La strada che da Milano porta a Torino è quantomai rovente, sul piatto alcuni profili seriamente seguiti dalle due dirigenze, uno scambio all’orizzonte che avrebbe dell’incredibile. Le due società ci starebbero lavorando, importanti conferme arrivano in tale senso.

Calciomercato Milan, Paolo Maldini starebbe trattando direttamente con Fabio Paratici per uno scambio definito ad alta quota, una trattativa che potrebbe decollare non prima dell’estate, ma che già fin d’ora starebbe animando i salotti dei due club. Entrambi i giocatori interessati sono messi in discussione ed entrambe le squadre hanno necessità di rinforzare i rispettivi reparti, uno scambio che – insomma – metterebbe tutti d’accordo come si suol dire.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Milan, due giocatori pronti a partire: il punto sui rinnovi

Un nome ricorrente

Il Milan da almeno un anno e mezzo starebbe pensando a Federico Bernardeschi per rinforzare la fascia destra, il calciatore attualmente in forza alla Juventus non starebbe soddisfacendo la dirigenza, l’idea di cederlo è stata ormai da tempo maturata anche se il costo del cartellino – 35 milioni – starebbe frenando parecchi club europei che avrebbero messo gli occhi sul classe 1994.

Nella corsa all’esterno ci sarebbe anche il Milan che sul piatto non metterebbe soldi, nemmeno ipotesi di prestiti, bensì il cartellino di Alessio Romagnoli, il capitano del club meneghino in odore di cessione dopo le esose richieste di Raiola – 6 milioni di ingaggio – piace da tempo al club torinese che sarebbe disposto a trattare alla fine di questa stagione.

Uno scambio di cartellini dallo stesso valore e dalla stessa scadenza, entrambi infatti valgono 35 milioni ed hanno il contratto in scadenza al 30 giugno del 2022, una data troppo vicina per venderli a cifre alte e due giocatori che hanno dimostrato meno rispetto al valore reale. Probabilmente ad entrambi serve cambiare aria ed offerte reali ne arriveranno ben poche visto il periodo, motivo per il quale Juventus e Milan avrebbero deciso di sistemare le cose “ in casa” per raddrizzare reciprocamente reparti in difficoltà.