Elezioni Figc, Gravina Sibilia

Oggi andrà in scena l’appuntamento per l’elezione del presidente della Federcalcio. In questo momento Gravina sembra essere in netto vantaggio su Sibilia, ed è pronto ad essere rieletto.

Per l’elezione del presidente sarà sufficiente ottenere il 50% più 1 dei voti, dunque il voto, che sarà espresso per via telematica, di 139 delegati su 276. Per ora Gravina sembra che riuscirà facilmente a raggiungere questa percentuale di consensi, visto il sostegno delle tre leghe, dell’Aic e dei tecnici che formano il 64% dei delgati. Dalla parte opposta c’è Sibilia che non vuole arrendersi con il 34% dei voti dalla sua parte, quasi tutti derivanti dall’appoggio della Lega Dilettanti di cui è presidente, e con l’aiuto di Lotito spera di poter aumentare il numero di consensi. Il restante 2% dei voti è quello che spetta all’Aia (Associazione italiana arbitri) di cui non si conosce lo schieramento.

Le dichiarazioni di Cairo

A proposito delle elezioni di oggi, ha parlato Urbano Cairo ai microfoni di Radio Rai, durante la trasmissione del programma Radio anch’io sport: “La sfida tra Gravina e Sibilia? Credo che il primo abbia svolto un ottimo lavoro nel suo incarico di Presidente Federale, peraltro in un periodo davvero difficile, culminato nella pandemia. Gravina ha saputo mantenere molta razionalità, anche contro tante voci contrarie, in alcuni frangenti. Inclusa la mia, lo dico onestamente: quando si è ripreso a giocare, la scorsa estate, non ero così convinto della bontà della decisione. Anche per via della necessità di non riaprire gli stadi al pubblico, elemento del quale purtroppo si sente la mancanza tuttora. Tante scelte molto oculate da parte sua, e certamente lo voterò.”