I nostri Social

Notizie

Fagioli: “E’ iniziato tutto per noia. Un anno fa…”

Pubblicato

il

Nicolò Fagioli, centrocampista della Juventus, parla della sua battaglia contro la ludopatia: “Non ne sono già uscito, ma sto facendo di tutto”

Juventus-Fagioli

Fagioli in recupero dalla ludopatia

Per rivederlo protagonista in campo e nella Juventus servirà ancora un po’ di tempo, ma Nicolò Fagioli si sta impegnando in un qualcosa di estremamente importante: il cammino che dovrà condurlo lontano dall’incubo della ludopatia.

Il centrocampista della Vecchia Signora, nella giornata di ieri (Venerdì) ha preso parte a Condove ad un incontro: il secondo dei 10 previsti dalla misura alternativa alla squalifica che gli è stata imposta nell’ambito del caso scommesse.

E proprio su questa imposizione, Fagioli ha parlato del suo percorso e del rapporto con il gioco d’azzardo.

Un evento chiamato ‘Lo sport non è azzardo’, al quale ha preso parte anche il dottor Paolo Jarre, esperto di problematiche legate all’azzardo patologico e che è stato seguito da tanti ragazzi delle società sportive di calcio, basket e pallavolo della zona.

Queste il racconto del centrocampista della Juventus su come è entrato nel tunnel della ludopatia.

Indice

La schedina

“E’ partito tutto da una semplice schedina. La facevo a 16 anni con gli amici, si giocava una volta a settimana. Si perdono i soldi, lo nascondi ai genitori e diventa un problema.

Inizialmente non pensavo che potessero esserci delle conseguenze, poi quando la cosa si è trasformata in una malattia ho capito che potevo rischiare più della mia carriera. La paura veniva superata dall’adrenalina del gioco”.

Tempo libero e noia

“Tutto è nato dalla noia dovuta dal tempo libero. Ho attraversato un periodo molto difficile e non dico di esserne già uscito perché un percorso non lo si chiude in cinque mesi.

Sto però facendo in modo di uscirne definitivamente. Forse ciò che mi ha spinto verso il gioco è stata la noia, oggi ai giovani dico di coltivare i loro sogni e di non scommettere”.

Il momento più difficile

“Il periodo più difficile è stato un anno fa: avevo tanti problemi. Diventa difficile gestire tutto da solo ed ho capito che dovevo chiedere aiuto. La cosa era diventata una malattia”.

L’influenza lavorativa

“In partita non davo tutto quello che potevo, non riuscivo ad allenarmi al massimo. E’ stato il periodo più duro della mia vita e i miei compagni mi hanno aiutato molto, sono tanto legato a Vlahovic, Chiesa e Gatti.

La squalifica finirà il 19 Maggio ed il 26 spero di poter giocare con il Monza, ora potrò dare molto di più in campo. Ho rischiato di perdere anche la Juve ma tutti mi sono stati sempre vicini.

Adesso gioco spesso a tennis o a padel, faccio sport e il fatto di stare di più con gli amici e la famiglia mi sta aiutando molto”.

 

Notizie

Ultim’ora Milan, incontro con Comolli: fumata nera

Pubblicato

il

Ultim’ora Milan, come scritto nella serata di ieri, c’è stato in mattinata un incontro tra Cardinale e Comolli. Andiamo a vedere le prime ricostruzioni.

Gerry Cardinale ha incontrato in mattinata Damien Comolli, attuale presidente del Tolosa.

Come scritto diverso tempo fa, ed ancora nella serata di ieri, sembrava quasi certo l’approdo di Comolli, ma invece registriamo una fumata nera.

Stando quindi alle ultime notizie in nostro possesso, Giorgio Furlani Paolo Scaroni resteranno al loro posto.

Continua a leggere

Notizie

Milan, spaccatura nella dirigenza: divide il futuro di Stefano Pioli

Pubblicato

il

Milan, nel day after della gara di Europa League contro la Roma, continuano le accese riflessioni sul futuro del tecnico parmense. Qui di seguito la situazione.

Come scriviamo da tempo, il futuro di Stefano Pioli non è legato al risultato di una singola partita (vedasi il derby) o all’esito del cammino in Europa League. Certo, in un’attenta valutazione saranno aspetti da inserire, ma la decisione verrà presa su diversi fattori. E sappiamo che la dirigenza, e lo stesso Gerry Cardinale, non è contenta dell’andamento della squadra, al di là di certe dichiarazioni prettamente di facciata ed inevitabili.

La stagione di Pioli non è di certo da ricordare e va in continuità con quella scorsa che ha regalato la qualificazione in Champions solamente per l’esclusione dalle coppe della Juventus. Inoltre gli oltre 30 infortuni non hanno fatto altro che indebolire la posizione dell’allenatore che a dicembre si è trovato fuori dalla lotta scudetto e fuori dalla Champions.

Registriamo quindi una netta differenza di idee all’interno dello staff dirigenziale con Zlatan Ibrahimovic fortemente convinto a cambiare tecnico e gli altri piuttosto possibilisti all’idea che possa rimanere. Ricordiamo che la decisione sembrava già essere stata presa a gennaio all’unanimità, quando anche Moncada aveva incontrato altri tecnici (Farioli, Motta e Lopetegui), ma i recenti miglioramenti hanno di fatto causato questa spaccatura.

Sicuramente entro fine di aprile avremo risposte ulteriori in quanto la prossima stagione va preparata adesso e per fare mercato serve avere la certezza della figura che allenerà la squadra. Come più volte scritto, ad oggi la permanenza di Pioli non è di certo scontata.

Continua a leggere

Notizie

Milan, Leao stecca e litiga a fine partita con un giornalista: quando diventerà un top player?

Pubblicato

il

Milan, la gara contro la Roma ha visto i rossoneri uscire dalle loro mura amiche con una rete sul groppone e una sconfitta che pesa sul morale e sul cammino di Europa League. Protagonista in negativo, tra gli altri, anche il portoghese.

E’ stato uno dei grandi assenti della gara contro la Roma. Ci riferiamo a Rafael Leao il quale era regolarmente in campo dal primo minuto, ma praticamente non si è visto fino all’uscita dal campo per far subentrare Okafor.

Una prestazione del tutto deludente, il portoghese ha praticamente mai saltato l’uomo ed è apparso svogliato ed eccessivamente nervoso. Lo abbiamo scritto e detto più volte, se in serata, Leao può essere uno dei giocatori più pericolosi e forti dell’intero panorama calcistico mondiale, quando invece stacca la testa, a tratti diventa irritante. Ed è per questo motivo che è ancora lontano dall’essere un top player. Certo, ci sta studiando, ma ad oggi non lo è.

Avvicinato da un giornalista a fine partita, il portoghese si è rivolto a lui dicendo “Fai bene il tuo lavoro”, ed è stato portato via da alcuni addetti ai lavori. Un segnale di nervosismo, che ci sta dopo una sconfitta. Purtroppo Leao è così, ma per il futuro dovrà riuscire a trovare maggiore continuità.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Napoli Napoli
Calciomercato9 minuti fa

Napoli, possibile asse di mercato con il PSG nell’affare Osimhen

Visualizzazioni: 180 Secondo quanto emerso nelle ultime ore l’asse tra PSG e Napoli potrebbe scaldarsi ancora questa volta per l’attaccante...

Torino-Juventus Torino-Juventus
Serie A10 minuti fa

Torino, torna il Derby della Mole: le statistiche

Visualizzazioni: 41 Domani alle 18 si gioca del Derby della Mole Antonelliana: per prepararci a Torino-Juventus scopriamo insieme le statistiche...

Cagliari, Ranieri Cagliari, Ranieri
Serie A20 minuti fa

Cagliari, Ranieri: “L’Inter una squadra quasi perfetta. Pavoletti e Petagna…”

Visualizzazioni: 157 Il tecnico del Cagliari, Claudio Ranieri, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della delicatissima sfida contro l’Inter...

Milan - Roma Milan - Roma
Europa League40 minuti fa

Ranking UEFA, Atalanta e Roma conquistano una posizione. Il Milan…

Visualizzazioni: 378 Terminate le gare d’andata dei quarti di Europa League e Conference League, la UEFA ha aggiornato il ranking....

Notizie57 minuti fa

Ultim’ora Milan, incontro con Comolli: fumata nera

Visualizzazioni: 560 Ultim’ora Milan, come scritto nella serata di ieri, c’è stato in mattinata un incontro tra Cardinale e Comolli....

Klopp Klopp
Europa League59 minuti fa

Klopp: “La partita ci è sfuggita di mano, ma al ritorno…”

Visualizzazioni: 205 Jurgen Klopp ha commentato la sconfitta contro l’Atalanta in un’intervista post-partita concessa a TNTSport e Discovery+. Le parole...

Calciomercato1 ora fa

Ultim’ora Milan, si infittiscono i contatti con l’Arsenal: non solo Bennacer in trattativa

Visualizzazioni: 796 Ultim’ora Milan, si infittiscono i contatti tra il club rossonero e quello inglese. Andiamo a vedere la situazione...

Monza Monza
Serie A1 ora fa

Monza, Palladino: “Non c’è nessuna sfida tra me e Motta. Futuro? Ne parlerò a fine stagione”

Visualizzazioni: 179 Il mister del Monza Raffaele Palladino ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro il Bologna...

Roma, torna Ndicka Roma, torna Ndicka
Serie A1 ora fa

Roma, contro l’Udinese il ritorno del campione

Visualizzazioni: 269 Alla Roma si sorride: in occasione della sfida contro l’Udinese dovrebbe tornare a Evan Ndicka: i dettagli sul...

Notizie1 ora fa

Milan, spaccatura nella dirigenza: divide il futuro di Stefano Pioli

Visualizzazioni: 736 Milan, nel day after della gara di Europa League contro la Roma, continuano le accese riflessioni sul futuro...

Le Squadre

le più cliccate