Milan, ancora cori razzisti rivolti a due giocatori rossoneri a distanza di una settimana. Una situazione al limite che fa vergognare l’intero Paese. Si dovranno prendere provvedimenti, onestamente non se ne può davvero più.

Milan, dobbiamo purtroppo registrare un episodio deplorevole, ancora cori razzisti rivolti a Mike Maignan arrivati dagli spalti dell’Allianz Stadium nell’immediato pre partita dei rossoneri contro la Juventus. Ci risulta davvero difficile e complicato commentare ulteriormente questi comportamenti dopo che, una settimana fa, avevamo assistito ad eventi discriminatori rivolti al centrocampista Tiemoue Bakayoko.

Resta da chiedersi, oltre che la motivazione, anche perchè non vengono presi seri provvedimenti verso questi pseudo tifosi che anzichè sedersi e seguire il match, decidono di insultare chiunque solamente per un diverso colore della pelle. Gente che con il calcio ha nulla a che vedere e che purtroppo scredita l’Italia ed il calcio nazionale agli occhi del mondo intero.

Frasi come “Negro, scimmia…” non sono minimamente commentabili se non oggetto di censura anche perchè sfociano successivamente a commenti sui social altrettanto spiacevoli. Urgono provvedimenti, seri ed immediati, verso coloro che esprimono queste ingiurie, in primis, e successivamente verso i rispettivi club. Solo in questa maniera si riuscirà quantomeno a disciplinare questo triste comportamento che, nonostante mille parole, non sta trovando disciplina e soprattutto una normativa stringente da parte della Federazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Milan, Brahim Diaz non basta: Maldini riapre la trattativa