice Pavel Nedved, Fabio Paratici e Maurizio Arrivabene.

juventus

Le accuse contestate nell’inchiesta includono, a vario titolo, aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza e false fatturazioni. In particolare, l’accusa ipotizza plusvalenze fittizie e manovre sugli stipendi dei calciatori durante la pandemia da Covid-19.

È ancora in fase di indagine il filone relativo al bilancio della Juventus al 30 giugno 2022. La trasmissione degli atti a Roma era stata decisa dalla Cassazione, la quale aveva dichiarato l’incompetenza territoriale di Torino: ordinando quindi il trasferimento degli atti a Roma.

Continua a leggere

Notizie

Lazio, gli ultimi dati sulle tessere vendute

Pubblicato

il

lazio

La Lazio, nell’ultima stagione, è reduce da un’annata non troppo brillante, che ha visto la squadra capitolina arrivare solamente al settimo posto.

Con una contestazione in atto ed una campagna acquisti non proprio esaltante, sopratutto con l’obiettivo principale sfumato (Mason Greenwood), la Lazio si attinge a completare la prima fase di vendita degli abbonamenti.

Lazio, il dato sulle tessere vendute

Nella giornata odierna, la società biancocelste ha raggiunto, nella prima fase di vendita degli abbonamenti con prelazione, circa 9500 tessere. Il club spera di arrivare nella fase finale di vendita libera almeno a 20/21 mila tessere staccate.

lotito lazio

Nelle giornate di venerdì 19 e sabato 20 luglio, i tifosi che non hanno sottoscritto l’abbonamento nella fase di prelazione potranno acquistare la tessera nei posti rimasti liberi dalla fase precedente.

Dal 22 di luglio inizierà la fase di vendita libera che si concluderà il 10 di agosto. Una settimana prima dell’inizio del campionato di Serie A, in cui la Lazio incontrerà il Venezia nella prima giornata.

Continua a leggere

Notizie

Milan, visite finite per Morata: le sue prime parole

Pubblicato

il

Ovviamente manca ancora la firma sul contratto, ma si può dire ormai che Alvaro Morata sia un nuovo giocatore del Milan. Ecco le sue prime dichiarazioni.

Milan

Ci siamo, il Milan batte finalmente il primo colpo del suo mercato estivo. Alvaro Morata ha effettuato e concluso le visite mediche di rito: sarà presto un giocatore rossonero. Ai microfoni di Sky ha rilasciato le sue prime parole.

Indice

Morata: “Scelto il Milan per la fiducia di Zlatan…”

Un’operazione che la società rossonera ha voluto fortemente e che lo stesso Morata ha spinto perché si potesse concretizzare.

Il Milan avrà il suo nuovo attaccante (non è detto che sia l’unico) grazie al pagamento dei 13 milioni di euro della clausola che lo legava all’Atletico Madrid.

Al termine delle visite mediche, ecco le sue prime parole da rossonero:

“Convinto dalla fiducia che mi ha dato Zlatan, la squadra e l’allenatore. Non vedo l’ora di iniziare ma prima vado in vacanza per stare insieme alla mia famiglia che mi ha aiutato tanto. Mi allenerei già domani.”

L’attaccante spagnolo, infatti, dopo aver concluso la stagione con la maglia dell’Atletico, è stato impegnato nella spedizione tedesca con la nazionale della Spagna e per lui gli impegni sono terminati solo tre giorni fa, con la vittoria dell’Europeo.

Sul ritorno in Serie A:

“Mi avete sempre trattato con un rispetto incredibile e non vedo l’ora di venire in vacanza in Italia per poi tornare ad allenarmi con la squadra per giocare in Serie A.”

Sui dialoghi con Ibrahimovic e la maglia numero 9:

“Zlatan mi ha trasmesso cose positive, so che ho davanti i miei migliori anni di carriera e voglio giocare in questo grande club che è il Milan. Se avrò la 9? Vediamo.”

Continua a leggere

Ultime Notizie

percassi atalanta percassi atalanta
Calciomercato11 minuti fa

Atalanta, parola di Luca Percassi: “Koopmeiners resterà.”

Visualizzazioni: 15 L’ad dell’Atalanta Luca Percassi ha preso la parola durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo acquisto nerazzurro...

Juventus, Cristiano Giuntoli Juventus, Cristiano Giuntoli
Calciomercato21 minuti fa

Juventus: pronto lo “scippo” all’Inter

Visualizzazioni: 29 La Juventus sta cercando di inserirsi nella trattativa tra l’Inter e l’Hellas Verona per Juan Cabal, difensore centrale...

Calciomercato32 minuti fa

Venezia, nel mirino un centrocampista della Juventus

Visualizzazioni: 28 Mentre si avvicina l’addio di Tessmann, il Venezia continua a lavorare per il suo sostituto. Il primo nome...

Calciomercato41 minuti fa

Ufficiale Cagliari: tre colpi dall’Atalanta

Visualizzazioni: 70 Cagliari: tre nuovi rinforzi per Davide Nicola, arrivano tutti dall’Atalanta: Michel Adopo, Nadir Zortea e Roberto Piccoli. Davide...

torino ilic torino ilic
Calciomercato52 minuti fa

Torino, Ilic sempre più Zenit: Vagnati sceglie il sostituto

Visualizzazioni: 47 Il Torino è sempre più vicino a cedere Ivan Ilic allo Zenit San Pietroburgo: Vagnati valuta il sostituto....

Lecce, Corvino Lecce, Corvino
Calciomercato1 ora fa

Lecce: Corvino fiuta il colpo a centrocampo

Visualizzazioni: 47 Pantaleo Corvino sta considerando l’acquisto di Dennis Praet per rinforzare il centrocampo del Lecce. Il centrocampista belga, che...

juventus juventus
Calciomercato1 ora fa

Aston Villa, cessione illustre in Arabia: via per 60 milioni

Visualizzazioni: 39 L’Aston Villa ha chiuso un’operazione in uscita verso l’Arabia Saudita. La cessione riguarda uno dei punti fermi della...

Calciomercato1 ora fa

Ufficiale Atalanta: ecco Sulemana!

Visualizzazioni: 43 L’Atalanta ha ufficializzato tramite comunicato ufficiale l’acquisto di Ibrahim Sulemana, centrocampista ghanese del 2003, proveniente dal Cagliari. Sulemana...

Calciomercato2 ore fa

Calciomercato Juventus, a che punto è il colpo Koopmeiners

Visualizzazioni: 70 Oramai ci siamo. L’arrivo di Teun Koopmeiners alla Juventus non è più solo una suggestione, ma serve prima...

romero romero
Calciomercato2 ore fa

Milan, Romero in uscita: ecco dove andrà

Visualizzazioni: 115 L’intenzione del Milan è quella di sfoltire la rosa dopo i diversi rientri dai prestiti e Luka Romero...

Le Squadre

le più cliccate