La dirigenza rossonera è seriamente interessata a definire fin da ora alcuni possibili rinforzi per ogni reparto del campo, ad iniziare ovviamente dalla difesa. Maldini sarebbe al lavoro per portare a Milano un suo vecchio pupillo mai del tutto abbandonato.

Milan, asse rovente con Firenze per quanto riguarda un possibile clamoroso colpo di mercato per la difesa. Come obiettivo numero uno ci sarebbe un vecchio pupillo di Paolo Maldini, un difensore centrale seguitissimo anche da Inter e da alcuni club della Premier League, ci riferiamo a Nikola Milenkovic, centrale attualmente in forza alla Fiorentina.

Intorno al serbo classe 1997 si è fatto un gran parlare nell’estate scorsa, ma i tempi sarebbero maturi per un eventuale trasferimento sulla sponda rossonera del Naviglio, il contratto del giocatore andrà in scadenza al 30 giugno del 2022 e giocoforza le richieste di Rocco Commisso – nonostante l’indiscusso valore del centrale – non potranno di certo essere quelle ad esempio di un anno fa quando il patron viola si lasciò andare ad una richiesta di 40 milioni.

C’è anche da sottolineare – fattore non di poco conto – che la volontà di Milenkovic è quella di lasciare Firenze per nuove sfide professionali, più sfidanti di certo rispetto al progetto viola che stenta a decollare e potrebbe continuare a non farlo anche durante la prossima stagione stanti le difficoltà economiche portate dalla crisi pandemica con la conseguente chiusura degli stadi, ergo incassi vicini allo zero.

Ovviamente tutto il discorso legato al giocatore serbo sarà valido solo ed esclusivamente in caso di cessione di Alessio Romagnoli, la società parrebbe averlo messo sul mercato non più del tutto convinta delle sue prestazioni ed assolutamente contraria a riconoscere quanto il suo agente chiede per rinnovare il contratto, 6 milioni di euro che in questo momento paiono del tutto esagerati e fuori dalla portata del club che parrebbe orientato appunto su altre scelte.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Milan, crolla il prezzo di Milenkovic: la situazione

La proposta rossonera

In attesa di definire al meglio l’eventuale cessione di Romagnoli, Maldini non vuole di certo farsi cogliere impreparato e di fronte ad uno dei suoi maggiori pupilli vorrebbe cogliere la ghiotta occasione per formalizzare un’offerta alla Fiorentina. Si parla infatti di un quadriennale a 3 milioni a stagione per il giocatore ed una cifra tra i 15 ed i 18 milioni per il costo del cartellino, eventualmente innalzabili a 20 con inserimento di eventuali bonus.

La palla ora passa a Commisso e siamo certi non sarà senz’altro una scelta facile, di fronte un giocatore con chiare esigenze e volontà di cambiare aria, dall’altra un’offerta economica che di certo non scalda il cuore se paragonata a quello che avrebbe potuto incassare solamente un anno fa quando si rifiutò di valutare le numerose richieste arrivate -anche dal Milan – sul forte difensore.

Il piano B

La dirigenza del club meneghino starebbe lavorando anche su un altro nominativo nel caso non si riuscisse ad arrivare a mettere le mani su Nikola Milenkovic, ci riferiamo all’interessamento verso Martin Erlic, difensore centrale attualmente in forza allo Spezia ed in scadenza di contratto al 30 giugno del 2024.

Cifre assolutamente più abbordabili per il difensore croato classe 1998, un centrale definito d’altri tempi, dotato di una grande fisicità e di un ottimo senso della posizione. Molto abile nell’impostazione e nel gioco aereo, sopperisce una certa lentezza con la bravura a giocare d’anticipo. Il nome ovviamente è meno rindondante rispetto a Milenkovic, ma avrebbe comunque catturato le attenzioni di Paolo Maldini e Frederic Massara che sul giocatore sarebbero disposti a scommettere.

Riteniamo al momento complessa questa operazione, non tanto dal punto di vista della fattibilità, quanto per il fatto che se partisse Romagnoli probabilmente l’acquisto ideale potrebbe essere Milenkovic od un qualsiasi altro giocatore dotato di esperienza anche internazionale considerato il fatto che i rossoneri – come si spera – la prossima stagione saranno impegnati anche in Champions League.