Home » Le interviste » ESCLUSIVA – Frey: “Juventus favorita sulla Fiorentina. Vlahovic? Ha fatto la scelta giusta”
Le interviste

ESCLUSIVA – Frey: “Juventus favorita sulla Fiorentina. Vlahovic? Ha fatto la scelta giusta”

Sebastian Frey, ex portiere che ha vestito tra le altre le maglie di Inter e Fiorentina, è stato raggiunto dai microfoni di CalcioStyle per parlare del match di stasera – Juventus Fiorentina – e di tanto altro ancora.

Face to Face con Frey

Questa sera la Fiorentina affronta la Juventus. Che gara si aspetta? 

“Una partita difficile. La Fiorentina viene da un trend positivo e con Italiano sta giocando un bel calcio. La Juventus è un cliente scomodo ed è favorita tenendo conto del risultato. Nonostante tutto mi aspetto di vedere una gara ad alta intensità”.

Vlahovic ha fatto la scelta giusta passando alla Juve? 

“A Firenze era un leader ed ha grandi qualità e un carattere forte. Alla Juve dovrà confermarsi perché se vuole fare il salto di qualità deve farlo in un grande club come quello bianconero. Credo abbia tutte le caratteristiche per diventare uno dei più forti attaccanti del pianeta calcio”.

La Fiorentina con Piatek ha fatto il colpo giusto?

“Il polacco sa fare gol e lo sta dimostrando. Può crescere ancora, con ina squadra che esprime bel calcio, e quindi crea tante occasioni da gol”.

Belotti può essere l’uomo giusto per la Viola?

“Devo dire che a me piace tanto e lo avrei preso già 2-3 anni fa. Adesso forse potrebbe essere tardi. Ma essendo comunque un parametro zero, accetterei la sfida. Può essere un bel colpo di mercato”.

Allegri ha detto “attenti alla Fiorentina”. Il quarto posto è un obiettivo raggiungibile quest’anno?

Sinceramente da quest’anno non riesco a capire le parole di mister Allegri se sono sincere o se sono nel gergo italiano gufate. La Fiorentina deve stare attenta alla Juve e i bianconeri devono stare attenti ai viola.

La Fiorentina può tornare a respirare a lottare per un posto in Champions League?

“Ha un bel progetto ma la Viola non può permettersi di investire i milioni che spendono i club che la precedono. Però può dire la sua sfruttando il gioco e le idee. La società sta dimostrando di essere cresciuta, con persone competenti che possono fare un ulteriore passo in avanti”.

Cosa ci racconti della tua nuova attività?

frey

“Sono entrato a far parte di un nuovo mondo. Grazie alla collaborazione con Fabio Cordella, (produttore di vini e ideatore del progetto “The wine of the Champions”) è nata questa bella idea di produrre vino. Un vino con il mio Cognome, un’attività che mi piace molto e mi da nuovi stimoli”.

Il 24 a Prato ci sarà un evento sulla degustazione dei suoi vini. Lei è co-produttore di vino insieme a Fabio Cordella e fa parte della squadra Wine of The Champions, che caratteristiche ha il suo vino?

“Intanto domenica sera vi aspetto al Murà di Prato dove faremo un evento legato alle mie bottiglie: la gente potrà assaggiare e trascorrere un momento insieme a me. Vi aspetto numerosi per trascorrere una bella serata insieme.

Si, Fabio ha deciso di fare questo progetto insieme, producendo questo vino che si chiama The Wine of Champions. Fabio che è un appasionato del calcio e ci ha anche lavorato, ha scelto un gruppo di giocatori che lo hanno fatto sognare, gli hanno regalato emozioni. Sono orgoglioso di farne parte, perchè è un gruppo di giocatori di livello mondiale. C’è un grande progetto, ad ottobre dovrebbe uscire un docufilm su Netlix, dove ogni giocatore del progetto racconterà un vino e ricorderà la propria carriera. Quindi presto avrete modo di vedere questa grande idea.

Ogni giocatore, non solo apparirà sull’etichetta del vino, ma sarà stato protagonista nel creare la miscela del vino. Ad esempio, il mio vino rosso ho cercato di farlo di grande carattere e personalità. Un po’ come ero io quando giocavo… Ho dato tocco di francese, nel rosso oltre ad essere il Primitivo di Salento ho aggiunto un venti per cento di Merlot…

Il bianco ha una grande personalità: parliamo di un cento per cento Pinot grigio, favoloso…il mio tesorino…

Ho fatto anche un rosato che è cento per cento Malvasia nera in purezza, con un colore molto chiaro che ricorda un rosè francese, perché non posso rinnegare le mie origini in queste bottiglie molto buone.

Siate curiosi, vi aspetto il 24 a Prato al Murà”.

frey

 

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Le interviste