Il mercato rossonero è al momento in una fase di stallo, il tecnico Pioli predica calma e sostiene che qualche rinforzo arriverà sfruttando occasioni che via via si creeranno da qui ad inizio febbraio.

La doverosa premessa, ormai lungi dall’essere una novità, è che ci saranno ben poche disponibilità economiche pertanto sarà bravo chi riuscirà ad intrecciare scambi, prestiti con diritti od obblighi di riscatto, insomma artefizi per non tirare fuori denaro adesso, ma in un secondo momento sperando che tutto ritorni alla normalità con i tifosi finalmente negli stadi.

Tutto rimandato per Simakan

Il tanto desiderato colpo in difesa rimane ancora una pia illusione, al momento infatti – nonostante i nomi siano gli stessi ormai da tempo – tutto è rimandato alla prossima settimana quando Maldini cercherà nuovamente di chiudere per Mohamed Simakan, centrale in forza allo Strasburgo.

Le richieste dei francesi sono ormai note, 18 milioni preferibilmente cash per ottenere il cartellino del talentuoso classe 2000 nelle orbite però anche del Lipsia che stando alle ultime indiscrezioni in nostro possesso potrebbe offrire una cifra simile a quella dei rossoneri. Il club tedesco vorrebbe però bloccare Simakan per l’estate, nel caso dovesse partire nelle loro fila Dayot Upamecano seguito dai principali top club europei.

Milenkovic, dove eravamo rimasti?

Tutto ancora da decidere e decifrare il futuro di Nikola Milenkovic, centrale della Fiorentina in odore però di cambiare squadra, sappiamo infatti che non rinnoverà con il club viola e stando ad una notizia da noi pubblicata circa un mese fa, il serbo starebbe cercando casa a Milano, di certo non una semplice casualità.

Riteniamo tuttavia molto difficile vederlo con i colori rossoneri già a gennaio, difficilmente la Fiorentina lascerà partire il serbo durante questa sessione invernale del mercato, molto più probabile in estate quando Maldini potrebbe spingere il piede fino in fondo all’acceleratore per portare a Milano uno dei difensori più forti della nostra Serie A su cui però vi sono assordanti sirene inglesi.

Il colpo low cost

Non escludiamo una soluzione low cost che potrebbe scatenare uno scambio di giocatori con il Torino, sappiamo infatti quanto il tecnico Giampaolo veda di buon occhio Rade Krunic che aveva già allenato durante la sua breve parentesi lo scorso anno al Milan. Uno dei nomi caldi per la difesa potrebbe proprio essere Nicolas NKoulou, esperto centrale granata che potrebbe dare il suo prezioso contributo nella crescita di Matteo Gabbia oltre a costituire un ottimo rincalzo ai titolari Romagnoli e Kjaer.

Per il camerunese classe 1990 si parlerebbe di una cifra intorno ai 2-3 milioni di euro, sicuramente una cifra abbordabile nel caso i rossoneri non dovessero arrivare ai profili prefissati.

Sfumano due obiettivi a centrocampo

Sfumano due obiettivi per il centrocampo, il primo è Boubacary Soumarè, giocatore del Lille già seguito durante la scorsa estate dai rossoneri ed individuato come il profilo ideale per rinforzare la mediana. Il francese classe 1999 di origini senegalesi con ogni probabilità non lascerà il club di appartenenza sebbene non sia più al centro del progetto in quanto il tecnico spesso gli preferisce Renato Sanches. Siamo abbastanza convinti che Maldini effettuerà ancora qualche sondaggio, ma l’operazione – se si farà – potrebbe venire concretizzata in estate, ma non per cifre superiori ai 25 milioni di euro.

Il secondo obiettivo, in rigoroso ordine di importanza, è quello di Kouadio Koné, giovanissimo classe 2001 in forza al Tolosa. Su di lui si parla un gran bene, ma i rossoneri non erano disposti a pagare cifre superiori ai 4-5 milioni di euro tanto che il Borussia Monchengladbach ha di fatto superato l’offerta del Milan con una proposta da 9 milioni bonus esclusi che probabilmente farà breccia nel club tedesco consentendo di chiudere così l’operazione.

Situazione Meité

Un altro profilo seguito dai rossoneri è quello di Soualiho Meité, considerato probabilmente come un piano B però di tutto rispetto in quanto perfetto per ricoprire il ruolo del vice Kessié. L’ex Monaco non rientrerebbe nei piani di Giampaolo è la dirigenza rossonera ci starebbe facendo più che un pensiero, Meité piace infatti per la sua grande fisicità unita anche ad una buona tecnica individuale. 

Il Milan sarebbe pronto ad offrire 1 milione adesso con un’offerta di prestito con diritto di riscatto fissato a 10 milioni.

Stallo in attacco

Al momento non ci risultano trattative per quel che concerne il reparto offensivo, Zlatan Ibrahimovic sta per tornare e lo staff medico assicura che lo svedese è pienamente recuperato e pronto per disputare veri e propri tour de force tra campionato, Coppa Italia ed Europa League.

Il nome del Gallo Andrea Belotti non può che fare alzare i tifosi rossoneri dalla sedia, il sobbalzo però potrebbe essere rimandato in estate, la trattativa appare già complicata sul nascere e di certo Cairo non permetterà al suo bomber di lasciare le sponde del fiume Po con il suo Torino che naviga in acque non certo tranquille.

Per il resto, nessun nome all’orizzonte, come detto il ritorno di Ibra potrebbe sistemare le cose, ma incoraggianti sono anche state le prestazioni di Rafael Leao il quale ha saputo non fare rimpiangere del tutto lo svedese quando ha dovuto coprire la sua stessa mattonella.