La Roma supera il Genoa per una rete a zero nel lunch match della 26°giornata. La gara è scivolata via sui binari dell’equilibrio, alterati solamente dal gol decisivo di Mancini, giunto al 24′ sugli sviluppi di un corner dalla destra calciato da Pellegrini, e da poche altre scorribande offensive da ambo le parti.

I giallorossi sono riusciti a conquistare una vittoria molto importante sia per l’attuale classifica sia per il doppio scontro diretto di questo turno che vedrà contrapposte Inter e Atalanta da una parte e, dall’altra, Juventus e Lazio, già fronteggiatesi ieri sera.

Sul campo

La Roma quest’oggi ha potuto contare sul ritorno a pieno regime di Smalling, rivelatosi uno dei migliori in campo del match, impiegato al centro della difesa con il conseguente slittamento di Cristante sul centro-sinistra in sostituzione dello squalificato Kumbulla.

Fonseca ha nuovamente preferito Diawara a Villar dal primo minuto in cabina di regia, complice anche la mole di impegni ravvicinati che i giallorossi saranno chiamati ad affrontare, affiancandogli in mediana Pellegrini, disimpegnatosi egregiamente nel ruolo di Veretout. In avanti El Shaarawy è andato calando con il passare dei minuti, bene Pedro, ancora impalpabile Borja Mayoral.

Nel Genoa i pochi a mettersi in luce sono stati Zajc e due dei quattro ex della gara Zappacosta e Destro.