I nostri Social

Media

Pareggio tra Audace Cerignola e Turris

Pubblicato

il

Audace Cerignola Turris

Termina 0-0 la sfida tra Audace Cerignola e Turris, padroni di casa vicini al goal a fine primo tempo e nel finale di gara dove perde Martinelli per espulsione.

Cerignola e Turris si dividono la posta in palio

Audace Cerignola Turris

Nel duro confronto tra Audace Cerignola e Turris, entrambe le squadre hanno lottato strenuamente ma alla fine hanno dovuto accontentarsi di un pareggio senza reti. Nonostante un predominio territoriale da parte dell’Audace Cerignola, che è durato per gran parte della partita, la squadra di Raffaele non è riuscita a rendersi sufficientemente pericolosa per bucare la porta dell’estremo difensore ospite Marcone, tra i migliori nelle file dei corallini.

Per l’Audace Cerignola, questo pareggio rappresenta un buon risultato, anche se non riesce a migliorare la sua posizione in classifica. La squadra campana resta in zona playout, ma riesce comunque a rosicchiare un punto al Catania, attualmente sesto dalla fine e sconfitto anche nell’ultima partita contro il Giugliano.

D’altro canto, il Cerignola fallisce nel tentativo di agganciare la decima posizione. Nonostante il dominio del campo di gioco, la squadra di Raffaele non è stata in grado di sfruttare l’opportunità e deve accontentarsi di recuperare solo un punto al Foggia, anch’esso sconfitto in questa giornata contro il Latina.

La partita al ‘Monterisi’ è stata caratterizzata da poche emozioni, con solamente due occasioni significative per gli ofantini. Entrambe sono arrivate nei minuti finali delle rispettive frazioni. Al 40′ del primo tempo, su un calcio d’angolo, Tascone ha avuto l’opportunità di segnare da posizione ravvicinata, ma è stato neutralizzato da una parata formidabile di Marcone. Lo stesso Marcone ha dimostrato la sua bravura al 40′ del secondo tempo, quando ha respinto un tiro ravvicinato di Carnevale. Nel finale della partita, l’Audace Cerignola è rimasta in dieci uomini a causa dell’espulsione di Martinelli, che ha commesso un fallo su De Felice.

Nonostante il risultato deludente, entrambe le squadre possono trarre qualche conforto dalle buone prestazioni difensive e guardare avanti con determinazione verso le prossime sfide.

Media

Foggia-Audace Cerignola, Derby per i PlayOff

Pubblicato

il

Fogia Audace Cerignola

Foggia e Audace Cerignola si sfidano per guadagnarsi un posto ai playoff, le due squadre sono separate da 1 solo punto in classifica.

Indice

Il Derby di Capitanata valevole per i PlayOff

Il campo dello Stadio Pino Zaccheria di Foggia si prepara ad accogliere uno scontro entusiasmante per la diciottesima giornata di ritorno del campionato di Serie C Girone C. Questa sera alle ore 20:00, il Foggia ospiterà l’Audace Cerignola in un match che promette scintille.

Il Foggia si posiziona al decimo posto in classifica, accumulando finora 48 punti. Con 13 vittorie, 9 pareggi e 14 sconfitte nelle trentasei partite disputate, i rossoneri hanno segnato 39 gol e subito 41 reti. Dall’altra parte, l’Audace Cerignola si trova all’undicesimo posto con 47 punti. Con 10 vittorie, 17 pareggi e 9 sconfitte, hanno realizzato 49 gol e subito 45 reti.

Nella loro ultima apparizione allo Stadio Alfredo Viviani, il Foggia ha conquistato una convincente vittoria per 3-0 contro il Potenza, mentre l’Audace Cerignola ha ottenuto un successo altrettanto impressionante battendo la Virtus Francavilla con lo stesso punteggio di 3-0 al Monterisi.

Aggiornamenti sulle squadre

Il Foggia dovrà fare a meno degli infortunati Tenkorang, Millico, Carillo e Marzupio. Tuttavia, possono contare sul ritorno in squadra di Odjer e Tascone, dopo aver scontato il turno di squalifica. Santaniello e Silvestro tornano anch’essi tra i convocati dopo una settimana di regolare allenamento. La formazione probabile include Perina tra i pali, con Ercolani, Riccardi e Rizzo a comporre la difesa a tre. Salines, Odjer, Tascone e Vezzoni saranno nel centrocampo, mentre Rolando, Gagliano e Schenetti si occuperanno dell’attacco.

Per quanto riguarda l’Audace Cerignola, non potranno contare sul giocatore squalificato Martinelli e sugli infortunati Trezza, Ruggiero e Bezzon. Tuttavia, possono contare sul ritorno di Capomaggio. La formazione probabile vede Krapikas tra i pali, con Allegrini, Ligi e Gonnelli a formare la difesa a tre. Il centrocampo sarà composto da Coccia, Tascone, Capomaggio, Sainz-Maza e Russo, mentre in attacco giocheranno D’Andrea e Vuthaj.

Le aspettative

Con entrambe le squadre che cercano di consolidare la loro posizione in classifica, ci si può aspettare una partita avvincente e combattuta. Il pubblico può aspettarsi un calcio di alto livello, con entrambe le squadre determinate a portare a casa i tre punti. La tensione sarà palpabile sul terreno di gioco mentre il Foggia e l’Audace Cerignola si sfideranno per la vittoria.

Continua a leggere

Focus

Derby della Mole: Juventus e Torino

Pubblicato

il

Torino Juventus Derby della Mole

La storia della rivalità tra Juventus e Torino è un derby che va oltre il calcio, la rivalità tra Juventus e Torino è molto più di una semplice sfida calcistica.

Quand’è nata la rivalità tra Juventus e Torino

derby della mole

Il Derby della Mole è uno degli incontri più intensi e appassionanti del calcio italiano. La rivalità tra Juventus e Torino è radicata profondamente nella storia di Torino e nel tessuto sociale della città. Questa rivalità è stata plasmata nel corso degli anni da una serie di eventi che hanno contribuito a definire l’importanza e il significato di questo derby.

Tutto ha inizio nel lontano 1906! La Juventus, fondata nel 1897, rappresenta il cuore della borghesia torinese, con una storia ricca di successi nazionali e internazionali che l’hanno resa una delle squadre più titolate al mondo. Dall’altra parte c’è il Torino, nato nel 1906 da una scissione della Juventus e divenuto il simbolo della classe operaia torinese. Questa dualità sociale ha alimentato la rivalità tra le due squadre, trasformando il derby in uno degli eventi più attesi e sentiti della stagione calcistica italiana.

La rivalità tra Juventus e Torino è molto più di una semplice sfida calcistica; è una narrazione intrecciata con la storia stessa di Torino, una città divisa tra due colori, due passioni e due tradizioni. Questo derby, conosciuto come il “Derby della Mole” in riferimento alla Mole Antonelliana che sovrasta la città, ha radici profonde che risalgono ai primi giorni del calcio italiano.

Il primo incontro ufficiale tra Juventus e Torino si è svolto il 13 gennaio 1907, con la vittoria della Juventus per 2-1. Da allora, le partite tra le due squadre sono diventate un momento di grande passione e rivalità per i tifosi.

La storia del derby è segnata da momenti di grande dramma e passione. Uno degli episodi più toccanti è quello del 4 maggio 1949, quando il Grande Torino, una squadra leggendaria che dominava il calcio italiano, scomparve in un tragico incidente aereo. Questa tragedia ha lasciato un segno indelebile nella città di Torino e ha reso il derby ancora più carico di emozioni e significati.

Negli anni successivi, la Juventus ha dominato il calcio italiano, accumulando successi nazionali e internazionali, mentre il Torino ha attraversato alti e bassi. Tuttavia, ciò non ha mai attenuato la passione e l’intensità del Derby della Mole.

Negli anni, il derby è diventato un simbolo di identità per i tifosi delle due squadre. Le strade di Torino si tingono di bianconero e granata nei giorni che precedono l’incontro, con i tifosi che si preparano per una battaglia che va ben oltre il terreno di gioco. Le partite sono caratterizzate da una tensione palpabile e da momenti di grande intensità, con gli spalti degli stadi gremiti di tifosi che sostengono con fervore le proprie squadre.

Ma la rivalità tra Juventus e Torino non si limita al calcio; si estende anche alla vita quotidiana della città. I tifosi si confrontano su ogni aspetto della vita, dal lavoro alla politica, dando vita a una rivalità che permea ogni strato della società torinese.

Nonostante le divergenze, però, c’è un elemento che accomuna i tifosi delle due squadre: l’amore per la propria città e per il calcio. Il derby rappresenta un momento di celebrazione della storia e dell’identità di Torino, un’occasione per riunirsi e condividere le proprie passioni, anche se divise da colori diversi.

In un mondo in continua evoluzione, il derby tra Juventus e Torino resta un faro di tradizione e appartenenza per la città di Torino. Una rivalità che va oltre il calcio, che racconta la storia e l’anima di una città divisa, ma unita dalla stessa passione per il gioco del pallone.

Negli ultimi decenni, il derby è diventato un momento di grande interesse non solo per i tifosi locali, ma anche per gli appassionati di calcio di tutto il mondo. Le partite sono caratterizzate da un’atmosfera carica di tensione e emozioni, con i tifosi che riempiono gli stadi di Torino per sostenere le proprie squadre.

Ogni Derby della Mole è un capitolo nella storia del calcio italiano, un momento in cui le due squadre si sfidano non solo per la vittoria, ma anche per il prestigio e l’onore della propria città. E mentre il calcio evolve e cambia nel corso del tempo, la rivalità tra Juventus e Torino rimane una costante, una parte essenziale del panorama calcistico italiano.

 

 

Continua a leggere

Calciomercato

Juventus: ecco i possibili partenti

Pubblicato

il

Juventus Cristiano Giuntoli

La Juventus è già al lavoro per il proprio futuro e sembra che il direttore sportivo Cristiano Giuntoli abbia già individuato i nomi dei giocatori che potrebbero lasciare Torino nel prossimo mercato estivo.

Nomi importanti possono lasciare la Juventus

Juventus

La lista dei possibili partenti include nomi importanti come Arek Milik, Moise Kean, Filip Kostic, Samuel Iling Jr, Hans Nicolussi Caviglia, Joseph Nonge e Mattia De Sciglio.

La decisione di cedere questi giocatori potrebbe essere motivata da diverse ragioni, tra cui la ricerca di un rinnovamento dell’organico, la necessità di liberare spazio salariale o semplicemente la volontà di dare nuove opportunità ad altri calciatori.

Arek Milik, attaccante polacco arrivato in estate dal Napoli, potrebbe essere uno dei primi a lasciare la Juventus se non dovesse trovare spazio nel progetto tecnico della squadra.

Moise Kean, giovane talento tornato alla Juventus dopo un periodo di prestito al PSG, potrebbe essere oggetto di interesse da parte di altri club desiderosi di garantirgli più minutaggio in campo.

Filip Kostic, esterno serbo, è stato oggetto di voci di mercato già in passato e potrebbe essere uno dei sacrificabili per finanziare nuovi arrivi o per bilanciare il budget del club.

Samuel Iling Jr., Hans Nicolussi Caviglia e Joseph Nonge sono giovani promesse che potrebbero essere ceduti in prestito per guadagnare esperienza e minutaggio in squadre di minore importanza.

Infine, Mattia De Sciglio, esterno destro, potrebbe essere destinato a un trasferimento definitivo dopo un periodo altalenante in bianconero.

Tuttavia, non resta che attendere per vedere se effettivamente questi giocatori lasceranno la Juventus a giugno o se i piani di mercato subiranno delle variazioni. L’ambiente calcistico è sempre imprevedibile e le decisioni possono cambiare in base a molteplici fattori, come le prestazioni in campo, le richieste del mercato o i cambiamenti nella dirigenza. Resta quindi da vedere come si evolveranno le trattative e quali saranno le scelte definitive della Juventus in vista della prossima stagione.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Atalanta Atalanta
Coppa Italia8 ore fa

Atalanta, Gritti: “La Fiorentina ormai la conosciamo”

Visualizzazioni: 251 Atalanta: Tullio Gritti  vice di Gasperini, ha parlato ai canali ufficiali del club alla vigilia della semifinale di...

Inter, Frattesi Inter, Frattesi
Calciomercato9 ore fa

Inter, ecco quanto ti è costato Frattesi

Visualizzazioni: 415 Inter, il Sassuolo ha reso note quelle che sono le cifre con cui i nerazzurri si sono assicurati...

napoli napoli
Serie A9 ore fa

Napoli, l’agente di Di Lorenzo non ci sta: “Inaccettabile scaricare tutto sui giocatori, ognuno si assuma le proprie responsabilità”

Visualizzazioni: 245 Mario Giuffredi, agente di Giovanni Di Lorenzo, ha recentemente rilasciato la seguente intervista ai microfoni di TVPlay. Napoli,...

Chelsea Chelsea
Esteri10 ore fa

Thiago Silva lascia il Chelsea: ha l’accordo con il Fluminense

Visualizzazioni: 277 Dopo Felipe Anderson, un altro brasiliano lascia l’Europa per tornare in patria. Si tratta di Thiago Silva, che...

Coppa Italia10 ore fa

Lazio-Juventus, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 356 Lazio-Juventus è la prima delle due semifinali di ritorno di Coppa Italia. Si riparte dal due a zero...

Fiorentina, il direttore sportivo Daniele Pradè Fiorentina, il direttore sportivo Daniele Pradè
Calciomercato11 ore fa

La Fiorentina bussa alla porta della Juventus?

Visualizzazioni: 313 La Fiorentina potrebbe tornare a fare affari di mercato nella prossima sessione estiva con la Juventus. In casa...

Genoa, Gudmundsson Genoa, Gudmundsson
Serie A11 ore fa

Genoa, Blazquez su Gudmundsson: “Tutti hanno un prezzo, ma decide lui. In estate…”

Visualizzazioni: 225 L’amministratore delegato del Genoa, Andres Blazquez, ha parlato del futuro di Albert Gudmundsson in un’intervista a Caught Offside....

osimhen napoli osimhen napoli
Serie A11 ore fa

Osimhen, parole d’addio: “Onorato di aver giocato nel Napoli”

Visualizzazioni: 341 Victor Osimhen ha rilasciato un’intervista alla piattaforma digitale Betsson Sport, pubblicata poi su Youtube dal Napoli. Napoli, le...

Liverpool, Klopp Liverpool, Klopp
Calciomercato12 ore fa

Liverpool: contatti diretti per il post Klopp

Visualizzazioni: 255 Dopo otto anni Jürgen Klopp ha deciso di lasciare il Liverpool. Il tedesco vorrebbe regalare ai suoi tifosi...

atalanta atalanta
Coppa Italia12 ore fa

Atalanta, Hien: “Sappiamo di avere le qualità giuste per vincere”

Visualizzazioni: 313 Hien, in vista del prossimo impegno di Coppa Italia contro la Fiorentina, ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali...

Le Squadre

le più cliccate