I nostri Social

Conference League

Olympiacos-Aston Villa, le formazioni ufficiali

Pubblicato

il

Olympiacos-Aston Villa è l’altra semifinale di ritorno della Conference League. Chi passa in finale trova la Fiorentina, che si è qualificata ieri.

Al netto della prima edizione, dove nella fase conclusiva era possibile scorgere squadre del calibro di Roma, Marsiglia, Feyenoord, Rennes, PSV e (soprattutto) Leicester, le ultime due edizioni della Conference League hanno visto un progressivo impoverimento del livello tecnico all’interno della competizione.

Non a caso una squadra nono in classifica nel proprio campionato (la Fiorentina) e con uno spartito tattico ai limiti del presentabile è riuscita a centrare l’accesso alla finale per il secondo anno consecutivo. Lo ha fatto addirittura da imbattuta e non c’è da stupirsi visto il livello risibile della compagini sin qui affrontate.

Rapid Vienna. Genk. Ferencvaros. Cukaricki. Maccabi Haifa. Viktoria Plzen. La prima squadra degna di questo nome, ovvero il Club Brugge, i viola l’hanno incontrata in semifinale e per altro (nella gara di ritorno) priva di tre giocatori fondamentali come Meijer, Onyedika (squalificato) e l’ex-Bologna Skov Olsen.

A questa fase finale della Conference mancano all’appello squadre come l’Eintracht di Francoforte, il Betis Siviglia e il Fenerbahce. La compagine turca è stata eliminata proprio dall’Olympiacos, che si conferma sorpresa assoluta della competizione dopo il poker rifilato a domicilio in casa dell’Aston Villa.

Squadra che si conferma meritevole di rispetto. Soprattutto data la presenza in panchina dell’allenatore che l’anno scorso ha vinto l’Europa League, infliggendo a José Mourinho una delle pochissime sconfitte in una finale europea della sua carriera, ovvero José Luis Mendilibar. I greci, loro malgrado, sono al contempo anche l’esemplificazione di come è stato pensato il format della Conference e non di ciò che sarebbe potuto essere.

Se Olympiacos-Aston Villa non dovesse finire con una clamorosa rimonta degli inglesi, assisteremo a una finale fra la nona del campionato italiano e la terza (nella regular season, quarta nei playoff scudetto) del campionato greco. Sembrano lontanissimi i tempi in cui le fasi finali della Conference erano più avvincenti di quelle dell’Europa League, e invece sono passati appena due anni.

Olympiacos-Aston Villa, le scelte ufficiali dei due tecnici

OLYMPIACOS (4-3-2-1): Tzolakis; Rodinei, Retsos, Carmo, Quini; Hezze, Iborra, Chiquinho; Podence, Fortounis; El Kaabi. Allenatore: Mendilibar.

ASTON VILLA (3-4-2-1):
Martinez; Konsa, Diego Carlos, Pau Torres; Cash, McGinn, Douglas Luiz, Digne; Diaby, Watkins, Bailey. Allenatore: Emery.

Olympiacos-Aston Villa

Conference League

Fiorentina: Atene chiama, Commisso risponde presente

Pubblicato

il

Fiorentina

Fiorentina: il Presidente Commisso sarà presente ad Atene per sostenere i suoi ragazzi nella importantissima finale di Conference League.

Fiorentina

Prosegue la preparazione dei viola in vista della finale di Conference League contro l’Olympiakos: 4 giorni al match più importante della stagione.

Secondo quanto riporta Radio Bruno, il presidente Rocco Commisso sarà ad Atene per sostenere i suoi in quest’ultima partita della competizione europea, dopo aver raggiunto gli Stati Uniti a causa di impegni di lavoro.

Il patron gigliato partirà lunedì per raggiungere la città greca con l’obbiettivo di stare vicino alla squadra, sia in caso di vittoria che di sconfitta.

Dopo la finale europea farà ritorno a Firenze il giorno dopo.

Continua a leggere

Conference League

Jovetic: “Mai più amato come a Firenze. Se dovessi segnare…”

Pubblicato

il

L’attaccante dell’Olympiacos Stevan Jovetic ha parlato ai microfoni di Sky Sport in vista della finale di Conference League contro la sua ex squadra, la Fiorentina. Di seguito un estratto delle sue parole.

Le parole di Jovetic

Si rifarà mai ricrescere i capelli come ai tempi della Fiorentina?
“Sul campo mi piaceva come mi stavano, ma fuori era un disastro. Adesso lasciamoli così.”

Si è mai sentito amato tanto quanto a Firenze?
“Non mi sono mai sentito così amato come a Firenze nel corso della mia carriera, se non in Nazionale.”

Sarebbe potuto tornare alla Fiorentina?
“C’è stata la possibilità, penso, quando ero all’Inter, ma alla fine non se n’è fatto di nulla. Mi dispiace perché a Firenze sono stato bene e credo di aver dato tanto alla Fiorentina.”

Quanti messaggi ha ricevuto in questi giorni da Firenze?
“Ho ancora casa a Firenze e in questi giorni sto usando pochissimo i social. Finché non finisce la partita non li guardo. E, se faccio gol, non festeggio. Proverò a controllarmi.”

Continua a leggere

Conference League

Fiorentina, Italiano: “La tristezza delle finali perse ci spingerà a dare tutto”

Pubblicato

il

Fiorentina, Italiano

Il mister della Fiorentina Vincenzo Italiano ha parlato in conferenza stampa, in vista della finale di Conference League, in programma il 29 maggio.

Fiorentina, le parole di Italiano

fiorentina

 

Di seguito le parole dell’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano, rilasciate in conferenza stampa in vista della finale di Conference League contro l’Olympiacos, in programma il 29 maggio:

Che emozioni sta vivendo?

“La settimana è particolare perché cerchiamo anche la concentrazione che serve per domani. Abbiamo ancora da fare punti per la classifica e ci concentriamo sul Cagliari. Chiaro, questa giornata è dedicata a Atene e parleremo anche di quello.

Siamo di nuovo in finale, altro percorso fantastico in Europa per quello che abbiamo proposto e le difficoltà riscontrate. Avere un’altra possibilità di alzare un trofeo è un orgoglio per tutti. Ribadisco, ora abbiamo Cagliari.

Quando l’arbitro fischia la nostra attenzione massima andrà a quest’altro impegno. Sappiamo a cosa andiamo incontro e ci faremo trovare pronti”.

Un pensiero speciale per Ranieri? L’esempio da seguire può essere dato dall’Atalanta a Lecce?

“Domani saremo lì, gli ultimi avversari di una lunga e strepitosa carriera. Grande persona e grande allenatore, stimato da tutti, domani sarò felice di essere protagonista nella sua ultima e di poterlo salutare.

Abbiamo parlato con i ragazzi di quanto ha fatto l’Atalanta, andata a Lecce a fare una grande gara per blindare la classifica. Questo ci aspetta, ci servono punti per blindare l’8° posto e far partecipare ancora la Fiorentina a una coppa.

Domani ci concentriamo in maniera totale sul campionato, non possiamo abbandonarlo. La finale ci dà l’opportunità di rimanere concentrati e attenti, non possiamo staccare la spina: a Cagliari dovremo fare una partita vera”.

Come vive l’appuntamento alla luce del suo percorso personale?

“Il triennio a Firenze mi ha lasciato tantissimo, anche se rimangono le soddisfazioni enormi raccolte nei contesti precedenti. Queste finali non erano programmate sin dall’inizio, siamo andati oltre ogni aspettativa e previsione lo scorso anno e in questo siamo stati bravi a confermarci.

Abbiamo una chance per prenderci la rivincita, sappiamo adesso cosa ci aspetta e come prepararci. Forse deve essere la tristezza delle ultime due finali a spingerci per dare tutti noi stessi. Ad Atene dovremo sbagliare meno possibile, in certe partite devi essere perfetto perché qualsiasi errore ti fa perdere e una grande giocata ti fa vincere.

Ricordo che nella finale col West Ham abbiamo preso un gol su rigore casuale e poi su una situazione che poteva essere affrontata diversamente, ma poco prima avevamo avuto la palla sul dischetto del rigore per vincerla.

Comunque non giochiamo da soli, affronteremo una signora squadra che ha battuto l’Aston Villa. In casa avevano perso 1-4 col Maccabi e ne hanno fatti sei, hanno entusiasmo”.

Quali dettagli sta più tenendo sott’occhio? Come vede la partita di Cagliari?

“Per me i dettagli sono quello di capire che ogni palla può essere quella buona per farti vincere, se non l’ultima. Non puoi non tenere la concentrazione su ogni singolo minuto di partita.

Ogni situazione deve farti pensare che può essere quella buona per vincere, mentre nella nostra area non dovremo essere superficiali. Poi si passa anche da giocate individuali, sia in difesa che in attacco, questo fa la differenza.

Penso a quello che abbiamo fatto col Bruges, avevamo la possibilità di andare in finale e tutti quelli scesi in campo sono stati perfetti. Ad Atene dovremo essere al massimo della condizione mentale e fisica. Cagliari per me è una partita da disputare, a differenza del nostro avversario che arriverà alla finale con dieci giorni senza impegni.

Però Cagliari è importante, sarà un modo per tenerci in moto, vivi, soprattutto sull’aspetto mentale, ed arrivare ad Atene ben caldi e collaudati, consci dell’atteggiamento che ci deve essere”.

Nella sua testa quante volte ha rigiocato la finale col West Ham? Per domani qual è l’idea di base, risparmiare i titolari?

“La partita del West Ham è andata… Se estrapolo quello che è stata la partita, ricordo di non averla giocata male. Abbiamo tenuto testa a una squadra forte, alla quale non abbiamo permesso di mettersi in mostra.

A centrocampo avevano un giocatore oggi all’Arsenal al quale non abbiamo fatto fare una gran partita (Rice, ndr) ma due ingenuità non ci hanno permesso di gioire. Affrontare la partita con quella personalità, perché vedevo i ragazzi tranquilli e sereni, questo deve essere il filo conduttore anche ad Atene: prendere il pallino del gioco e sbagliare meno possibile.

Voglio libertà e serenità nella testa. Su domani, ripeto: faremo di tutto per ottenere un risultato, vedremo chi è ancora non al 100% e chi sappiamo che è in grado di recuperare nelle gare ravvicinate o chi fa più fatica.

Serve chi va al massimo della condizione, domani cercheremo il minutaggio giusto per tutti per arrivare tutti competitivi sull’aspetto fisico ad Atene. Fermo restando che abbiamo bisogno di fare punti, la classifica richiede massimo impegno e serietà”.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Serie A3 minuti fa

Napoli-Lecce, probabili formazioni e dove vederla

Visualizzazioni: 23 Napoli-Lecce, match valido per la 38ª giornata di Serie A 2023/24, si giocherà allo stadio Gewiss Maradona di...

Serie A13 minuti fa

Atalanta-Torino, probabili formazioni e dove vederla

Visualizzazioni: 37 Al Gewiss si prospetta una festa per i padroni di casa e l’occasione della vita per gli ospiti,...

Fiorentina Fiorentina
Conference League23 minuti fa

Fiorentina: Atene chiama, Commisso risponde presente

Visualizzazioni: 47 Fiorentina: il Presidente Commisso sarà presente ad Atene per sostenere i suoi ragazzi nella importantissima finale di Conference...

Genoa, Gilardino Genoa, Gilardino
Calciomercato43 minuti fa

Genoa, Vitinha convince: società a lavoro

Visualizzazioni: 64 Il Genoa è a lavoro per accontentare Gilardino e prolungare il prestito di Vitinha anche nella prossima stagione....

Calciomercato1 ora fa

Sassuolo, duello con la Fiorentina per il nuovo allenatore

Visualizzazioni: 136 Il Sassuolo è pronto a ricominciare dalla Serie B e punta dritto alla risalita. Per la panchina c’è...

Calciomercato1 ora fa

Napoli, la lista dei partenti cresce: via altri due titolari

Visualizzazioni: 133 Il presidente De Laurentiis sta preparando una vera e propria rivoluzione tra panchina e rosa. Sulla lista delle...

Monaco, un giocatore lascia dopo 5 stagioni Monaco, un giocatore lascia dopo 5 stagioni
Ligue 12 ore fa

Monaco, un giocatore è giunto ai titoli di coda

Visualizzazioni: 76 Monaco, un giocatore chiave del club francese si appresta a lasciare il club, dopo 5 stagioni di onorato...

Serie A2 ore fa

Juventus – Monza, le formazioni ufficiali

Visualizzazioni: 105 Juventus-Monza, allo Stadium si chiude la stagione per bianconeri e brianzoli. Le scelte ufficiali dei due allenatori. Juventus...

Fiorentina Fiorentina
Nazionale2 ore fa

Raiola, agente Bonaventura: “Gli è stato tolto un sogno”

Visualizzazioni: 129 Enzo Raiola, procuratore di Giacomo Bonaventura, torna sul tema pre-convocati in vista dell’Europeo dicendosi sorpreso dalla esclusione del...

Atalanta, Teun Koopmeiners Atalanta, Teun Koopmeiners
Calciomercato2 ore fa

Juventus, l’agente di Koopmeiners: “Futuro? Lo seguono in tanti”

Visualizzazioni: 119 Bart Baving, l’agente di Koopmeiners, ha parlato del futuro del suo assistito, dichiarando che la Juventus non è...

Le Squadre

le più cliccate