Il Milan esce dal difficile campo dell’Old Trafford con un pareggio che sta stretto agli uomini di Pioli che recriminano almeno due episodi a loro favore. Gara piacevole, giocata con la giusta spavalderia nonostante le molte defezioni, il ritorno a Milano tra 7 giorni promette spettacolo.

Donnarumma 5,5: paga un concorso di colpa con Tomori in occasione della rete di Diallo, attento sulla bordata di Martial nel primo tempo.

Calabria 6,5: gara di cuore ed enorme sacrificio con un’unica sbavatura che poteva costare molto cara, James lo grazia, ma il terzino rossonero dimostra di essere in forma smagliante ( dal 28’ st Kalulu 6: entra con la giusta determinazione, gara del tutto ordinata per il francese).

Tomori 6: una gara impeccabile, peccato l’errore su gol di Diallo da spartire con Donnarumma. Solita gara di carattere, corsa e dinamismo.

Kjaer 7,5: prestazione da vero leader, arriva anche il gol a suggellare una gara da ricordare. Impeccabile in ogni occasione, un giocatore dal quale il Milan attuale non può prescindere.

Dalot 6,5: buono l’approccio del portoghese, la gara non permetteva particolari dinamismi in attacco pertanto è stata curata in maniera quasi impeccabile la fase difensiva.

Meité 7: dimostra di essere in fase credente, si fa sentire con il fisico, ma non disdegna anche giocate impegnative che in fase di impostazione.

Kessie 8: nuovamente il migliore in campo, l’ivoriano domina il centrocampo e segna un gol da ricordare nei manuali del calcio, peccato gli venga annullato con molti dubbi anche a distanza di tempo. Gara sontuosa per un giocatore che pare avere energie illimitate.

Saelemaekers 6,5: molto vivace nel primo tempo, sbaglia poco e sfiora il gol con un bel sinistro ad incrociare, in crescita ( dal 24’ st Castillejo 6: entra in campo con la giusta determinazione)

Diaz 6,5: peccato che la sua autonomia sia limitata, lo spagnolo nel primo tempo gioca da sette, nella ripresa cala vistosamente e Pioli lo cambia ( dal 24’ st Tonali 6: non è al meglio, ma recupera una marea di palloni nel finale, prezioso).

Krunic 7: che bella sorpresa, sfiora il gol con un bel colpo di testa e regala l’assist per il gol di Kjaer. Ineccepibile.

Leao 5: involuto, salgono a tredici le gare senza gol. Un problema per un attaccante, oltre che un problema per l’intera squadra, ma a causa dei numerosi infortuni rimane solo lui.

Pioli 8: prepara una gara perfetta, non voleva scuse e con la forza del gruppo ha dimostrato di potere competere contro chiunque. Gara di carattere, non sbaglia nulla, il suo Milan è bello da vedere e meriterebbe molto di più.