Il rinnovo di Ibrahimovic, si attende l’ufficialità, ha fatto esultare di gioia i tifosi rossoneri, ma la dirigenza starebbe preparando un altro colpo in attacco, un nome sicuramente seguito è quello di Belotti, ma attenzione al piano B che starebbe prendendo forma qualora il Toro non dovesse mollare la presa.

Milan, Paolo Maldini è in cerca di un attaccante, nel suo taccuino diversi nomi sotto la casella punta centrale, uno su tutti – Andrea Belotti – forte attaccante del Torino con un contratto in scadenza al 30 giugno del 2022. Il giocatore, stando ad alcune indiscrezioni, starebbe valutando l’ipotesi di cambiare aria del tutto non convinto del progetto di Urbano Cairo per il futuro, il Torino attualmente è in lotta per non retrocedere e con una situazione pandemica in corso viene difficile pensare ad un futuro roseo quantomeno lottare per traguardi importanti.

Il Milan però detterà le sue condizioni, Belotti come detto è in pole position, ma l’offerta massima dei rossoneri sarà di 20 milioni di euro più eventuali bonus tali da portare la cifra a 22, sicuramente non i 35 milioni richiesti allo stato attuale da Cairo. Molto potrà contare la volontà dell’attaccante stesso, sappiamo infatti benissimo che vorrebbe rimanere in Serie A ed è tifoso rossonero dalla nascita. Se però il Torino non dovesse mollare la presa, ci sarebbe un piano B.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Milan, accordo Maldini-Paratici: scambio ad alta quota

Un piano B di tutto rispetto

E’ forte l’interesse del Milan per Arkadiusz Milik che rappresenterebbe l’acquisto low cost in caso Belotti dovesse scegliere altre strade. Dopo alcuni mesi fuori rosa con il suo Napoli, l’attaccante sembra avee trovato continuità di prestazioni e di reti con il Marsiglia, al momento sono 4 i gol in 8 partite con la maglia dei francesi.

Il contratto in scadenza al 30 giugno 2022 ed una clausola di “soli” 12 milioni di euro potrebbero tentare i rossoneri che sono alla ricerca di un attaccante prolifico e con una buona esperienza anche in campo internazionale. Milik è tutto questo, rimangono però alcune perplessità legate alle precarie condizioni fisiche.