Home » Esteri » Ucraina, stop definitivo al campionato di calcio
Esteri

Ucraina, stop definitivo al campionato di calcio

Un campionato cancellato dalla guerra: questa è la sorte dell’Ucraina, decisa dall’assemblea della Prem’er-Liha. La classifica è stata congelata al 24 febbraio.

Pianeta Terra, 24 febbraio 2022. Il presidente russo Vladimir Putin annuncia a reti unite l’invasione del Donbass. Il mondo sta con il fiato sospeso. Anche il calcio, pienamente coinvolto e stravolto dallo scoppio della guerra in Ucraina.

A partire dallo Shakhtar Donetsk di Roberto De Zerbi, costretto ad asserragliarsi in un albergo a Kiev senza poter giocare. Ed è proprio lo Shakhtar la prima squadra in classifica della Prem’er-Liha ucraina al momento dello scoppio della guerra. E tale rimarrà, anche se non le verrà assegnato alcun titolo.

Come funziona la Prem’er-Liha

Si tratta della Lega che raccoglie le 16 squadre di maggior prestigio del Paese e del torneo calcistico più importante dell’Ucraina.

Nato come Vyšča Liha nel 1991, subito dopo il crollo dell’Unione Sovietica, è indipendente dal governo solo dal 2008.

Sono solamente tre le squadre ucraine che se lo sono aggiudicato: nel 1992 il Tavrija, dal 1993 ad oggi il Dinamo Kiev e lo Shakhtar Donetsk.

L’assemblea di Lega ucraina, la decisione

Si deve chiudere il campionato di calcio ucraino 2021-’22: questa è la decisione presa dall’Assemblea Generale dei club Upl. La decisione è stata votata all’unanimità.

Il campionato è stato bloccato a partire dalla data in cui è scoppiata la guerra, il 24 febbraio 2022.
In quel momento lo Shakhtar dominava la classifica con 47 punti. A seguire il Dinamo Kiev con 45 punti e il Dnipro-1 con 40 punti, come ha riportato lo stesso Shakhtar su Twitter.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Esteri