Prosegue senza sosta il lavoro di Paolo Maldini e Frederic Massara per andare a scovare opportunità di mercato e rinforzare ulteriormente la squadra in vista – come si spera – della qualificazione alla Champions League. Oltre vari sondaggi sui giocatori, è tempo di bilanci anche per l’allenatore rossonero.

Milan, tempo di bilanci anche per il tecnico rossonero Stefano Pioli, non solo alcuni giocatori sarebbero in seria valutazione, Maldini avrebbe infatti ragionato molto insieme alla proprietà in merito al rinnovo del contratto del parmense. Pioli, arrivato dopo la sciagurata gestione Giampaolo, ha raccolto una squadra allo sbando, senza idee nè risultati cercando di incanalarla dentro i giusti binari non senza alcune difficoltà iniziali, il resto lo ha fatto Zlatan Ibrahimovic.

Il post lockdown è stato semplicemente trionfale per la squadra rossonera, un filotto di vittorie importanti anche contro squadre ostiche sia i casa che in trasferta che non hanno fatto altro che consolidare il legame tra tecnico e società poi confermato nel luglio del 2020 quando tutto lasciava presagire all’avvento di Ralf Rangnick, il grande innovatore che avrebbe probabilmente dovuto stravolgere un qualcosa che invece stava funzionando a pennello.

E veniamo ai giorni nostri, un secondo posto in classifica nonostante una sfortuna che dalla prima giornata non ha mai abbandonato i meneghini, 19 legni colpiti, alcuni giocatori fermi per il Covid, una serie inenarrabile di infortuni più – o meno – gravi che hanno scalfito, ma non distrutto i sogni dei rossoneri che più forti di ogni disgrazia hanno saputo continuare a macinare punti e gioco a testa alta, nonostante qualche caduta di troppo da inizio 2021.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Milan, furiosa lite Raiola – Donnarumma: “Ti rovino la carriera”

Avanti insieme

La decisione della proprietà è stata presa, il Milan e Stefano Pioli proseguiranno ancora insieme indipendentemente dal raggiungimento della qualificazione alla Champions, Paolo Maldini vuole aprire un ciclo e per farlo serve fiducia innanzitutto verso colui che ha il compito di guidare il gruppo. Una fiducia incondizionata quindi, sarà Pioli a doversi meritare sul campo di essere l’uomo giusto per la rinascita di un club glorioso ormai da troppo tempo lontano da trofei importanti, un’investitura che non potrà fare altro che inorgoglire il tecnico portando un’ulteriore ventata di ottimismo e determinazione al fine di concludere al meglio questa stagione assolutamente positiva.