Nella sfida persa contro il Milan, D’Aversa ha messo in campo nella ripresa Chaka Traore: il primo giocatore nato nel 2004, quasi 2005…essendo nato il 23 dicembre. In una stagione infelice, il Parma prova a programmare il futuro.

Mancavano una manciata di minuti alla fine quando il tecnico gialloblu D’Aversa nel tentativo disperato di riagguantare sul 2-2 il Milan ha messo in campo il giovanissimo Chaka Traore. Il primo giocatore nato nel 2004 a debuttare nella Serie A italiana. In una ennesima serata amara per il club di Krause dal punto di vista dei risultati, la soddisfazione di mettere in mostra un altro gioiellino, che sarà la base delle prossime stagioni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Parma, si guarda al futuro: in arrivo il “nuovo Vecino”

Chi è Chaka Traore, il primo 2004 a debuttare in Serie A

Di Traore giovanissimi in Serie A ne abbiamo già visti due, Hamed centrocampista del Sassuolo, ex Empoli, classe 2000 e Amad sterno offensivo classe 2002 dell’Atalanta, questi sono due fratelli. Chaka Traore, in comune con loro ha solo il cognome e la giovane età con cui ha debuttato in Serie A.

Ieri D’Aversa lo ha messo in campo contro il “grande” Milan pur essendo ancora un Under 17 del Parma, Chaka è un esterno sinistro, tutta classe, funambolico.

Il Parma lo ha scovato un paio di anni fa da una società dilettantistica emiliana, l’Audace, il ragazzo era stato affidato ai servizi sociali perché arrivato in Italia dalla Costa d’Avorio accompagnato da una persona che non era il suo genitore: erano state violate le norme italiane per i calciatori minorenni. Un talento puro che si è fatto notare in questi anni in tutti i tornei con cui ha giocato con i pari età, quest’anno nell’Under 17 ha messo a segno 11 reti e cinque assist.

Le caratteristiche tecniche di Traore

Chaka Traoré un esterno offensivo di sinistra che ama partire con il piede destro verso l’interno del campo,  con grandi capacità funamboliche nei dribbling stretti che lo portano a saltare agevolmente gli avversari. bNon solo tecnica sullo stretto: ha uone capacità balistiche, è anche rigorista, sa calciare molto bene dalla media distanza.

Traore, inoltr,e ha una spiccata personalità, è vivace, intraprendente, “sfacciato” nel suo modo di interpretare le partite, non patendo mai le pressioni esterne.

Tatticamente il suo ruolo è quello di esterno offensivo di sinistra in un 4-2-3-1 e ala mancina in un 4-3-3.