I nostri Social

Serie A

Juventus: i numeri verso L’Atalanta

Pubblicato

il

Dopo la sconfitta in campionato al ‘Diego Armando Maradona’ contro il Napoli, la Juventus affronta l’Atalanta nella 28a giornata di Serie A

Juventus-Atalanta

Juventus-Atalanta si affronteranno, questo pomeriggio alle ore 18:00, nella cornice dell’Allianz Stadium

L’obiettivo, in casa Juventus, è quello di riprendere la corsa per difendere il secondo posto in classifica.

Dal canto suo, l’Atalanta cerca punti preziosi per risalire sul treno che porta alla prossima Champions League.

Andiamo a scoprire insieme, in vista di questo affascinante match, alcuni numeri in casa Juventus.

Indice

Statistiche generali

Considerando gli scontri diretti tra le avversarie attualmente nelle prime 7 posizioni in classifica, solo la Roma (4) ha ottenuto meno punti rispetto all’Atalanta (6), mentre la Juventus è la formazione che ha subito meno reti in queste sfide (5, a fronte tuttavia di 6segnate).

La Juventus ha vinto solo 1 delle ultime 6 partite di campionato (2N, 3P) e in generale non tiene la porta inviolata in Serie A dallo scorso 21 Gennaio, contro il Lecce.

La Juventus ha subito goal in tutte le ultime 3 partite casalinghe di Serie A, dopo una serie di 3 clean sheet interni consecutivi; i bianconeri non fanno peggio dal finale di stagione del 2021/22, quando in casa concessero goal in 4 gare di fila.

Nessuna squadra ha subito meno goal della Juventus su palla inattiva in questa Serie A (4, come l’Inter). Inoltre -nel campionato italiano 23/24- nessuna squadra ha realizzato più goal su corner rispetto alla Juventus (7, come Inter e Milan).

La Juventus ha realizzato nove goal di testa in questo campionato, meno solamente di Roma (10) e Fiorentina (11).

La Juventus è la squadra che ha subito in percentuale più gol dalla distanza in questo campionato: il 33%, 7 reti sulle 21 totali.

I numeri dei singoli

Nelle 7 partite con Kenan Yildiz titolare la Juventus ha mantenuto una percentuale di successi del 71.4%, contro il 60% senza di lui dal 1′. In generale il turco è sceso in campo in 17 gare ed è il più giovane tra i calciatori con almeno 15 presenze in questo campionato (04/05/2005).

Federico Chiesa ha realizzato 7 goal in questo campionato e non fa meglio in una singola stagione di Serie A dal 2020/21 (8 reti in quel caso); l’attaccante ha partecipato a 5 reti contro l’Atalanta in Serie A, grazie a 3 goal e 2 assist.

Arkadiusz Milik è andato a segno in 3 gare di Serie A contro l’Atalanta e ha fatto meglio solamente contro il Bologna, contro cui è andato in goal in 4 gare diverse nel massimo campionato italiano.

Nelle 3 partite di questo campionato in cui Dusan Vlahovic non ha giocato, la Juventus ha ottenuto 1 vittoria, 1 pareggio e 1 sconfitta, con una media goal di 0.7, più bassa rispetto all’1.7 fatto registrare nelle gare con il serbo in campo per almeno un minuto.

Nella Serie A in corso, nei 229′ in cui la Juventus ha giocato con la difesa formata da Bremer, Danilo e Rugani, non ha subito nemmeno un goal, mentre ha concesso in media 0.8 reti per 90′ nei 2410 minuti senza uno di loro in campo.

L’Atalanta è una delle uniche 2 squadre, con il Sassuolo, contro cui Danilo ha realizzato 2 reti in Serie A: in entrambe le gare in cui il difensore brasiliano ha segnato, le 2 squadre hanno pareggiato.

Daniele Rugani ha realizzato il suo secondo goal con la Juventus in Serie A proprio contro l’Atalanta, il 3 Dicembre 2016 all’Allianz Stadium.

L’unico goal di Hans Nicolussi Caviglia in Serie A è arrivato proprio contro l’Atalanta, il 15 Gennaio 2023 con la maglia della Salernitana.

La prima rete di Samuel Iling-Junior in Serie A è stata proprio contro l’Atalanta, il 7 Maggio 2023, al ‘Gewiss Stadium’.

Nelle 24 partite di questo campionato Andrea Cambiaso ha realizzato un goal e fornito 3 assist vincenti e si trova a una sola partecipazione di distanza da quanto fatto nel suo primo anno in Serie A con la maglia del Genoa (un goal e 4 assist).

Allegri vs Gasperini

Gian Piero Gasperini e Massimiliano Allegri sono i due allenatori che hanno pareggiato più confronti nelle loro sfide in Serie A nell’era dei 3 punti a vittoria (dal 1994/1995): 9 su 22 incroci (completano 8 vittorie per l’attuale tecnico della Juventus, 5 per l’allenatore della Dea).

Si affrontano 2 dei 5 allenatori con più panchine in Serie A nell’era dei 3 punti a vittoria: 550 partite per Gian Piero Gasperini e 497 per Massimiliano Allegri. Oltre a loro in top-5 Luciano Spalletti (559), Francesco Guidolin (545) e Walter Mazzarri (507).

Massimiliano Allegri ha pareggiato 7 partite di Serie A contro l’Atalanta (12V, 5P), solo contro Inter e Roma (8) conta più pareggi nella competizione.

14 sconfitte per Gian Piero Gasperini contro la Juventus in Serie A (4V, 10N), solo contro l’Inter (15) ha perso più volte nel massimo campionato.

 

Serie A

Allegri: “Quando si vince si sta meglio. Due dubbi per domani. Sulle critiche e sul futuro…”

Pubblicato

il

Allegri

Allegri, alla vigilia di TorinoJuventus in programma domani alle ore 18:00 all’Olimpico Grande Torino, presenta il match nella consueta conferenza stampa.

Juventus, Allegri

Allegri presenta il Derby della Mole nella conferenza stampa di vigilia

Dopo la doppia vittoria contro Lazio (Coppa Italia) e Fiorentina (campionato), la Juventus cerca il terzo sigillo consecutivo nel Derby della Mole contro il Torino.

I granata, dal canto loro, vogliono cancellare la sconfitta contro l’Empoli (3-2) ed assicurarsi la stracittadina piemontese.

E proprio il tecnico livornese, come da prassi, presenta la sfida tra Torino e Juventus nella conferenza stampa di vigilia.

Ecco le parole di Massimiliano Allegri:

Che atmosfera si respira in gruppo in vista di una partita così importante come il derby?

Quando si vince si sta meglio. Mancano 7 partite e poi avremo la Coppa Italia. Ci sono 35-40 giorni da vivere con passione per centrare gli obiettivi. Ancora è lunga ma domani dovremo fare un passo in avanti per continuare la strada intrapresa con la Fiorentina“.

Ieri Elkann ha solo parlato di Giuntoli: come vede questa situazione?

Sono state parole importanti le sue, che hanno sottolineato il lavoro iniziato 3 anni fa. Con giovani cresciuti nella Next Gen e dare sostenibilità al club. Un lavoro che continuerà nei prossimi anni, con il responsabile che è Giuntoli“.

Le parole di Juric su di Lei, come le definireste?

Grazie per le sue belle parole. Ogni anno le squadre sono diverse, io cerco sempre di mettere in campo i ragazzi al meglio possibile, a seconda delle loro caratteristiche. E non è facile. Con i giocatori che ho mia adatto, perché l’importante è centrare gli obiettivi. Juric ottimo allenatore, giocare contro di lui sempre difficile. Domani partita speciale, derby speciale. Partita importante per dare seguito agli obiettivi“.

Avete già cominciato a parlare del futuro della Juventus?

In questo momento dobbiamo pensare agli obiettivi da raggiungere. Champions o no, ballano credo 100 milioni. Siamo tutti coinvolti negli obiettivi, poi per il futuro la società deciderà il futuro migliore per la Juve. Dobbiamo unire le nostre forze e centrare l’obiettivo“.

Squadra che vince non si cambia, ma quali sono le insidie in vista del derby di domani?

Le insidie sono molte, 15 clean sheet. Squadre tosta. I derby sono storia a sè. Noi dobbiamo seguire la Champions. Per la formazione ho due dubbi e domani li deciderò“.

Quanto sollievo ha percepito nei suoi ragazzi dopo la vittoria contro la Fiorentina?

Normale che quando vinci vedi tute le cose in maniera diversa. Gli scontri diretti li avevamo quasi tutti persi. Non dobbiamo pensare che tutto sia risolto, dobbiamo raggiungere gli obiettivi finali. Dopo il match di domani, ci prepareremo per il Cagliari che sarà altrettanto importante“.

La gara contro la Fiorentina ha riportato le critiche su come é avvenuta la vittoria: secondo Lei sono giuste e quali spunti si possono prendere?

Le critiche sono sempre da tenere in considerazione, sono molto realista e le ascolto. Possono essere uno spunto. Nel secondo tempo, fino al 65′ la Fiorentina non aveva tirato mai in porta. Detto questo bisogna migliorare la gestione della palla, poi ci sono i momenti anche della stagione, i punti pesano di più e venivamo da un momento non felice. Ai ragazzi non ho nulla da rimproverare, buona partita. Le critiche le accetto, soprattutto quando sono ben fatte“.

Un terzo indizio vincente, potrebbe portare la Juve fuori da questa situazione? E quale potrebbe essere la cosa che le può fare cambiare idea sul futuro?

In questo momento non mi pongo il problema, siamo talmente dentro l’obiettivo… Parlare del futuro oggi non serve. Dobbiamo concentrarci sulle partite, domani e poi Cagliari. Dobbiamo lavorare bene. Siamo partiti con l’obiettivo di tornare in Champions, confermato anche dalla società. Poi c’è anche la Coppa Italia. Nell’ultimo mese si decidono le cose ed esserci ancora dentro vuol dire che è importante. Ora però bisogna raggiungerli, il resto non conta“.

Il derby é un momento speciale, ma questo può essere il suo ultimo derby a Torino?

Non ho pensato che è l’ultimo derby domani (ride, ndr). Dobbiamo tornare in Champions, come immagini e brand, non può stare due anni senza la Champions, così come a livello economico. Se la raggiungeremo vorrà dire che avremo fatto un buon lavoro“.

Si arrabbia anche Lei come faceva Trapattoni quando non vinceva il derby? 

Il fatto di essere già di una leggenda di Trapattoni, mi fa enorme piacere mi riempie di gioia. Il fatto già di essere ancora oggi con due obbiettivi da raggiungere. L’ho detto anche alla squadra dobbiamo desiderare la vittoria “.

Cosa vi hanno lasciato le partite di Champions League giocate questa settimana in vista della prossima stagione?

Non abbiamo parlato delle partite delle altre. Real- Manchester grande partita, un piacere vederla, così come quella del Barcellona e quelle di Europa League. Dobbiamo essere fiduciosi su quello che abbiamo, il campionato italiano ha un buon livello comunque“.

Quali sono i dubbi in vista del derby?

Kostic-Iling e sugli esterni Cambiaso-Weah“.

 

Continua a leggere

Serie A

Lecce, Gotti: “L’abbiamo preparata bene, Banda non sarà a disposizione”

Pubblicato

il

Milan-Lecce, l'allenatore dei salentini Luca Gotti

Il tecnico del Lecce, Luca Gotti, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della delicata gara contro l’Empoli, in programma domani alle 15.

Luca Gotti, allenatore del Lecce, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della delicata sfida interna con l’Empoli di Nicola, in programma domani, 13 aprile 2024, alle 15:00.

Sarà un match decisivo per entrambi le compagini vista la possibilità di allungare dalla zona retrocessione.

Lecce, Gotti

Lecce, le parole di Gotti

Che partita sarà?

“Ritengo che la partita sia sulla carta molto diversa dalle precedenti. Ha connotati simili a quella fatta col Verona un mese fa, una grande importanza dei punti ed uno scontro diretto. Secondo me l’abbiamo preparata bene, l’ideale è affrontarla al meglio. Non so se sarà una partita subito di duelli, magari lo diventerà in corsa. Siamo due squadre equilibrate, attente, toste, che vogliono concedere poco all’avversario”.

Pierotti seconda punta?

“Ha queste caratteristiche probabilmente. Forse riesce ad essere efficace con meno compiti, anche a San Siro è entrato con uno spirito importante”.

Il morale della squadra?

“Da una parte si avvertono consapevolezze in positivo, dall’altra debolezze (come il gol preso su corner, la fatica a fare gol). La partita va affrontata sapendo che è una gara chiave. Credo che lo spogliatoio lo comprenda molto bene”.

Banda?

“Non sarà a disposizione, è venuto fuori da San Siro con un problema che gli provoca dolore. L’ho convocato perché voglio un gruppo coeso”.

Burnete?

“L’ho convocato con l’idea che se ci sono i presupposti, di usarlo. Ha caratteristiche precise, segna. Sente la porta. Se la partita chiama questa caratteristica…”

Che squadra è l’Empoli?

“Ha tanti giocatori di Serie A, cambia spesso sistema di gioco. Ho allenato tanti ragazzi oggi di Nicola, hanno caratteristiche molto diverse. Nicola ha fatto vedere di usare tutta la rosa e saper cambiare proposta calcistica”.

Oudin?

“A Salerno fu una partita diversa da quella immaginata. Ha gestione palla di qualità ed è importante negli ultimi metri, sente la porta. Visto che abbiamo difficoltà a far gol, devo valutare bene questi fattori. Su di lui ci conto”.

Dorgu e Almqvist sulle fasce?

“Più o meno si. A San Siro non ero scontento di Dorgu, sappiamo tutti la forza del suo avversario. Anche De Rossi ha avuto pensieri analoghi ieri sera con le scelte…”

Gonzalez seconda punta?

“È da valutare il pensiero di come indirizzare la gara in corsa. Si prepara la partita non solo dal primo minuto. Lo stesso vale per Oudin”.

Continua a leggere

Serie A

Torino, torna il Derby della Mole: le statistiche

Pubblicato

il

Torino-Juventus

Domani alle 18 si gioca del Derby della Mole Antonelliana: per prepararci a Torino-Juventus scopriamo insieme le statistiche della squadra granata.

L’appuntamento con la stracittadina sarà sabato alle 18: si tratta del Derby numero 158 nella massima serie di campionato.

Partiamo dalla classifica: la Juventus di Allegri è terza in classifica con 62 punti, il Torino nono con 44 punti. Scopriamo insieme le statistiche dei granata.

Indice

Torino-Juventus, le statistiche sui granata

Delle ultime 7 partite in Serie A, gli uomini di Juric hanno perso 5 match. In questa stagione, però, il Torino ha totalizzato 10 clean sheet, come solo Inter e Bologna.

Gol fatti dal Torino

Ultimamente i granata non hanno avuto fortuna nelle partite in casa: considerando le ultime 5 gare giocate in casa, in 3 non ha segnato nemmeno un gol.

Gol subiti dal Torino

Parlando di gol subiti, la squadra è l’unica a non aver subito nemmeno un gol su punizione. Delle reti incassate, solo il 24% sono arrivate nel primo tempo: nessun’altra squadra può vantare una percentuale così bassa.

Posizioni

L’ultima volta che ha sfidato la Juventus situata in una delle prime 3 posizioni risale al 3 aprile 2021: la partita finì con un pareggio 2-2.

Torino, Zapata

Duvan Zapata

Giocatori

Il giocatore granata più temibile contro la Juventus? Si tratta di Duvan Zapata, autore di 6 gol in 16 partite contro i bianconeri.

Da quando Zapata gioca in Serie A, quindi dalla stagione 2013-2014, nessuno ha segnato di più lui contro la Juventus. Il colombiano è pari merito con l’attaccante del Napoli Giovanni Simeone.

Continua a leggere

Ultime Notizie

Allegri Allegri
Serie A19 minuti fa

Allegri: “Quando si vince si sta meglio. Due dubbi per domani. Sulle critiche e sul futuro…”

Visualizzazioni: 137 Allegri, alla vigilia di Torino–Juventus in programma domani alle ore 18:00 all’Olimpico Grande Torino, presenta il match nella...

Arabia Saudita Arabia Saudita
Saudi Pro League21 minuti fa

Follia in Arabia Saudita: Hamdallah preso a frustate da un tifoso!

Visualizzazioni: 163 Momenti di follia in Arabia Saudita al termine della finale di Supercoppa tra l’Al-Ittihad e l’Al Hilal. L’attaccante...

Milan-Lecce, l'allenatore dei salentini Luca Gotti Milan-Lecce, l'allenatore dei salentini Luca Gotti
Serie A25 minuti fa

Lecce, Gotti: “L’abbiamo preparata bene, Banda non sarà a disposizione”

Visualizzazioni: 216 Il tecnico del Lecce, Luca Gotti, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della delicata gara contro l’Empoli,...

Pochettino Pochettino
Europa League41 minuti fa

Van Dijk: “Siamo stati superficiali. Chi non crede alla rimonta non parta per l’Italia”

Visualizzazioni: 156 Il capitano del Liverpool, Virgil Van Dijk, ha voluto commentare la clamorosa sconfitta contro l’Atalanta (0-3) di ieri...

Conference League1 ora fa

La partita “speciale” de “El Dibu” Martinez: idolo in patria (e in Inghilterra), ma odiato in Francia

Visualizzazioni: 182 Quella fra Aston Villa e Lille è una partita speciale per “El Dibu” Martinez, che è un idolo...

Napoli Napoli
Calciomercato1 ora fa

Napoli, possibile asse di mercato con il PSG nell’affare Osimhen

Visualizzazioni: 216 Secondo quanto emerso nelle ultime ore l’asse tra PSG e Napoli potrebbe scaldarsi ancora questa volta per l’attaccante...

Torino-Juventus Torino-Juventus
Serie A1 ora fa

Torino, torna il Derby della Mole: le statistiche

Visualizzazioni: 232 Domani alle 18 si gioca del Derby della Mole Antonelliana: per prepararci a Torino-Juventus scopriamo insieme le statistiche...

Cagliari, Ranieri Cagliari, Ranieri
Serie A1 ora fa

Cagliari, Ranieri: “L’Inter una squadra quasi perfetta. Pavoletti e Petagna…”

Visualizzazioni: 318 Il tecnico del Cagliari, Claudio Ranieri, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della delicatissima sfida contro l’Inter...

Milan - Roma Milan - Roma
Europa League2 ore fa

Ranking UEFA, Atalanta e Roma conquistano una posizione. Il Milan…

Visualizzazioni: 476 Terminate le gare d’andata dei quarti di Europa League e Conference League, la UEFA ha aggiornato il ranking....

Notizie2 ore fa

Ultim’ora Milan, incontro con Comolli: fumata nera

Visualizzazioni: 724 Ultim’ora Milan, come scritto nella serata di ieri, c’è stato in mattinata un incontro tra Cardinale e Comolli....

Le Squadre

le più cliccate