Roma

Roma ed Inter si fronteggeranno domani alle 12:30 in un Olimpico deserto.

Il match dell’ora di pranzo presenta agli spettatori un menù complesso e variegato composto da piatti forti, Dzeko e Lukaku, specialità della casa, ripartenze ed esterni tutta fascia, ma anche esperimenti affascinanti, scaturenti dall’infiammabile accoppiata italo-portoghese ai fornelli.

Giallorossi e nerazzurri tornano dopo un decennio ad affrontarsi per le posizioni d’élite della classifica.

Le scelte

La Roma e l’Inter sono separate da solamente tre punti. I capitolini occupano la terza posizione a 33 punti, mentre i meneghini presiedono il secondo posto a quota 36.

I ragazzi di Fonseca sono reduci da tre vittorie consecutive che hanno certificato l’ottimo stato di forma e solidificato le certezze del gruppo, gli uomini di Conte, invece, dopo otto successi consecutivi hanno subito una brusca battuta d’arresto contro la Sampdoria dell’ex Ranieri.

Le scelte di formazione sembrano ricadere più o meno sugli stessi calciatori, complici defezioni importanti alternate a considerevoli rientri: il tecnico portoghese schiererà Mancini, Smalling ed uno tra Ibanez e Kumbulla a difesa di Pau Lopez, Karsdorp e Spinazzola sugli esterni, coadiuvati da Veretout e Villar, in ballottaggio con Cristante, in mediana, mentre in attacco ci saranno Pellegrini, Mkhitaryan e Dzeko.

Conte risponderà con il solito 3-5-2 con la difesa composta da Handanovic, Skriniar, De Vrij e Bastoni, il centrocampo dall’unico regista Brozovic supportato da due incontristi quali Barella e Vidal, sostenuti a loro volta da Hakimi e Young sulle fasce, e l’attacco dal collaudatissimo tandem LukakuLautaro.

 

PAGINA FACEBOOK CALCIO STYLE

SITO CALCIO STYLE