Home » Notizie » Milan: può saltare il riscatto di Higuain
Notizie

Milan: può saltare il riscatto di Higuain

Nell’attesa di sapere oggi se l’appello contro la squalifica per due giornate verrà accolta, in queste ore sta emergendo un vero e proprio “caso Higuain”.  La decisione spetterà a Gazidis quando dal primo di dicembre si insedierà ufficialmente nella dirigenza rossonera, ma sono abbastanza evidenti i segnali di mal di pancia che l’argentino sta mandando e che non sono affatto da sottovalutare, ma da affrontare immediatamente con estrema urgenza. Il riscatto quindi parrebbe in dubbio e ci sarebbe la possibilità di lasciare cadere il diritto per ridiscutere successivamente la cifra – 36 milioni – che il Milan reputa eccessiva considerata l’età del calciatore.

Eccessivo nervosismo

Gonzalo Higuain non sta attraversando un buon momento e questo è agli occhi di tutti. In estate è passato dalla Juventus al Milan per lasciare posto all’ingresso di Cristiano Ronaldo e questo deve aver alimentato in lui un senso di delusione, come fosse stato messo da parte, ma è arrivato nel club rossonero con una grande voglia di rivincita con la convinzione di essere nuovamente valorizzato. Ed è proprio qui il punto focale. Già dalle prime partite si è capito che il gioco imposto da Gattuso non lo stava affatto valorizzando, o meglio, il giocatore all’interno del modulo preferito dal tecnico – il 4-3-3 – spesso veniva lasciato solo là davanti ed era costretto ad arretrare fino a centrocampo per andare a recuperare palle giocabili compromettendo giocoforza tenuta fisica e lucidità sotto porta.

LEGGI ANCHE:  Juventus, il ricordo a 34 anni dalla tragedia dell'Heysel

Troppo spesso si è visto in campo un giocatore eccessivamente nervoso per il fatto che se non arrivano palloni giocabili non arrivano i gol e si sa quanto sia importante per un attaccante il gol, soprattutto per uno che i gol li ha sempre fatti ovunque abbia giocato.

Il nuovo modulo

Con l’introduzione del 4-4-2 ed il conseguente affiancamento di Patrick Cutrone le cose sono cambiate in meglio, i due si cercano, collaborano ed hanno anche un discreto feeling e di fatto i gol sono arrivati e le prestazioni migliorate, ma il punto è che l’argentino deve essere servito meglio, la squadra deve giocare per lui, si deve sentire all’interno del progetto, coccolato a volte ed i gol arrivano.

Lui è fatto così e bisogna prenderlo per come è. Penso che l’ipotetico arrivo di Zlatan Ibrahimovic non potrà che giovargli, senza nulla togliere alle enormi capacità di Cutrone, avere a fianco un calciatore di esperienza come lo svedese sarà per lui un ulteriore stimolo a far bene e se troveranno la giusta intesa potrebbe diventare una coppia gol letteralmente devastante.

LEGGI ANCHE:  Milan-Inter 0-3: il Diavolo torna a vedere i fantasmi

Troppa pressione sul giocatore

La mia opinione sul caso Higuain è che ce troppa esasperazione intorno a lui, il calciatore come detto prima sicuramente non è sereno, ma non dimentichiamo che in questa stagione gol ne ha fatti, le prestazioni sono anche state buone e non è che per un rigore sbagliato contro la sua ex squadra, in un contesto emotivo da tener conto, possa essere crocefisso. Ritengo che un po’ di serenità intorno a lui sia doverosa quantomeno per permettere al giocatore di pensare solo ed esclusivamente alla cosa che sa fare meglio, i gol. I tifosi milanisti lo amano, lui lo sa, e sono abbastanza convinto nel dire che non siamo di fronte ad un Bonucci-bis.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Notizie