Home » Notizie » Ancelotti guarisce dal Covid e va a Londra
Notizie

Ancelotti guarisce dal Covid e va a Londra

Sette giorni fa il Real Madrid annunciava che l’allenatore Ancelotti era positivo al Covid. Oggi si sarebbe negativizzato e sarebbe pronto per volare a Londra.

Ancelotti allenatore

Carlo Ancelotti allena il Real Madrid dallo scorso anno, ma non è la sua prima volta: è stato il preparatore atletico della squadra gialloblu già in passato, dal 2013 al 2015.

Nel corso della sua carriera di allenatore ha preparato un numero consistente di squadre di prima scelta in Italia e all’estero: tra le squadre italiane ricordiamo la Juventus (1999-2001), il Milan (2001-2009), e il Napoli (2018-2019);

all’estero il Paris Saint Germain (2011-2013), il Bayern Monaco (2016-2017) e lo stesso Chelsea (2009-2011) contro il quale stasera giocheranno i suoi ragazzi.

La partita Real Madrid vs Chelsea

Quella delle 21 di stasera è una partita decisiva per la Champions League, visto che è la prima partita dei quarti di finale.

Sul campo dello Stamford Bridge di Londra si affronteranno il Real Madrid e il Chelsea, oggetto di polemiche nelle scorse settimane per via della sua controversa proprietà (di Roman Abramovich) e presto passerà in nuove mani.

I due club si erano incontrati in circostanze analoghe anche la scorsa stagione, quando avevano giocato insieme una semifinale. Allora la partita finì 1 a 1.

Ancelotti positivo al Covid

Il 30 marzo il Real annunciava a mezzo stampa, con un comunicato estremamente conciso e privo di ulteriori commenti, che l’allenatore era positivo al Covid-19.

Fino a ieri sera, sembra che Ancelotti non ce l’avrebbe fatta a presenziare alla partita Real vs Chelsea. Stamattina, invece, è stato invece annunciato che si è negativizzato.

Cosa sarebbe successo se Ancelotti fosse stato ancora positivo?

In questo caso, della partita di stasera se ne sarebbe occupato il figlio Davide, che è il suo vice al Real Madrid ed è nello staff dei “Merengues” dal 2012: prima è stato preparatore atletico della squadra, oggi aiuta il padre.

Secondo il portiere Thibaut Courtois, l’assenza di Ancellotti non sarebbe stata un dramma: “Per fortuna che il secondo è suo figlio: sono simili, più o meno sarà la stessa cosa.

Carlo ha un grande staff tecnico, e poi è sempre in contatto con noi tra chiamate e video. Certo, non è la stessa cosa che averlo con noi, ma ci siamo preparati bene, non credo che alla fine sarà un gran problema”.

Ricevi ultime news gratuitamente

Iscriviti per ricevere le ultime news sul calcio dalla nostra redazione Calcio Style. Riceverai nella tua casella email le ultime novità gratuitamente!
Invalid email address

Potrebbe piacerti anche

Di più in:Notizie