Champions League

Champions League maledetta. Questa è la prossima notizia che quest’anno (e non solo purtroppo) giunge dalle quattro squadre italiane impegnate nella massima competizione europea

Niente da fare. La nostra serie A aveva portato in Champions: Juventus, Inter, Atalanta e Lazio. La squadra di Antonio Conte è stata il precursore. Uscita malamente e da ultima in classifica già al girone, pareva fare veramente da apripista ad un disastro quasi annunciato. I sorteggi degli ottavi di finale, hanno poi dato la mazzata definitiva alle superstiti. La Juventus in effetti aveva “fatto la pesca miracolosa”. Ma in un’annata dove il club ha costruito una squadra con un centrocampo con una qualità molto bassa, ci si poteva aspettare di tutto.

Champions League: fallimento totale

Ronaldo PsgIl Porto non ha fatto che mettere in evidenza la poca qualità di gioco e la scarsa forza fisica dei bianconeri (una volta era un elemento trainante, anche con Allegri). L’Atalanta è rimasta vittima dell’esperienza del Real Madrid; criticato ma sempre li. La Lazio si è imbattuta nei campioni in carica, ed effettivamente la differenza tra le due è stata troppa. Le italiane lasciano la Champions League in maniera mesta. Per rivedere le nostre squadre provare a dire loro, servirà un cambio di mentalità, e soprattutto maggior ricerca di qualità e organizzazione di gioco. Siamo davvero troppo indietro rispetto alle big. La Juve era stata molto vicino o addirittura alla pari, ma in die anni è riuscita nell’impresa di distruggere quanto di buono fatto in precedenza.