Poker dei leoni indomabili del Camerun sull’Etiopia. Aboubakar è il Principe indiscusso del Torneo. Doppietta per lui ed Ekambi. 

camerun

Vincent Aboubakar è l’uomo delle emozioni di questa Coppa d’Africa in codice binario con tutte le partite con una rete segnata al massimo per squadra.
L’ex Porto è preziosissimo per rettificare una serata storta contro la modesta Etiopia il cui titolo continentale del 1962 giunse in un anonima edizione a 4 squadre con vittorie su Tunisia e Repubblica d’Arabia.
Gli etiopi la sbloccano infatti al 4′ con un cross di Gebremichael da destra e piattone di Hotessa sui Onana non è ancora una volta impeccabile.
Ekambi sfrutta però l’uscita a vuoto di Shanko all’8′ per fare 1-1 di testa.
Il vantaggio del Camerun arriva solo nella ripresa con Aboubakar su assist di Collins Fai.
Il bomber realizza una doppietta in soli due minuti dal 53′ al 55′.
Gran gol di Toko Ekambi con dribbling in area e destro secco sul primo palo a chiudere l’incontro al 67′.
Nell’azione l’assist del giocatore dell’Hellas, Hongla, che poco dopo cerca la fortuna da fuori senza esito.

Nell’altro incontro il Burkina Faso stende Capo Verde grazie all’ennesimo 1-0 della competizione.

Il sigillo è di Boureima Bandé su assist di Issa Kaboré al 39′.