La Roma cade nuovamente contro una big, questa volta però lo fa in casa dove non aveva mai conosciuto il sapore della sconfitta.

Ad un inizio gara piuttosto opaco ha fatto da contraltare una reazione veemente che però nei primi 45 minuti non ha fruttato alcuna rete. La ripresa è scivolata via sui binari dell’equilibrio, ma alla fine sono stati i rossoneri a spuntarla.

Nel dettaglio

Nella prima fase di gioco la Roma è stata colta di sorpresa da un arrembante avvio del Milan, andato più volte vicino al gol nei primi 20 minuti con Ibrahimovic e Rebic.

I giallorossi nel quarto d’ora finale si sono rivelati abili nel destarsi da quello che sembrava un coma profondo grazie alle ripetute incursioni di Veretout e Mkhitaryan imbeccati da Pellegrini e Spinazzola. Nonostante ciò sono stati i rossoneri a trovare il vantaggio grazie al rigore di Kessiè.

Nei secondi 45 minuti i ruoli si sono invertiti: i ragazzi di Fonseca sono scesi in campo con il piede sull’acceleratore, trovando il pari con la stupenda conclusione di Veretout sul secondo palo, mentre la squadra di Pioli sembrava aver dato già tutto.

Alla fine però è stato il club meneghino a spuntarla sfruttando la rete di Rebic, bravo nell’eludere l’intervento di Mancini e superbo nell’incrociare il tiro. La Roma, dunque, si ritrova ora al quinto posto mentre il Milan mantiene la sua seconda posizione a meno 4 punti dall’Inter.