Home » Notizie » Milan, spunta fuori un retroscena: la confessione di Thauvin
Notizie

Milan, spunta fuori un retroscena: la confessione di Thauvin

Il suo presente dice Messico (e più precisamente Tigres UANL), eppure il suo nome è stato molto vicino al Milan.

Accostato in diverse sessioni di mercato ai colori rossoneri: il profilo di Florian Thauvin, 29enne francese con un passato proprio in Ligue 1 all’Olympique Marsiglia, è stato molto vicino ad approdare in rossonero.

Del resto, sulla fascia destra (occupata da Messias che al momento ha nettamente scavalcato il belga Alexis Saelemaekers) il duo Maldini-Massara si sta guardando intorno da tanto tempo per cercare di trovare un nome che faccia al giusto caso.

Milan

Da Noa Lang a Berardi e Bernardeschi, sono questi i noti profili sondati dal club di Via Aldo Rossi: dal futuro parametro 0 della Juventus (che rappresenta per lo più un’occasione), alle enormi richieste fatte da Carnevali per i suoi gioiellini (tra cui proprio il classe 1994), per finire col giovanissimo e molto talentuoso esterno in forza al Club Bruges, in linea col progetto giovani rossonero.

Milan

Certo non sarà per nulla facile arrivare a nessuno dei 3, l’unica cosa certa è che se dovesse arrivare il Tricolore, il Milan farà importanti movimenti in entrata per garantire a Pioli una rosa sempre più competitiva.

Milan

 

Milan: Thauvin si racconta

Intanto, proprio l’ex ala destra del Marsiglia era stato individuato come rinforzo giusto per calcare quella fascia del campo, affare mai portato al termine.

Eppure, lo stesso Thauvin ai microfoni di Canal+ è intervenuto con un importante retroscena a tinte rossonere: ‘Era fatta col Milan, il mio futuro doveva essere a Milano. Ciò che ha frenato la trattativa è stato il piazzamento Champions in bilico, sudato fino all’ultima partita’.

Milan

‘Loro non sapevano quale sarebbe stato il budget di fine anno e quanti soldi avrebbero potuto investire sul mercato, avendo anche tanti giocatori importanti da rinnovare. Ho atteso troppo a lungo ma, una volta arrivato ad aprile, non ce la facevo più’.

Un retroscena davvero interessante: di sicuro Stefano Pioli avrà qualche rimorso in più, dato che la duttilità del francese sarebbe stata molto utile nelle sue gerarchie tecnico-tattiche.

Milan

Ma, ora come ora, la priorità va al campionato da dover conquistare (si ripartirà domenica sera a Torino contro i granata di Juric) e il ritorno di Coppa Italia contro l’Inter da dover onorare.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Notizie