I nostri Social

Serie A

Summit Lotito-Tudor, gli scenari: c’è anche l’ipotesi addio

Pubblicato

il

lazio Igor Tudor

La stagione è ormai alle spalle e a breve andrà in scena un incontro fra Lotito e Tudor per delineare il futuro della Lazio.

Tudor bravo allenatore, ma pessimo diplomatico

Ci è voluto poco affinché la mia previsione (“la Lazio si pentirà della scelta di Tudor” il sottoscritto ipse dixit) iniziasse a far intravedere i primi prodromi. Ad onor del vero, a oggi nessuno a Formello è insoddisfatto della scelta del tecnico croato. L’arrivo dell’ex-allenatore di Verona e Marsiglia ha restituito linfa a una squadra dall’encefalogramma piatto e il suo stile di gioco ha attecchito sulla rosa prima del previsto.

Tuttavia, non tutto ciò che luccica poi si rivela essere oro. Dopo un avvio esaltante, contraddistinto da una rincorsa alla zona europea (che si è conclusa con una insperata qualificazione all’Europa League) e lo spavento fatto passare alla Juventus nella semifinale di Coppa Italia, la Lazio si è come inceppata, tornando ad arrovellarsi sugli stessi difetti atavici palesati durante la gestione Sarri.

Il pareggio di Monza, al termine di una prestazione tutt’altro che esaltante, ha scoperchiato il vaso di Pandora e risvegliato i giocatori della Lazio dal proprio torpore. Sin lì, sulle ali dell’entusiasmo, la squadra aveva (forse) realmente creduto alla possibilità della clamorosa rimonta Champions.

Dopo la rete di Djuric, infatti, c’è stata la vittoria (balbettante e immeritata) con l’Empoli, che ha fatto da contraltare al pareggio di San Siro con l’Inter (dove obiettivamente i biancocelesti avrebbero meritato di più) e che ha preceduto il mortificante pareggio dell’ultima giornata contro un Sassuolo già retrocesso.

Tudor

Summit decisivo oggi: rischio dentro o fuori

Tutto sommato, lo score di Tudor sulla panchina bianco celeste è (sin qui) estremamente positivo. 6 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte. In campionato la media è di 2 punti esatta per partita, dato che la Lazio di Tudor ha collezionato 18 punti in 9 giornate. Le avvisaglie per continuare assieme ci sono tutte, dato che la dirigenza bianco celeste è soddisfatta del suo lavoro e non potrebbe essere altrimenti.

Tuttavia, non si possono ignorare i numerosi problemi di spogliatoio che il modus operandi Tudoriano ha causato in appena tre mesi di gestione tecnica. Se infatti è innegabile che la squadra abbia giovato (quantomeno dal punto di vista tecnico-tattico) dall’avvicendamento in panchina, è altrettanto vero che buona parte dello spogliatoio non sembra essere d’accordo con la scelta di affidarsi al croato.

Romagnoli. Luis Alberto. Guendouzi. Immobile. Troppi i calciatori con i quali Tudor ha avuto confronti (anche piuttosto accesi) nei suoi primi vagiti da allenatore della Lazio. Una sensazione corroborata anche dalla richiesta fatta a Lotito dallo stesso Tudor. Una sorta di lista del molibdeno, in cui (in buona sostanza) il tecnico croato chiede al patron bianco celeste e a Fabiani di esautorare buona parte della rosa.

Una scelta che la dirigenza bianco celeste non vuole e che soprattutto non può farlo. Abiurare il mercato estivo dopo un singolo anno, benché disastroso, sarebbe un salasso economico per le casse di Formello, già di loro impelagate nello scongiurare l’incubo del ritorno del famigerato indice di liquidità. Giocatori come Isaksen (completamente fuori dal progetto) e Rovella (tornato nell’undici titolare solo grazie all’avanzamento di Kamada sulla trequarti) rappresenterebbero una minusvalenza certa a bilancio.

Lotito è disposto a venire incontro alle esigenze del proprio allenatore, ma quest’ultimo dovrà essere ragionevole ed essere disposto a scendere a compromessi. Altrimenti nessuna ipotesi potrà essere aprioristicamente scongiurata. Neppure quella del prematuro addio, a un anno di distanza dalla naturale scadenza dell’accordo.

Comunque vada a finire, il leitmotiv è sempre lo stesso. A Villa San Sebastiano sembrano non imparare mai dai propri errori. Da Sarri a Tudor, Lotito sembra non voler capire che non può permettersi questa tipologia di allenatori (pretenziosi, rigidi e anche un po’ capricciosi) se vuole perorare una strategia aziendale (legittima e per certi versi anche condivisibile) come quella che ha contraddistinto la sua ventennale gestione.

Serie A

Milan, senti Dida: “Spero faccia una squadra importante”

Pubblicato

il

Dida

Nelson Dida, leggendario portiere brasiliano ex Milan, ha parlato dei rossoneri. L’ha fatto affidandosi a Sky Sport dove ha spiegato le sue opinioni in merito a tante cose inerenti il Diavolo

Nelson Dida ha parlato delle sue sensazioni su moltissime cose. Sul Milan, sul calciomercato che i rossoneri possono fare e sui giocatori che sono e che sono passati a Milanello in questi anni. L’ha fatto ai microfoni di Sky Sport.

Nelson Dida ha un legame viscerale con il Milan. Con i rossoneri ha vinto una Serie A, una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana ma soprattutto due UEFA Champions League e due Supercoppe UEFA. Un palmares che lo pone nella leggenda, almeno del Milan, e che lo pone fra i portieri migliori di sempre.

Milan, senti Dida: “spero faccia una squadra importante”

Dida ha così parlato sul nuovo allenatore del Milan, Paulo Fonseca, ospite nel ritiro del Portogallo: “Sicuramente è importante avere questo contatto soprattutto con Leao perché lui è un giocatore importantissimo per il Milan. Avere un contatto di fiducia significa che a lui tiene tanto”.

Dida ha avuto poi modo di parlare del portiere dell’Italia, ex Milan, Gianluigi Donnarumma: “Sta facendo benissimo, è un grandissimo portiere. Tutti noi lo sappiamo. Ho avuto l’opportunità di lavorare con lui. E’ una grandissima persona, un uomo che vuole lavorare e vincere. E’ un ragazzo d’oro. Ha fatto benissimo. Con la Spagna è stato protagonista”.

In ultima istanza ha speso qualche parola anche sul Milan che segue l’attaccante del Bologna Joshua Zirkzee: “Mi ricorda un pochino Zlatan, ma Ibra è Ibra. Era un giocatore a 360°. In area, fuori area, di testa. Era un attaccante completo. Zirkzee ha certe caratteristiche. Sarà importante, se venisse al Milan”.

Continua a leggere

Serie A

Inter, Dumfries: “Milano è casa mia. Sul rinnovo…”

Pubblicato

il

Il laterale dell’Inter Denzel Dumfries ha parlato ai microfoni del Corriere dello Sport al termine della sfida tra Olanda e Francia in merito al rinnovo di contratto in scadenza nel 2025.

Le sue parole

“Ci sono stati per tutti dei ritardi, visto che abbiamo cambiato proprietario, ma io voglio firmare. L’Inter è casa mia, mi sento in famiglia. Ne abbiamo parlato prima dell’Europeo e lo faremo ancora al mio ritorno.”

Continua a leggere

Serie A

Roma, Fazio elogia De Rossi: “Mai avuto un compagno di squadra così. Quando sono arrivato…”

Pubblicato

il

calciomercato Roma

L’ex difensore della Roma Federico Fazio ha parlato ai microfoni di Tv Play in merito a Daniele De Rossi. Di seguito le sue parole.

Fazio su De Rossi

Quando si è ritirato De Rossi hai detto che era il più grande in campo e fuori, che rapporto avevi con lui e perchè hai detto così?
“Appena arrivato a Roma ho scoperto una persona bravissima e bellissima, molto vicina dal punto di vista umano. Uno dei più bravi e forti a leggere i momenti delle partite e i sistemi. Poi la sua esperienza, il modo di aiutarti, un leader fortissimo. Non ho mai avuto un compagno così in campo.”

Continua a leggere

Ultime Notizie

Calciomercato15 minuti fa

Lazio, anche il Fenerbahce su Samardzic. E Greenwood…

Visualizzazioni: 70 Si allunga la lista delle pretendenti per Lazar Samardzic dell’Udinese. Dopo Juventus e Lazio, si è aggiunto anche...

Trubin, Ucraina Trubin, Ucraina
Europei35 minuti fa

Ucraina, Lunin: “Dispiaciuto, ma conta il gruppo”

Visualizzazioni: 56 Il portiere dell’Ucraina, nonostante la panchina, ha voluto lanciare un messaggio positivo sui social. Leggi con noi le...

serie b serie b
Calciomercato54 minuti fa

Un ex Palermo all’Al-Mesaimeer

Visualizzazioni: 71 E’ stato ufficializzato il nuovo allenatore dell’Al-Mesaimeer e si tratta di un ex centrocampista della Serie A. Scopri...

Notizie1 ora fa

Belgio-Romania, un jolly offensivo dal 1′

Visualizzazioni: 71 Sono state ufficializzate le formazione di Belgio-Romania. Lukaku e compagni devono vincere per ripartire dopo la sconfitta nel...

Europei1 ora fa

Italia, Pellegrini: “Dobbiamo tirare fuori il meglio”

Visualizzazioni: 87 Il numero dieci dell’Italia ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la brutta prestazione contro la Spagna. Leggi con noi...

Hellas Verona Hellas Verona
Calciomercato2 ore fa

Calciomercato Hellas Verona, si guarda in casa Genoa per l’attacco

Visualizzazioni: 78 Calciomercato Hellas Verona, Kelvin Yeboah, attaccante classe 00′, nella scorsa stagione con la maglia del Standard Liegi ha...

Cagliari, Claudio Ranieri Cagliari, Claudio Ranieri
Notizie2 ore fa

Italia, Ranieri: “Noi sparring partner, pensiamo a battere la Croazia. Su Spalletti…”

Visualizzazioni: 120 In un’intervista concessa alla Rai, Claudio Ranieri ha parlato anche della sconfitta dell’Italia contro la Spagna e di...

Juventus, Thiago Motta Juventus, Thiago Motta
Calciomercato2 ore fa

Juventus: fatta per il primo acquisto dell’era Motta

Visualizzazioni: 166 E’ tutto fatto per il trasferimento del primo acquisto della nuova Juventus targata Thiago Motta.  Juventus, il primo...

Europei2 ore fa

Olanda, Koeman: “Dobbiamo crescere. Sulla Francia…”

Visualizzazioni: 85 Il ct dell’Olanda Ronald Koeman ha analizzato il pareggio contro la Francia al termine del match. Di seguito...

Nacho, Real Madrid Nacho, Real Madrid
Calciomercato2 ore fa

Calciomercato: fatta per Nacho all’Al-Qadsiah

Visualizzazioni: 96 Il capitano del Real Madrid arriva a parametro zero alla squadra araba in questa sessione di calciomercato. Nelle...

Le Squadre

le più cliccate