Home » Calciomercato » Torino, due settimane decisive: Belotti può restare?
Calciomercato

Torino, due settimane decisive: Belotti può restare?

Torino, in casa granata continua a tenere banco la situazione riguardante il futuro di Belotti, andato a segno ieri con una tripletta nella vittoria esterna contro l’Empoli.

La compagine piemontese allenata da Ivan Juric non ha più nulla da chiedere a questa Serie A, se non l’onore di scendere in campo per i propri tifosi.

È sicuramente un motivo di orgoglio aver fermato al Grande Olimpico di Torino entrambe le milanesi in lotta per lo Scudetto: 1-1 contro l’Inter e 0-0 contro il Milan di Pioli.

Torino

La salvezza raggiunta anzitempo è sicuramente merito di un esplosivo difensore centrale come Bremer, che ha vissuto la sua miglior stagione in maglia granata e che si appresta a salutare i compagni (qualora dovesse arrivare un’offerta degna del suo cartellino).

Nel reparto avanzato, invece, non è in discussione (come riferito dalla nostra redazione di CalcioStyle.it) il riscatto di Brekalo: l’attaccante croato classe 1998 ha convinto tutti e rappresenta una certezza per l’attacco futuro del Toro.

Torino

Chi sarà il suo compagno di reparto, invece, lo sapremo soltanto a sessione estiva già iniziata: di certo, tra Belotti e Sanabria, chi sembra molto più propenso a lasciare è proprio il Gallo.

Torino, Belotti tra conferma e addio

Il fatto che sia quello più vicino a salutare il Filadelfia non esclude un’eventuale dietrofront a fine campionato: mancano due settimane al centravanti ex Palermo per guadagnarsi la conferma di fine stagione.

Il tris ottenuto contro l’Empoli porta proprio la sua firma, non una ma ben 3 volte con 2 calci di rigore negli ultimi minuti di gara: le sue qualità e capacità tecniche non possono essere messe in discussione (anche se il rendimento in Nazionale è sempre stato scarso), tuttavia potrebbe non bastare per essere riconfermato.

Torino

I tanti rumour e le tante indiscrezioni circa un interessamento da parte del Milan non trovano fondamento, anche perché conosciamo l’operazione Origi per il Milan: un attaccante di caratura internazionale che rappresenta un’ottima risorsa in attacco.

Infatti Maldini lo ritiene (o, meglio, riteneva) più come un’alternativa, un piano B: dal canto suo, Belotti ha sempre espresso il proprio gradimento per i colori rossoneri.

La priorità al momento è conquistare la fiducia, e la conferma al Torino per la prossima stagione, salvo eventuali offerte irrinunciabili.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

I commenti sono chiusi.

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Calciomercato