I nostri Social

Premier League

All Eyes On Me – il focus sul 30° turno di Premier League

Pubblicato

il

All Eyes On Me

Nuovo appuntamento con All Eyes On Me, la rubrica di Calcio Style dedicata alla Premier League. Di seguito il resoconto dettagliato della trentesima giornata del campionato più seguito al mondo.

Il fascino unico emanato, unito alla perenne scia d’entusiasmo che pervade ogni stadio, confluisce in una commistione di spettacolo, ardore e qualità che conferisce a questo torneo l’aurea di lega paradisiaca in cui solamente i migliori interpreti del gioco possono essere o diventare i protagonisti.

Trentesimo turno: Nulla di fatto tra City e Arsenal, ne approfitta il Liverpool. Tutto nel recupero tra Brentford e United.

All Eyes On Me

LIVERPOOL 2-1 BRIGHTON (2′ Welbeck, 27′ L. Diaz, 65′ Salah)

Il Liverpool supera in rimonta il Brighton e si riprende la vetta solitaria della classifica grazie ai due fuoriclasse in foto.

Dopo il pari con il City e la rocambolesca eliminazione ai supplementari in FA Cup contro il Manchester United i Reds sfornano l’ennesima prova di forza davanti al proprio pubblico superando il sempre ostico Brighton, portatosi in vantaggio dopo appena due minuti con il bellissimo quarto gol in campionato di Welbeck, con una rete per tempo.

Luis Diaz ristabilisce la parità sfruttando rapacemente il rinvio svirgolato di Dunk, battendo Verbruggen con un tocco ravvicinato di destro, mentre Salah, al sedicesimo centro nel torneo, capitalizza con il solito piattone mancino l’imbucata del grande ex di turno Mac Allister.

Il forcing finale dei Seagulls mette a più riprese in apprensione Kelleher, ma il risultato non cambia. L’undici di Klopp ottiene il ventesimo successo in questa Premier cogliendo al volo la ghiotta opportunità di sorpasso fornita dallo 0-0 maturato tra Manchester City ed Arsenal nello scontro diretto. I ragazzi di De Zerbi scivolano al nono posto incassando la quarta sconfitta nelle ultime sei uscite complessive.

MANCHESTER CITY 0-0 ARSENAL 

Pareggio senza gol all’Etihad tra due dei tre migliori attacchi del campionato al termine di una gara perfettamente sovrapponibile a quella del girone d’andata.

Se nel match dell’Emirates dello scorso ottobre era arrivata la decisiva deviazione di Aké sulla conclusione di Martinelli, in questo nessun tentativo di stoccata, per quanti pochi ce ne siano stati, è risultato vincente. Le due squadre, infatti, si sono sostanzialmente annullate proponendo una fase di pressione e riconquista palla molto simile ed una circolazione palla dai ritmi poco incalzanti.

Nella prima frazione sono i Gunners a sfiorare il vantaggio con l’ex Gabriel Jesus, nella ripresa la risposta dei Citizens è affidata a Kovacic, che sfiora il palo con un destro a giro, e Haaland, ancora protagonista in negativo con un clamoroso liscio sotto porta in seguito ad una sponda aerea generata da un corner.

Quarto pari, dunque, per i ragazzi di Guardiola nei sei scontri diretti disputati fin qui contro le prime quattro e, soprattutto, nessuna vittoria all’attivo. “Maledizione” che i Citizens proveranno a spezzare mercoledì nel match interno contro l’Aston Villa. L’Arsenal, dal canto suo, mette a referto il secondo clean sheet su due contro il Man City e, pur perdendo la testa della classifica, può rientrare a Londra con certezze ancor più irrobustite.

ASTON VILLA 2-0 WOLVERHAMPTON (36′ Diaby, 65′ Konsa)

L’Aston Villa riprende la propria corsa verso la Champions League ripartendo da ciò che sa fare meglio: trarre giovamento dal supporto del Villa Park.

Dopo il pesante 0-4 incassato nello scontro diretto con il Tottenham tre settimane fa ed il sofferto 1-1 in casa del West Ham, i Villans tornano a ruggire in un match tutt’altro che semplice sulla carta contro la rivelazione Wolverhampton.

In seguito ad un inizio contratto in cui i Wolves ringhiano dalle parti di Emi Martinez, i padroni di casa prendono campo e fiducia, sbloccando la sfida con il quinto centro in campionato di Diaby, a secco nel torneo dal 30 dicembre, e raddoppiando con Douglas Luiz, la cui realizzazione viene annullata dal Var per fuorigioco.

Nella ripresa l’undici di O’Neil, orfano di tutti e tre i terminali offensivi titolari e costretto ad affidarsi al 2006 Chiwome, concede troppi spazi alla formazione di Emery che si porta definitivamente sul doppio vantaggio con il pallonetto, non so quanto volontario, di Konsa (ritorno al gol dopo due anni e mezzo) che scavalca il sorpreso José .

I Villans tornano, dunque, a sorridere mantenendo i tre punti di vantaggio sul Tottenham seppur con una partita in più, mentre gli ospiti incassano il terzo ko nelle ultime quattro, compreso il pirotecnico 2-3 perpetrato dal Coventry al Molineux in FA Cup.

TOTTENHAM 2-1 LUTON (3′ Chong, 51′ (aut.) Kaboré, 86′ Son)

Rialza la testa il Tottenham dopo il 3-0 pre-sosta subìto dal Fulham, ribaltando in extremis il Luton che questa volta prende punti preziosi nei minuti finali.

La gara inizia in salita per gli Spurs che si ritrovano in svantaggio dopo appena tre giri di lancetta complice il diagonale mancino di Chong, al terzo gol nelle ultime cinque, perfettamente smarcato in area di rigore dal notevole assist di Barkley.

La risposta dei padroni di casa non si lascia attendere ed arriva puntuale qualche minuto dopo con il clamoroso doppio palo colpito da Son a porta praticamente sguarnita, a cui si aggiunge la conclusione incrociata di Werner che si spegne a fil di palo.

L’1-1 arriva al 51′ con lo sfortunato autogol di Kaboré che nel tentativo di anticipare Werner sul cross teso di Brennan Johnson trafigge l’incolpevole Kaminski. Da lì in poi il forcing della formazione di Postecoglu si fa ancor più veemente, seppur Vicario sia costretto agli straordinari sull’estemporaneo tentativo da fuori di Clark, ed il definitivo 2-1 giunge all’86’ grazie al quindicesimo acuto nel torneo di Son, dopo un altro incredibile salvataggio di Doughty sulla linea di porta che aveva fatto vacillare anche i tifosi più fiduciosi.

Il Tottenham ottiene, dunque, l’undicesima vittoria casalinga in campionato e resta in scia del Villa in ottica quarto posto, così come gli Hatters, ancora a secco di successi nel 2024, restano in terzultima posizione in compagnia del Nottingham Forest.

BRENTFORD 1-1 MANCHESTER UNITED (96′ Mount, 99′ Ajer)

Tre minuti di pura follia al Brentford Community Stadium dove i padroni di casa riescono a strappare un insperato punto al netto delle 31 conclusioni complessive effettuate ed i 3,29 xG messi a referto nell’arco dei 100 minuti disputati.

Il primo tempo è tutto di marca Bees che vedono murarsi l’impossibile da Onana, Varane e i legni, considerato il palo interno colpito da Toney in ripartenza. Nei secondi quarantacinque minuti la sostanza non cambia, seppur il Manchester United si affacci più di frequente dalle parti di Flekken: la traversa centrata da Mbeumo ed il doppio intervento di Onana su Toney e LewisPotter sono solamente alcune delle più grandi opportunità prodotte dall’undici di Frank, ormai preparato al peggio.

Peggio che, infatti, diviene realtà al 96′ complice la prima rete in maglia Red Devils di Mason Mount, rientrato in FA Cup con il Liverpool dopo quattro mesi, bravo a sfruttare l’assist di Casemiro. Il calcio, però, a volte sa anche rendere onore alla meritocrazia e a tempo praticamente scaduto il Brentford riesce, quantomeno, a pareggiare con il secondo gol consecutivo di Ajer, perfettamente smarcato dall’encomiabile lavoro di Toney.

La formazione londinese aumenta comunque di una lunghezza il vantaggio sulla zona rossa, mentre i ragazzi di Ten Hag vedono aumentata ad undici punti la distanza dal quarto posto, ridotta quella dalle inseguitrici e considerati i prossimi impegni con Chelsea e Liverpool faranno bene a guardarsi le spalle.

NEWCASTLE 4-3 WEST HAM (6′ (rig.), 77′ (rig.) Isak, 21′ Antonio, 55’pt Kudus, 48′ Bowen, 83′, 90′ Barnes)

Pirotecnico 4-3 al St. James’ Park nella gara d’apertura della 30° giornata tra due delle tante contendenti ad una piazza europea.

Il Newcastle sembra mettere subito la partita in discesa con il rigore guadagnato da Gordon e trasformato da Isak, ma la fase difensiva è tutt’altro che una peculiarità per i padroni di casa che vengono raggiunti al 21′ dal secondo gol consecutivo di Antonio su poetica assistenza di Paquetà e sorpassati al tramonto del primo tempo, dopo aver colpito una traversa con Bruno Guimaraes, in virtù del settimo centro in campionato di Mohammed Kudus il cui destro bacia la traversa e si insacca alle spalle di Dubravka.

La ripresa si apre con una fulminea ripartenza del West Ham che porta al quindicesimo acuto in questa Premier di Jarrod Bowen, ma dal 77′ in poi la sfida cambia completamente volto. La contro-rimonta dei Magpies, infatti, inizia proprio da quel minuto con il secondo rigore guadagnato da Gordon e realizzato da Isak (quattordici in classifica marcatori), prosegue all’83’ con la rete di Barnes, che piazza sotto le gambe di Fabianski l’imbucata dell’attaccante svedese, e sublima all’89’ ancora con l’ex Leicester che si inventa un gol da cineteca, lasciandosi alle spalle i cinque mesi di stop forzato che hanno condizionato la sua annata.

La formazione di Howe diventa il terzo miglior attacco a pari merito del City, scavalca in un colpo solo Wolverhampton e Brighton, e si porta a -1 proprio da quella di Moyes, alla sesta battuta d’arresto nel 2024.

CHELSEA 2-2 BURNLEY (44′ (rig.), 78′ Palmer, 47′ Cullen, 81′ O’Shea)

Pareggio che sa di resa per il Chelsea e di speranza per il Burnley, duro a morire nonostante l’inferiorità numerica per più di un tempo.

Dopo quaranta minuti piuttosto soporiferi la disputa sembra prendere la direzione blu in seguito al fallo da rigore e conseguente doppio giallo di Assignon su Mudryk. Dagli undici metri Palmer si conferma infallibile superando Muric con il cucchiaio.

Ad inizio secondo tempo arriva come un fulmine a ciel sereno l’1-1 con Cullen, bravo a trovare la giusta coordinazione da fuori area per battere Petrovic e trovare il primo gol in campionato. Dopo il pari i Blues si riversano in avanti creando l’impossibile, sbattendo però sul muro di nome Muric. Muro che crolla al 78′ sotto il colpo del solito, inebriante Palmer che concretizza l’assist di tacco di Sterling per portare il suo bottino personale in terra nazionale a quota tredici.

Dopo appena tre minuti sugli sviluppi di un corner calciato da Cullen, nuovamente in maniera totalmente inaspettata, svetta O’Shea che scrive il definitivo 2-2 sul tabellone di Stamford Bridge siglando la sua seconda marcatura nel torneo.

La formazione di Pochettino resta, quindi, all’undicesimo posto con due gare da recuperare, mentre i Clarets allungano a tre la striscia di risultati utili consecutivi, raccogliendo un punto prezioso che li porta a -4 dalla salvezza.

SHEFFIELD UNITED 3-3 FULHAM (58′, 70′ Brereton Diaz, 62′ J. Palhinha, 68′ McBurnie, 86′ Decordova-Reid, 93′ R. Muniz)

Succede di tutto anche a Bramall Lane con sei gol, tre per parte, tutti nella ripresa ed un punto a testa che, probabilmente, non fa felice nessuno.

Il punteggio si sblocca al 58′ con Brereton Diaz, il più lesto a correggere in porta il suggerimento basso di McBurnie, e viene livellato quattro minuti dopo dal colpo di testa di Joao Palhinha, quarto gol in campionato, sul corner di Andreas Pereira.

Tra il 68′ ed il 70′ le Blades sembrano dare la spallata decisiva al match con le marcature di McBurnie e ancora Brereton Diaz, che fa quattro in sei presenze di campionato, e poco dopo vedono annullarsi dal Var il 4-1 nuovamente targato McBurnie per il fuorigioco attivo di Vini Souza nel frangente.

I Cottagers, irriconoscibili fino a quel punto, reagiscono all’86’ con il sesto centro in campionato di DecordovaReid e completano la rimonta al 93′ con la splendida rovesciata del sempre più determinante Rodrigo Muniz, all’ottavo centro nelle ultime otto presenze.

La formazione di Wilder perde altri due punti nel recupero da situazione di doppio vantaggio così come accaduto a Bournemouth nell’ultima gara disputata e resta in ultima posizione, mentre l’undici di Marco Silva si porta a -5 dall’Europa.

BOURNEMOUTH 2-1 EVERTON (64′ Solanke, 87′ Beto, 91′ (aut.) Coleman)

Anche il Bournemouth fa sul serio per una candidatura da outsider per l’Europa. Con un pizzico di fortuna le Cherries strappano tre punti dal notevole peso specifico.

Anche in questo caso tutte le reti del match arrivano nella ripresa dopo una prima frazione in cui l’Everton avrebbe francamente meritato di più. L’1-0 arriva al 64′ con il solito Solanke, sedici in campionato, che prende il tempo di testa alla difesa avversaria sul traversone di Kelly, mentre il momentaneo pareggio dei Toffees avviene all’87’ con Beto che anticipa Neto proteso in uscita alta mettendo a referto il secondo centro nelle ultime tre.

La rete, o meglio l’autorete decisiva viene siglata da Coleman che devia l’apparentemente innocuo cross di Smith nella propria porta non permettendo ai suoi di incamerare un punto di vitale importanza.

I Toffees, ancora senza successi nel 2024 in campionato, restano in sedicesima posizione con soli tre punti di vantaggio sul Luton terzultimo.

NOTTINGHAM FOREST 1-1 CRYSTAL PALACE (11′ Mateta, 61′ Wood)

Né vincitori né vinti al City Ground nello scontro salvezza tra Nottingham e Crystal Palace che si equivalgono sia in termini di risultato che di meriti.

Le Eagles passano in vantaggio all’11’ grazie al sesto gol in campionato di Mateta, catalizzatore di una splendida trama iniziata da Lerma e rifinita da Eze, che non sfrutta qualche minuto dopo una ghiotta opportunità per lo 0-2 a tu per tu con Sels.

La reazione del Forest arriva nella ripresa, prima con HudsonOdoi che vede respinto il proprio tentativo a giro da Henderson e successivamente con Wood che con una splendida torsione aerea trova il modo giusto per battere l’estremo difensore avversario sul tentativo profondo di GibbsWhite.

Il decimo centro in questa Premier dell’attaccante neozelandese assicura alla formazione di Espirito Santo un pareggio importante dopo i quattro punti di penalizzazione inferti prima della sosta dalla giustizia sportiva. L’undici di Glasner, invece, sale a quota trenta punti e si mette al riparo da possibili brutte sorprese.

Classifica e prossimo turno

1

Liverpool*

67 29 20 7 2 67:27 +40
2

Arsenal*

65 29 20 5 4 70:24 +46
3

Manchester City*

64 29 19 7 3 63:28 +35
4

Aston Villa

59 30 18 5 7 62:42 +20
5

Tottenham*

56 29 17 5 7 61:43 +18
6

Manchester United *

48 29 15 3 11 40:40 0
7

West Ham

44 30 12 8 10 49:54 -5
8

Newcastle*

43 29 13 4 12 63:51  +12
9 Brighton* 42 29 11 9 9 51:46 +5
10 Wolverhampton* 41 29 12 5 12 42:46 -4
11 Chelsea** 40 28 11 7 10 49:47 +2
12

Fulham

39 30 11 6 13 46:47 -1
13

Bournemouth*

38 29 10 8 11 43:53 -10
14

Crystal Palace*

30 29 7 9 13 34:49 -15
15

Brentford

27 30 7 6 17 42:55 -13
16

Everton*

25 29 8 7 14 30:41 -11
17

Nottingham Forest

22 30 6 8 16 36:52 -16
18

Luton Town

22 30 5 7 18 43:62 -19
19

Burnley

18 30 4 6 20 31:65 -34
20

Sheffield United*

15 29 3 6 20 27:77 -50

– Everton 6 punti di penalizzazione

– Nottingham Forest 4 punti di penalizzazione

* Una partita in meno

** Due partite in meno

Prossimo turno:

Martedì 2 aprile

Newcastle 20:30 Everton

Nottingham Forest 20:30 Fulham

Burnley 20:45 Wolverhampton

Bournemouth 20:45 Crystal Palace

West Ham 21:15 Tottenham

Mercoledì 3 aprile

Brentford 20:30 Brighton

Arsenal 20:30 Luton

Manchester City 21:15 Aston Villa

Giovedì 4 aprile

Liverpool 20:30 Sheffield United

Chelsea 21:15 Manchester United

Premier League

All Eyes On Me – il focus sul 33° turno di Premier League

Pubblicato

il

All Eyes On Me

Nuovo appuntamento con All Eyes On Me, la rubrica di Calcio Style dedicata alla Premier League. Di seguito il resoconto dettagliato della trentatreesima giornata del campionato più seguito al mondo.

Il fascino unico emanato, unito alla perenne scia d’entusiasmo che pervade ogni stadio, confluisce in una commistione di spettacolo, ardore e qualità che conferisce a questo torneo l’aurea di lega paradisiaca in cui solamente i migliori interpreti del gioco possono essere o diventare i protagonisti.

Trentatreesimo turno: il City balza in testa grazie alle contemporanee sconfitte di Liverpool ed Arsenal. Aston Villa e Newcastle si rilanciano.

All Eyes On Me

MANCHESTER CITY 5-1 LUTON (2′ (aut.) Hashioka, 64′ Kovacic, 76′ (rig.) Haaland, 81′ Barkley, 87′ Doku, 93′ Gvardiol)

Il Manchester City torna di prepotenza in vetta alla Premier League. Dopo il pirotecnico 3-3 in casa del Real Madrid nei quarti di Champions League i campioni in carica ne rifilano cinque al malcapitato Luton, che nella gara d’andata aveva creato numerosi grattacapi alla formazione di Guardiola.

La sfida si sblocca dopo appena due minuti con la seconda autorete nelle ultime tre partite di Hashioka provocata dalla rovesciata di Haaland, a cui, però, i padroni di casa non riescono a dare continuità in termini realizzativi. Il raddoppio, infatti, arriva al 64′ con il primo centro in campionato di Kovacic, irrobustito dal calcio di rigore guadagnato da Doku e trasformato da Haaland.

Negli ultimi dieci minuti di gioco vengono realizzati altri tre gol: Barkley sigla quello della bandiera per gli ospiti, mentre Doku, a secco in Premier dal 4 novembre, e Gvardiol, al secondo acuto consecutivo dopo quello del Bernabeu, arricchiscono risultato finale e differenza reti, criterio molto rilevante in caso di arrivo a pari punti di due o più squadre.

Sedici reti messe a referto nelle ultime quattro uscite complessive per i Citizens, ora attesi dal ritorno con il Real e dalla semifinale di FA Cup con il Chelsea nel prossimo weekend. Gli Hatters, invece, restano a -1 dalla salvezza e nel prossimo turno affronteranno in casa il Brentford.

ARSENAL 0-2 ASTON VILLA (84′ Bailey, 87′ Watkins)

L’Aston Villa bissa il successo dell’andata contro l’Arsenal e si riporta a +3 sul Tottenham in ottica quarto posto. I Villans, dopo il 2-1 casalingo con il Lille nei quarti di Conference League, ottengono un’altra importante vittoria, la diciannovesima in campionato che coincide con il record per il club in un singolo torneo.

La formazione dell’ex di turno Emery tende nuovamente una trappola ai Gunners che creano svariati presupposti per passare in vantaggio senza concretizzarli, concedendo, al contempo, diverse chances in contropiede. E proprio da una fulminea ripartenza scaturisce il palo pieno colpito da Watkins, poi bissato nella ripresa dal clamoroso doppio montante centrato dal destro a giro di Tielemans.

Il vantaggio degli ospiti arriva al minuto 84 grazie al cross tagliato di Digne spinto in porta da Bailey, già giustiziere del Manchester City lo scorso dicembre, mentre a scrivere il definitivo 0-2 sul tabellone dell’Emirates ci pensa il solito Watkins, ventitreesimo centro stagionale, bravo a superare con un dolce scavino l’uscita bassa di Raya.

L’undici di Arteta, dunque, torna a perdere in campionato dopo undici gare, per la terza volta in stagione davanti al proprio pubblico e per la terza volta con uno 0-2. Ora i Gunners sono attesi dal ritorno con il Bayern dopo il 2-2 dell’andata.

LIVERPOOL 0-1 CRYSTAL PALACE (14′ Eze)

In appena quattro giorni il Liverpool perde sia l’imbattibilità interna nel complessivo dopo più di un anno sia l’imbattibilità interna nel territorio nazionale dopo un anno e mezzo (l’ultima sconfitta era datata 29 ottobre 2022 contro il Leeds).

I Reds patiscono il contraccolpo psicologico dello strabiliante 0-3 incassato dall’Atalanta lo scorso giovedì cadendo ad Anfield contro un Crystal Palace che in trasferta non vinceva dal 4 novembre, 0-2 rifilato al Burnley.

L’avvio non è, di certo, dei più semplici per la formazione di Klopp che al 14′ va sotto complice la settima realizzazione in campionato di Eze, lasciato colpevolmente ed incredibilmente solo nel ricevere l’assist a centro area di Mitchell. Le Eagles vanno vicine addirittura al raddoppio qualche minuto dopo con Mateta che sente il proprio urlo strozzarsi in gola in seguito al clamoroso salvataggio di Robertson sulla linea di porta.

Dopo lo shock il Liverpool reagisce e a cavallo tra i due tempi crea e spreca molto con Nunez, Endo e Jones schermati prima da Henderson e poi dalla traversa. Nel finale ci prova anche Salah ma la giornata è tra le più nere, dato che Clyne si esibisce in un acrobatico intervento quasi sulla riga di porta.

I rossi del Merseyside, dunque, scivolano sulla consueta buccia di banana ritrovandosi a -2 dal Manchester City avendo, inoltre, fortemente compromesso il proprio cammino europeo. Con questi tre punti, invece, la squadra di Glasner mette quasi al sicuro la salvezza.

NEWCASTLE 4-0 TOTTENHAM (30′, 51′ Isak, 32′ Gordon, 87′ Schar)

Il Newcastle strapazza il Tottenham nella gara d’apertura del 33° turno centrando la terza vittoria nelle ultime quattro partite che vale il sorpasso in classifica al West Ham e l’aggancio al Manchester United in ottica sesto posto.

I Magpies dominano dal primo minuto al novantesimo nonostante il solo 27% di possesso palla indirizzando la sfida tra il 30′ ed il 32′ con Isak e Gordon, che taglia il traguardo della doppia cifra realizzativa, entrambi bravi a battere Vicario da posizione ravvicinata, sfruttando il posizionamento decisamente rivedibile della retroguardia Spurs.

La formazione di Howe chiude definitivamente i giochi in apertura di ripresa nuovamente con l’attaccante svedese che sale a quota diciassette in classifica marcatori e cala il poker a ridosso del novantesimo grazie al colpo di testa di Schar, quarto acuto nel 2024, sul traversone di Gordon.

I bianconeri raggiungono, dunque, quota 50 punti in graduatoria, mentre l’undici di Postecoglou incassa l’ottava sconfitta in campionato, la più pesante in termini di risultato, scivolando nuovamente a -3 dall’Aston Villa seppur con una gara in meno.

BOURNEMOUTH 2-2 MANCHESTER UNITED (16′ Solanke, 31′, 65′ (rig.) B. Fernandes, 36′ Kluivert)

Terzo pareggio negli ultimi quattro incontri per il Manchester United, il secondo consecutivo per 2-2 dopo quello ad Old Trafford contro il Liverpool.

Al Vitality Stadium i Red Devils vanno sotto per due volte: al 16′ Solanke piazza il suo diciassettesimo gol in campionato con un poderoso destro da fuori area, al 36′ Kluivert sigla il 2-1 con un destro a giro imprendibile per Onana.

In entrambe i casi gli ospiti vengono risollevati da capitan Bruno Fernandes, quattro centri nelle ultime quattro gare, che sigla l’1-1 al 31′ di mancino al volo ed il definitivo 2-2 al 65′ su rigore, causato dal tocco di mano di Smith sulla conclusione di Mainoo.

Con questo pari la formazione di Ten Hag viene definitivamente risucchiata nella lotta Europa-Conference League, mentre le Cherries riescono a mantenere l’imbattibilità casalinga ormai in auge da due mesi.

WEST HAM 0-2 FULHAM (9′, 72′ A. Pereira)

Cade nuovamente il West Ham dopo il 2-0 incassato nei quarti di Europa League dal Bayer Leverkusen, non riuscendo a dare continuità alla vittoria ottenuta sul campo del Wolverhampton la scorsa settimana.

Il Fulham bissa lo storico 5-0 del match d’andata con uno 0-2 al London Stadium griffato Andreas Pereira, a secco dal 26 agosto, che la sblocca al 9′ sfruttando la corta respinta di Mavropanos sul tentativo in profondità di Iwobi e mette in ghiaccio il risultato al 72′ tramutando in rete l’assist, stavolta diretto, dell’ex Arsenal ed Everton.

I ragazzi di Moyes, dunque, scendono all’ottavo posto, mentre i Cottagers, che tornano a centrare i tre punti in trasferta dopo due mesi, e provano ad inserirsi nuovamente nella corsa all’Europa.

CHELSEA 6-0 EVERTON (13′, 18′, 29′, 64′ (rig.) Palmer, 44′ Jackson, 90′ Gilchrist)

Strabiliante 6-0 del Chelsea nel segno del solito Cole Palmer che dopo la tripletta al Manchester United ne rifila quattro all’Everton nel monday night raggiungendo Haaland in vetta alla classifica cannonieri a quota venti reti.

L’ex Manchester City la sblocca al 13′ con un gol poetico per la costruzione e la finalizzazione, mettendone a referto altri due nei successivi sedici minuti di gioco. Al 64′ sigla anche il rigore, il nono sui nove calciati, del 5-0, accompagnato dal decimo acuto in campionato di Jackson e dal primo centro in carriera nel massimo torneo d’oltremanica del 2003 Gilchrist.

I Blues ottengono, così, l’ottavo risultato utile consecutivo avvicinandosi sensibilmente alla zona Europa, mentre la situazione dei Toffees inizia a farsi preoccupante: una sola vittoria nelle ultime quindici giornate, solamente due punti di vantaggio sulla zona rossa e quel -8 che pesa come un macigno.

BURNLEY 1-1 BRIGHTON (74′ Brownhill, 79′ (aut.) Muric)

Il Brighton ha sensibilmente frenato la propria rincorsa europea. La sola vittoria di misura contro il Nottingham dello scorso 10 marzo a fronte di tre pareggi e tre sconfitte non può certamente lasciare soddisfatto De Zerbi.

A Turf Moor contro il Burnley i Seagulls non riescono ad andare oltre l’1-1 uscendo, peraltro, dal campo con la consapevolezza di potersi ritenere fortunati per il risultato finale viste le numerose occasioni cestinate dai padroni di casa e la modalità con cui scaturisce l’1-1.

Il pari ospite, infatti, arriva su gentile concessione del portiere dei Clarets Muric, non nuovo a svarioni simili, che sfiora soltanto il retropassaggio di Berge nel tentativo di controllarlo, lasciando entrare il pallone lemme lemme in porta. Ad onor del vero va anche evidenziato come anche la rete di Brownhill, arrivata cinque minuti prima, fosse frutto di un clamoroso errore di Baleba in disimpegno che, a sua volta, costringe Verbruggen a centrare il capitano del Burnley sul tentativo di rinvio lungo.

Il punto a testa non serve a nessuno: il Brighton resta al decimo posto, così come la squadra di Kompany al diciannovesimo a -6 dalla salvezza.

NOTTINGHAM FOREST 2-2 WOLVERHAMPTON (40′, 62′ M. Cunha, 46’pt Gibbs-White, 57′ Danilo)

Quarto match senza vittoria per il Wolverhampton che impatta sul 2-2 al City Ground contro il Nottingham.

I Wolves mettono la freccia al 40′ grazie ad una prodezza nello stretto di Matheus Cunha che supera in un colpo solo Omobamidele e Yates prima di piazzare la sfera sul palo lungo con il destro, ma vengono ribaltati tra il 46′ ed il 57′.

GibbsWhite la pareggia da corner, Danilo, al secondo centro in campionato, sigla il 2-1 risolvendo una mischia in area generata da un assolo del numero 10 di casa. Il definitivo 2-2 arriva al 62′ ancora con Matheus Cunha, alla seconda doppietta stagionale, il più lesto a mettere in porta il corner calciato da Pablo Sarabia.

Punto prezioso del Forest in ottica salvezza, meno utile, invece, per i lupi d’oltremanica in ottica europea.

BRENTFORD 2-0 SHEFFIELD UNITED (63′ (aut.) Arblaster, 93′ Onyeka)

Torna a sorridere dopo due mesi il Brentford che in casa sconfigge il fanalino di coda Sheffield United non senza qualche difficoltà.

Due reti, tutte nel secondo tempo per le Bees che passano in vantaggio al 63′ grazie alla decisiva deviazione di Arblaster sul tentativo di cross di Damsgaard e raddoppiano nel recupero con il primo centro in campionato di Onyeka che batte Grbic da distanza ravvicinata con il destro.

Tre punti pesanti per gli uomini di Frank che si portano a +8 sul terzultimo posto, mentre le Blades sembrano ormai spacciate.

Classifica e prossimo turno

1

Manchester City*

73 32 22 7 3 76:32 +44
2

Arsenal*

71 32 22 5 5 75:26 +49
3

Liverpool*

71 32 21 8 3 72:31 +41
4

Aston Villa

63 33 19 6 8 68:49 +19
5

Tottenham*

60 32 18 6 8 65:49 +16
6

Newcastle*

50 32 15 5 12 69:52 +17
7

Manchester United*

50 32 15 5 12 47:48 -1
8

West Ham

48 33 13 9 11 52:58  -6
9 Chelsea** 47 31 13 8 10 61:52 +9
10 Brighton* 44 32 11 11 10 52:50 +2
11 Wolverhampton* 43 32 12 7 13 46:51 -5
12

Fulham

42 33 12 6 15 49:51 -2
13

Bournemouth*

42 32 11 9 12 47:57 -10
14

Crystal Palace*

33 32 8 9 15 37:54 -17
15

Brentford

32 33 8 8 17 47:58 -11
16

Everton*

27 32 9 8 15 32:48 -16
17

Nottingham Forest

26 33 7 9 17 42:58 -16
18

Luton Town

25 33 6 7 20 46:70 -24
19

Burnley

20 33 4 8 21 33:68 -35
20

Sheffield United*

16 32 3 7 22 30:84 -54

– Everton 8 punti di penalizzazione

– Nottingham Forest 4 punti di penalizzazione

* Una partita in meno

** Due partite in meno

Prossimo turno:

Sabato 20 aprile

Luton 16:00 Brentford

Sheffield United 16:00 Burnley

Wolverhampton 20:30 Arsenal

Domenica 21 aprile

Everton 14:30 Nottingham Forest

Crystal Palace 16:00 West Ham

Aston Villa 16:00 Bournemouth

Fulham 17:30 Liverpool

MATCH RINVIATI PER LE SEMIFINALI DI FA CUP

Martedì 14 maggio

Tottenham 21:00 Manchester City

Mercoledì 15 maggio

Brighton 20:45 Chelsea

Manchester United 21:00 Newcastle

Continua a leggere

Premier League

Harakiri Liverpool, (quasi) bruciati 2 titoli in 7 giorni

Pubblicato

il

L’era di Jurgen Klopp a Liverpool rischia di chiudersi nel peggior modo possibile dopo il singolo punto racimolato nelle ultime tre partite.

Klopp rischia di lasciare con “zeru tituli

Prima il pareggio, ricolmo di rimpianti, di Old Trafford con il Manchester United. Poi la clamorosa sconfitta interna contro l’Atalanta, con Klopp subissato di critiche in patria per la sua gestione scellerata del turnover.

The last but not the least, come direbbero da quelle parti, un’altra sconfitta interna. Quella odierna, zero a uno contro il Crystal Palace dell’immarcescibile Roy Hodgson, che rischia di complicare e non poco le speranze del Liverpool di vincere nuovamente la Premier League: quella che sarebbe la seconda dell’era Klopp.

Prima di cedere dinanzi a Scamacca e compagni, i Reds non perdevano in casa da 33 partite. In 4 giorni sono arrivate due mazzate, una più dolorosa e pesante dell’altra. Se quella contro la formazione allenata da Gasperini rischia di estromettere anzitempo il Liverpool (favorita per distacco per la vittoria finale) dall’Europa League, quella contro le Eagles ha visto il Manchester City di Guardiola scappare a +2 in classifica.

Liverpool

Il Liverpool di Klopp è anche troppo “di Klopp

Sei giornate dalla fine non sono poche, ma neppure tante. Soprattutto quando hai a che fare con una squadra che difficilmente lascia punti per strada quando ingrana. Il tecnico tedesco rischia di dover salutare Anfield nella peggior maniera possibile, ovvero con una stagione con nessun trofeo e tante critiche.

Se in passato (giustamente) abbiamo celebrato questa squadra come “la più Kloppiana” dell’era Klopp, allora dobbiamo essere altrettanto onesti intellettualmente nell’affermare che, qualora i Reds non riuscissero nella duplice rimonta, questo “fallimento” sarebbe da imputare principalmente all’allenatore teutonico.

Le scelte di Klopp, nel bene e nel male, hanno determinato la stagione della sua squadra. Robertson da difensore centrale. Alexander-Arnold portato dentro il campo in fase di costruzione, quasi da mezz’ala, “alla Cancelo“. MacAllister adattato a vertice basso di un centrocampo che, spesso e volentieri, vede ai suoi lati due intermedi dalla spiccata propensione offensiva come Jones, Elliott, Gravenberch o Szoboszlai.

Una formazione spregiudicata, che per larga parte della stagione ci ha regalato una squadra esaltante (forse la squadra che ha giocato in assoluto il miglior calcio d’Europa, assieme al Bayer Leverkusen) ma che rischia di sciogliersi come neve al sole nel momento topico della stagione. Ed ecco che l’infausta etichetta, che gli era stata affibbiata fra gli ultimi anni della sua esperienza nella Westfalia e i primi sotto la Kop, di “perdente di successo” rischia di tornare a pesare come un macigno dopo anni in cui sembrava definitivamente allontanata.

Continua a leggere

Premier League

Arsenal, Arteta: “Entusiasti di quello che stiamo facendo. Sull’Aston Villa…”

Pubblicato

il

Arsenal, Arteta

Il tecnico dell’Arsenal Mikel Arteta ha preso parte alla conferenza stampa pre-gara in vista della sfida contro l’Aston Villa. Di seguito le sue parole.

Le parole di Arteta

“Quello che hanno fatto da quando è arrivato Unai Emery è importante. Ha avuto un impatto enorme nella squadra in termini di prestazioni e costanza, è incredibile quello che stanno facendo. Sono ancora in corsa in una competizione europea e hanno giocato giovedì sera. Quindi è davvero impressionante quello che hanno fatto.

I giocatori come reagiscono alla pressione? Penso che sia solo motivazione. Penso che l’abbiano già vissuto e sono super entusiasti di ciò che stiamo facendo e del modo in cui la squadra si sta comportando vincendo le partite. Ma vogliono di più. Conosciamo la sfida che ci aspetta e quanto dobbiamo essere bravi per vincerla, ma ci proveremo.”

Continua a leggere

Ultime Notizie

Victor Osimhen Victor Osimhen
Esteri8 minuti fa

Estero, un giovane gioiello inglese per il centrocampo del Bayern Monaco

Visualizzazioni: 23 Il Bayern Monaco vuole Archie Gray. Centrocampista inglese classe 06′, in questa stagione con la maglia del Leeds...

Serie A, Fiorentina Serie A, Fiorentina
Conference League18 minuti fa

Fiorentina – V. Plzen 2-0 d.t.s: Nico e Biraghi spazzano via la paura, è semifinale! Le pagelle viola

Visualizzazioni: 144 La Fiorentina abbatte il muro del Viktoria Plzen dopo i tempi supplementari: è ancora semifinale di Conference League!...

Serie A28 minuti fa

Sassuolo-Lecce: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 149 Sassuolo–Lecce, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà al Mapei Stadium di Reggio...

Serie A48 minuti fa

Monza-Atalanta: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 144 Monza–Atalanta, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà all’U-Power Stadium di Monza domenica...

Serie A1 ora fa

Salernitana-Fiorentina: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 181 Salernitana–Fiorentina, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Arechi di Salerno...

Serie A1 ora fa

Torino-Frosinone: curiosità e statistiche

Visualizzazioni: 198 Torino–Frosinone, match valido per la 33ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo Stadio Olimpico Grande Torino...

Serie B2 ore fa

Serie B: il monte ingaggi non rispecchia la classifica

Visualizzazioni: 195 Serie B, la Lega calcio della serie cadetta ha comunicato il monte ingaggi delle varie squadre: non sempre...

Eintracht Frankfurt Eintracht Frankfurt
Conference League2 ore fa

Le formazioni ufficiali delle “altre” di Europa e Conference League

Visualizzazioni: 230 I quarti di finale di Europa League e Conference League si chiudono stasera. Di seguito, le formazioni ufficiali...

Atalanta - Liverpool Atalanta - Liverpool
Europa League2 ore fa

Atalanta-Liverpool, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 243 Atalanta-Liverpool è la partita che potrebbe permettere alla Dea di scrivere la storia, ma i Reds sono una...

Europa League2 ore fa

Roma-Milan, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 485 Roma-Milan decreterà quale fra queste due squadre italiane accederà alla semifinale di Europa League per poi sognare Dublino....

Le Squadre

le più cliccate