La dirigenza rossonera è alle prese con rinnovi delicati, quelli di Donnarumma e Calhanoglu in primis, ma al tempo stesso deve cercare di gestire al meglio i giocatori arrivati a Milano sotto la formula del prestito secco o con diritto di riscatto, due di essi probabilmente lasceranno a fine stagione.

Calciomercato Milan, aleggia ancora incertezza in merito ai rinnovi in casa rossonera, sul tavolo di Paolo Maldini alcuni dossier sono da ritenersi brucianti – Donnarumma e Calhanoglu, mentre altri sono a più largo respiro comunque meritevoli di essere valutati con la massima attenzione.

Ed è ciò che starebbe appunto facendo la dirigenza che con ogni probabilità al momento sarebbe interessata a riscattare Fikayo Tomori alla considerevole cifra – peraltro meritata – di 28 milioni di euro. Il difensore inglese ha letteralmente messo d’accordo tutti, quasi sicura una sua conferma in caso di qualificazione alla Champions, ma probabilmente anche se – nella peggiore delle ipotesi – non si riuscisse ad arrivare tra le prime quattro.

Difficile al momento la riconferma di Brahim Diaz, Maldini che lo ha fortemente voluto in estate sarebbe dell’idea di trattenerlo, avrebbe già infatti proposto al Real Madrid una sorta di prolungamento del prestito secco ancora per un anno con maggiori garanzie di utilizzare in maniera più costante il trequartista spagnolo. I Blancos al momento non sarebbero intenzionati a prolungare il prestito e chiederebbero una cifra tra i 25 ed i 30 milioni per la cessione in rossonero, cosa che al momento appare remota proprio per l’intenzione della dirigenza a non spendere una cifra così onerosa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Milan, Brahim Diaz verso la partenza: l’ assist di Gasperini

Due giocatori ai saluti

Con ogni probabilità il Milan non acquisterà Diogo Dalot, giocatore del Manchester United arrivato a Milano in prestito secco, ma nemmeno sarebbe intenzionato a riscattare Soualiho Meité proveniente dal Torino. Entrambi i giocatori, pur dotati di qualità importanti, non avrebbero del tutto convinto la dirigenza convinta di avere già sulla fascia destra due buoni profili – Calabria Kalulu – ed a centrocampo indirizzata a fare tornare Pobega oltre ad un rinforzo magari a parametro zero.